in

Come puoi aiutare a salvare le api da miele

Mentre amo le mie candele di cera d’api e ho molti usi salutari per il miele , l’importanza delle api da miele va ben oltre ciò che producono direttamente. Molti degli alimenti che mangiamo si basano in una certa misura sull’ape mellifera per l’impollinazione.

Perché l’ape mellifera è così importante

Per colture come le fragole, le api da miele aumentano il numero e le dimensioni delle bacche, mentre altre colture come le mandorle dipendono al 100% dall’impollinazione delle api da miele. Se la popolazione di api da miele diminuisce, molti raccolti ne risentiranno. Niente api mellifere, niente burro di mandorle .

Le elevate perdite di api lo scorso anno (il 42% delle colonie sono morte da aprile 2014 ad aprile 2015) hanno portato molti a chiedersi cosa possono fare per aiutare. Ecco alcuni passaggi che ognuno di noi può compiere per fare la propria parte e aiutare a mantenere forte la popolazione di api da miele.

Dai da mangiare alle api

Con la ricerca di un prato più verde e privo di erbe infestanti e di fiori belli e più duraturi, abbiamo esaurito molte fonti di cibo per l’ape mellifera. Non solo molti proprietari di case hanno eliminato i denti di leone (una grande fonte di polline all’inizio della primavera che aiuta a stimolare l’allevamento della covata e il superfood naturale ) e il trifoglio, ma molti alberi e fiori venduti oggi sono stati modificati. Queste modifiche possono aumentare la loro bellezza, ma a scapito della loro produzione di nettare e quindi del loro beneficio per l’ape mellifera.

I fiori sono buoni

Ci sono molti bellissimi fiori che forniscono alle api il polline e il nettare di cui hanno bisogno, come girasoli, astri, susanne dagli occhi neri, fiori di cono viola, menta di cavallo, issopo gigante blu, giacinto, borragine, croco, zinnie, astri, solo per citarne un pochi.

Per trovare un elenco di fiori, così come alberi e arbusti, che sono più adatti per le api da miele e altri impollinatori nella tua zona, consulta la guida alla piantagione gratuita disponibile su Pollinator.org

La tua serra locale è un altro ottimo posto da visitare e chiedere informazioni sulla piantagione per le api mellifere. Durante una delle mie visite a una serra questa primavera ho notato un’intera sezione di fiori e arbusti dedicati ad attirare gli impollinatori.

Gli alberi sono ancora migliori

Mentre molti di noi pensano di piantare fiori per le api, quello che molte persone non si rendono conto è che nella maggior parte delle aree la principale fonte di nettare delle api da miele proviene dagli alberi in fiore.

Tuttavia, tutti gli alberi in fiore non sono creati uguali. Ad esempio, la famosissima Bradford Pear , con tutti i suoi numerosi fiori, è una fonte di nettare molto povera per le api.

Ci sono molti grandi alberi paesaggistici che le api adorano come Tulip Poplar, Maple, Redbud, Cherry, Crab Apple e Holly.

La scelta di uno di questi alberi paesaggistici benefici è uno dei modi migliori per nutrire le api nella tua zona.

Ecco un elenco completo di piante amiche delle api che puoi coltivare nel tuo giardino.

Cose da evitare

Sebbene le api non siano “parassiti”, la maggior parte dei “pesticidi” non discrimina. Anche il controllo biologico dei parassiti può avere un impatto negativo sulle api e quindi è importante tenere a mente le api mellifere e altri impollinatori benefici prima di utilizzare qualsiasi trattamento contro i parassiti.

Se deve essere utilizzato il controllo dei parassiti:

  • Usa solo metodi biologici per controllare i parassiti
  • Applicare il controllo dei parassiti nelle ore serali (o anche di notte) quando la maggior parte delle api sarà tornata all’alveare
  • Evita di mettere sostanze per il controllo dei parassiti nell’acqua stagnante, poiché le api trasporteranno quest’acqua nell’alveare per bere e regolare la temperatura

È anche importante assicurarsi di evitare di acquistare piante che sono state trattate con neonicotinoidi. I “neonici”, come talvolta vengono chiamati, sono un tipo di pesticida che diventa parte della pianta e in realtà trasforma la pianta stessa nel pesticida che include il suo polline e il suo nettare.

La neonica è diventata ampiamente utilizzata nell’agricoltura degli Stati Uniti e molti credono che potrebbe essere uno dei fattori che contribuiscono all’aumento delle perdite di api. Le piante che sono state trattate con la neonica (che viene eseguita attraverso l’applicazione di una copertura del seme) dovrebbero essere chiaramente contrassegnate e facilmente evitate se si tiene d’occhio quando si selezionano le piante.

Sostieni gli apicoltori

Uno dei modi migliori per sostenere le api è sostenere chi ha una passione per le api, l’apicoltore. (Nota a margine, mio ​​figlio maggiore è stato recentemente affascinato dalle api e dall’apicoltura e ora ha il suo alveare di cui si prende cura ogni settimana.)

Acquista miele locale

Non solo gli apicoltori affrontano un aumento delle perdite di api dal Verroa destructor (un nome appropriato per un acaro invasivo dannoso delle api), un maggiore uso di pesticidi e malattie, ma devono anche competere con il miele importato e spesso adulterato venduto a prezzi stracciati nei supermercati.

L’acquisto del miele da un apicoltore locale che puoi conoscere e di cui ti fidi non solo farà molto per sostenere una popolazione di api sana, ma ti garantirà anche un miele buono e di qualità.

Acquista cera d’api

Molti apicoltori vendono anche cera d’api che raccolgono e affinano dai cappucci che rimuovono durante l’estrazione del miele. Uso la cera d’api per le lozioni , il balsamo per le labbra fatto in casa  e per le candele di cera d’api .

Acquista altri prodotti per le api

Pappa reale, polline d’api e propoli d’api sono altri prodotti utili delle api che sono utili per ridurre le allergie, aumentare l’immunità, l’alimentazione e altro ancora. Dai un’occhiata a questo podcast per conoscere l’intera gamma di prodotti delle api e una grande azienda che li produce. Ho anche scritto un post completo sui benefici sostenuti dalla scienza del polline d’api e ho intenzione di scrivere presto su altri prodotti delle api.

Acquista prodotti biologici locali

L’acquisto di alimenti biologici non fa bene solo a te, ma fa bene alle api mellifere. Più cibo biologico viene acquistato, maggiore sarà la domanda. Con l’aumento della domanda di alimenti biologici, l’uso di pesticidi diminuirà. Un minor uso di pesticidi crea un ambiente più sicuro per l’ape mellifera.

Sostieni le ordinanze sull’apicoltura

Mentre l’apicoltura sta diventando sempre più popolare, non tutte le aree consentono di mantenere le api entro i confini della città. Puoi sostenere gli apicoltori informandoti sulle ordinanze in cui vivi e sostenendo i movimenti per consentire l’apicoltura nel cortile della tua comunità.

Segnala sciami

Un altro modo per aiutare le api e gli apicoltori è tenere gli occhi aperti per gli sciami. Le api da miele si propagano inviando sciami contenenti la loro vecchia regina e circa la metà delle api nell’alveare, il che significa migliaia di api. Se hai mai visto uno sciame in movimento, può essere una delle cose più intimidatorie e allo stesso tempo emozionanti che tu abbia mai sperimentato.

Dopo aver lasciato l’alveare, le api si stabiliranno in un grande gruppo di api solide, dalle dimensioni di una palla morbida alle dimensioni di una pallavolo. La natura intimidatoria di questo enorme numero di api ha purtroppo portato a molti casi di proprietari di case nel panico e spruzzando l’innocuo grappolo di api con un numero qualsiasi di spray mortali.

Mentre questi sciami possono intimidire, le api brulicanti sono in realtà più docili perché non hanno un alveare da difendere e hanno riempito la pancia di miele per il lungo viaggio per stabilire un nuovo sito di origine.

Se noti uno sciame, chiama un apicoltore e loro verranno (o passeranno la parola a un altro apicoltore) e rimuoveranno in sicurezza le api e le aggiungeranno al loro apiario. Se non conosci nessun apicoltore locale, controlla l’etichetta sull’ultimo barattolo di miele locale che hai acquistato e chiama l’apicoltore. Se ancora non riesci a contattare un apicoltore, un breve post sui social media rivelerà probabilmente una connessione con l’apicoltura che non sapevi nemmeno di avere.

Cambia il tuo modo di pensare alle api

Diversi anni fa ho deciso che avevamo bisogno di più api per il nostro giardino  e ho iniziato il processo di avvio di un alveare. Quando ho installato il mio alveare, li ho messi a posto e ho aperto con cura l’ingresso. Quando sono uscite alcune api, ho fatto un salto indietro e ho reagito come se volessero prendermi. Ho dovuto ridere di me stesso e di questa reazione radicata. L’apicoltura è diventata una lezione per “disimparare” quello che pensavo di sapere sulle api.

Disimparare ciò che “sai” sulle api

La prima cosa che ho dovuto fare è stata ripensare durante la mia infanzia ai diversi incontri che ho avuto con le api e quando sono stato punto e ho avuto un’illuminazione. Tutte le mie esperienze con le “api” non sono state con le api mellifere, ma con giacche gialle e altre vespe. Ho dovuto ricondizionarmi per separare le api da miele (meravigliose, impollinatrici che producono miele a cui dobbiamo così tanto della nostra produzione di cibo) dalle vespe (orribili, brutte macchine pungenti). Ora mi trovo a chiedere a persone che hanno una storia negativa sulle “api” se stanno effettivamente parlando di api mellifere o vespe.

Quando cresci nel rispetto dell’ape mellifera e forse ti fermi a guardare uno che si sposta di fiore in fiore, ti ritrovi a pensarci in modo completamente diverso. All’improvviso, i denti di leone e il trifoglio nel cortile sembrano meno erbacce da rimuovere e più come nutrimento per una colonia di api. Un’ape mellifera diventa qualcosa da guardare e seguire nel cortile piuttosto che qualcosa di cui aver paura.

Trasmettere un rispetto per le api

Una volta ottenuto questo nuovo rispetto per le api mellifere e la capacità di distinguerle dalle vespe, possiamo trasmetterlo anche ai nostri figli. Semmai, i miei figli hanno troppe poche riserve e devo ricordare loro di non raccogliere le api.

Per saperne di più

Per approfondire la tua conoscenza delle api, prendi in considerazione l’idea di prendere un libro sull’apicoltura, anche se non hai intenzione di tenere le tue api. Scommetto che li troverai ancora più affascinanti di quanto pensassi! Se sei un nerd come me, potresti goderti un libro più tecnico e di ricerca sulle api come The Buzz about Bees: Biology of a Superorganism o Honeybee Democracy .

Diventa un apicoltore

Se stai cercando un approccio più pratico per salvare l’ape e vuoi aggiungere un po ‘di eccitazione alla tua vita, considera di diventare un apicoltore. Tieni presente che ci sono costi di avviamento e una curva di apprendimento, quindi ci vorrà impegno, ma sicuramente ti darà un’ammirazione più profonda per l’ape mellifera e alcune esperienze straordinarie. Se tutto va bene potresti anche prendere un po ‘di miele!

La chiave per iniziare con il piede giusto è iniziare a pianificare in anticipo. Inizia ora leggendo sull’apicoltura e, cosa più importante, stabilendo collegamenti con gli apicoltori della tua zona. Chiedete in giro, potrebbe sorprendervi scoprire che qualcuno che conosci tiene le api. Molte aree avranno anche associazioni di apicoltori che si incontrano mensilmente. Questo è un ottimo posto per creare le connessioni che diventeranno così preziose quando inizi il tuo primo alveare.

Ospita un alveare

Interessato ma non pronto a fare il salto? Va bene, puoi ancora avvicinarti e toccare con mano le api.

Non sei ancora pronto per essere un apicoltore?

Gli apicoltori hanno una passione per quello che fanno e molti di loro sarebbero più che disposti a lasciarti accompagnare per un’ispezione dell’alveare. Dovrai assicurarti che l’apicoltore con cui hai organizzato abbia un vestito / velo da ape in più o potresti persino prendere in considerazione l’ acquisto di un vestito da ape .

Un’altra opzione è portare le api da te! Ci sono molti apicoltori là fuori che vorrebbero avere un altro luogo per tenere un alveare. Potresti offrirti di ospitare un alveare nel tuo cortile o sulla tua terra. Tieni presente che questo significa che l’apicoltore si fermerà per ispezionare le api ogni settimana in primavera.

Dovresti anche assicurarti di essere pronto a prendere l’impegno, perché mentre gli alveari possono essere spostati se cambi idea, puoi immaginare che ci sia del lavoro coinvolto nel trasferimento di un alveare attivo. Ma se sei pronto, questo potrebbe essere un ottimo modo per aiutare la popolazione di api da miele e acquisire un’esperienza di prima mano che potrebbe diventare un trampolino di lancio per ottenere il tuo alveare.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

9 modi per utilizzare un blocco di sale dell’Himalaya nella tua cucina

Come fare il gel di aloe vera dall’aloe fresca