in

Comfort termico: ancora meglio del caldo!

Il “Va bene” o “Ho i piedi freddi” sono molto comuni nelle nostre conversazioni. Inconsciamente riflettono una sensazione di comfort o disagio termico. Questo file presenta questi concetti che richiedono molti più fattori oltre alla semplice temperatura. In definitiva, miriamo tutti al comfort termico o al non disagio. Ciò comporta, tra le altre cose, il controllo della temperatura ma anche dell’umidità, dei movimenti d’aria, ecc.

1. Comprensione dell’equilibrio termico del corpo umano

Tutti scambiamo costantemente calore con il nostro ambiente per mantenere il corpo a 37 ° C:

  • per conduzione: cioè per contatto diretto. Esempio: a contatto con acqua calda o camminare a piedi nudi su un pavimento piastrellato.
  • per convezione: cioè per scambio termico con l’aria ambiente. Questi scambi aumentano con la differenza di temperatura e sono accentuati dalla velocità dell’aria. Esempio: la sensazione di freddo provocata da una corrente d’aria.
  • per evaporazione: il sudore raffredda la superficie della pelle.
  • per radiazione: per infrarossi. Esempio: il calore causato dall’irraggiamento delle braci di un fuoco aperto.

Mentre il nostro primo istinto è quello di aumentare la temperatura di riscaldamento in caso di disagio, il comfort termico può essere migliorato regolando ciascuno di questi fattori. Ad esempio, a parità di temperatura dell’aria, il comfort sarà migliore con i piedi su un tappeto che su un pavimento piastrellato (minore perdita di calore per conduzione). Altro esempio, ci riscaldiamo vicino ad una stufa a legna in ghisa grazie al suo irraggiamento termico senza alzare eccessivamente la temperatura dell’aria nella stanza. Il comfort equivale a una temperatura più bassa.

 

www.maisondesbioenergies.com

2. Parametri misurabili di comfort termico

Temperatura dell’aria

La temperatura di comfort varia a seconda del tipo di attività: 15 ° C è l’ideale per un’attività fisica intensa, 18 ° C in una cucina per l’attività in piedi, mentre il lavoro d’ufficio richiede più di 20 ° C. Inoltre, non è necessario puntare ad avere la stessa temperatura in tutti gli ambienti di una casa. Ad esempio, possiamo accontentarci di 16 ° C in una camera da letto. L’aria fresca è anche consigliata per la qualità del sonno.

Temperatura della parete

Sottovalutiamo l’impatto di questo fattore sulla nostra sensazione di comfort. Tuttavia, le pareti intorno a noi si irradiano e danno una sensazione di caldo o freddo. Pertanto, le pareti fredde devono essere compensate da uno sforzo per riscaldare l’aria per un comfort termico equivalente. Questo è da tenere in considerazione durante la progettazione delle pareti e la loro finitura. Oggi esistono sistemi di riscaldamento a parete radiante che donano una piacevole sensazione di comfort termico ad una temperatura dell’aria più bassa. Sappiamo però che la riduzione di un solo grado consente un risparmio del 7% sulla bolletta del riscaldamento!

Umidità relativa dell’aria

Tra il 35% e il 70%, l’umidità relativa dell’aria non è un problema. Oltre l’80%, l’atmosfera diventa insopportabile se fa caldo. L’umidità dell’aria può essere stabilizzata all’interno della casa, in particolare mediante l’uso di materiali da costruzione in grado di assorbire e rilasciare parte dell’umidità dall’aria. Questo è particolarmente vero con l’argilla.

Velocità dell’aria

La velocità dell’aria accelera la perdita di calore per convezione, creando una sensazione di freddo nelle correnti d’aria. I movimenti d’aria non sono sempre evidenti. L’ermeticità della casa durante la sua progettazione migliorerà l’efficienza dell’isolamento ma eviterà anche sgradevoli correnti d’aria. Questa ermeticità può essere verificata mediante un “Blower test” che consiste nel mettere tutta la casa in sovrappressione o depressione e misurare la forza del ventilatore.

3. Parametri psicologici e culturali

Il comfort termico è anche psicologico.

  • I 18 ° C in casa non ci danno la stessa sensazione d’inverno e d’estate.
  • La temperatura percepita come ideale varia a seconda delle abitudini, dei paesi e dei continenti. Gli americani sono più abituati a riscaldare a 22-23 ° C mentre gli scandinavi si “accontentano” di 18-19 ° C.
  • I comportamenti sono molto variabili: dormire con la finestra chiusa o aperta, chiudere le porte di casa, ecc.
  • Infine, studi hanno dimostrato che i colori delle pareti, dei mobili e della luce influenzano anche la nostra sensazione di benessere termico. I colori caldi, la luce diretta e i caldi mobili in legno, ad esempio, ci aiutano a descrivere una temperatura più bassa come confortevole.

4. Consigli costosi e poco costosi!

Se vogliamo risparmiare energia per il riscaldamento senza perdere il comfort, possiamo:

  • Mantenere una temperatura piacevole attraverso un buon isolamento dell’edificio, un efficiente sistema di riscaldamento, maggiori aperture al sole o anche l’integrazione di opzioni bioclimatiche.
  • Sviluppare una buona inerzia termica nell’edificio: capacità di immagazzinare calore e successivamente irradiare (calore per irraggiamento).
  • Assicurati che l’edificio sia a tenuta d’aria.
  • Utilizzare materiali caldi al tatto per i rivestimenti e i mobili interni: legno, sughero, ecc.
  • Fare attenzione a evitare fonti di correnti d’aria.
  • Risolvi eventuali problemi di umidità in casa.
  • Giocare su strati di abbigliamento migliora il proprio comfort termico con effetto immediato senza rendere una stanza troppo calda o troppo fredda per gli altri.
    • Isolamento ecologico, Jean-Pierre Oliva, Terre Vivante, 2006.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Perché piantare un giardino delle farfalle (e come)

Semplice guida alimentare stagionale per famiglie