in

Posso ridurre la mia esposizione ai fumi di combustione nella mia casa!

Scaldabagno e fornello a gas, stufa a cherosene, caminetto, candele, sigarette … All’interno delle case i fumi della combustione fanno parte della nostra vita quotidiana. All’esterno, anche gli incendi dei giardini, il fumo dei camini o dei gas di scarico delle auto sono fonti significative di questi fumi, prodotti da una combustione incompleta.

In questo periodo invernale piuttosto rigido, che ci spinge, più del solito, a chiuderci in casa chiudendo tutte le aperture, questo pericolo è tanto più reale!

Infatti, oltre all’acqua e all’anidride carbonica, altre sostanze spesso accompagnano la combustione, come ad esempio la formaldeide o il benzene. Queste sostanze sono pericolose per la salute e provocano irritazione, mal di testa e problemi respiratori. Questi sintomi sono amplificati quando la ventilazione dei locali non è assicurata.

L’esempio più rappresentativo del rischio incorso è senza dubbio quello del monossido di carbonio (la temuta CO), che ogni anno provoca una trentina di incidenti mortali nel nostro Paese (fonte: Rapporto Centro Anti-veleno 2009). Le cause più frequenti di questi incidenti: installazione del gas mal tenuta o comportamento sconsiderato (come il blocco delle griglie di ventilazione, ad esempio).

Dobbiamo quindi essere ora vigili e ridurre la nostra esposizione ai fumi di combustione limitando le fonti domestiche, facendo revisionare annualmente i nostri dispositivi di riscaldamento da un professionista e rinnovando regolarmente l’aria della casa. Isolare non significa trasformare la tua casa in una bottiglia termica sigillata!

“Posso ridurre la mia esposizione ai fumi di combustione in casa mia!” è il nono foglio, pubblicato da Espace Environnement nella collana “Health and Habitat”. Questo dà a tutti consigli pratici su base giornaliera. È stato realizzato con il sostegno del ministro vallone della salute, dell’azione sociale e delle pari opportunità, signora Eliane Tillieux. Disponibile su richiesta allo 071/300 300 (gratuito ma spese di spedizione di 1,25 · per file).

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Articolo inutile del mese: il pelapatate da competizione

Quasi la metà della produzione di frutta e verdura nell’Unione europea è andata perduta