in

Quali sono gli additivi utilizzati negli alimenti?

Un additivo alimentare è una sostanza aggiunta a un alimento per modificarne la durata, il colore, la consistenza, il gusto, ecc. [1]

Nota: coadiuvanti tecnologici [2] , aromi, vitamine, altri nutrienti e pesticidi non sono tra gli additivi. Hanno i loro regolamenti.

Sommario:

  • Gruppi di additivi alimentari
  • Perché vengono utilizzati gli additivi?
  • Quali sono gli additivi alimentari consentiti?
  • Quali prodotti contengono additivi alimentari?

– – – – – – – – – – – – – – – – – – –
 

Gruppi di additivi alimentari

I principali additivi si trovano nelle seguenti categorie [3]  :

  • coloranti;
  • conservanti;
  • antiossidanti;
  • emulsionanti;
  • agenti gelificanti;
  • addensanti;
  • esaltatori di sapidità;
  • dolcificanti.
     

Perché vengono utilizzati gli additivi?

L’utilizzo di additivi soddisfa le esigenze dell’industria alimentare.

In sintesi, gli additivi vengono utilizzati per:

  • conservare gli alimenti per un periodo di tempo sufficientemente lungo: trasporto, conservazione in magazzino o presso il consumatore, ecc. (conservanti);
  • rendere piacevole la consistenza: liscia, non troppo liquida… (addensanti);
  • colorare gli alimenti e renderli più attraenti (colorante);
  • mescolare acqua e olio in modo uniforme (emulsionanti);
  • esaltare il gusto (esaltatori di sapidità);
  • dare un gusto dolce senza usare zucchero “calorico” (dolcificanti)
  • diminuire il prezzo di vendita. Gli additivi sono generalmente meno costosi degli ingredienti che sostituiscono.

In altre parole, gli additivi consentono di produrre alimenti standardizzati in grandi quantità che rimarranno buoni da mangiare e piacevoli da vedere o da annusare per un certo tempo.
 

Quali sono gli additivi alimentari consentiti?

Il regolamento europeo sugli additivi fornisce alcuni “principi di base” per quanto riguarda l’uso degli additivi:

Puoi usare un additivo alimentare se:

  • non rappresenta un problema per la salute del consumatore;
  • è sufficientemente necessario;
  • il suo utilizzo non induce in errore il consumatore. [4]

La normativa vigente prevede inoltre che l’utilizzo di additivi debba interessare il consumatore:

  • mantenere la qualità nutrizionale del cibo;
  • aumentare la stabilità di un alimento nel tempo (sapore, odore, ecc.)
  • assistere nella produzione, lavorazione, preparazione, trasporto o conservazione degli alimenti, a condizione che non serva a mascherare ingredienti di scarsa qualità o condizioni di produzione antigieniche.

Ci sono 338 additivi autorizzati negli alimenti in Europa. [5] Gli alimenti biologici sono soggetti a una dieta più rigorosa: 47 “solo” additivi sono autorizzati. [6]

> Leggi su questo argomento: Perché e come mangiare meno additivi?
 

Quali prodotti contengono additivi alimentari?

Ci sono additivi in ​​molti alimenti trasformati: biscotti, cassoulet in scatola, piatti pronti, spezie, bevande …

In generale, più il cibo è elaborato o preparato, più additivi contiene, sebbene ci siano delle eccezioni.

Tuttavia, le catene di supermercati sono diventate sensibili al problema e stanno vietando gli additivi nei propri marchi. [7]

È inoltre vietato aggiungere additivi:

  • in alcuni alimenti come burro, prodotti non trasformati (eccetto le preparazioni a base di carne) [8] , miele, caffè, pasta secca (eccetto senza glutine), latte, uova, conserve di passate di pomodoro, succhi di frutta e nettari, ecc. [9]
  • in alcuni prodotti tradizionali (ad esempio il confit di oca e anatra della tradizione francese). [10] La legislazione europea consente ai paesi che producono questi “prodotti tradizionali” di vietare l’uso di determinate categorie di additivi alimentari.
  • negli alimenti per neonati e bambini piccoli. [11]
     
– – – – – – – – – – – –

[1] Più specificamente, il regolamento europeo CE 1333/2008 definisce l’additivo come “qualsiasi sostanza normalmente non consumata come alimento in sé e non utilizzata come ingrediente caratteristico negli alimenti, con o senza valore nutritivo, e la cui aggiunta intenzionale al cibo, per scopi tecnologici, nella fase di fabbricazione, lavorazione, preparazione, trattamento, confezionamento, trasporto o immagazzinamento ha l’effetto, o si può ragionevolmente stimare che abbia l’effetto, che diventi se stesso o che i suoi derivati ​​diventino, direttamente o indirettamente, un componente di questi prodotti alimentari. “

[2] Il coadiuvante tecnologico è una sostanza utile durante la fabbricazione dell’alimento ma che non ha alcun ruolo nel prodotto finito, a differenza degli additivi. Ad esempio, i solventi utilizzati per decaffeinizzare il caffè sono ausili tecnologici. Questi ausiliari sono normalmente assenti dal prodotto finito. Negli alimenti si possono trovare residui di coadiuvanti tecnologici “a condizione che questi residui non presentino rischi per la salute e non abbiano effetti tecnologici sul prodotto finito”. Non sono menzionati nell’elenco degli ingredienti. Completa definizione nel regolamento CE “additivi” e dalla FPS Salute.

[3] Elenco completo delle 27 categorie nell’allegato 1 del regolamento CE “additivi”.

[4] Ad esempio non si può usare un colorante per far credere che il cibo contenga ingredienti che non sono presenti.

[5] Elenco degli additivi autorizzati.

[6] Additivi autorizzati per scopi biologici: http://eur-lex.europa.eu/legal-content/FR/TXT/?qid=1434093341601&uri=CELEX:02008R0889-20150101 (ALLEGATO VIII) o sul sito web di Biowallonie: https : //biowallonie.wpengine.com/wp-content/uploads/2014/11/20160525_notice-transformateurs.pdf (regole di trasformazione)

[7] http://www.lesoir.be/89535/article/2017-04-11/e621-e171-pourquoi-certains-additifs-sont-bannis-de-nos-aliments

[8] “alimento non trasformato” indica qualsiasi alimento che non ha subito alcun trattamento che abbia comportato “un cambiamento significativo nello stato iniziale dell’alimento”. In concreto, il fatto di tagliare, pelare, affettare, disossare, sminuzzare ecc. Non è considerato una “modifica significativa”. https://www.health.belgium.be/sites/default/files/uploads/fields/fpshealth_theme_file/celex_2008r1333-20170612_fr_0.pdf (articolo 3 punto d)

[9] https://www.health.belgium.be/sites/default/files/uploads/fields/fpshealth_theme_file/celex_2008r1333-20170612_fr_0.pdf (allegato II, tabella 1).

[10] https://www.health.belgium.be/sites/default/files/uploads/fields/fpshealth_theme_file/celex_2008r1333-20170612_fr_0.pdf (capitolo III, articolo 20 e allegato IV)

[11] https://www.health.belgium.be/sites/default/files/uploads/fields/fpshealth_theme_file/celex_2008r1333-20170612_fr_0.pdf

 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Come costruire porte scorrevoli per fienili con hardware semplice

NR.1 Rust-Oleum: lo sverniciatore ecologico (ma comunque pericoloso per l’ambiente)