in

In che modo la piantagione di compagni è un modo semplice per coltivare un giardino migliore

Quasi ogni libro o blog di giardinaggio biologico sostiene i vantaggi della piantagione di compagni nel giardino. In effetti, ho già scritto su coppie di piante le cui proprietà naturali lavorano insieme in giardino per ridurre i parassiti e aumentare la salute delle piante (senza sostanze chimiche!).

Sembra perfetto, vero?

Tabella di piantagione del compagno

Quindi, quest’anno inizi a scegliere cosa vuoi coltivare nel tuo giardino e cerchi “tabella di piantagione compagno” su Google. E ottieni alcuni risultati che assomigliano a questo (per gentile concessione del Garden Stamp):

Dopo molto tempo e molto studio di più grafici in conflitto (con l’aiuto di una lente d’ingrandimento forse), alla fine trovi un piano che funziona (pensi) e inizi con entusiasmo a piantare il tuo futuro fiorente orto biologico.

Poi ti rendi conto … i pomodori sono proprio accanto alle patate (e il grafico dice che non vanno d’accordo!). Una volta che i piselli sono cotti, non potrete più metterli nei fagioli perché sono proprio accanto all’aglio… che la tabella assicura che sarà un disastro!

Sigh … Il giardinaggio doveva essere divertente , giusto?

Allora cosa deve fare un giardiniere biologico? E la piantagione del compagno vale davvero tutta la seccatura?

Piantagione di compagni: utile o campagna pubblicitaria?

Mentre innumerevoli esperti di giardinaggio giurano sulla pratica e hanno scritto interi libri sull’argomento , molti esperti di orticoltura considerano il giardinaggio da compagnia “folclore” piuttosto che scienza.

È vero che molti degli abbinamenti di piante raccomandati oggi non sono confermati da studi scientifici formali. La maggior parte delle associazioni di piante è nata attraverso l’osservazione storica: (cioè, l’agricoltore Joe che osservava che i suoi raccolti erano migliori quando i pomodori e le melanzane venivano piantati in file alterne).

Inoltre, una serie di studi sulla “cristallizzazione sensibile” sugli accoppiamenti di piante negli anni ’60 ha lasciato una macchia sulla teoria della piantagione da compagnia. La comunità scientifica tradizionale ha rifiutato questo metodo e le sue scoperte come pseudo-scienza. L’obiettivo era quello di scoprire quali piante si “piacevano” esaminando le formazioni cristalline rimaste dopo l’evaporazione di estratti vegetali miscelati con varie soluzioni. (1)

La scienza della piantagione di compagni

Tuttavia, oggi alcune delle organizzazioni orticole più apprezzate negli Stati Uniti promuovono l’idea della piantagione da compagnia, entro certi limiti. La scheda informativa sull’orticoltura della Cornell University sull’argomento sottolinea le sue fondamenta su una storia lunga e indiscutibile:

I naturalisti conoscono queste proprietà delle piante da migliaia di anni. Ad esempio, circa 2000 anni fa l’agricoltore romano Varrone dichiarò “I grandi alberi di noce nelle vicinanze rendono sterile il confine della fattoria”. Le sostanze chimiche presenti nelle foglie di quercia ritardano lo sviluppo degli insetti che se ne nutrono… L’erba medica e il trifoglio arricchiscono il terreno con l’azoto che catturano dall’aria. Alcuni alberi spostano le acque sotterranee sulla superficie del suolo dove le piante con radici poco profonde possono crescere anche in condizioni di siccità. I gruppi di piante che crescono bene insieme sono chiamati “compagni. (2)

Gli esperti sostengono che la piantagione di compagni sembra funzionare per così tanti a causa di questa relazione “yin e yang” che si trova in natura. Piuttosto che piantare lo stesso raccolto in una vasta area (immagina il tipico campo di mais), i coltivatori commerciali (e da cortile) vedono miglioramenti quando imitano la diversità trovata nel mondo naturale, alternando i filari con un raccolto complementare.

Consociazione

Questa teoria della non concorrenza tra piante con esigenze diverse è ora chiamata “consociazione” e ha ottenuto un’ampia accettazione nell’agricoltura tradizionale. Le piante con radici profonde possono crescere con piante basse o alte con piante a crescita bassa che necessitano di ombra o piante a maturazione lenta che maturano rapidamente. Le piante nello stesso spazio con esigenze diverse subiscono meno concorrenza.

A differenza della tradizione della piantagione da compagnia, è stato dimostrato che la consociazione funziona su scala da giardino domestico. Originario di climi tropicali come l’Africa, comprendere le nicchie in cui crescono le piante e come è possibile combinarle insieme in spazi e risorse limitati ha una lunga storia. La consociazione ha tre principali vantaggi: 1) Riduce lo spazio fisico necessario 2) Riduce il potenziale di fallimento diffuso delle colture poiché è improbabile che un parassita o una malattia decimino entrambe le colture 3) Può ridurre l’uso di risorse come l’acqua e le esigenze di fertilizzazione. (1)

Ma chiamalo come vuoi, come puoi applicare la teoria al tuo giardino sul retro?

BACIO: Sii semplice, sorella!

Comprendere i motivi di base per cui la piantagione (o consociata) funziona elimina la necessità di grafici ed elenchi complicati. Conoscendo l’obiettivo, puoi rilassarti e goderti il ​​grande esperimento del giardinaggio!

1. Scegli la diversità

Imita la natura. Prova a staccarti da file uniformi dello stesso raccolto in un’area concentrata. Ad esempio, intersecare carote e cipolle o piantare il basilico sotto i pomodori.

Aggiungi fiori per attirare impollinatori e predatori utili come vespe e coccinelle. Aggiungi le erbe per confondere i parassiti con una varietà di profumi. Usa lattughe e ravanelli a crescita rapida come pacciame vivente attorno a piante a crescita lenta come pomodori e cavoli.

Ricostituire costantemente le zone nude lasciate dopo la raccolta delle piante mature. Verso la fine della stagione, scegli le sezioni del giardino in cui “riposare” coltivando un appezzamento di piselli o trifogli che stimolano l’azoto da coltivare nel terreno la primavera successiva.

2. Usa la regola degli opposti (complementarità)

Con solo un po ‘di ricerca (e meglio ancora di esperienza pratica nel corso degli anni), puoi sapere quali piante hanno radici poco profonde e quali sono radicate in profondità, quali sono alimentatori pesanti o alimentatori leggeri, che crescono lentamente o in rapida crescita. Come regola generale, accoppiarli insieme.

Un altro esempio di opposti al lavoro: pianta rampicanti come i fagioli polari con piante alte e robuste che possono fornire una struttura verticale, come i girasoli. Doppio dovere!

3. Tienilo in famiglia

Impara le tue famiglie di piante e tieni insieme le piante correlate nello stesso ” quartiere ” del giardino. Le piante correlate generalmente vanno d’accordo (con una o due eccezioni) e hanno esigenze simili e minacce di parassiti. In questo modo devi solo imparare le caratteristiche e le esigenze di ogni famiglia invece di quelle di ogni singola pianta.

Anche se questo potrebbe non sembrare il modo migliore per creare un giardino diversificato (punto n. 1 sopra), lavorare con i quartieri familiari porta semplicità al processo di piantagione del compagno. Con poche note di riferimento, conoscerai fatti importanti come:

  1.  Quali parassiti favoriscono quella famiglia (ad esempio, il famigerato coleottero della patata del Colorado ama la famiglia delle patate, dei pomodori, delle melanzane e dei peperoni )
  2. Di quanta acqua e fertilizzante ha bisogno ogni famiglia
  3. Quali piante da compagnia potrebbero scoraggiare i parassiti comuni (o attirare buoni predatori) per quella particolare sezione della famiglia

Questo approccio rende anche la rotazione delle colture un gioco da ragazzi quando arriva il momento della semina in successione, poiché puoi facilmente ruotare i quartieri familiari in modo da non indebolire il terreno o incoraggiare problemi di parassiti in un punto.

Ovviamente ci sono alcune eccezioni a ogni regola. Non mettere mai le patate vicino ai pomodori, anche se sono della stessa famiglia!

Per ulteriori informazioni su questo concetto, consiglio il libro di Sally Jean Cunningham sui quartieri del giardino e la piantagione di compagni .

4. Giardino, speranza e non preoccuparti!

Più che altro, non preoccuparti troppo dell’elenco di cose da fare e da non fare. Generalmente la piantagione da compagnia non creerà o distruggerà il tuo giardino, ma, presa nella giusta direzione, contribuirà a un biosistema sano.

Sii disposto a conoscere le caratteristiche generali delle tue piante. Osserva, sperimenta e registra i risultati per la pianificazione del prossimo anno. Costruirai rapidamente un’esperienza pratica che supera di gran lunga la conoscenza che qualsiasi libro o sito web potrebbe darti, e presto sarai un compagno di piantagione con fiducia!

Usi la piantagione di compagni nel tuo giardino? Cosa ha funzionato per te? Trasmetti la tua saggezza di giardinaggio condividendo i tuoi suggerimenti!

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Cos’è l’aceto di sidro di mele con The Mother?

Gli spaghetti Shirataki sono buoni per te?