in

Prodotti per lavastoviglie

Una famiglia belga su due possiede una lavastoviglie, apprezzata per il risparmio di tempo, i risultati di pulizia e l’eliminazione delle noiose faccende domestiche.

La scelta delle stoviglie della macchina non è incompatibile con il rispetto dell’ambiente perché le lavastoviglie sono sempre più efficienti dal punto di vista energetico e idrico. Secondo Topten, le lavastoviglie più efficienti consumano tra 0,63 e 0,93 kWh / ciclo. Una lavastoviglie più vecchia può consumare 1,2 kWh / ciclo, che è all’incirca la quantità di energia necessaria per riscaldare 35 litri di acqua da 15 a 40 ° C. Inoltre, le lavastoviglie recenti consumano dai 7 ai 10 litri di acqua per ciclo, contro i 40-70 litri per il lavaggio a mano di una quantità equivalente di stoviglie. Vedi schede n ° 13: “Etichetta ecologica europea per lavastoviglie”, n ° 14: “Lavastoviglie e ambiente” e n ° 15: “Lavaggio a mano”.

Tra i fattori che influenzano l’impatto ecologico delle stoviglie, sono importanti la quantità e la composizione dei prodotti utilizzati, nonché la quantità di rifiuti generati. La buona notizia è che ci sono prodotti più rispettosi dell’ambiente e la lavastoviglie ne utilizza una quantità molto ridotta.

La lavastoviglie richiede l’utilizzo di tre diversi prodotti:

  • un detergente per sgrassare e macchiare;
  • brillantante per asciugare e lucidare le stoviglie;
  • un sale rigenerante per ricaricare il sistema anticalcare.

Detergente

Lavare i piatti comporta associare un’azione chimica (quella del detersivo) ad un’azione meccanica (quella della spugna che strofina). Quando le stoviglie sono cotte in lavatrice, l’azione meccanica è ridotta alla proiezione di acqua e deve essere compensata da un’azione chimica più potente. Per questo i detersivi per lavastoviglie hanno una composizione più complessa, aggressiva e inquinante. È necessario evitare di metterli a contatto con la pelle che possono irritare e bruciare. Alcuni consigli di prudenza sono utili:

  • non utilizzare detersivi per lavastoviglie per lavare i piatti a mano o per lavarsi le mani;
  • conservarli e maneggiarli fuori dalla portata dei bambini;
  • non mescolarli mai con altri prodotti per la pulizia: i loro composti possono reagire e rilasciare improvvisamente gas pericolosi.

Nessun prodotto chimico è innocuo, ma alcuni prodotti per lavastoviglie sono meno dannosi per l’ambiente di altri.

Concentrato senza candeggina a base di cloro

Scegliamo un prodotto concentrato: questo ha un’efficienza paragonabile a quella di un detergente convenzionale ma richiede dosaggi inferiori; ci sono quindi meno rifiuti di imballaggio e meno scarichi inquinanti in acqua. Poiché i pacchi sono più piccoli, si risparmia in termini di trasporto (ne mettiamo di più per camion) e sono più facili da gestire. Come riconoscerli? le compresse sono sempre concentrate, le polveri generalmente non sono tranne i prodotti ecologici. Insomma, il peso della dose utile per lavaggio è di circa 20 g.

Tra i concentrati prediligiamo prodotti senza candeggine clorurate.

C’è un modo per fare ancora meglio privilegiando prodotti la cui composizione è ecologica.

Composizione ecologica

I detersivi per lavastoviglie più ecologici sono prodotti concentrati, senza fosfati, senza policarbossilati, senza fosfonati, senza candeggina a base di cloro. D’altra parte, conterranno percarbonato di sodio, carbonato di sodio e bicarbonato, tensioattivi di origine vegetale, enzimi.

È anche possibile sostituire metà o tutta la dose di prodotto con cristalli di soda. Per piatti ancora più ecologici.

Polvere, gel o compresse?

Nella configurazione separata con sale rigenerante, detersivo e brillantante, l’efficacia di polveri e pastiglie è equivalente. In termini di dosaggio e perdita di prodotti durante la manipolazione, le compresse rappresentano la migliore soluzione. Inoltre, sono sempre concentrati. Preferibilmente saranno scelti non confezionati singolarmente, oppure in film idrosolubile e biodegradabile, al fine di evitare sprechi di plastica. Sebbene pratiche, le dosi individuali rendono difficile ridurre il dosaggio e questo a volte causa spreco. Detto questo, per piatti leggermente sporchi, puoi sempre provare a rompere uno scaffale a metà.

I banchi prova sono più divisi sull’efficacia di gel e liquidi, soprattutto perché è difficile dosarli con precisione, a meno che non si disponga del sistema di dosaggio ad hoc o si utilizzi un sistema di riferimento (un tappo, un piccolo contenitore riservato a questo utilizzo ) e identificare, mediante test, la dose minima efficace. Bisogna soprattutto resistere alla tentazione del sovradosaggio: rischio di tracce di prodotto, stoviglie danneggiate e maggiore impatto ambientale e finanziario. La sostituzione del detersivo per stoviglie con detersivo per stoviglie a mano dovrebbe essere evitato, poiché quest’ultimo produrrebbe una sovrabbondanza di schiuma e la macchina traboccerebbe.

Brillantante

Aiuta le stoviglie ad asciugarsi, elimina le macchie d’acqua e conferisce alle stoviglie un aspetto brillante. È composto da acqua, tensioattivi, acido, alcool ma anche conservanti e talvolta profumo. Possiamo discutere l’importanza di avere piatti profumati, soprattutto perché si tratta molto spesso di fragranze artificiali, le cui tracce verranno ingerite giorno dopo giorno con il cibo.

Esistono liquidi di risciacquo i cui componenti sono più rispettosi dell’ambiente: acido citrico, tensioattivi di origine vegetale, etanolo. Per quanto riguarda il detersivo, sceglili in confezioni grandi, è più economico e genera meno rifiuti di imballaggio. In quanto tale, il marchio di qualità ecologica europea è apposto sui prodotti con un impatto ambientale limitato, compreso l’imballaggio.

E ‘possibile evitare l’uso di brillantanti: in questo caso le stoviglie possono rimanere bagnate e necessitano di essere asciugate. Infine, alcuni utenti di lavastoviglie sono felici con l’aceto invece del brillantante.

La quantità richiesta per piatto viene prelevata automaticamente dalla macchina. A seconda della durezza dell’acqua, occorre prestare attenzione ad aggiustare la dose prelevata per evitare di consumarla inutilmente o di ottenere risultati insoddisfacenti.

Sali rigeneranti

Hanno lo scopo di rigenerare, dopo ogni pietanza, le membrane a scambio ionico dell’addolcitore d’acqua integrato nell’apparecchio. L’addolcimento dell’acqua previene i depositi di calcare sulle stoviglie.

Scegliamo un sale in granuli, destinato a questo utilizzo e venduto in confezioni monomateriche, preferibilmente in carta e cartone. I prodotti più economici vanno bene. Sebbene la composizione sia cloruro di sodio, la stessa del sale da cucina, la particolare granulometria del sale per lavastoviglie ne impedisce uno scioglimento troppo rapido. Va prestata attenzione al rabbocco periodico, essendo il suo consumo da parte della macchina legato alla durezza dell’acqua.

Tre in uno prodotti

Questi prodotti si presentano come pastiglie che integrano la funzione di lavaggio, sale rigenerante e liquido di risciacquo. Apparentemente sono più rispettosi dell’ambiente rispetto al loro equivalente della stessa marca in tre componenti separati. Si tratta infatti di prodotti concentrati e poiché i tre prodotti sono integrati in un tablet, si guadagna in termini di packaging e inquinamento dovuto al trasporto. Tuttavia, i test di efficacia non discutono a loro favore. In effetti, così pochi di loro danno piena soddisfazione in termini di smacchiatura, la scarpa pizzica soprattutto in termini di asciugatura: le stoviglie a volte mostrano tracce o rimangono bagnate. È quindi necessario aggiungere brillantante! In caso di acqua dura è necessario aggiungere anche sale rigenerante… non proprio economico o ecologico ma la tendenza sarebbe quella di migliorare. Da continuare, quindi, tenendo conto che alcune marche di lavastoviglie sconsigliano l’uso di prodotti 3 in 1 perché a volte sono presenti tracce di calce. Provaci. Alcuni consumatori ne sono abbastanza soddisfatti.

Tutti questi prodotti devono essere usati con cautela e tenuti fuori dalla portata dei bambini. In caso di incidente, contattare il Centro antiveleni: 070245245.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Articolo inutile del mese: il dispenser di lozione antisettica con telecamera di sorveglianza

1, 2, 3, gestisco i miei rifiuti nel miglior modo possibile!