in

Come diventare un collaboratore in una cooperativa di cittadini?

Le cooperative di cittadini stanno creando alternative concrete: turbine eoliche cittadine, agricoltura locale sostenibile, supermercato cooperativo, consegne di biciclette, car sharing, stampa indipendente, ecc.

> Non hai ancora scelto in quale cooperativa di cittadini investire? Ci sono molte idee nel nostro articolo: 5 motivi per investire in una cooperativa di cittadini

Queste cooperative non sono niente senza i cittadini che credono nel loro progetto e decidono di investire in esso. E a volte anche, per investirci in modo più personale.

Ecco come diventare un collaboratore:

  • Per prima cosa, informati
  • Scegli il tipo e il numero di condivisioni
  • Registrati ed effettua il trasferimento
  • Possiamo riavere i nostri soldi?

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –
 

Per prima cosa, informati

Hai sentito parlare di un grande progetto cooperativo e vuoi partecipare. Eccellente. La prima cosa da fare è controllare se ci sono quote sottoscrivibili: in alcune cooperative si possono prendere quote in qualsiasi momento, altre raccolgono fondi più occasionalmente.

Poi, prendiamo nota di tutti i documenti: oggetto sociale, status, operazione … Prendere quote di una cooperativa, anche per un importo esiguo, rimane un investimento finanziario e c’è sempre il rischio di perdere denaro.

Impariamo anche in dettaglio sull’operazione . In alcune cooperative, il loro investimento è limitato all’acquisto di azioni e alla partecipazione a un’assemblea generale all’anno. In altri, la partecipazione attiva fa parte del progetto. Ad esempio, partecipando ai lavori della vigna e vendemmia per una cooperativa che produce vino.

Scegli il tipo e il numero di condivisioni

Le cooperative possono offrire diversi tipi di azioni denominate con lettere, ad esempio azioni A per i fondatori, azioni B per chiunque sia interessato a investire nella cooperativa come persona fisica, azioni C per persone giuridiche, azioni D per investitori istituzionali …

La quantità di unità in ciascuna classe può essere diversa. Ad esempio, Crédal offre cinque tipi di azioni (e solo le azioni C danno diritto a un possibile dividendo massimo del 2,5% lordo):

  • Parte B1 Builder a 100 €
  • Partner Parte B2 a 25 €
  • Unità Investor C1 a 500 €
  • Parte C5 Imprenditore a € 2.500
  • Parte C5 Domino a 10 € / mese

Quando vuoi diventare un collaboratore, il tipo di azione e il suo prezzo sono sempre specificati .

Il prezzo unitario delle azioni è molto variabile  : ad esempio 20 € alla NewB (banca cooperativa), 50 € al Coursier Wallon (consegna biciclette) o Tchak! (revisione del paese e del cittadino) o € 250 a Nosse Moulin (installazione e funzionamento di turbine eoliche).

In alcune cooperative diventi socio con una sola quota, in altre devi comprarne diverse. E c’è un importo massimo che può essere investito in una cooperativa: generalmente 5.000 euro. [1]

Registrati ed effettua il trasferimento

Una volta che sei ben informato e deciso, è semplice: compila un modulo online o cartaceo con i tuoi dati di contatto. Una volta convalidato il modulo, effettuiamo un trasferimento corrispondente al numero di unità che vogliamo acquisire.

Possiamo riavere i nostri soldi?

, possiamo recuperare i soldi che abbiamo investito in una cooperativa. Ma le modalità sono molto variabili. Questa è una delle condizioni da leggere con attenzione!

In ogni caso, non puoi mai recuperare più di quanto hai investito (a differenza delle azioni che hanno un prezzo variabile, al ribasso o al rialzo). E non si ha mai la certezza di recuperare tutti i soldi investiti: tutto dipende dalla solidità finanziaria della cooperativa al momento della richiesta.

 


[1] In precedenza una cooperativa che consentiva un investimento di oltre 5000 € per collaboratore doveva pubblicare un prospetto per essere approvato dalla FSMA (l’autorità finanziaria), che generava costi considerevoli, nell’ordine di 10.000 €. La normativa è cambiata e le cooperative possono pubblicare una nota informativa (non presentata alla FSMA) in modo che non ci sia limite all’importo investito dal collaboratore.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

Eco-consumo per risparmiare: un’animazione Green For Life

Perché e come consumare meno zucchero?