in

Quale caffè scegliere?

Caffè biologici e del commercio equo e solidale: quali etichette?

L’ideale è scegliere un caffè che sia allo stesso tempo biologico e giusto. Possiamo utilizzare etichette biologiche ed equo solidali.

Preferisco: biologico e Fairtrade o Oxfam

Un caffè biologico ed equo e solidale porterà l’etichetta biologica e un’etichetta europea del commercio equo e solidale.

La maggior parte mostra queste due etichette:

 

L’ etichetta biologica garantisce in particolare che il caffè è stato coltivato senza pesticidi o fertilizzanti sintetici. L’unica etichetta obbligatoria sui prodotti da agricoltura biologica è, in Europa, l’etichetta biologica europea. Maggiori informazioni sull’etichetta biologica europea.

Possiamo trovare anche altre etichette (anche nazionali) ma generalmente non portano molto valore aggiunto. Infine, la menzione Nature & Progrès (che non è un’etichetta in senso stretto) sviluppa specifiche più restrittive dell’etichetta europea.

L’ etichetta Fairtrade garantisce, tra le altre cose:

  • che il produttore riceva un salario sufficiente per la sua attività;
  • che le sue attività sono prefinanziate,
  • che beneficiano di contratti a lungo termine,
  • che il prezzo pagato permette lo sviluppo di progetti comunitari: miglioramento delle tecniche di coltivazione ma anche finanziamento di una scuola, per esempio.

Abbastanza per garantire una certa stabilità e una vita dignitosa nei villaggi che si basano principalmente sulla coltivazione del caffè. Maggiori informazioni sull’etichetta Fairtrade.

Puoi anche incoraggiare collaborazioni più dirette acquistando il caffè Oxfam . Non è un’etichetta, ma un marchio. Oxfam è una ONG che lavora direttamente con i produttori e garantisce che il caffè prodotto meriti l’etichetta “giusto”. Maggiori informazioni sul marchio Oxfam.

     

Scegli altrimenti: UTZ e Rainforest Alliance

È inoltre possibile trovare le etichette “Rainforest Alliance” o “UTZ certificate” su alcuni caffè.

Queste etichette garantiscono il rispetto delle convenzioni internazionali: non discriminazione dei lavoratori, divieto del lavoro minorile, ecc. Non vanno molto oltre per gli aspetti sociali. A differenza di Fairtrade o Oxfam, UTZ e Rainforest Alliance:

  • non garantire un salario dignitoso ai produttori;
  • non offrire bonus per progetti collettivi;
  • non offrono prefinanziamenti di attività.

Maggiori informazioni su queste etichette nella guida internazionale alle etichette del commercio equo e solidale.

Altre etichette biologiche o del commercio equo e solidale

Ci sono varie altre etichette. Si trovano più spesso sui caffè venduti nei negozi “biologici”:

 

Maggiori informazioni su queste etichette.

Gusto: questione di cultura e tostatura

Il gusto del caffè dipende da:

  • di caffè (Arabica o Robusta). La Robusta cresce in pianura. È quindi più facile da coltivare e più economico. Dà un caffè più forte e meno “fine”. L’Arabica cresce in montagna. Dà un caffè più aromatico ma meno corposo. La tipologia (Arabica o Robusta) non è sempre menzionata sulla confezione. I caffè venduti sono spesso composti da una miscela di queste due tipologie;
  • dalla terra dove è cresciuto. La combinazione di terroir + tipo di pianta del caffè dà spesso il nome , come ad esempio: Java, Kenya, Blue Mountain, Maragogype, ecc. ;
  • torrefazione (il modo in cui i semi vengono tostati per diventare “chicchi” di caffè).

Infine il gusto varia anche a seconda della macchina utilizzata, del dosaggio degli ingredienti (caffè più o meno “concentrato”).

Quale caffè per quale macchina?

Più lento è il caffè , maggiore sarà la caffeina . Il caffè, invece, è meno “potente”. Preferiremmo caffè Arabica per macchine a infusione lenta come le macchine a pistone per esempio.

Più caffè si infonde rapidamente , a meno che non sia ricco di caffeina . Anche le macchine che erogano rapidamente lo fanno spesso sotto pressione, il che si traduce in caffè più forti. Possiamo rinforzare il lato “forte” del caffè privilegiando caffè Robusta, più amari e dal gusto più pronunciato.

Vedi anche: Quale macchina da caffè scegliere?

Come conservare il caffè?

La conservazione del caffè è molto importante. Gli aromi sono volatili e il caffè va sempre conservato in un contenitore ermetico, o anche in frigorifero. Puoi anche conservare il caffè macinato nel congelatore.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

15 benefici mozzafiato dell’olio essenziale di bergamotto

Confronto del prodotto: murales