in

Salute: 10 consigli per proteggersi dal sole

Il sole fa bene al morale e stimola la sintesi della vitamina D. Ma può essere pericoloso: provoca scottature, allergie, invecchiamento della pelle e talvolta alcuni tumori. 1 Ecco 10 consigli da seguire per proteggere la tua pelle e la tua salute dai raggi del sole, che tu sia al mare, in montagna o in giardino.
 

1. Esposizione in modo ragionevole

Evitiamo la sovraesposizione al sole, soprattutto tra le 11:00 e le 15:00 o tra le 12:00 e le 16:00 a seconda di dove ti trovi. In questa nicchia il sole è più forte. Ci mettiamo all’ombra e ci proteggiamo. Puoi cogliere l’occasione per condividere le attività all’interno, riposare nel rifugio …

È importante combinare più protezioni perché anche all’ombra si possono scottare i raggi UV. 2 La chiave è proteggere il suo “capitale solare” , la capacità della pelle di riparare i danni del sole. Dipende dal fototipo di ciascuno. Se usiamo questo capitale, il corpo non può più difendersi e la pelle diventa molto più sensibile se esposta.

2. Usa una buona protezione solare

La protezione solare è obbligatoria se ti esponi. Ma non protegge totalmente. Tra i prodotti commerciali prediligiamo i prodotti etichettati, con filtri minerali .

Scegli anche un indice di protezione corretto e segui alcune regole per utilizzare il tuo prodotto in sicurezza.

> Guarda anche il nostro video Quale crema solare ecologica scegliere per te e per il bambino?

 

3. Indossare indumenti protettivi

L’abbigliamento è una delle migliori protezioni contro il sole . Indossiamo magliette con maniche, un cappello a tesa larga o, in mancanza, un berretto. Prediligiamo trame strette e colori scuri che offrono una migliore protezione del bianco.

 

4. Proteggi i tuoi occhi

Indossiamo occhiali da sole che filtrano i raggi UVA e UVB . Gli occhi sono sensibili. Una cattiva esposizione al sole nel tempo può causare problemi come la cataratta, una condizione degli occhi che degrada la vista.

I buoni occhiali da sole portano il marchio “CE” che garantisce il rispetto dei criteri legali 3 . C’è anche un numero (da 0 a 4) che indica il potere filtrante degli occhiali  :

Categoria

Adatto a

0

Tempo nuvoloso. Sono occhiali di comfort estetico che non proteggono dai raggi UV solari.

1

Sole nebuloso, con tempo grigio o in inverno

2

Luminosità e sole nella media.

3

Alta luce come in estate, al mare, in spiaggia o per gli sport invernali.

4

Luminosità estrema: in montagna, sulla neve, per gli sport acquatici.

Le lenti larghe forniscono una protezione migliore rispetto alle forme strette. Attenzione, il vetro scuro non garantisce la protezione dai raggi UV, ma riduce l’abbagliamento. Diffidiamo anche degli occhiali fantasia per bambini che non sempre filtrano i raggi.
 

5. Abituati alla tua pelle

Non appena arriva il bel tempo, puoi prepararti all’estate con brevi mostre della durata di pochi minuti . Consentono al corpo di preparare le sue protezioni naturali: lo strato più esterno della pelle (chiamato cornea) si ispessisce e la sua produzione di melanina, un pigmento protettivo, viene aumentata.

L’abbronzatura è una risposta naturale all’aggressione del sole. Ma non è una barriera insormontabile per i raggi UV. Protegge un po ‘dai raggi UVB ma non sostituisce altre protezioni. 
 

6. Proteggi i bambini

I bambini sono più sensibili al sole degli adulti: i raggi UV attraversano la loro pelle e la danneggiano in profondità.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità indica che “l’esposizione al sole durante l’infanzia e l’adolescenza sembra creare le condizioni favorevoli alla comparsa del melanoma o di altri tumori della pelle nel corso della vita” . 4 .

I bambini sono quindi protetti con diversi tipi di protezione  : crema solare con indice SPF 50+ per le attività all’aperto, indumenti leggeri, occhiali e un cappello.

Oltre alle precauzioni generali elencate in questo articolo:

  • I bambini di età inferiore a 12 mesi dovrebbero rimanere sempre all’ombra 5 .
  • Nessuna crema solare per i bambini sotto i 6 mesi 6 .
  • Tra 1 e 3 anni possono essere scoperte solo le braccia e le gambe, ma per un breve periodo e sempre protette da un’adeguata crema solare 7 .
  • Rimani all’ombra tra le 10:00 e le 16:00.
  • Invitali a bere acqua regolarmente.
     

7. Monitorare l’indice UV

L’indice UV indica l’intensità del sole su una scala da 0 a 16. Maggiore è l’indice, maggiore è il rischio per la pelle e gli occhi e minore è il tempo necessario affinché compaia l’effetto dannoso.

L’indice varia a seconda del giorno. È più importante tra mezzogiorno e le 14:00 , è questo valore che comunicano i media. Per prepararti a una giornata sicura, controlla l’indice UV giornaliero (e le previsioni) nei media durante i mesi estivi. In Belgio, consultiamo il sito IRM.

A seconda del valore del giorno, vengono prese alcune precauzioni [8]:

Indice UV

Forza del sole

Protezione

1 a 2

Basso

Nessuna protezione necessaria

Da 3 a 5

Moderare

  • Cerca l’ombra nel bel mezzo della giornata.
  • Applica la crema solare.
  • Indossa una camicia e un cappello.

6 a 7

Alunno

8-10

Molto alto

  • Evita gli spazi aperti durante le ore più calde della giornata.
  • Rimani all’ombra in tutti i casi.
  • Camicia, cappello e crema solare essenziali.

più di 11

Estremo

Prendiamo anche in considerazione il fototipo della sua pelle (per determinarlo, vedi Soleilmalin.be). Più è basso, più sei sensibile al sole e più velocemente devi proteggerti dal sole.
 

8. Evitare reazioni con altri prodotti

Si consultano le consuete precauzioni sugli imballaggi prima dell’esposizione. Il sole cambia alcuni prodotti:

  • L’assunzione di farmaci può causare una reazione al sole. Prima di esporsi, consulti uno specialista (medico, farmacista, ecc.).
  • Alcuni profumi e ingredienti cosmetici possono causare reazioni allergiche al sole o essere fotosensibilizzanti. Sulla pelle compaiono quindi macchie permanenti. Questo è ad esempio il caso delle furocumarine.
  • Il repellente deve essere applicato 20 minuti dopo la protezione solare e solo se necessario.
     

9. Lascia il lettino

Lampade ultraviolette, cabina abbronzante, lettino solare … I loro raggi sono nocivi come quelli del sole . Per usarli è necessario indossare occhiali protettivi e rimuovere il trucco. Soprattutto, non applicare creme solari  : possono modificare i raggi del lettino sulla pelle in modo imprevedibile. Che può essere pericoloso. 9

Evitiamo il più possibile le sedute al lettino. L’ Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro classifica il lettino solare tra gli elementi più cancerogeni (insieme al tabacco e all’amianto) .10 Il Comitato scientifico per la salute e l’ambiente e i rischi emergenti conclude “che è chiaramente dimostrato che l’esposizione alle radiazioni ultraviolette (UV) da i lettini sono responsabili di vari tumori della pelle e del melanoma oculare ”.11

Ovviamente il rischio aumenta più si usa il lettino. Inoltre è più grande per le persone con la pelle chiara, con le lentiggini, per gli under 35 … Come il sole, la panchina può esporre la pelle ai raggi UV eccessivamente, la dimentichiamo per “prepararsi da sola” la pelle ” prima delle vacanze.
 

10. Idratare

Senza fare miracoli, mangiare bene e rimanere idratati prepara il corpo all’esposizione. Facciamo affidamento su buoni oli, verdure, frutta per fare il pieno di vitamine. Beviamo anche da 1,5 a 2 litri di acqua al giorno quando fa caldo.
 

– – – – – – – –

[1] Il 90% dei tumori della pelle è causato da un’eccessiva esposizione al solarium e al sole. Vedi la scheda “Cancro della pelle” della Fondazione contro il cancro.

[2] Fonte: Euromelanoma.org.

[3] Fonte: Economie.gouv.fr.

[4] Fonte: WHO.

[5] Fonte: Who.int.

[6] Fonte: Test-Achats.

[7] Fonte: Soleilmalin.be.

[8] Fonte: Cancer.be.

[9] Fonte: Soleilmalin.be.

[10] Fonte: campagna sui lettini solari dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro.

[11] Fonte: comitato scientifico per la salute, l’ambiente e i rischi emergenti.

 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Etichetta energetica per televisori

Perché scegliere stoviglie riutilizzabili o compostabili?