in

Utilizzo dell’elettricità degli elettrodomestici

Il costo giornaliero di lampadine e altri elettrodomestici


Misurare il consumo di elettricità del tuo elettrodomestico è importante per scoprire cosa consuma più energia nella tua casa e potrebbe causare un aumento non necessario delle tue bollette elettriche. Quando sai quanta energia consumano i tuoi apparecchi e l’illuminazione e ti costano, puoi decidere quando è necessario passare a un nuovo modello ad alta efficienza energetica.

In questa guida parleremo di quanto costa far funzionare determinate lampadine e di come puoi risparmiare sull’uso energetico dei tuoi elettrodomestici. (Se sei interessato al nostro piano illimitato per l’energia pulita, clicca qui.)

Come controllare e misurare il consumo di elettricità da parte di un apparecchio

Per controllare il consumo di elettricità dell’apparecchio, è necessario conoscere la potenza di ciascun apparecchio. Questo si trova tipicamente stampigliato da qualche parte sull’elettrodomestico, sulla targhetta o su un’etichetta attaccata alla spina. Questo numero rappresenta in realtà la quantità massima di energia che potrebbe essere consumata dall’apparecchio, quindi potrebbe richiedere un wattaggio inferiore se l’apparecchio ha varie impostazioni.

Se non riesci a trovare il wattaggio scritto sull’apparecchio, il wattaggio può essere stimato utilizzando un amperometro per misurare la corrente che entra nell’apparecchio e poi moltiplicando quella per la tensione utilizzata. La maggior parte dei piccoli apparecchi statunitensi utilizzerà 120 volt e gli apparecchi più grandi utilizzeranno 240 volt.

Ora che conosci il wattaggio, puoi misurare il consumo energetico dell’apparecchio. Come misurare il consumo di elettricità di un elettrodomestico è in realtà molto semplice, devi solo usare questa formula per ogni elettrodomestico:

(wattaggio x ore utilizzate al giorno) ÷ 1000 = consumo giornaliero di kilowattora (kWh)

Per trovare il consumo annuo di consumo energetico dell’apparecchio, è sufficiente moltiplicare questo numero per il numero di giorni in cui l’elettrodomestico viene utilizzato nell’arco di un anno.

Dopo aver calcolato il consumo di kWh annuo per ogni elettrodomestico, puoi quindi stimare quanto ti costa funzionare ogni anno, moltiplicando kWh / anno per la tariffa che la tua utenza ti dà per kWh.

Quanta elettricità consuma ogni apparecchio?

Ogni elettrodomestico della tua casa utilizzerà una quantità diversa di elettricità ed è utile conoscere queste cifre per ridurre il consumo di energia dove possibile. Di seguito è riportato un elenco dell’utilizzo approssimativo di elettricità per apparecchio di alcuni apparecchi di uso comune in una casa, esclusi i maggiori consumatori di energia di cui parleremo in seguito.

  • Tostapane (da 800 a 1.400 watt) – 0,04 kWh per utilizzo
  • Caffettiera (da 900 a 1.200 watt) – 0,12-0,26 kWh per infuso
  • Vuoto (da 1.000 a 1.200 watt): 0,75 kWh / ora
  • Ferro da stiro (da 1.000 a 1.800 watt) – 1,08 kWh / ora
  • Forno con tostapane (1.200 watt) – 22,5 kWh / mese
  • Asciugacapelli (1.200-1.875 watt) – 1,5 kWh / ora

Quali elettrodomestici consumano più elettricità in casa?

Ora esaminiamo quali elettrodomestici consumano più elettricità in una tipica famiglia. Sebbene alcuni di questi apparecchi abbiano un wattaggio inferiore rispetto ad alcuni degli apparecchi sopra elencati, vengono generalmente utilizzati per un periodo di tempo più lungo, per più giorni dell’anno, quindi il loro consumo energetico è maggiore. Questo confronto dell’utilizzo dell’elettricità dell’apparecchio mostrerà sia il wattaggio approssimativo dell’apparecchio che la quantità stimata di energia consumata ogni mese, in kWh.

  • Condizionatore d’aria centrale (3.250-3.800 watt) – 1.450 kWh / mese
  • Scaldabagno (4.500-5.500 watt) – 310 kWh / mese
  • Frigorifero (1.200-1.400 watt) – 205 kWh / mese
  • per stimare il numero di ore di funzionamento di un frigorifero alla potenza massima, è necessario dividere il tempo totale di funzionamento per 3
  • sebbene funzionino costantemente, i frigoriferi si “accendono e si spengono” in ciclo per mantenere la temperatura interna
  • Essiccatore (1.800-5.000 watt) – 75 kWh / mese
  • Gamma del forno (1.200 watt) – 58 kWh / mese
  • Illuminazione (varie potenze) – 50 kWh / mese
  • Lavastoviglie (1.200-2.400 watt) – 30 kWh / mese
  • la funzione di asciugatura aumenta notevolmente il consumo di energia
  • Televisione (150-200 watt) – 27 kWh / mese
  • Microonde (750-1.100 watt) – 16 kWh / mese
  • Lavatrice (500-800 watt) – 9 kWh / mese

Gli apparecchi inutilizzati utilizzano l’elettricità?

Sì! Molti apparecchi continueranno ad assorbire una piccola quantità di elettricità anche dopo essere stati spenti, nota come alimentazione “stand-by” o “carichi fantasma”. Ciò è particolarmente vero per elettrodomestici come computer, televisori ed elettrodomestici da cucina e aumenterà il consumo di elettricità di un elettrodomestico di poche wattora. Anche se questo non sembra molto, questo consumo di energia si somma e finirai per pagare di più per l’elettricità che non stavi nemmeno utilizzando.

Devo scollegare gli apparecchi quando non sono in uso?

È utile scollegare gli apparecchi quando non sono in uso per evitare questi “carichi fantasma”. Anche un caricatore del dispositivo prenderà energia indipendentemente dal fatto che un dispositivo sia collegato o meno, specialmente se ha un trasformatore.

L’utilizzo di una presa multipla può eliminare il fastidio di dover scollegare effettivamente un apparecchio in quanto è sufficiente spegnere gli apparecchi utilizzando l’apposito interruttore sulla presa multipla. Oppure, se pensi di non ricordarti di scollegare gli elettrodomestici, puoi procurarti una presa per il timer per spegnere un apparecchio in una determinata ora della giornata.

Fa risparmiare denaro per scollegare gli elettrodomestici?

Scollegare elettrodomestici e dispositivi ti farà risparmiare denaro sulle bollette elettriche in quanto puoi evitare che l’elettricità venga utilizzata inutilmente e puoi stimare la tua bolletta elettrica mensile in modo più accurato.

Quanto costa avere una lampadina accesa?

Il costo di funzionamento di una lampadina all’ora è relativamente basso indipendentemente dal tipo di lampadina utilizzata, ma una lampadina a incandescenza costerà più di un LED poiché il wattaggio equivalente è molto inferiore. Di seguito troverai alcuni costi medi come guida.

Lampadina da 100 Watt

Una lampadina a incandescenza da 100 watt è l’equivalente di una lampadina a LED da 27 watt. Questo wattaggio consuma 0,027 kWh all’ora e il costo della lampadina da 100 watt all’ora è inferiore a $ 0,01.

Lampadina da 60 Watt

Una lampadina a incandescenza da 60 watt è l’equivalente di una lampadina a LED da 15 watt. Questo wattaggio consuma 0,014 kWh all’ora e il costo della lampadina da 60 watt all’ora è inferiore a $ 0,01.

Lampadina da 40 Watt

Una lampadina a incandescenza da 40 watt è l’equivalente di una lampadina a LED da 11 watt. Questo wattaggio consuma 0,01 kWh all’ora e il costo della lampadina da 40 watt all’ora è inferiore a $ 0,01.

Stanchi di calcolare i costi delle lampadine e dei consumi energetici ogni mese? Il passaggio a Inspire rende facile alimentare la tua casa con energia pulita al 100%. Passa facilmente oggi stesso: fai clic sul banner qui sotto per iniziare!

Quanto tempo puoi lasciare accesa una lampadina?

Il periodo di tempo in cui una lampadina può essere lasciata dipende dal tipo di lampadina utilizzata:

  • I LED hanno una durata compresa tra 35.000 e 50.000 ore e possono essere lasciati accesi 24 ore su 24, 7 giorni su 7.
  • Le lampadine a incandescenza hanno una durata di appena 750-2000 ore e dovrebbero essere spente ogni volta che non sono necessarie.
  • Le lampadine fluorescenti hanno una durata di 24.000-36.000 ore e dovrebbero essere spente solo se lasci una stanza per più di 15 minuti. Questo perché non sono progettati per essere accesi e spenti frequentemente.
  • Le lampadine alogene hanno una durata da 2.000 a 4.000 ore e dovrebbero essere spente ogni volta che non sono necessarie.
  • Le lampadine CFL hanno una durata compresa tra 35.000 e 50.000 ore e devono essere trattate allo stesso modo delle lampadine fluorescenti.

Il motivo per cui le luci a LED possono essere lasciate accese per così tanto tempo è che producono una quantità minima di calore quando sono in funzione. Ciò significa che è molto improbabile che si surriscaldino o accendano un fuoco, cosa che può accadere con lampadine più tradizionali.

Le lampadine convenzionali, cioè le lampadine a incandescenza, producono solo il 10% dell’energia luminosa, il restante 90% esce come energia termica e il loro calore si intensifica solo più a lungo vengono lasciate accese aumentando le possibilità di incendio. Questo è il motivo per cui è molto importante che vengano spenti ogni volta che non vengono utilizzati. Una luce LED, d’altra parte, si attenuerà semplicemente se si surriscalda, quindi sono la soluzione perfetta se hai bisogno di una lampadina per funzionare per un periodo di tempo prolungato.

Le lampadine a LED sono più economiche da far funzionare?

Le lampadine a LED sono molto più economiche da gestire rispetto alle lampadine convenzionali in quanto sono estremamente efficienti in confronto. C’è una grande differenza di potenza, ad esempio un LED da 20 W è equivalente a una lampadina a incandescenza da 75 W e le lampadine a LED rimarranno relativamente fresche, e quindi sicure, con il 90% dell’energia convertita in luce e solo il 10% convertito in energia termica. I LED di alta qualità contengono anche dissipatori di calore che assorbono attivamente il calore in eccesso dalla lampadina stessa. In genere, una lampadina a LED utilizza il 90% di elettricità in meno rispetto alle lampadine convenzionali e quindi sarà molto più economica da gestire.

Sì, i LED sono più costosi da acquistare rispetto a una lampadina convenzionale, ma durano fino a 5 volte di più e consumano molta meno energia, quindi valgono l’investimento.

Essere intelligenti con i tuoi elettrodomestici, passando a modelli più efficienti dal punto di vista energetico o scollegandoli quando non vengono utilizzati, può aiutarti a ridurre il consumo di energia e quindi le bollette.

Se vuoi bollette energetiche ancora migliori, mai con brutte sorprese, dovresti considerare Inspire per le tue esigenze energetiche. Inspire fornirà alla tua casa energia pulita e rinnovabile a un prezzo fisso ogni mese. Passando all’energia pulita con Inspire, puoi contribuire ad avere un impatto duraturo sul modo in cui viene consumata l’energia e unirti alla lotta contro il cambiamento climatico. Il nostro abbonamento illimitato all’energia fa bene al pianeta e al tuo portafoglio. Clicca qui per saperne di più e iscriviti in soli 2 minuti!

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Loading…

0

LED vs luci normali

Pulitori per piscine ad energia solare