in

Impronta di carbonio americana media

Qual è l’impronta di carbonio media di un americano?


Ora sappiamo che ognuno di noi sul pianeta sta contribuendo ai danni del pianeta, ma in che misura?

Approfondiremo questo aspetto più in dettaglio di seguito, ma i nostri clienti hanno già ridotto significativamente la loro impronta di carbonio passando alle energie rinnovabili.

Quanta CO 2 produce l’americano medio?

Può essere sorprendente apprendere che, indipendentemente dal reddito, il cittadino americano medio non sembra scendere al di sotto di una certa soglia di emissioni di CO 2 . Perché?

Gli Stati Uniti sono così grandi che il pendolarismo quotidiano, i viaggi d’affari e più necessità quotidiane per l’americano medio causano indirettamente un rilascio di CO 2 , sia che si tratti di utilizzare autobus, aerei e barche per trasportare persone o semplicemente assumere la forza lavoro necessaria per costruire nuove strade o edifici pubblici.

Un importante studio del 2007 [1] condotto dal Massachusetts Institute of Technology ha valutato le emissioni di CO 2 americane medie . Questo studio consisteva in interviste dettagliate sull’uso di energia di 18 stili di vita, da un bambino di 5 anni a un buddista praticante. Lo studio ha rilevato che le emissioni medie annue di anidride carbonica per americano erano di 20 tonnellate metriche scioccanti , rispetto a una media mondiale di 4 tonnellate . La media mondiale è meno della metà della quantità di emissioni di carbonio più basse di chiunque altro negli Stati Uniti, ovvero 8,5 tonnellate.

Cos’è l’impronta di carbonio umana?

Un’impronta di carbonio è il totale delle emissioni di gas serra (GHG) causate direttamente e indirettamente da individui, eventi, prodotti e organizzazioni.

Viene calcolato sommando le emissioni che risultano da ogni fase della vita di un prodotto o servizio. Per i prodotti fisici, questo lasso di tempo inizia dal punto di produzione e fabbricazione del materiale e arriva fino alla fase di utilizzo e all’eventuale smaltimento a fine vita. Durante il ciclo di vita di ogni prodotto, possono essere emessi diversi gas serra, come metano o protossido di azoto. Continuando ad acquistare queste società e prodotti che emettono gas a effetto serra, contribuiamo al problema generale.

La tua impronta di carbonio è calcolata da tutto ciò che usi, acquisti o influenzi.

Chi ha la maggiore impronta di carbonio?

Uno studio condotto nel 2017 ha mostrato che la Cina era il più alto emettitore di anidride carbonica cumulativa [2]. L’impronta di carbonio della Cina è relativamente alta e l’aria che respirano è di qualità preoccupante. Sfortunatamente, l’uso cinese di combustibili fossili ha continuato ad aumentare man mano che vengono costruite sempre più fabbriche per tenere il passo con la domanda globale di produzione.

In questo stesso studio, sotto la Cina c’era:

  • Gli Stati Uniti hanno rilasciato 4,8 gigatonnellate metriche di CO 2
  • India, con 2,2 gigatonnellate
  • Russia con 1,5 gigatonnellate
  • Giappone con 1,1 gigatonnellate

Vale la pena notare che, dopo il Giappone, ogni paese è arrivato a meno di 1 gigatone annuale, con la maggior parte dei paesi che emette meno di 0,5 gigatonnellate.

Quale paese ha l’impronta di carbonio più bassa?

È stato notato che Tuvalu, un microstato in Polinesia, ha l’impronta di carbonio più bassa del pianeta, attualmente a zero. Va detto che questa piccola isola ospita solo 12.000 persone, ma fanno molto affidamento sull’energia solare ed eolica, che favorisce il loro progresso come paese a zero emissioni di carbonio.

Quanto non mangiare carne riduce la tua impronta di carbonio?

Un modo abbastanza semplice ma efficace per ridurre la propria impronta di carbonio è eliminare la carne dalla propria dieta. I risultati del National Household Food Acquisition and Purchase Survey 2013 [3] hanno rilevato che le industrie che producono prodotti a base di carne (principalmente pollo, pesce, manzo e maiale) rappresentavano il 30% dei GHGE settimanali medi delle famiglie, la quota maggiore di qualsiasi industria alimentare .

Nell’odierna industria agricola, molte vacche vengono allevate anche tramite inseminazione artificiale [4]. Questo viene fatto per risparmiare denaro, migliorare i tassi di concepimento e garantire che determinati tratti comportamentali vengano allevati nei vitelli.

Le proteine ​​animali hanno un’impronta di carbonio per caloria maggiore rispetto a cereali, legumi o verdure a causa della trasformazione inefficiente dell’energia vegetale in energia animale. Inoltre, il metano che viene rilasciato dalla gestione del letame bovino è stato collegato al rilascio di metano in innumerevoli studi scientifici. In breve, non solo l’inseminazione artificiale e la sovrappopolazione delle mucche e i successivi livelli di metano danneggiano lo strato di ozono, ma riguardano anche il modo in cui vengono trasportati fino a noi.

Per mettere le cose in prospettiva, optare per un pasto vegetariano un giorno alla settimana potrebbe far risparmiare l’equivalente di carbonio di una guida di 1.160 miglia all’anno .

Dipende anche da quali carni si riducono, poiché alcuni prodotti animali sono più ad alta intensità di gas serra di altri. La carne rossa è circa il 150% in più ad alta intensità di GHG rispetto al pesce o al pollo, quindi se ritieni di non voler davvero rinunciare alle tue proteine ​​animali, è possibile scegliere con saggezza in modo da ridurre il più possibile la tua impronta.

Quali sono i 5 modi per ridurre la tua impronta di carbonio?

È facile lasciarsi sopraffare dalla gravità della situazione, ma ci sono tanti semplici e facili cambiamenti che possiamo attuare, a partire da oggi:

  1. Passa a un’azienda di energia pulita che lavora con energia verde e rinnovabile . Lavorare con aziende che utilizzano energia idroelettrica, solare o, in particolare, eolica è un modo efficace per ridurre la tua impronta di carbonio. Devi prendere la decisione di farlo – non puoi aspettare che il tuo fornitore di energia lo faccia per te. Fortunatamente, è facile e veloce, quindi fai clic qui per iniziare a fare il passaggio alle energie rinnovabili oggi.
  2. Mangia poco nella catena alimentare . Questo è stato toccato in precedenza, ma vale la pena considerarlo se sei preoccupato per la tua impronta di carbonio. Ogni giorno in cui rinunci a carne e latticini, riduci la tua impronta di carbonio di 8 libbre, pari a 2.920 libbre all’anno.
  3. Non comprare fast fashion . Questo sembra essere diventato di recente in primo piano nelle nostre conversazioni, ma non è certo un problema nuovo. Anche i capi di abbigliamento di scarsa qualità e realizzati rapidamente vengono smaltiti rapidamente. Questi capi di abbigliamento riempiono le discariche, si decompongono e producono metano. C’è anche il trasporto di questo abbigliamento da considerare; la maggior parte dei rivenditori di abbigliamento a buon mercato ha fabbriche in paesi come Cina, India e Bangladesh, che richiedono una significativa combustione di combustibili fossili per la spedizione negli Stati Uniti.
  4. Riduci l’assunzione di plastica monouso . Ciò include cose come posate di plastica, imballaggi per cosmetici, sacchetti per la spesa in plastica, bottiglie di plastica per bere, tazze da caffè e imballaggi intorno ai prodotti alimentari freschi. Portando i tuoi sacchetti riutilizzabili per la spesa, acquistando frutta e verdura sfusa e bevendo da una fiaschetta invece di comprare una nuova bottiglia d’acqua ogni volta, creerai notevoli cambiamenti nel modo in cui consumi la plastica. Questi sono tutti piccoli cambiamenti realizzabili, ma possono davvero aiutare ad avere un impatto, inoltre, se tutti apportassero piccoli cambiamenti come questi, pensa alla differenza che potrebbe essere fatta.
  5. Guida di meno . Se puoi, prendi in considerazione la possibilità di andare in bicicletta o camminare in luoghi in cui di solito guidi. Non solo questo sarà un investimento per la tua salute, ma ti farà anche risparmiare denaro a lungo termine, ridurrà l’uso di auto e trasporti pubblici e ti aiuterà a rimanere in buona salute, il che farà risparmiare molto sull’angoscia e le spese mediche in più tardi nella vita!

Cos’è una buona impronta di carbonio?

La media globale è di 4 tonnellate, che sarebbe un buon primo passo per la maggior parte degli americani a cui mirare. Tuttavia, se vogliamo evitare il riscaldamento globale, dobbiamo tutti sforzarci di portarlo sotto le 2 tonnellate entro il 2050.

Cosa causa la maggiore impronta di carbonio?

Attualmente sta bruciando combustibili fossili per il calore, l’elettricità e i trasporti. Possiamo eliminare un’enorme quantità di emissioni di carbonio semplicemente attingendo il nostro fabbisogno di elettricità da fonti rinnovabili e pulite, come l’energia eolica. Se sei pronto a ridurre la tua impronta di carbonio passando alle energie rinnovabili, fai clic qui.

Impronta di carbonio americana media per anno:

Sebbene non ci siano molti dati sull’impronta di carbonio personale nel corso degli anni, un’analisi delle emissioni mondiali di anidride carbonica come risultato della combustione di combustibili fossili ha rilevato che gli Stati Uniti hanno emesso 5079,53 milioni di tonnellate di anidride carbonica nel 1992.

Nel 2000, gli Stati Uniti avevano nuovamente aumentato le proprie emissioni, arrivando a 5860,38 milioni di tonnellate.

Saltando in avanti di altri sei anni, questa cifra è aumentata a 5902,75 milioni di tonnellate. Quindi, come puoi capire, l’impronta di carbonio americana media è ancora in costante crescita e dobbiamo fare di più per cambiare questo.

Sfortunatamente, l’impronta di carbonio dell’americano medio sembra aumentare ogni anno, probabilmente a causa di un aumento del consumismo, della domanda di carne, dei trasporti e della popolazione.

Cosa riserva il futuro per l’impronta di carbonio americana?

La pandemia globale ci ha dato un’opportunità unica di costruire un futuro a basse emissioni di carbonio per noi stessi e una visione di come potrebbe essere quel mondo. Sebbene sia chiaro che il virus ha causato molte devastazioni, è anche importante che consideriamo questo enorme cambiamento nelle nostre vite come un’opportunità per rivalutare il modo in cui viviamo e consumiamo. È anche chiaro che la natura ha beneficiato di un improvviso calo dell’uso dei trasporti pubblici, del consumismo e dei consumi ossessivi. Una crisi globale può anche essere un momento per istigare il cambiamento e quel cambiamento deve urgentemente essere uno che arresti il ​​danno che viene fatto al nostro pianeta.

Se sei pronto ad agire e proteggere il pianeta per il futuro, unisciti a noi nella nostra lotta per un mondo migliore in cui ogni impronta di carbonio americana sia di 2 tonnellate o inferiore. Fare clic qui per agire subito.

Fonti:
[1] https://www.sciencedaily.com/releases/2008/04/080428120658.htm
[2] https://www.ucsusa.org/resources/each-countrys-share-co2-emissions
[3 ] https://ideas.repec.org/a/eee/jfpoli/v79y2018icp67-76.html
[4] https://www.wlj.net/top_headlines/artificial-insemination-of-cattle-has-come-a -long-way / article_db979746-4736-11e9-8c9e-e7b1139a55cd.html

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

LED vs luci normali

Pulitori per piscine ad energia solare