in

Illuminazione domestica

Luce sui punti scuri dell’illuminazione domestica!

L’illuminazione domestica è una componente importante del nostro comfort abitativo e lavorativo. È anche una voce significativa nel nostro consumo di elettricità. Questa scheda presenta in modo sintetico i vantaggi e gli svantaggi dei vari sistemi di illuminazione per puntare ad un’illuminazione di qualità ad alta efficienza energetica quando la luce solare non è più sufficiente.

La fine delle lampadine a incandescenza …

La commissione per l’ambiente del Parlamento europeo ha deciso nel 2009 di eliminare gradualmente le lampadine a incandescenza:

  • ritiro delle lampadine da 100 watt il 1 ° settembre 2009;
  • ritiro delle lampadine da 75 watt nel settembre 2010;
  • i 60 watt per settembre 2011
  • e l’ultimo (25 e 40 watt) per il 2012.

Considerati i vantaggi in termini di risparmio di energia elettrica presentati dalle lampadine a risparmio energetico e dai LED attualmente disponibili sul mercato, questa decisione è una buona notizia. Cogliamo l’occasione per fare il punto della “Night of Darkness” alla fine del mese per sensibilizzare l’opinione pubblica sul risparmio energetico (www.nuitdelobscurite.be).

Confronto dei sistemi di illuminazione convenzionali

La tabella seguente mette a confronto alcuni sistemi di illuminazione classici sulla base di esempi. Non soddisfa tutti i prodotti disponibili sul mercato. Più in basso in questo rapporto, vedremo quali speranze possono portarci l’arrivo dei LED sul mercato.

 

Osservazioni (*):

  • Watt è una misura della potenza. Esempio: una lampada da 50 W accesa per 100 ore consuma 5000 Wh o 5 kWh di elettricità, indipendentemente dal tipo di lampada.
  • Il lumen è una misura dell’energia luminosa che varia notevolmente con il tipo di lampada.
  • Lux è un lumen per m2. È una misura della quantità di luce per unità di superficie per definire i requisiti di illuminazione.
  • Il Color Rendering Index (CRI) è la capacità di una lampada di farci distinguere i colori degli oggetti che illumina. Il suo valore massimo è 100. Ciò corrisponde alla luce diurna.

Trova la felicità nelle lampadine a risparmio energetico … è possibile!

Lampadine a risparmio energetico e tubi luminescenti hanno indubbiamente il vantaggio di essere efficienti dal punto di vista energetico e di avere una lunga durata (anche se a volte inferiore a quanto dichiarato).

La qualità della luce è migliorata con la disponibilità sul mercato di nuove tipologie di lampadine a risparmio energetico. Esistono anche faretti economici che si adattano al supporto per faretti alogeni tipo GU10 (230V)!

L’utilizzo di lampadine a risparmio energetico può quindi essere ampiamente esteso prestando attenzione a 3 punti:

  • Il tempo di accensione può essere lungo, soprattutto se fa freddo. Esistono lampadine a risparmio energetico specifiche per uso esterno per ovviare a questo problema.
  • Come principio precauzionale nei confronti dei campi elettromagnetici provocati, è preferibile allontanare sensibilmente la sorgente luminosa dalla testa in caso di esposizione prolungata. Ciò vale anche per i trasformatori per lampadine alogene da 12V.
  • Infine, staremo attenti a depositare le lampadine a risparmio energetico usate in un parco container al fine di garantire una cernita selettiva.

Esiste quindi la possibilità di trovare quello che cerchi nelle lampadine a risparmio energetico, permettendoti di ridurre il tuo consumo di elettricità e, quindi, il suo impatto sul cambiamento climatico.

Teniamo quindi presente che altri risparmi di energia elettrica possono essere realizzati su altre voci di consumo: riscaldamento elettrico, acqua calda, grandi  elettrodomestici, ecc.

E i LED in tutto questo?

I LED (Light Emitting Diode) sono in costante miglioramento, la loro potenza supera allegramente gli 80 lumen / watt e in questo modo supera le lampadine a risparmio energetico. Il loro prezzo è in costante calo e presentano vantaggi rispetto alle lampadine a risparmio energetico: assenza di mercurio, accensione istantanea, possibilità di variare l’intensità dell’illuminazione. 

Le lampade a LED consentono quindi di pensare a un futuro dell’illuminazione sia economico che ecologico. Il loro basso consumo energetico consente di ammortizzare il costo aggiuntivo dell’investimento.

10 consigli per l’illuminazione domestica!

  1. Quando possibile, usa l’illuminazione naturale. L’illuminazione artificiale dovrebbe piuttosto essere un supplemento alla luce naturale.
  2. Organizza gli spazi in modo da sfruttare al meglio la luce del giorno: scrivanie e piani di lavoro vicino alla finestra, soggiorno esposto a sud, ecc.
  3. Adattare l’intensità della luce e il numero di punti luce nonché la loro direzione alle esigenze (esempio: 100 lux per i corridoi, 500 lux per la lettura)
  4. Adattare il tipo di illuminazione in base alle esigenze. Per esempio :
    • Per un lampadario, una plafoniera, applique, il garage, l’officina, i corridoi, l’illuminazione generale di una stanza: lampadine a risparmio energetico
    • Per una lampada da scrivania o da comodino: lampadina a incandescenza, alogena, mini neon trasparente o anche lampada a LED.
    • Per un piano di lavoro in cucina: faretti a LED.
    • Neon per officine, uffici, laboratori
  5. Riduci il consumo di energia. Per esempio :
    • Progettazione illuminotecnica
    • Scelta della giusta potenza
    • Utilizzo di lampadine a risparmio energetico
    • Evita l’illuminazione continua all’esterno
  6. Spolvera regolarmente le lampadine.
  7. Spegnere la luce quando si esce da una stanza. 
  8. Usa murales piuttosto chiari che riflettono la luce meglio di quelli scuri.
  9. Evitare l’uso di dimmer che causano la perdita di calore dell’elettricità.
  10. La raccolta differenziata, in particolare le lampadine a risparmio energetico e i LED, devono essere consegnati a un box Recupel o al parco container.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Auto ibride plug-in: veramente ecologiche o greenwashing?

Quanto risparmierà Laurent con il consumo ecologico?