in

Etichette: strumenti per un consumo sostenibile?

Troppe etichette uccidono l’etichetta

Apparso nel 1978 su iniziativa del Ministero dell’Interno tedesco e su decisione del Ministero dell’Ambiente, il marchio Blauer Engel (Blue Angel) è il più antico marchio di qualità ecologica del mondo . Si trattava quindi di armonizzare le informazioni sulle proprietà ecologiche dei prodotti.

Negli anni ’80, gli Stati membri dell’UE consideravano le etichette ambientali come strumenti di incentivo per un consumo più verde. Sono così emerse diverse etichette nazionali (Milieukeur, Nordic Swan, NF Environnement, Umweltzeichen, ecc.), Ciascuna con le proprie caratteristiche e criteri.

Per limitare questa proliferazione, un’ordinanza europea del 1992 ha creato l’ Ecolabel europeo , un’etichetta unica disponibile in tutta Europa.

Insieme ai governi, i gruppi economici, ecologici, pubblicitari e di altro tipo stavano sviluppando i propri marchi ambientali, contribuendo a creare la giungla che conosciamo oggi.

Nel 1993, l’Organizzazione internazionale per la standardizzazione o ISO [1] (International Standard Organization) ha creato il comitato tecnico responsabile dello sviluppo di standard per l’etichettatura ecologica , inteso a promuovere l’uniformità e l’accuratezza delle dichiarazioni, da un lato, e la concorrenza leale dall’altro .

 

Organizzare il caos ambientale: la famiglia ISO 14000

Per attirare l’attenzione del consumatore sulle qualità ecologiche dei propri prodotti e per posizionarsi vantaggiosamente rispetto alla concorrenza, i produttori utilizzano dichiarazioni ambientali. Si tratta di indicazioni testuali (parole, espressioni, slogan) o grafiche (etichette, loghi, pittogrammi) stampate su prodotti, imballaggi e qualsiasi mezzo di comunicazione.

Lo standard ISO 14020 stabilisce i principi guida per lo sviluppo e l’uso di etichette e dichiarazioni ambientali. È inteso per essere utilizzato insieme ad altri standard applicabili nella serie ISO 14020, inclusi ISO 14024, 14021 e TR 14025, che saranno discussi di seguito.

Uno standard è “un documento che definisce requisiti, specifiche, linee guida o caratteristiche da utilizzare sistematicamente per garantire l’idoneità allo scopo di materiali, prodotti, processi e servizi. […] Gli standard internazionali garantiscono prodotti e servizi sicuri, affidabili e di buona qualità. “[2]

 

Etichettatura e marcatura ambientale

L’ISO determina tre tipi di dichiarazioni e contrassegni ambientali.

1. Etichette ufficiali, nazionali o sovranazionali (tipo I)

Le etichette Nordic Swan, Blauer Engel, NF Environnement, ecc. così come l’Ecolabel europeo sono marchi di qualità ecologica ufficiali, nazionali o sovranazionali, avviati da autorità (ministero, Commissione europea, ecc.), controllati da terzi. Sono conformi allo standard ISO 14024 che disciplina l ‘”etichettatura ambientale di tipo I”.

Si tratta di etichette multicriterio che coprono l’intero ciclo di vita del prodotto, dall’estrazione delle risorse allo smaltimento a fine vita, compresa la produzione, la distribuzione e l’uso . Stiamo parlando dell’etichettatura ecologica. Adottato dal Global Ecolabelling Network (GEN) [3], lo standard ISO 14024: 1999 determina le categorie di prodotti interessati, i criteri ambientali, le caratteristiche funzionali del prodotto, i metodi di valutazione, la prova di conformità e la certificazione per l’assegnazione dell’etichetta. I criteri ambientali rispondono a comprovati principi scientifici e tecnici e si basano su indicatori misurabili. La trasparenza è essenziale in tutte le fasi e tutte le parti interessate devono avere accesso a tutte le informazioni per poterle controllare. Al termine di un periodo di validità predefinito, vengono rivalutati i criteri ambientali e le caratteristiche funzionali del prodotto.

Ottenere un’etichetta di tipo I è un processo volontario intrapreso da un produttore. Un prodotto potrà ottenerlo solo se è conforme alla legislazione ambientale e ad altri requisiti legali applicabili. L’etichetta non influisce su un marchio o su un’intera gamma di prodotti di un produttore, ma solo su un prodotto alla volta. Pertanto, in un marchio di prodotti per l’igiene, possiamo trovare un solo shampoo con il marchio europeo di qualità ecologica, mentre la gamma comprende dieci prodotti diversi.

Esistono altre etichette ufficiali come la foglia biologica europea e le varianti nazionali che vediamo associate ad essa.
Queste etichette sono conformi alle normative EC 834-2007 e EC 889-2208 che definiscono l’agricoltura biologica.

Infine, anche se non vengono avviate dalle autorità governative, alcune etichette sono assimilati dall’Europa per tipo I etichette . Pertanto, Natureplus non è stato avviato da un governo o da un ministero, ma da un gruppo commerciale nel settore delle costruzioni. Tuttavia, le sue caratteristiche, soprattutto dopo il miglioramento dei criteri nel 2011, lo portano ad essere paragonabile a un tipo 1. FSC e PEFC sono le uniche etichette qualitative e trasparenti a qualificare il legno. Sono considerate etichette di tipo I.

 

2. Autodichiarazioni ambientali (tipo II)

Le autodichiarazioni ambientali sono rivendicazioni volontarie, non certificate da una terza parte indipendente , apposte su un prodotto, imballaggio, mezzo di comunicazione, ecc. da qualsiasi persona che possa trarne vantaggio (produttore, distributore, importatore, inserzionista, ecc.). Sono di esclusiva responsabilità di chi li progetta. Queste affermazioni possono essere formulate sotto forma di testo, immagini, loghi o pittogrammi che comunicano un messaggio sugli attributi ecologici di un prodotto. In particolare si troveranno qui i termini “compostabile”, “biodegradabile”, “riciclabile”, i loghi e gli slogan emessi dai produttori. Tutte le autodichiarazioni ambientali non sono uguali, il peggio incontra il meglio, ed è in questa categoria che troveremo molti esempi di greenwashing.

È anche in questa categoria di “tipo II” che si trova la maggior parte delle etichette indossate dai prodotti di consumo quotidiano. Marchi collettivi privati (Nature & Progrès, Cosmebio, Fairtrade, ecc.) O individuali (Biotime de Colruyt, Bio de Delhaize, OK Compost, ecc.), Sono concessi da gruppi settoriali, associazioni di imprese, raggruppamenti di interesse ecologico, ecc. Non hanno il carattere “ufficiale” delle etichette di tipo I.

La proliferazione di questo tipo di etichetta sul mercato non facilita la scelta del consumatore. Alcuni offrono dei veri vantaggi ecologici, ma è difficile separare il grano dalla pula, da un lato, e confrontare le etichette relative alla stessa categoria di prodotti, dall’altro, a meno che non si sbuccia scrupolosamente il prodotto. . Così, di fronte ai cosmetici etichettati rispettivamente Nature & Progrès, BDIH, Demeter e Cosmébio Bio, i consumatori troveranno difficile, alla sola vista delle etichette, rispondere alla domanda fastidiosa “qual è il più rispettoso dell’ambiente?” “.

Anche la filosofia è coinvolta e il confronto delle etichette è delicato come il confronto tra mele e pere. Nature & Progrès ha infatti sviluppato una carta dell’agricoltura biologica, Demeter integra i principi della biodinamica, BDIH limita rigorosamente la percentuale organica di idrosol alla sola presenza di molecole di oli essenziali, mentre Cosmebio, pur essendo qualitativo, è meno rigoroso e quindi mostra percentuali più elevate di ingredienti biologici.

 

Per regolamentare le autodichiarazioni, promuovere la trasparenza, informare i consumatori e promuovere un corretto posizionamento dei produttori sul mercato, ISO ha sviluppato lo standard ISO 14021: 1999 . Offre una guida all’autodichiarazione ambientale che evita le insidie ​​del greenwashing richiamando i principi generali di pertinenza, onestà e accuratezza che ogni autodichiarazione ambientale dovrebbe rispettare. L’NBN sottolinea giustamente che uno standard “non è una legge , ma viene applicato volontariamente da tutte le parti interessate: produttori, fornitori, clienti o anche fornitori di servizi. Tuttavia, in alcuni casi può essere imposto il rispetto della norma  ”. Le autorità pubbliche possono, in leggi o regolamenti, fare riferimento a uno o più standard. Ad esempio, è stabilito dal regio decreto che “il produttore che appone un’indicazione ambientale su un prodotto da costruzione si assicura che sia conforme alla norma NBN EN ISO 14021” [4].

 

3. Eco-profili (tipo III)

Questa marcatura consiste nel visualizzare le prestazioni di un prodotto rispetto ai suoi impatti ambientali (CO2, effetto serra, consumo di acqua, rifiuti, ecc.) Sulla base di un’analisi del ciclo di vita ( LCA ). Si tratta di dati quantitativi presentati sotto forma di grafico , talvolta accompagnati da informazioni qualitative.

 

 

L’eco-profilo tende a guadagnare terreno, principalmente nella comunicazione interaziendale. Mappa le prestazioni ambientali di un prodotto in un istante T. Questi dati facilitano un confronto visivo con prodotti della stessa gamma. Aggiornati regolarmente, consentono di monitorare i cambiamenti nelle prestazioni del prodotto e gli sforzi ambientali di un produttore. Detto questo, affinché questi dati siano validi, oggettivi e comparabili tra prodotti con la stessa funzione, dovrebbero idealmente soddisfare i requisiti della stessa norma, la ISO 14025: 2006 . La conformità a questo standard implica la verifica indipendente di tutti i dati utilizzati, inclusa la LCA e la predeterminazione dei parametri di analisi. Il documento prodotto è una “dichiarazione”, gestita da una società o un gruppo di società, un settore industriale o un’associazione professionale, autorità pubbliche, enti governativi o un ente scientifico indipendente. Sempre nell’ottica dell’omogeneità e comparabilità settoriale, le dichiarazioni di tipo III sono soggette a un rigoroso controllo da parte delle parti interessate e sono diffuse di pubblico dominio tramite i registri nazionali.

 

In generale, a parte l’etichetta energetica, il profilo ecologico non è molto significativo per i consumatori, il che probabilmente spiega il suo minore impatto sul mercato dei consumatori. D’altra parte, gli ecoprofili conformi alla norma ISO 14025 si dimostrano buoni strumenti di confronto per l’acquirente pubblico che deve fare una scelta consapevole tra prodotti distinti nell’ambito di un mercato ecologico. È il caso dell’etichetta energetica , che per di più è diventata una marcatura obbligatoria .

 

Tre piccole etichette e poi via?

Insomma, per consumare “verde”, il consumatore che ha fretta di andare sul sicuro senza tante storie si affiderà alle ecoetichette ufficiali . Fornendo una solida base di criteri e controllo di terze parti, vengono applicati a molti prodotti di cui tengono conto dell’intero ciclo di vita. Sebbene tutte ufficiali, alcune etichette sono, a seconda delle linee di prodotto considerate, più impegnative di altre. Inoltre, le etichette di tipo II a volte vanno oltre alcune etichette ufficiali . Questo è particolarmente vero per i prodotti per l’igiene per quanto riguarda il marchio di qualità ecologica europea, che è meno rigoroso di altri. In ogni caso, ai consumatori sarà sempre consigliato di avvicinarsi alle auto-segnalazioni con la massima cautela e di cercare informazioni da una fonte di informazione neutra.

Mostra anche quanto sia importante la nozione di fiducia per quanto riguarda l’etichettatura dei prodotti. Tutti ricordano i recenti scandali della presenza di carne di cavallo nei pasti preparati che non avrebbero dovuto contenerla. Inoltre, tutto ciò che è soggetto a regolamentazione è prima o poi oggetto di voci, dubbi, se o meno, e violazioni. Tuttavia, se per caso un produttore biologico ha la sua approvazione ritirata, è semplicemente necessario considerare che i controlli stanno funzionando bene , che è il valore del sistema piuttosto che pensare “tutto marcio”. In un altro ambito è interessante notare che il valore etico di alcune etichette, come testimonia il caso emblematico di Max Havelaar di alcuni anni fa, può essere messo in discussione quando nessuno mette in dubbio chiaramente le condizioni di produzione inaccettabili da prodotti senza etichetta. Questo ci porta a mettere in discussione i nostri modelli di consumo perché in definitiva, tenendo conto delle etichette affidabili e immaginando che offrano tutte le garanzie che si possono sognare, sono comunque i garanti di un consumo sostenibile?

 

Fare a meno delle etichette?

Possiamo scegliere di acquistare commercio ecologico, biologico ed equo perché è meglio per la salute, il pianeta e i produttori. Se non facciamo più domande, corriamo il rischio di deviare dai principi dello sviluppo sostenibile. In effetti, ha senso consumare zucchine biologiche a febbraio? vengono dall’Italia, anche più lontano. In attesa dell’estate e delle zucchine belghe, in un corto circuito, mangiamo altre verdure locali e di stagione!

Negli alimenti si può facilmente “mangiare sano” e ridurre la propria impronta ecologica senza passare per prodotti biologici etichettati, favorendo ad esempio una sana produzione casalinga, cortocircuiti e una buona conoscenza dei produttori e dei loro metodi di produzione. In altri ambiti puoi alleggerire la tua impronta scegliendo il “fai da te” (fai da te): prodotti per la pulizia della casa e cosmetici realizzati con ingredienti semplici, di origine controllata, per esempio. Acquista indumenti “puliti”, mobili in legno durevoli, carta per fotocopie senza cloro garantita, elettrodomestici ad alta efficienza energetica, ecc. è più complicato. Senza le etichette, sarebbe difficile formarsi un’opinione sulle qualità ecologiche e sociali dei prodotti . Detto questo, è sufficiente consumare in modo sostenibile?

 

Etichetta di affare

La ricerca e la scelta di prodotti ecologici sono una componente importante del ruolo del consumatore in quanto favorisce un’offerta più sostenibile. Il consumatore è quindi una leva di cambiamento , può influenzare le autorità a legiferare a favore del rispetto dell’ambiente e i produttori a produrre secondo queste nuove normative.

Tuttavia, i consumatori spesso vogliono essere guidati nelle loro scelte e i distributori stanno quindi mettendo in testa alla gondola prodotti presentati come più ecologici, a torto oa ragione. Non sarebbe dannoso lasciare che siano produttori e distributori a scegliere per noi? Da un lato questo rischia di ridurre l’offerta ai soli prodotti che la distribuzione sceglie, secondo criteri poco trasparenti e ad essi specifici. D’altra parte, il consumo sostenibile non riguarda solo l’oggetto del nostro consumo ma anche il nostro modo di consumare . Pertanto, il consumo biologico ed ecologico è in aumento. Quello che prima era solo una piccola area di vendita collegata a un sito di produzione e trasformazione diventa finalmente un grande magazzino come un altro, con la differenza che vende “solo cibo biologico e biologico. Ecologico”. Ciò semplifica la vita ai consumatori che possono acquistare con gli occhi chiusi. E i carrelli della spesa da riempire, come in un normale supermercato, con tutti i tipi di prodotti crudi o preparati, anche sovraimballati. Questo iperconsumo etichettato è un consumo sostenibile?

Alla fine, il consumatore non cambia il modo in cui opera. Continua ad acquistare senza porsi la domanda del suo impatto su risorse, rifiuti, ecc. I biscotti a base di olio di palma biologico e del commercio equo e solidale sono visti come “buoni per la salute” perché sono biologici. Biologico o no, l’olio di palma non è un ingrediente salutare. Inoltre, anche le piantagioni “biologiche e sostenibili” rimangono un problema: monocoltura, deforestazione, perdita di biodiversità, spostamento delle popolazioni. I grandi gruppi agroalimentari, attraverso un’abile comunicazione, rafforzano la nostra idea di lavorare per lo sviluppo sostenibile e ci sollevano dalla responsabilità delle scelte. L’essere umano è così fatto che andrà generalmente nella direzione della struttura, del minor costo comportamentale per non cambiare troppo le sue abitudini di consumo. In questo caso specifico, nascondersi dietro un’etichetta è chiaramente un piccolo accordo con la propria coscienza.

 

Consumo sostenibile: etichetta e buon senso

La moralità, le etichette e altri marchi ambientali sono preziosi strumenti decisionali per gli acquisti verdi . Tuttavia, non sollevano il consumatore dalle sue responsabilità . Resta da manovrare per arbitrare le sue scelte risolutamente ponderate e multicriteri, nel più ampio contesto dello sviluppo sostenibile.

Etichetta o no, per consumare in modo sostenibile , valgono ancora le regole d’oro dell’ecoconsumo:

  • pensa prima di acquistare (quali sono le mie reali esigenze?),
  • scegliere il prodotto migliore in base alle mie esigenze e ad altri parametri ambientali, sanitari e sociali (le etichette possono intervenire a questo livello),
  • utilizzare i prodotti in modo razionale evitando gli sprechi,
  • gestire adeguatamente il fine vita del prodotto e gli eventuali residui (raccolta differenziata, raccolta differenziata, ecc.).

Si tratta anche di consumare meno e meglio entro

  • promozione dei prodotti locali e dei cortocircuiti ,
  • opposizione al consumismo , antitesi delle nozioni di conservazione delle risorse e giustizia sociale che sono alla base dello sviluppo sostenibile
  • combinando altri modi di consumo come l’ ecoefficienza , l’ economia circolare e l’ economia funzionale .

L’informazione neutra, la consapevolezza e la consapevolezza del consumatore rimangono più che mai al centro dei necessari cambiamenti nell’atteggiamento nei confronti del consumo.

 

Risorse ecocompatibili

La campagna 2015:

  • Non ci lasciamo ingannare! Etichette sotto la lente d’ingrandimento

Opuscoli:

  • Etichette al microscopio – Una guida alla pulizia per gli eco-consumatori
  • Etichette senza problemi
  • E se consumare meglio facesse la differenza?

File:

  • Quando la pubblicità dei prodotti per la pulizia diventa più verde

Fogli di suggerimenti:

  • Una selezione di schede con consigli su etichette, loghi e pittogrammi

 

[1] L’ISO (International Standard Organization) è un’organizzazione non governativa e senza scopo di lucro, creata nel 1947, composta da 163 membri, organismi nazionali di normalizzazione di 166 paesi. Il Segretariato centrale ha sede a Ginevra. Il Bureau de Normalization (NBN), l’organismo nazionale responsabile della produzione e della pubblicazione delle norme, rappresenta il Belgio lì. Quando i risultati del lavoro vengono pubblicati come standard internazionali ISO, i membri ISO possono adottarli come standard nazionali e tradurli.

[2] Uno standard ISO è un consenso globale sullo stato delle conoscenze in un dato campo. Le regole stabilite dall’ISO rappresentano quindi una garanzia di fiducia del consumatore. http://www.iso.org/iso/fr/home/standards.htm

[3] Il Global Ecolabelling Network (GEN) è la federazione internazionale delle organizzazioni di etichettatura ecologica

[4] 22 MAGGIO 2014. – Regio Decreto che fissa i requisiti minimi per l’esposizione ambientale sui prodotti da costruzione e per la registrazione delle dichiarazioni ambientali di prodotto nella banca dati federale – art. 3. § 1. 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Dovremmo imparare di nuovo a usare l’elettricità?

Quale sistema di riscaldamento scegliere?