in

Domani, il film è oggi!

E se mostrare soluzioni, raccontare una bella storia, fosse il modo migliore per risolvere le crisi ecologiche, economiche e sociali che stanno attraversando i nostri paesi? A seguito della pubblicazione di uno studio che annuncia la possibile scomparsa di parte dell’umanità entro il 2100, Cyril Dion e Mélanie Laurent partono con un team di quattro persone per indagare in dieci paesi per capire cosa potrebbe causare questo disastro e soprattutto come evitarlo. Durante il loro viaggio incontrano i pionieri che stanno reinventando l’agricoltura, l’energia, l’economia, la democrazia e l’istruzione. Mettendo insieme queste iniziative positive e concrete che stanno già funzionando, iniziano a vedere l’emergere di quello che potrebbe essere il mondo di domani …

Questo per quanto riguarda la sinossi del film. Fin dall’inizio, quindi, la premessa è chiara: non si tratta di “salvare il pianeta e la natura” ma piuttosto l’umanità. Questo da solo è rinfrescante per essere vero. Il pianeta e le specie hanno già subito molti cambiamenti … e di passaggio, estinzioni. Tuttavia, ciò di cui stiamo parlando oggi è la nostra sopravvivenza. E questo è ovviamente strettamente legato al nostro ambiente!

Fortunatamente, il film non cade nella trappola del catastrofismo e questo inizio pesante si trasforma rapidamente in un’opportunità. Opportunità per cambiare il mondo, opportunità per costruire un futuro migliore, opportunità per essere creativi nelle soluzioni. E soprattutto un’opportunità per tutti di rivendicare il proprio potere d’azione. “Demain” è davvero ricco nella diversità dei suoi altoparlanti. Se troviamo volti molto famosi (Pierre Rhabi, Rob Hopkins, Vandana Shiva …), le loro testimonianze sono sapientemente combinate con quelle di semplici cittadini, città, comunità, aziende, associazioni, produttori, ricercatori … non si limitano a parlare di utopie ma mostrare la loro concreta esperienza di iniziative già in atto e che stanno funzionando. Un vero manifesto per l’azione a tutti i livelli!

L’altro punto di forza del film sta nel legame tra i temi affrontati. Le cinque parti – agricoltura, energia, economia, democrazia e istruzione – non si limitano a susseguirsi, ma sono collegate logicamente, rafforzando e illuminando i temi precedenti e seguenti. Come nella vita reale, dove tutto è interdipendente. Apprezziamo anche il trattamento semplice ma non semplicistico di argomenti complessi.

Come avrai capito, ti consigliamo vivamente di andare a vedere “Domani”. E porta lì i tuoi amici! Tra la diversità delle iniziative presentate, i più convinti scopriranno sicuramente l’una o l’altra che ancora non conoscevano. I meno informati potrebbero finalmente capire perché ti ostini a mangiare biologico e a cacciare le lampadine che restano accese (e non vi parliamo nemmeno di “scelte davvero estreme” come i wc a secco e gli investimenti nell’eolico. Cittadino 😉 ) È perché Cyril e Mélanie sono riusciti a portarci con entusiasmo nel loro viaggio attraverso il mondo di domani, che è già in costruzione oggi. Anche questo piccolo “viaggio su strada tra amici” non è per niente nel successo della narrazione. Quindi perdoneremo volentieri il film per essere un po ‘lungo …

Insomma, “Tomorrow” è sicuramente una bella risposta a chi dice che è inutile agire perché gli altri no. E questo, a écoconso dove passiamo il nostro tempo a ripetere che ogni passo concreto conta, ovviamente, parla a noi! Dai, in conclusione ci proponiamo anche una piccola frase cliché di Jung ma che va così bene al film: “Vuoi un mondo migliore, più fraterno, più giusto?” Allora comincia a farlo: chi ti ferma? Fallo dentro e intorno a te, fallo con chi lo vuole. Fallo piccolo e crescerà. “

 

Informazioni pratiche 

Segui le notizie del film su www.demain-lefilm.com o www.facebook.com/demain.lefilm

Nelle sale in Belgio il 6 gennaio 2016.

 

 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Perché ho scambiato il mio materasso organico con IntelliBED

Attenzione al consumatore: tessuti