in

Il sosia di Tom Cruise

Sei ricco, adori i cocktail ma scopri che Tom Cruise ha perso il suo fascino da “Cocktail”? (in 27 anni è comunque cambiato, Scientology non è tutto).

Abbiamo trovato la soluzione per te: il cocktail maker.

Quindi, dopo la macchina per il caffè, la macchina per il tè, la macchina per la birra, la macchina per zuppa e la macchina per la soda, è tempo di risate, canzoni e cocktail automatici.

Il principio ? Terribilmente banale nel 2015: metti gli ingredienti necessari, scegli il tuo cocktail e presto, con un giro di ruota dentata e dopo qualche brontolio meccanico, la macchina da bar ti preparerà il cocktail richiesto.

Grande inconveniente: dubitiamo che James Bond possa chiedere il suo aperitivo preferito mescolato con un cucchiaio anziché passato nello shaker (che tristezza, già che un agente segreto non è un lavoro facile, ecco lo spettro di una dieta da aperitivo degradata).

Ovviamente questa macchina non è destinata al consumatore medio, non abbiamo più spazio nelle nostre cucine, tra la macchina del caffè espresso, il cracker per uova, il vivaio aromatico, il gambo di fragola e il pelapatate automatico. Quindi pensaci, per una macchina da cocktail!

Ma che importa, anche in un bar, dove sarà il fascino? Un barman e una barista sono esseri umani, sai, questi altri bipedi che finiamo per non incontrare nel settore dei servizi a forza di sostituirli con degli automi. E anche se ti alzi male o più prontamente per servire un cliente che è arrivato dopo di te (ma più sorridente / affascinante / abituato / con estro), parlare con un essere umano è sempre più interessante che armeggiare con il touch screen di una macchina.

Dubitiamo anche che la macchina sia sensibile alle tue capacità di negoziazione per provare un drink per la casa.

Veglia, questa è una professione del futuro. Presto serviranno solo loro per gestire un’impresa.

E tu, cosa ne pensi?

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Perché considerare una ristrutturazione a basso consumo energetico?

Obiettivo zero rifiuti per gli elettrodomestici