in

Apparecchiature informatiche usate

Cerchi un nuovo computer? È difficile vedere chiaramente nella giungla delle promozioni o tra la moltitudine di modelli che invadono il mercato! E le tentazioni sono numerose, basta entrare nel primo negozio di elettronica per rendersene conto.

Sì, ma un negozio che vende dispositivi nuovi o … usati?

E perché non di seconda mano?

Se in precedenza l’IT si è evoluto in modo tale che un computer vecchio di pochi anni fosse completamente obsoleto, non è più così. O, per lo meno, per attività come navigare, creare account, rispondere alle e-mail, ordinare le foto … un po ‘di tutto.

L’obsolescenza delle nostre apparecchiature informatiche è oggi più spesso dovuta alla comparsa di dispositivi sempre più sottili, leggeri e con elevata autonomia che allo sviluppo di microprocessori ultra potenti.

Di conseguenza, è abbastanza possibile trovare una macchina di buona qualità sul mercato dell’usato. Ma ne vale la pena? Se il prezzo è più interessante, non andiamo oltre i problemi di affidabilità?

Questo senza tener conto di tutta una serie di argomenti che fanno pendere la bilancia verso … attrezzature di seconda mano.

Il lato nascosto del nuovo

Man mano che le apparecchiature diventano sempre più piccole e più efficienti nel consumo di energia, si sarebbe tentati di credere che l’impatto sull’ambiente stia diminuendo. Sul consumo di elettricità a casa, forse: un moderno laptop di tipo ultrabook consumerà solo 16 W contro il doppio della sua controparte di 8 anni più anziana. Non abbastanza per rivoluzionare i tuoi consumi annuali, però.

In effetti, è la produzione stessa del computer ad essere particolarmente energivora.

Secondo un’eco-valutazione del marchio Fujitsu, analizzata da GreenITT, la fabbricazione di un computer fisso produrrebbe l’equivalente di 339 chili di CO2 (senza lo schermo!), Ovvero l’equivalente delle emissioni del suo consumo di elettricità di 5 anni in Germania, o 48 anni in Francia (la Francia emette meno CO2 per la sua produzione di elettricità … ma più rifiuti radioattivi).

Sarà quindi soprattutto la fabbricazione della macchina ad avere un impatto sull’ambiente, molto più che il suo utilizzo.

Questo è ancora più vero quando siamo interessati alla qualità dei materiali presenti. Mentre il più grande, in peso, è costituito da materiali “strutturali” (guscio di plastica, struttura metallica, ecc.), La piccola percentuale di materiali rari o preziosi (0,19% secondo uno studio UNEP citato dal CNRS) ha tutte le sue importanza. Non solo perché alcuni di questi materiali hanno un impatto ambientale molto significativo (palladio, oro, argento, ecc.), Ma anche perché vengono utilizzati in molte applicazioni (aeronautica, energie rinnovabili, veicoli ibridi, ecc.), Che ulteriormente aumenta i rischi di fornitura in futuro.

Infine, e questo non è l’ultimo degli impatti, “consumiamo” dispositivi elettrici ed elettronici in modo crescente dagli anni 80. Attualmente produciamo ogni anno quasi 2,5 miliardi di dispositivi come computer, laptop, tablet e smartphone (1).

Non c’è da stupirsi che nel 2014 abbiamo battuto il record di rifiuti elettrici ed elettronici raccolti per persona all’anno (2), un record che rappresenta l’Europa a 15 chili a persona, in media.

E se potessi salvare il tuo computer attuale?

Prima di tutto, se hai già un computer, pensa a come migliorarlo prima di considerarlo buono per la rottura. L’aumento della RAM (memoria ad accesso casuale) può talvolta migliorare notevolmente il comfort di utilizzo. I programmi consumano sempre più RAM e attualmente 4 GB sono quasi un minimo in Windows 7, ma 2 GB potrebbero essere sufficienti in Windows XP o Linux.

Per il disco rigido, i progressi tecnologici sono ancora più sorprendenti. Se la vostra macchina ha qualche anno, sarà sicuramente dotata di un classico hard disk, con giradischi. Per meno di 100 € puoi acquistare un disco SSD (una specie di grande chiavetta USB), molto più velocemente. Questo disco può essere inserito sia in un computer fisso che in un laptop. Tuttavia, hanno una capacità inferiore allo stesso prezzo rispetto ai dischi convenzionali. Ma in seguito non riconoscerai il tuo computer. Abbastanza per ringiovanire la tua macchina per almeno due o tre anni.

Si prega di notare che sia la RAM che la sostituzione del disco richiedono la conoscenza di alcune basi tecniche, anche solo per acquistare il modello giusto e verificare la compatibilità. Il sito “Les Numériques” ha realizzato una breve guida passo passo alla sostituzione di un disco rigido in un laptop, da leggere qui: http://www.lesnumeriques.com/pratique-remplacer-disque-dur-hdd-par -ssd-e1318.html

Per quanto riguarda la RAM, puoi trovare i riferimenti di ciò che dovrai acquistare sul sito del produttore. Alcuni marchi di memorie indipendenti come Kingston o Crucial hanno un modulo di ricerca sul loro sito per aiutarti a fare la tua scelta. Anche un (piccolo) rivenditore specializzato può fare questa ricerca per te. O tuo cugino disadattato.

Oltre all’aggiornamento tecnico, ciò che rallenta una macchina è anche l’accumulo di file e programmi. Spesso una semplice pulizia consente di risparmiare spazio su disco o velocizza l’avvio della macchina. Un programma come Ccleaner ti aiuterà a ripulire i file temporanei senza rischi per i tuoi dati.

Infine, non esitate a ordinare e salvare i dati, preferibilmente su un disco rigido esterno che su chiavi USB o schede di memoria. Idealmente, fai un backup del backup, questo secondo backup viene archiviato in un luogo diverso da casa tua.

La giusta scelta del dispositivo

Vuoi ancora cambiare macchina? La prima cosa da fare per ridurre l’impatto che puoi avere è scegliere il tipo di dispositivo che desideri: smartphone, tablet, phablet, portatile, ibrido, PC tradizionale … Fare la tua scelta n non è facile. Ecco alcuni modi per prendere una decisione informata nel nostro file sull’argomento.

E quale modello di seconda mano?

Se stai pensando di dotare la tua casa di un secondo computer, di fare un regalo a una persona cara o di attrezzarti per la durata dei tuoi studi, l’attrezzatura di seconda mano potrebbe essere perfetta per te.

Se non vuoi spostare il computer, o se non ti dispiace avere un computer un po ‘ingombrante (ad esempio perché sarà in un ufficio dedicato e non in soggiorno), la scelta migliore è un computer desktop, fisso. Un campione di ergonomia (tastiera e schermo di buone dimensioni), è anche il più economico e il più facilmente riparabile.

Per meno di 150 € si può trovare una macchina di qualche anno, equipaggiata con un Core2duo, da 2 a 4 GB di RAM e uno schermo da 17 o 19 pollici, sufficiente per un uso “ufficio” classico. Puoi persino modificare le foto dalla tua fotocamera digitale.

Per quanto riguarda i laptop, i prezzi sono abbastanza simili, così come le prestazioni.

Queste macchine sono talvolta garantite anche per un anno, ovvero la stessa durata delle garanzie commerciali concesse ai nuovi dispositivi!

Infine, le macchine che si trovano nel circuito dell’economia sociale sono il più delle volte modelli “pro”, spesso più solidi e meglio attrezzati dei corrispondenti modelli di consumo. Se hai sempre sognato un laptop CEO, ora è il momento.

Vai libero!

L’acquisto di un computer di seconda mano può anche essere un’opportunità per passare al software gratuito. Da un lato perché possono essere più leggeri nell’utilizzo (Linux sostituisce Windows ad esempio) e dall’altro perché sono gratuiti e open source. Gratuito significa che il loro codice sorgente è disponibile per tutti e non è di proprietà di un marchio. È una garanzia di follow-up nel tempo e trasparenza (chiunque sia in grado di leggere il codice potrà verificare cosa sta facendo il programma).

Libre Office, ad esempio, è una suite per ufficio che non ha nulla da invidiare ai suoi “concorrenti” commerciali. Gimp è un programma di elaborazione delle immagini molto completo e Ubuntu o Mint sono facili da installare e utilizzare i sistemi operativi Linux. Se sei abituato a Windows o MacOS, ci vorrà un po ‘di tempo per abituarti ei programmi che stai usando ora potrebbero non esistere in Linux. In cambio, avrai un sistema gratuito e costantemente aggiornato, che è un vantaggio decisivo dal punto di vista della sicurezza.

O comprare?

Preferire luoghi di vendita che offrano un servizio post-vendita e / o una garanzia del dispositivo. Ad esempio Oxfam Solidarité vende apparecchiature informatiche di seconda mano nei suoi negozi e ha anche alcuni negozi specializzati in questo campo: http://oxfam-secondemain.be. Alcuni negozi offrono anche la riparazione dell’hardware o l’organizzazione di sessioni informative sul software gratuito.

In generale, per trovare un negozio di economia sociale di seconda mano, vai su www.larecup.be!

Infine, i siti di annunci sono anche pieni di attrezzature usate. D’altra parte, di solito non hai alcuna garanzia sul materiale fornito.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Etichetta EPEAT per IT

Quale frigorifero / congelatore acquistare per risparmiare energia?