in

Lastre disinquinanti

Nessuna fortuna, la formaldeide è classificata come alcuni agenti cancerogeni dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (che dipende dall’OMS). Nessuna fortuna, ha la particolarità di essere allo stato gassoso a temperatura ambiente (quindi nichel da inalare quando fuoriesce dai pannelli!). Ciò non significa che se hai una cassettiera con un nome impronunciabile, sei destinato a sviluppare il cancro, ma ci sono ancora alcune precauzioni da prendere.

È qui che arriva il nuovo prodotto di un’azienda nota per le sue alternative al cartongesso convenzionale. Ha realizzato un pannello disinquinante che attacca principalmente le molecole di inquinanti comunemente presenti nei nostri interni (tra cui la famosa formaldeide).

L’idea è quella di catturare questi inquinanti e rinchiuderli nel pannello grazie ad una molecola chiamata “protectin” (non c’è rischio di fraintenderne la funzione). Se l’effetto è stato dimostrato in laboratorio, molto intelligente chi in questa fase può dire quale sarà la durata effettiva dell’operazione di disinquinamento. Anche il produttore evoca questa incertezza in piena trasparenza.

A priori l’idea è buona e potrebbe essere utilizzata per migliorare la qualità dell’aria dei nostri interni. Una necessità quando si conoscono i problemi di salute posti dagli inquinanti indoor!

D’altra parte, attenzione alle potenziali conseguenze controproducenti se gli utenti arrivano a dire a se stessi: “non c’è bisogno di prestare attenzione all’inquinamento della mia aria interna poiché ho un super pannello che la pulisce! “. Ed è qui che la scarpa pizzica: è più efficace limitare le fonti di inquinanti che volerle combattere una volta emesse. È un po ‘come dire a noi stessi che va bene abbuffarsi di torta e patatine fritte dato che abbiamo una piccola pillola dietetica magica. Se questa pillola esistesse, sarebbe più sano non abbuffarsi tanto per cominciare … In termini di “legno”, questo significa, ad esempio, preferire il solido (fortunatamente non ci sono solo credenze in rovere da 250 chili. In termini di ” mobili massicci ”) o realizzati con pannelli a bassa concentrazione di formaldeide (classe E1, o anche E0,5). E fortunatamente, optare per dei bei mobili in legno è più bello che andare senza dessert!

Iniziativa interessante quindi, ma con la logica inversa, da qualche parte.

E tu, cosa ne pensi?

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Eco-garanzia – prodotti per la manutenzione

Una fontana a scuola