in

Vacanze: 3 buoni motivi per viaggiare diversamente

Ci sono 1,4 miliardi di viaggiatori internazionali nel mondo. Un record! Circa la metà del viaggio per motivi di turismo o vacanza. [1]

Si tratta di un settore in forte crescita negli ultimi vent’anni, che conferisce al turismo una posizione privilegiata nell’economia globale. Ma il turismo scarsamente controllato è anche fonte di problemi ambientali e sociali.

Molti viaggiatori e vacanzieri ora vogliono rivolgersi al turismo sostenibile. E hanno buone ragioni.
 

1. Limitare l’impatto sull’ambiente

Viaggiare non sarà mai ecologico al 100%. Ma è una grande opportunità per aprirsi al mondo e ad altre culture. O semplicemente per prendersi un momento di riposo disconnettendosi dal tumulto quotidiano. È possibile godere dei vantaggi delle vacanze mantenendo un’impronta ecologica ragionevole.

> Leggi i nostri 8 consigli per vacanze sostenibili.

Optare per il turismo sostenibile consente di ridurre parzialmente i problemi ambientali posti dal turismo, in particolare il turismo di massa.

I principali impatti negativi del turismo: 

  • Il trasporto contribuisce al riscaldamento globale . È principalmente responsabile degli impatti del turismo sull’ambiente. Nel mondo, il 58% dei viaggiatori prende l’ aereo , il 37% viaggia su strada, il 4% in nave e il 2% in treno. [2] Tuttavia, sono il trasporto aereo e l’auto che generano le maggiori emissioni di gas a effetto serra per passeggero e per chilometro. Un viaggio di andata e ritorno da Bruxelles a New York ha quasi lo stesso effetto sul clima che guidare un’auto media per un anno intero (2,1 tonnellate di CO 2 o 15.000 km in auto). [3] Ovviamente il settore dell’aviazione sta compiendo sforzi, ma anche i cittadini hanno un ruolo da svolgere nella scelta delle loro destinazioni di vacanza. Tanti motivi per favorire il turismo locale oltre che in treno, in autobus, a piedi o in bicicletta . Dopotutto, le vacanze sono fatte anche per prendersi il tuo tempo!
     
  • Il paesaggio e il terreno vengono modificati per costruire infrastrutture di trasporto e accoglienza. Questo può indebolire gli ecosistemi . Ad esempio, l’installazione di complessi alberghieri ovunque lungo una costa impedisce gli scambi naturali tra il mare, la spiaggia e il suolo sabbioso della costa. La conseguenza è una maggiore erosione della costa. L’ erosione costiera è diventata critica in molti paesi (Tunisia, India, Filippine …). In alcuni luoghi, interi hotel sono deserti perché ora stanno crollando in mare, ma anche in Francia questa erosione delle località balneari è problematica in alcuni punti.
     
  • Il viaggiatore consuma molte risorse , in zone dove a volte sono già scarse . A Zanzibar, ad esempio, i turisti consumano in media 16 volte più acqua rispetto alla popolazione locale (7 volte di più nelle pensioni e 34 volte di più negli hotel a 5 stelle [4] ). In Indonesia, le persone devono percorrere 3 km per prendere l’acqua potabile, dove un campo da golf a 18 buche consuma 3 milioni di litri di acqua… al giorno. [5]
     
  • Il turismo sconvolge la natura  :
    • Rumore, luce e frequentazione di spazi selvaggi formano un cocktail che disturba l’equilibrio degli ecosistemi e minaccia flora e fauna.
    • Le destinazioni soffrono anche dell’accumulo di comportamenti individuali distruttivi. Migliaia di turisti che prendono una pianta o un pezzo di corallo come souvenir finiscono per deteriorare enormemente gli ecosistemi.
       
  • Inoltre, molti turisti arrivano in luoghi non sempre attrezzati per ospitare così tante persone . È un circolo vizioso: con l’industrializzazione del turismo nelle zone più visitate, quello che era parte del fascino del viaggio tende a scomparire e il viaggiatore inizia a cercare più “mete”, autentiche ”e“ preservate ”. Ma questi luoghi sono spesso anche meno organizzati per accogliere un gran numero di viaggiatori, il che danneggia l’ambiente. L’industria del turismo è allo stesso tempo un contributore e una vittima di questi deterioramenti …
     

2. Promuovere spin-off positivi per le popolazioni locali

Il turismo è un formidabile strumento economico per le popolazioni: crea posti di lavoro e genera reddito . Consente inoltre ai paesi con poche o nessuna risorsa agricola, mineraria o industriale di svilupparsi valorizzando le proprie risorse naturali o del patrimonio . Questo è quando viene svolto in modo sostenibile, su iniziativa, in collaborazione o almeno nel rispetto della popolazione locale.

Sfortunatamente, questo non è abbastanza spesso, soprattutto nei paesi del sud. Invece, il turismo di massa porta problemi sociali :

  • spostamento di popolazioni per la costruzione di infrastrutture, come in Birmania [6];
  • lavoro forzato, stagionale, precario, sottopagato…;
  • mercificazione delle culture, ad esempio le maschere del Costa Rica) [7];
  • aumento generalizzato dei prezzi (anche per i locali che non hanno lo stesso tenore di vita);
  • l’esclusività data ai turisti sull’accesso a vari servizi come il trasporto o l’acqua;
  • sviluppo dell’accattonaggio (soprattutto infantile);
  • turismo sessuale;

Anche il funzionamento del turismo di massa non consente un vero sviluppo economico locale. Spesso, quando si soggiorna in grandi hotel, l’intera catena è gestita da multinazionali occidentali . Padroneggiano l’industria alberghiera, il trasporto terrestre, la logistica, la ristorazione, il tempo libero … Il reddito delle attività turistiche sfugge alle popolazioni locali e ritorna in gran parte ai paesi ricchi. A seconda della forma di turismo, si stima che la quota di fatturato che rimane nei paesi visitati varia dal 10% (turismo crocieristico e “all in”) al 40% (turismo individuale).
 

3. Incoraggiare un’offerta turistica varia e sostenibile

Secondo l’UNWTO [8] , per garantire lo sviluppo sostenibile del turismo, è necessario trovare il giusto equilibrio tra aspetti ambientali, socio-culturali ed economici:

  • sfruttare (…) le risorse dell’ambiente (…) preservando i processi ecologici essenziali e contribuendo a salvaguardare le risorse naturali e la biodiversità;
  • rispettare l’autenticità socioculturale delle comunità ospitanti, preservare i loro beni culturali (…), i loro valori tradizionali e contribuire alla comprensione e alla tolleranza interculturale;
  • garantire un’attività economica sostenibile a lungo termine fornendo a tutte le parti interessate vantaggi socioeconomici equamente distribuiti , compresi posti di lavoro stabili, opportunità di profitto e servizi sociali per le comunità ospitanti, contribuendo così alla riduzione della povertà.

È facile intuire che certe forme di turismo sono difficilmente compatibili con questi principi: ovunque si moltiplicano soggiorni standardizzati con poco valore aggiunto locale. Quando promuoviamo alternative sostenibili , incoraggiamo coloro che sviluppano un altro tipo di turismo e sosteniamo la diversità delle iniziative locali. E questo sia che viaggi vicino a casa (ideale per l’ambiente!) O più lontano.

Tuttavia, fate attenzione ai professionisti “opportunisti” che usano argomenti “eco” o “autentici” come semplici argomenti di marketing.  

Alcuni suggerimenti per scegliere la prossima vacanza giusta:

  • Leggi i nostri 8 consigli per una vacanza sostenibile.
  • Lasciarsi guidare dalle etichette in fatto di turismo.
  • Dai un’occhiata ai nostri buoni indirizzi e ai siti di risorse.

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

[1] “Tourism Highlights”, UNWTO, edizione 2019, www.e-unwto.org

[2] Ibid.

[3] Calcolato su Greentripper

[4] Equità idrica nel turismo: un diritto umano, una responsabilità globale, preoccupazione per il turismo (luglio 2012)

[5] Turismo e acqua, Stefan Gössling, Colin Michael Hall, Daniel Scott, 2015

[6] Birmania, i sentieri della libertà, Sylvie Brieu, 2016

[7] L’impatto del turismo sull’artigianato locale in Costa Rica, 2015

[8] Fonte: OMT

 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

15 benefici per la salute impressionanti del bere tè Oolong ogni giorno

13 vantaggi di noci pecan per pelle, capelli e salute che potrebbero sorprenderti