in

Etichetta energetica per televisori

L’etichetta energetica menziona il consumo di elettricità in kWh / anno (al ritmo di 4 ore di utilizzo al giorno), la potenza operativa (in watt), le dimensioni dello schermo (diagonale espressa in pollici e in cm) e la presenza di un pulsante “off”.

Non è strettamente parlando un’etichetta poiché l’etichetta è obbligatoria su tutti i dispositivi. Risulta comunque molto utile per il consumatore perché facilita il confronto tra più dispositivi in ​​base al loro consumo e quindi al loro costo di esercizio (dividere il kWh per 4 per ottenere il costo in euro).

Esistono molte etichette ecologiche per i televisori ( European Ecolabel ,  Blue Angel , Nordic swan, ecc.) Ma, in pratica, è particolarmente difficile trovare dispositivi etichettati nei negozi. Fai il test: chiedi a un venditore se alcuni dei loro televisori hanno un marchio di qualità ecologica. Probabilmente ti dirà che sono tutti ecologici perché sono LED e sono di classe A + sull’etichetta energetica.

Qualunque sia il tipo di TV che scegli, tieni presente quanto segue:

  • Il consumo energetico aumenta con le dimensioni dello schermo: uno schermo piccolo di classe A può consumare meno di uno schermo grande di classe A ++
  • Il consumo in modalità standby sui nuovi televisori è basso (massimo 0,5 W, meno di 1 € all’anno). Questo non ti impedisce di collegare la tua TV a una multi-presa perché diverse periferiche lo accompagnano (decoder, hard disk, home cinema …) e il loro consumo non è trascurabile (facilmente 15W per un decoder).

  • I consumi ovviamente dipendono dal numero di ore di funzionamento: evitate di lasciare il dispositivo acceso per niente e, se si tratta di ascoltare musica, un piccolo impianto hi-fi o una radio consuma meno.

Sul sito www.topten.be trovi una selezione dei televisori più economici.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Cosmebio

Salute: 10 consigli per proteggersi dal sole