in

Perché acquistare di seconda mano?

Vintage e salvataggio sono di gran moda. Questo è normale, la lancetta dei secondi ha molti vantaggi:

  • è più economico del nuovo;
  • è meglio per l’ambiente;
  • è trendy, vintage.

Se, inoltre, scegliamo di acquistare di seconda mano in un negozio di economia sociale:

  • sostiene un intero settore dell’economia sociale;
  • è spesso di qualità migliore rispetto al nuovo allo stesso prezzo.

La lancetta dei secondi è più economica

Un laptop di qualità professionale e garantito per un anno a 250 €? Questo è ciò che troviamo di seconda mano in un’azienda dell’economia sociale.

Un tavolo in legno a 30 € che necessita solo di una mano di vernice? Lo stesso.

Un mixer quasi nuovo per 12 €? Un grande specchio da bagno ancora “made in Belgium” per 5 €? Anche, pure.

Anche gli abiti e le scarpe di seconda mano sono una vera soluzione per piccoli budget. Il risparmio ammonta in media a 110 € all’anno e per persona. [1]

Insomma, i buoni affari ci sono.

> Scopri dove trovare o donare oggetti di seconda mano.

È meglio per l’ambiente

Il riutilizzo offre vantaggi diretti per l’ambiente:

  • Finché riutilizziamo un oggetto o un dispositivo, impediamo che diventi rifiuto.
  • Riutilizzare un oggetto consente anche di non acquistarne uno nuovo, il che è un enorme risparmio di risorse (materie prime ed energia necessarie per fabbricare il nuovo oggetto).

Ad esempio, la produzione di un frigorifero o di un computer richiede 900 kWh di energia. Questo è appena inferiore al consumo annuo di elettricità di una famiglia ad alta efficienza energetica. Realizzare uno smartphone produce 57 chili di CO 2 (l’equivalente di 600 km percorsi con una piccola automobile).

La lancetta dei secondi è trendy, vintage

Un baule degli anni ’20, un mobile degli anni ’50 , una gonna dell’era del flower power … La moda è un eterno riavvio. Grazie all’usato ritroviamo oggetti e vestiti che stanno tornando di moda.

Anche diversi negozi dell’economia sociale stanno aggiornando i mobili. Il vecchio armadio in rovere diventa un bellissimo armadio patinato dopo alcune piccole trasformazioni.

Ciò si traduce in oggetti unici che non troverai in nessuna nuova catena di mobili.

La seconda mano ha un valore aggiunto sociale

La seconda mano consente a molte persone di accedere a prodotti che non possono permettersi o che non vogliono acquistare nuovi.

La raccolta, la riparazione, la distribuzione e la rivendita creano posti di lavoro. Quasi 5.000 persone lavorano nelle professioni di riciclaggio e recupero nell’economia sociale. [2]

È anche un settore molto attivo nella formazione e nel reinserimento di persone in difficoltà.

Pensaci quando hai un oggetto da regalare. Queste organizzazioni dell’economia sociale operano principalmente attraverso donazioni.

La campagna di poster Petits Riens mette in evidenza alcune delle 700 persone che ogni anno imparano un mestiere a casa.

La lancetta dei secondi è di migliore qualità

Durare anni senza rovinarsi è già una vera garanzia di qualità per un oggetto! Qualità che ripaga quando acquisti nuovo.

Alcuni negozi dell’economia sociale vanno anche oltre e mostrano un marchio di qualità:

  • Electro’REV per elettrodomestici  :
    • garanzia di un anno;
    • venduto a un terzo del nuovo prezzo;
    • le macchine vengono revisionate con controlli di qualità e sicurezza;
    • tracciabilità del dispositivo, formazione del personale, ecc.
       
  • VéloCyclé per  biciclette usate  vendute nelle officine di biciclette. Vengono rivisti e poi classificati secondo un sistema a 3 stelle. Una bici da bicicletta “3 stelle”:
    • è stato verificato su 82 punti diversi;
    • ha pneumatici, freni e camere d’aria nuovi;
    • è inoltre garantito per 6 mesi.
       
  • REC’UP è un’etichetta assegnata al negozio. Garantisce il rispetto di 8 impegni, tra i quali:
    • la vendita di prodotti di qualità;
    • una politica dei prezzi accessibile;
    • possibilità di consegna e servizio post-vendita;
    • altri aspetti come lo sviluppo dell’attività economica locale.

Quindi, andiamo per il riutilizzo

  • Ripariamo un maglione invece di buttarlo via.
  • Acquistiamo un vecchio mobile in un negozio di economia sociale che è stato aggiornato.
  • Barattiamo.
  • Doniamo un bene a un’associazione, un negozio di donazioni, un negozio di economia sociale …
  • Vendiamo o acquistiamo nei mercatini delle pulci o su siti di seconda mano (2ememain.be per esempio)
  • Per i vestiti, ci sono molte opzioni di seconda mano:
    • Ressources offre una mappa interattiva per identificare i negozi dell’economia sociale vicino a casa tua (negozi Terre, Oxfam, Les Petits Riens, ecc.).
    • C’è un negozio privato tramite le pagine d’oro.
    • Partecipiamo a un vide-spogliatoio. Oppure passiamo attraverso un sito specializzato come tra fidanzate, videdressing …

Elenco dei negozi dell’economia sociale su www.larecup.be.

– – – – – –

1Calcolo basato sugli acquisti medi di uomini e donne su un anno, nei negozi di marca e hard discount.

2 Fonte: http://www.res-sources.be/fr/faq

 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Comprendere i simboli sull’etichetta di lavaggio del bucato

Shopping senza sprechi!