in

Cartucce per stampanti

Con la democratizzazione dei prezzi nel campo dei computer, le cartucce di stampa sono diventate comuni materiali di consumo nelle nostre case. Al di là della questione della scelta della cartuccia “giusta”, ci troviamo molto rapidamente di fronte al problema dello spreco una volta che la cartuccia è stata utilizzata. Cosa farne?

Oggi la normativa garantisce la corretta gestione delle apparecchiature elettriche ed elettroniche fuori uso come le stampanti, con l’obbligo di predisporre opportuni canali di recupero. Tuttavia, i materiali di consumo, come le cartucce, non sono considerati da questa legislazione … Si stima, tuttavia, che in Europa vengano utilizzati 190 milioni di cartucce laser e getti d’inchiostro ogni anno.

Quali problemi ambientali?

Siamo ancora lontani da un tasso di riciclaggio ottimale per le cartucce perché la maggior parte di esse non viene né riciclata né ricaricata ancora oggi. Tuttavia, la stampa di 10.000 pagine genera 70 kg di cartucce di stampa di scarto. Da un lato, è necessario trattare il corpo delle cartucce di plastica e PVC, che rilascia sostanze pericolose per l’incenerimento. D’altra parte, gli inchiostri e i solventi presenti hanno anche un impatto dannoso sull’ambiente e sulla salute. Inoltre, i metalli pesanti aggiunti agli inchiostri hanno un effetto inquinante sul suolo e sull’acqua.

Anche per quanto riguarda la produzione, una cartuccia non è neutra poiché una cartuccia laser richiede 3,4 litri di olio per la sua produzione.

Di fronte a queste problematiche ambientali e sanitarie legate alla riduzione dei rifiuti, e per limitare lo spreco di risorse, è necessario sviluppare e promuovere il ricondizionamento delle cartucce. In questo modo, è possibile risparmiare 1,5 kg di rifiuti per cartuccia ricaricata.

Cartucce piene … di vantaggi

In teoria, è possibile ricaricare una cartuccia vuota utilizzando un ” kit di ricarica  ” e una siringa. Questo evita di acquistarne uno nuovo. A seconda delle cartucce, potremmo ricaricare fino a 6 volte. Questa tecnica è quindi interessante dal punto di vista ambientale. Tuttavia, non tutte le cartucce possono essere ricaricate con questo processo. Inoltre, gli elementi della cartuccia possono mostrare usura, i rischi di perdite, malfunzionamenti e danni sono evidenti. In caso di problemi (perdite, danni alla stampante, ecc.) Non c’è ricorso.

Una ”  cartuccia rigenerata ” è una cartuccia che è stata raccolta e smontata da un professionista autorizzato. Tutti gli articoli sono stati ispezionati, puliti e regolati e tutte le parti usurate o danneggiate sono state riparate o sostituite, quindi sono state riassemblate e testate. I residui di toner sono stati sistematicamente rimossi, la fornitura di toner è stata rinnovata e la pellicola organica dei fotorecettori è stata ricondizionata o sostituita con un nuovo fotorecettore.

Così aggiornati e pronti all’uso, offrono una performance pari a quella degli originali e rispondono a severi criteri di qualità.

L’analisi del ciclo di vita di una cartuccia usata mostra che è fino a due volte più vantaggioso riutilizzarla piuttosto che riciclarne i componenti (energia, materie prime e rifiuti risparmiati).

Tecnicamente, le cartucce rigenerate possono avere una media di 3-6 cicli di lavoro senza perdere in prestazioni. Questo processo consente inoltre di offrire prodotti dal 20 al 30% in meno rispetto alle cartucce originali.

Come trovarlo?

Poiché l’industria delle stampanti diventa sempre più competitiva, i prezzi stanno diminuendo. Per compensare, i produttori stanno cercando di impedire il riutilizzo delle cartucce d’inchiostro per vendere più cartucce nuove. Per preservare la propria quota di mercato, i produttori aumentano il loro livello di tecnicità: barriere meccaniche o elettroniche (con chip) che ostacolano o complicano il recupero e riducono la qualità delle scatole. Inoltre, alcune stampanti possono funzionare solo con il proprio modello di cartuccia, il che aumenta il numero di riferimenti.

Oggi esistono etichette che garantiscono non solo la qualità delle cartucce ma anche il loro ricondizionamento. Le etichette Blue Angel, Nordic Swan e NF Environnement offrono prodotti in questa categoria (vedere la parte inferiore del foglio dei suggerimenti). Non sempre facili da trovare, questi prodotti garantiscono comunque un’elevata qualità.

Stai attento … e parsimonioso!

Le iniziative si moltiplicano: i programmi di riciclo sono organizzati dai produttori, i collezionisti addirittura si offrono di acquistare cartucce usate, si fanno appelli di solidarietà per la donazione di cartucce vuote che verranno poi rivendute … Il più delle volte, tranne in caso di ricondizionamento locale azienda con un punto vendita, si tratta solo di iniziative volte a dirottare le cartucce verso la distruzione – o al massimo il recupero “materiale” -, per far funzionare la produzione dal nuovo per mantenere il mercato dei consumabili. Quando non esiste un canale di riciclaggio approvato, cosa fare? Dobbiamo rimanere vigili, informarci. Con la globalizzazione, i centri di smistamento e riciclaggio si trovano al di fuori dei confini europei, spesso con uno scarso profilo sociale e ambientale. A volte, le condizioni di conservazione all’aperto mettono in pericolo la salute delle popolazioni e delle risorse locali. Richiedi informazioni sulla destinazione esatta dei rifiuti, sui processi e sui canali utilizzati!

Di fronte a questa osservazione, la prevenzione è essenziale. Sii parsimonioso durante la stampa:

  • Stampa solo quando è veramente necessario;
  • Configura la tua stampante in modalità “duplex” ed “economy” per risparmiare carta e inchiostro;
  • Se possibile, stampare due lati del documento su una pagina;
  • Verificare il layout prima di stampare. Soprattutto da Internet per evitare di stampare pubblicità e altri banner non necessari;
  • Evita il più possibile la stampa a colori.

I toner sono composti da fuliggine, ossido ferrico e polimeri o resine termoplastiche. La polvere risultante è abbastanza fine e rimane a lungo sospesa nell’aria. Quando viene rilasciato, la polvere di toner può avere un effetto irritante sul sistema respiratorio, con conseguenze più gravi per le persone a rischio (asma, bronchite). Questo è il motivo per cui non è consigliabile maneggiare la cartuccia da soli o danneggiarla. È importante utilizzare correttamente l’attrezzatura:

  • Effettuare la manutenzione regolare delle stampanti per evitare che la polvere di toner si diffonda all’esterno;
  • Se la polvere di toner fuoriesce o viene trattata in modo errato, rimuoverla immediatamente con un panno umido.

In ufficio, aggiungi valore alle tue cartucce

Per aziende o amministrazioni, razionalizzare la gestione del parco stampanti paga sempre. Una riflessione in termini di “costo totale” consente di considerare non solo il costo di acquisto della macchina, ma anche i costi di esercizio, manutenzione e trattamento dei rifiuti. Alcuni prodotti avranno un costo aggiuntivo per l’acquisto, ma faranno risparmiare denaro, compresa l’energia, e avranno una durata di vita più lunga.

Una buona soluzione nel caso di un’attività d’ufficio può essere la tecnologia della stampa a inchiostro solido. L’inchiostro viene conservato in bastoncini resistenti sotto forma di cera. Con questa tecnologia, puoi facilmente ricaricare l’inchiostro senza dover acquistare una nuova cartuccia, a vantaggio dell’ambiente. Questo processo è più costoso della tecnologia laser convenzionale, ma è adatto per un investimento professionale. Tuttavia, è un peccato che questa tecnologia si basi su un brevetto gelosamente custodito. Xerox è infatti l’unico produttore attualmente nella nicchia e la concorrenza è attualmente tenuta a bada.

Diverse aziende offrono la raccolta e il ricondizionamento di cartucce di toner (stampanti laser, fax, fotocopiatrici) o cartucce a getto d’inchiostro. Piccoli contenitori vengono messi a disposizione per essere ripresi una volta pieni. Anche in questo caso, dobbiamo restare cauti. I prezzi e la qualità variano da fornitore a fornitore. Da qui l’interesse a prendere alcune garanzie e testare i prodotti prima di impegnarsi in una regolare collaborazione. È preferibile essere ben informati sulle procedure seguite dalla società di recupero.

Per garantire un servizio corretto:

  • Informati sul destino dei rifiuti: metalli, plastica e cartone residuo devono essere inviati agli impianti di riciclaggio;
  • Prediligere un sistema di “tracciabilità” a cartuccia che consenta di seguirne la storia;
  • Preferire cartucce prodotte o ricondizionate in Europa (soggette a severi standard ecologici e regolari controlli di qualità);
  • Chiedere una garanzia di qualità, nonché la procedura per l’installazione e la manutenzione;
  • Scegli aziende che offrono supporto post-vendita.

In Vallonia, la società Ecotop-Giga Services offre un servizio di valutazione di qualità controllata. Tutte le operazioni tecniche sono svolte in Belgio con una manodopera locale qualificata.

Infine, non dimenticare che le cartucce di stampa sono fragili. Al fine di prolungare la loro durata e mantenere le loro prestazioni, assicurati di:

  • Conservare correttamente le cartucce piene prima dell’uso;
  • Disimballare con cura la cartuccia, evitando qualsiasi impatto o contatto con il tamburo;
  • Agitare la cartuccia per sciogliere il toner e diluirlo.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

La dematerializzazione delle attività amministrative

La famiglia Zero Waste in conferenza il 27 febbraio a Bruxelles