in

Quale cioccolato scegliere?

Cioccolato, ne siamo pazzi! I belgi mangiano 6 chili all’anno, solo in compresse. [1]

Come scegliere il cioccolato migliore? Per il gusto, ovviamente, ma anche per l’ambiente, la nostra salute e il benessere dei produttori.

Cioccolato migliore per l’ambiente

Cioccolato biologico

L’etichetta biologica porta un vero vantaggio per l’ambiente e la salute.

Riconosciamo un cioccolato biologico grazie all’etichetta europea apposta sulla confezione.

Etichetta biologica europea, obbligatoria per i prodotti alimentari biologici

L’etichetta biologica garantisce che gli alberi di cacao sono stati coltivati senza pesticidi o fertilizzanti sintetici.

Ciò non significa che i cioccolatini non biologici provengano da piantagioni irrorate con pesticidi. La maggior parte degli agricoltori lavora in fattorie di pochi ettari. Raramente hanno i mezzi finanziari per applicare sistematicamente costosi pesticidi. Ma in caso di malattia dell’albero del cacao, si rivolgono comunque a trattamenti chimici. Spesso non sono sufficientemente informati per utilizzarli nel rispetto delle istruzioni di sicurezza e dei dosaggi, con tutto ciò che ciò comporta come conseguenze: incidenti, avvelenamenti e inquinamento. L’agricoltura biologica evita questi abusi.

Cioccolato coltivato in agroforestale

La pianta del cacao ben si presta alla coltivazione agroforestale. L’agroforestazione è la coltivazione di una pianta tra le altre. Ad esempio, un albero di cacao circondato da altri alberi e piante da frutto e forestali.

L’agroforestazione presenta diversi vantaggi:

  • Richiede pochi o nessun fertilizzante chimico e pesticidi , anche nella coltivazione non biologica. Infatti, nelle grandi piantagioni, gli alberi di cacao sono spesso piantati in pieno sole, il che li rende suscettibili alle malattie (preferiscono l’ombra). E chi dice malattie dice pesticidi. In agroforestazione trovano un ambiente più adatto. La diversità delle specie rende più difficile la diffusione della malattia.
  • Preserva suolo e acqua. Il suolo è protetto dall’esaurimento e dall’erosione. Quando possiamo fare a meno di pesticidi e fertilizzanti chimici, evitiamo anche l’inquinamento delle risorse idriche.
  • Fornisce un’ampia varietà di prodotti . Frutta, olio di palma, piante medicinali, oli essenziali, foraggi, legname, materiali da imballaggio naturali e altri completano la produzione di cacao. 
  • Promuove la biodiversità. Crea veri e propri piccoli biotopi, dove le aree coltivate sono rifugi di flora e fauna.
  • Può prolungare la vita operativa . Le fattorie di cacao vengono spesso abbandonate dagli agricoltori dopo 30 o 40 anni. A volte meno nel caso della monocoltura al sole. La piantagione viene quindi riavviata in un’altra posizione appena sgomberata … che contribuisce alla deforestazione. Se ben gestite, le coltivazioni di cacao in agroforestazione possono continuare ben oltre i 40 anni.

L’agroforestazione offre raccolti molto soddisfacenti, ma inferiori a quelli di un albero di cacao convenzionale. Ciò impedisce a molti agricoltori di passare all’agroforestazione.

Dal lato del consumatore, purtroppo, nessuna etichetta garantisce la coltivazione agroforestale. Tuttavia, i marchi o i produttori di cioccolato che supportano questo approccio sono felici di dirlo. Facendo loro la domanda o navigando nel loro sito, si troveranno informazioni sul fatto che i loro fornitori coltivano secondo questo metodo.
 

Un cioccolato che rispetta i produttori

Il commercio equo garantisce condizioni migliori per i produttori.

Il cacao e il cioccolato Fairtrade offrono alcune garanzie come:

  • Il divieto del lavoro minorile . Secondo Oxfam, in Africa occidentale, migliaia di bambini lavorano nelle piantagioni, quasi come schiavi. Le condizioni di vita sono spesso disumane: giorni di 12 ore o più, cibo insufficiente, violenza fisica e psicologica, alloggi scadenti e senza servizi igienici, ecc.
  • Acquistare dai coltivatori a un prezzo più alto rispetto al mercato . Questo reddito aggiuntivo consente alle comunità di vivere con più dignità e consente ai bambini di andare a scuola.

Puoi trovare una scelta di cioccolato del commercio equo e solidale nella maggior parte dei negozi. Può essere riconosciuto dalle etichette Fairtrade, Organic Fair Trade, Ecocert Fair Trade o Oxfam.

 

Le etichette Ecocert Fair Trade e Organic Fair Trade garantiscono che il cioccolato è biologico E giusto.

Cioccolato sano

Più il cioccolato ha un alto contenuto di cacao (più è fondente), più la barretta masticata fornisce antiossidanti e altre sostanze benefiche per la salute:

  • polifenoli, a cui i ricercatori di medicina preventiva attribuiscono numerosi benefici (riduzione del rischio di malattie cardiovascolari e alcuni tipi di cancro, tra gli altri). Un quadratino (5-10 g) di cioccolato fondente alcune volte alla settimana sembra già avere un effetto misurabile.
  • teobromina, una parente stretta della caffeina ma che non ha un effetto così potente e viene eliminata più rapidamente dall’organismo.
  • feniletilammina, una molecola che fornisce una sensazione di morbido benessere.

Il cioccolato al latte contiene molto più zucchero e, inevitabilmente, latte. Questa miscela, ahimè, annulla tutti i benefici del cacao e non è adatta a certi organismi.
 

Cioccolato di qualità

Diamo uno sguardo agli ingredienti e ci assicuriamo che il cioccolato contenga vero burro di cacao . Una direttiva europea del 2000 autorizza l’aggiunta di grassi vegetali diversi dal burro di cacao (naturalmente presenti o aggiunti). La quantità di questi grassi (olio di palma, olio di karité) – più economica del burro di cacao – non può superare il 5% del prodotto finito. E devono essere menzionati sulla confezione.

Puoi anche provare un cioccolato “originale” . Molte marche producono cioccolatini da miscele di diversi cacao diversi, ma alcuni cioccolatieri amano offrire cioccolato ottenuto da un’unica varietà di cacao. Ciò conferisce a ogni cioccolato un sapore molto specifico. La differenza è grande se confrontata con il cioccolato industriale, una miscela di basse qualità di cacao e zucchero raffinato.
 

Da consumare con moderazione

Niente come un buon cioccolato. Ma non esageriamo: il cioccolato viene da lontano e spesso contiene molti zuccheri e grassi. Per non parlare degli altri additivi nei dolcetti al cioccolato (snack, ecc.).

Ma un bel pezzetto di cioccolato di qualità, biologico ed equo solidale o una crema spalmabile fatta in casa offrono tutto il piacere del cioccolato. Senza l’inconveniente per la salute di ingredienti di bassa qualità.

– – – – – – –

[1] Il cacao è il terzo alimento più venduto al mondo (dopo lo zucchero e il caffè). Questo mercato porta più di 60 miliardi di dollari all’anno, ma solo 2 miliardi vanno ai paesi produttori!
 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Come l’economia collaborativa può facilitare la mobilità sostenibile

Neuromarketing: eccitazione e io?