in

Guidare meno per preservare il clima

Per combattere il riscaldamento globale, devi guidare di meno. Non è più un segreto. L’automobile è una delle principali fonti di gas serra, principalmente CO 2 , a causa del numero di chilometri percorsi ogni anno. Emettiamo in media 2.100 kg di CO 2 ogni 15.000 km. [1]

L’idea è ovviamente quella di non privarsi dell’auto e dei suoi numerosi servizi. Ma per usarlo in modo più razionale. Stiamo cercando di ridurre il numero di chilometri percorsi, in particolare da auto pesanti, con una sola persona a bordo e nelle ore di punta.

Le imprese e i governi possono anche (ancora) (ulteriormente) incoraggiare questi cambiamenti nelle abitudini.

> Scopri altre idee con le nostre 16 azioni “Clima: smettila di esagerare!” “

Sommario:

  • Come ridurre i suoi chilometri?
    • Riduci le emissioni legate ai viaggi casa-lavoro
    • Varia i mezzi di viaggio
    • Telelavoro
    • Evita brevi viaggi in macchina
    • Aumenta il numero di occupanti
       
  • Cosa stanno facendo le aziende?
     
  • Il ruolo delle autorità pubbliche

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –
 

Come ridurre i suoi chilometri?

Riduci le emissioni legate ai viaggi casa-lavoro

È una delle scelte più decisive ma anche la meno scontata: lavorare vicino a casa sua (o vivere vicino al suo lavoro). Questo dà la possibilità di utilizzare i mezzi pubblici o di andarci in bicicletta.

Guidare quotidianamente 2 x 20 km [2] per andare al lavoro in auto è già di 8800 km e 1230 kg di CO 2 all’anno.

E soprattutto, guadagni molto in qualità di vita quando ti metti al lavoro velocemente, senza eccitarti o perdere tempo per strada e negli ingorghi.

Varia i mezzi di viaggio

Alcuni giorni l’auto può essere essenziale (ritrovo diurno fuori città, grandi gare…). Ma forse non è così tutti i giorni?

La bicicletta può essere un’alternativa ecologica e redditizia: fare 2 x 20 km due volte a settimana rappresenta 3.520 km all’anno. Se il datore di lavoro concede un’indennità per la bicicletta di 0,23 € / km, riceviamo 800 € / anno, al netto delle tasse.

> Vedi: I vantaggi della bicicletta e della bicicletta elettrica.

Telelavoro

Invece di recarti al lavoro, puoi restare e lavorare a casa in determinati giorni. Ciò consente di risparmiare tempo e ridurre le emissioni, a patto di prestare attenzione all’uso del riscaldamento in casa.

Quasi un belga su sei (17%) già telelavoro [3] , almeno una volta alla settimana. Il potenziale è del 42% dei telelavoratori, il che ridurrebbe i chilometri casa-lavoro di oltre il 16%.

Secondo l’Istituto VIAS, raddoppiare il numero di telelavoratori impedirebbe addirittura 44 morti e feriti gravi all’anno sulle strade. [4]

Evita brevi viaggi in macchina

In Belgio, il 60% dei viaggi inferiori a 5 km vengono effettuati in auto:

Fonte: A New Deal for Mobility in Belgium, Deloitte, maggio 2019.

Questi viaggi brevi sono tanto più dannosi in quanto il consumo di carburante e le emissioni dei veicoli sono maggiori durante i primi chilometri (motore freddo). Inoltre consumano di più l’auto.

Mentre le alternative non mancano: camminare, andare in bicicletta, i dispositivi di micro mobilità (scooter, giroscopio), i trasporti pubblici.

I benefici per la salute sono molti: riduzione dell’inquinamento atmosferico, inquinamento acustico e aumento dell’attività fisica.

Aumenta il numero di occupanti

Tre quarti degli automobilisti guidano da soli in macchina nelle ore di punta. Se potessi mettere 2 o 3 persone per macchina, ridurrebbe immediatamente il numero di veicoli sulle strade, la congestione del traffico e le emissioni inquinanti.

La grande difficoltà è ovviamente quella di far coincidere orari e percorsi. App come Comon o Kowo possono semplificare il car pooling.

Ci pensiamo anche per il percorso delle vacanze, con il noto BlaBlaCar ad esempio.

Cosa stanno facendo le aziende?

Le aziende non hanno alcun interesse che il proprio personale arrivi al lavoro stressato, in ritardo. Possono attuare varie azioni per migliorare la mobilità dei loro lavoratori, a condizione che siano disposti a farlo.

Per esempio :

  • Allestito in luoghi accessibili senza auto.
  • Organizza navette aziendali per il trasporto dei lavoratori da e per la stazione più vicina.
  • Fornire infrastrutture per i ciclisti, come parcheggi per biciclette custoditi, docce.
  • Fornire biciclette (possibilmente elettriche) per riunioni e appuntamenti nelle vicinanze.
  • Incoraggia il telelavoro.
  • Unisciti o crea un gruppo di car pooling. Un buon esempio è dato ad Auderghem dall’associazione tra l’ospedale Delta, il Carrefour e il comune. Questi tre principali datori di lavoro nel comune utilizzano Kowo per collegare 3000 potenziali carpooler. 

Anche federazioni di imprese come FEB e BECI stanno sperimentando MaaS (Mobility as a service). Si tratta di un’offerta di trasporto integrato che semplifica la vita sia agli utenti che ai Mobility Manager nelle aziende. In sostanza, con un unico biglietto è possibile utilizzare tutti i mezzi di trasporto disponibili: mezzi pubblici, mezzi condivisi (biciclette, scooter, scooter, ecc.). La fatturazione è centralizzata e puoi persino vedere l’impatto di CO 2 di tutti i tuoi viaggi.

Tuttavia, accanto a queste iniziative, rimane una grande insidia: le auto aziendali. Sono particolarmente problematici perché incoraggiano i lavoratori che ne beneficiano a viaggiare sistematicamente in auto. Tanto più che con una carta benzina come bonus, è completamente gratuito. Sovvenzionando più di 500.000 auto aziendali, il Belgio è sulla strada sbagliata.

Due recenti meccanismi mirano a ridurre l’influenza delle auto aziendali:

  • Il denaro contante per auto consente a un lavoratore di ricevere una somma di denaro ogni mese invece di un’auto. Questa formula incontra pochissimo successo perché con 600 € netti / mese [5] non si può ottenere un’auto dello stesso standard dell’auto aziendale. Meno dello 0,1% dei lavoratori che beneficiano di un’auto aziendale ha scelto l’auto in contanti.
     
  • Il budget per la mobilità è più completo. Il lavoratore può combinare diverse modalità di trasporto combinando le seguenti possibilità:
  • Optare per un’auto più “ecologica”, ad esempio un’auto elettrica.
  • Scegli tra modalità di trasporto sostenibili: bicicletta, trasporto pubblico, auto condivisa.
  • Ricevi il saldo in contanti.
     

Il ruolo delle autorità pubbliche

Le autorità pubbliche hanno leve decisive in termini di mobilità.

Ciò che esiste già in Belgio, ma potrebbe sicuramente essere migliorato:

  • Adeguare la tassazione ( tasse di ingresso e circolazione, indennità chilometrica per le gite in bicicletta, alternative all’auto aziendale).
  • Usa il codice della strada. Nella regione di Bruxelles, la velocità è ridotta a 30 km / h su strade non strutturate. Ciò è vantaggioso per la sicurezza stradale e per gli utenti deboli (pedoni, ciclisti).
  • Richiedi ai datori di lavoro con più di 100 persone di fare un piano di viaggio .
  • Consenti la portabilità delle quote di registrazione . È uno degli strumenti per promuovere il trasloco e per sollevare una barriera a un’installazione più vicina al suo lavoro.
  • Introduci un pedaggio urbano “intelligente” per caricare più veicoli nelle ore di punta. Questa è una possibilità che viene presa in considerazione nella Regione di Bruxelles, ad esempio.
  • Sviluppare l’offerta e l’efficienza del trasporto pubblico, finanziare meglio le aziende di trasporto pubblico.
  • Sviluppa e mantieni più piste ciclabili. Vedi anche: Ci saranno più piste ciclabili in Vallonia

Per quanto riguarda le auto aziendali, una possibilità è quella di istituire una tassazione chilometrica intelligente per distinguere tra chilometri professionali e privati. E quindi rendere meno interessanti i viaggi privati ​​in un’auto aziendale. È una “via di mezzo” per preservare l’industria automobilistica ma questa soluzione non mette in discussione l’esistenza delle auto aziendali …
 

Maggiori informazioni

  • Clima: smettila di fare tonnellate, la nuova campagna di ecoconso, con il consiglio di dividere le sue emissioni di gas serra per 2 in 10 anni.

 


[1] Il parco veicoli belga ha un’emissione media di 140 g CO2 / km. Fonte: ecoscore.be

[2] Secondo un’indagine di SD Works, la distanza media tra casa e lavoro è di 20 km in Belgio

[3] Secondo il sondaggio del 2018 dell’SPF Mobilité, disponibile su https://www.teletravailler.be

[5] L’indennità di mobilità corrisponde al 20% dei 6/7 del valore di catalogo dell’auto aziendale o al 24% dei 6/7 se il lavoratore è in possesso della carta carburante. Per un’auto del valore di 40.000 euro con carta carburante, il lavoratore riceve 685 euro lordi e 629 euro netti. Vedi ad esempio lo strumento di calcolo Partena o SD Works (più completo).

 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Etichette senza problemi: brochure

Dove posso donare un dispositivo, un oggetto e in quali condizioni?