in

Quale rivestimento per pavimenti scegliere?

Quali criteri?

Per scegliere quello più adatto, terremo conto di:

  • Estetica : l’atmosfera che vuoi creare in casa secondo i tuoi gusti personali.
  • La vita utile  : la resistenza desiderata in base al passaggio e la possibile possibilità di riparazione.
  • Salute  : i rivestimenti interni sono a contatto con l’aria della casa e costituiscono quindi una potenziale fonte di inquinamento indoor.
  • L’ambiente  : l’impatto ambientale del rivestimento varia a seconda dell’energia richiesta per la sua fabbricazione, dell’origine naturale o non naturale dei suoi componenti e della presenza di sostanze inquinanti. Alcuni materiali hanno un’etichetta che indica che sono conformi a specifiche precise, integrando criteri ambientali o sanitari: Natureplus, GUT, Nordic Swan, European Ecolabel, Ange Bleu.

 

(clicca su ciascuna etichetta per saperne di più)

  • Acustica  : alcuni rivestimenti, come i tappeti, hanno il potere di assorbire il suono (mentre le piastrelle lo riflettono).
  • Facilità di installazione.
  • Il prezzo.

La tabella riassuntiva nella brochure “Rifacciamo il muro” ti aiuterà nella scelta:

Confronto tra diversi rivestimenti per pavimenti – Tabella: écoconso [CC-BY-NC-ND]
 

Pavimenti in legno, bambù e sughero

Il parquet o il pavimento in massello è un’opzione “calda” e sostenibile. Per quanto riguarda l’ambiente, preferiamo scegliere specie legnose locali (quercia, castagno, pino, ecc.).

Il pavimento in bambù arriva da lontano ma è una risorsa rinnovabile. Possiede qualità interessanti: durezza, resistenza alle muffe, bassa dilatazione, assenza di nodi. Con un trattamento specifico, il pavimento in bambù può essere utilizzato anche in cucina o in bagno.

Il sughero è disponibile in piastrelle o pannelli laminati. Si adatta o si aggancia. Correttamente verniciato, il sughero è adatto anche per ambienti umidi.

 

 

 

Pavimenti in bambù flickr | kepanok
CC BY 2.0

Pavimentazione in
sughero

“Parquet in legno massello” DocteurCosmos
GNU Free Documentation License

Messa in opera

  • Per la finitura è preferibile optare per oli o cere naturali .
  • Un sottofondo acustico aiuta a ridurre i rumori da impatto (passi, caduta di un oggetto, ecc.).
  • Le pose inchiodate o con sistemi a cricchetto eliminano la necessità di colla. Se la colla è inevitabile (ad esempio per una posa su massetto), si scelgono colle piuttosto “ecologiche”. Si trovano nei negozi di materiali da costruzione verdi. L’etichetta Emicode garantisce rivestimenti per pavimenti (colle e malte) a bassa emissione di composti organici volatili (COV).

Suoli minerali duri

Pietre naturali, lastre di terracotta… A differenza dei rivestimenti in legno, i pavimenti minerali sono conduttori di calore. Sono quindi compatibili con il riscaldamento a pavimento. Possono anche contribuire all’inerzia termica dal loro peso significativo. D’altra parte, creano una sensazione di freddo al tatto.

Le pietre naturali di origine locale (calcari, scisti, pietra azzurra, ecc.) Hanno un ottimo equilibrio ecologico. Hanno un’elevata resistenza all’usura e ai raggi UV. Possono essere smontati e riutilizzati se posti su un letto di sabbia.

Le piastrelle in cotto artigianale sono anche ecologiche e possono sostituire le piastrelle tradizionali. Richiedono più manutenzione: trattamento regolare con olio duro o cera dopo l’installazione per evitare macchie e tracce di umidità.

I pavimenti in terra battuta hanno l’eco-equilibrio più vantaggioso. I più motivati ​​realizzano anche una lastra di argilla con il terreno argilloso delle loro fondamenta.

 

 

Lastra in terra
battuta Etienne Guillaume, Elémenterre

Lastra di terracotta di
Robin Stott | CC BY 2.0

Rivestimenti flessibili

I rivestimenti verdi flessibili  : linoleum, gomma naturale e rivestimenti in fibra (vegetale e animale). La maggior parte sono “isolanti” e quindi non adatti per il riscaldamento a pavimento. Alcuni modelli sono progettati appositamente per questo tipo di utilizzo.

  1. Linoleum

È un rivestimento flessibile al 100% naturale, a base di olio di lino, farina di legno, juta e resine naturali. I pigmenti vengono aggiunti per creare colori e motivi. È un rivestimento molto resistente, di lunga durata, di facile manutenzione e molto igienico. Il linoleum è più spesso sotto forma di rotoli o piastrelle e può essere posato ovunque, tranne nelle stanze umide. Fare attenzione a non confondere il linoleum con il vinile . Il vinile, a volte venduto con il nome “lino”, è più economico ma è completamente sintetico (realizzato in PVC). Gli ftalati, plastificanti utilizzati per ammorbidire il PVC, sono stati oggetto di numerose pubblicazioni riguardanti i loro effetti sulla salute.

  1. Gomma da cancellare

È un materiale molto flessibile, resistente e antiscivolo . È quindi preferibile per superfici ad alto traffico. Si presenta sotto forma di lastre, rotoli o terra colata e oggi consente un’ampia varietà di rilievi e colori. Si trova sotto forma di:

  • gomma naturale ricavata dal lattice di alcuni alberi;
  • gomma proveniente dal riciclaggio di alcuni prodotti come i pneumatici;
  • gomma sintetica (miscela di lattice, antiossidanti, minerali, resine e pigmenti): è meno tossica del PVC nei pavimenti vinilici, ma rimane un inquinante interno.

Anche la gomma naturale oggi è spesso integrata con composti sintetici per renderla più resistente. È meglio verificare con i produttori per conoscere la composizione esatta.

 

 

Rivestimento in linoleum
www.armstrong.com

Rivestimento in gomma naturale | www.nora.com

  1. Rivestimenti per pavimenti in fibre vegetali e animali

Sono costituiti da un sottofondo in lattice, lino o iuta, su cui sono attaccate le fibre. Sono inoltre presenti sottofondi sintetici, da evitare per la presenza di ftalati e composti organici volatili (COV). Le fibre più utilizzate sono:

  • il sisal . Proviene dalle foglie di una pianta messicana, che vengono frantumate, essiccate e filate, creando fili molto resistenti.
  • il cocco . Proviene dalle fibre delle noci di cocco.
  • le fanerogame marine . È un’erba proveniente da luoghi paludosi in Cina.
  • la lana di pecora . Utilizzato principalmente per moquette.

I rivestimenti per pavimenti in fibre vegetali o animali sono resistenti, imputrescibili, fonoisolanti e termoisolanti.

L’equilibrio ambientale e sanitario di queste fibre varia a seconda del trattamento, della tintura, del trasporto, del sottopelo e delle colle utilizzate. Anche le condizioni di lavoro per la produzione di tappeti non sono sempre ottimali. Verificare con il venditore.

Per i tappeti 100% lana è meglio evitare additivi chimici contro macchie e fuoco. In effetti, la lana è naturalmente resistente.

 

Campioni di pavimentazione in fibra naturale di
rivestimento per pavimenti di Aronson

Dove trovare questi materiali? Informazioni su www.suivezleguide.be .

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Sviluppa un progetto di eco-consumo a scuola

Etichetta Biogarantie – cibo