in

Chi ha scoperto l’energia eolica?

Breve storia dell’energia eolica


L’inizio dell’energia eolica

Durante la seconda metà del 20 ° secolo, mentre i rischi e il costo ambientale della dipendenza dai combustibili fossili sono diventati sempre più evidenti, c’è stato un aumento dell’interesse per lo sviluppo di fonti di energia più pulite e rinnovabili. Una delle principali tra queste tecnologie energetiche pulite è stata l’energia eolica. Oggi, più di 83 paesi 1 utilizzano l’energia eolica, con la Danimarca che ricava il 40% della propria elettricità dai parchi eolici. Ma chi ha scoperto l’energia eolica?

La storia dell’uso del vento da parte dell’umanità come fonte di energia è sorprendentemente lunga. In effetti, potrebbe essere classificata come una delle più antiche fonti di energia dell’umanità. Per far risalire l’energia eolica alle sue radici ultime, dobbiamo tornare indietro nel tempo, oltre gli albori della storia registrata.

Chi ha inventato l’energia eolica?

Si dice che la prima turbina eolica conosciuta sia stata costruita in Scozia, nel Regno Unito.
Creata dal professor James Blyth dell’Anderson’s College di Glasgow (ora Strathclyde University), questa turbina misurava 10 metri di altezza ed era originariamente installata nel giardino della casa delle vacanze di Blyth.

Blyth ha utilizzato la turbina per caricare gli accumulatori sviluppati dall’ingegnere chimico Camille Alphonse Faure, per alimentare l’illuminazione nella sua casa per le vacanze. Ciò significava che il piccolo cottage senza pretese di Blyth era la prima casa al mondo ad alimentare la sua elettricità con l’energia eolica!

Blyth si offrì di condividere questa elettricità con i suoi vicini, ma erano sospettosi e credevano che l’elettricità fosse “opera del diavolo”.

Da allora, il modo in cui vediamo l’elettricità è cambiato molto (grazie a Dio!) E lo usiamo ogni giorno per alimentare le nostre case. Creiamo quell’elettricità attraverso l’uso di vento, sole, acqua e calore prodotti naturalmente nella terra, ed è su queste fonti energetiche rinnovabili e sostenibili che dobbiamo concentrarci per creare un pianeta più pulito.

Quando è stata scoperta l’energia eolica per la prima volta?

Si ritiene che il professor James Blyth abbia fatto questa scoperta rivoluzionaria nel 1887.

Un anno dopo, l’energia eolica arrivò negli Stati Uniti quando l’inventore dell’Ohio Charles Brush creò una turbina eolica per fornire elettricità alla sua villa. Da allora, abbiamo sviluppato turbine eoliche, sia onshore che offshore, che hanno creato una fonte di energia molto più sicura ed ecologica rispetto ai suoi predecessori.

In quale paese è stata utilizzata per la prima volta l’energia eolica?

Nel 1887, Blyth utilizzò la sua prima turbina in Scozia, seguita da vicino da Brush qui negli Stati Uniti. L’energia eolica fu utilizzata per la prima volta per produrre elettricità per più case e aziende nel 1890, ma fu solo durante la seconda guerra mondiale che le turbine che conosciamo oggi furono utilizzate per la prima volta. Nel 1941, una grande turbina di metallo alimentò servizi pubblici per una città del Vermont.

Dove si trova l’energia eolica?

Oggi l’energia eolica è utilizzata in tutto il mondo. Può essere utilizzato per compiti specifici come pompare acqua o macinare cereali, o un generatore che converte questa energia in elettricità che alimenterà case, aziende, edifici pubblici come biblioteche, scuole e ospedali.

L’eolico ci offre una fonte di energia che è:

  • coerente, perché il vento soffierà sempre
  • pulito, perché non provoca la combustione di combustibili fossili
  • a buon mercato, perché l’energia eolica non fluttua, consentendo alle società di energia verde di offrire contratti fissi a lungo termine.

La domanda di fonti di energia rinnovabile come l’energia eolica è in aumento, con la maggior parte dei paesi che si impegna a puntare alla neutralità del carbonio nei prossimi due decenni.

Qual è la fonte originale di energia eolica?

La risposta a questa domanda dipende dal fatto che tu stia chiedendo da dove proviene il vento stesso o in che modo gli umani hanno prima sfruttato la forza del vento. Per quest’ultimo, scorri un po ‘verso il basso per scoprire come gli esseri umani nella storia antica usavano il vento, ma per il primo:

A seconda di quanto indietro nel processo vogliamo andare, possiamo tecnicamente dire che l’energia eolica deriva anche dal sole. Il sole riscalda la terra e l’aria sopra di essa si riscalda e sale verso l’alto. Tuttavia, in alcuni luoghi più freddi vicino all’equatore, l’aria rimane fredda e rimane vicino alla superficie terrestre.

L’aria più calda si alza, creando un vuoto. L’aria più pesante e più fresca entra, riempiendo questo vuoto ed è così che viene creato il vento. Quando la pressione dell’aria cambia con il calore, il vento accelera o rallenta.

Ancient Sails: The First Use of Wind Power

La vela ha una storia lunga e illustre, che risale a 8.000 anni fa.

Mentre l’uso di barche idonee alla navigazione è stato notato già nel 45.000 a.C. dalla colonizzazione dell’Australia, l’uso delle vele per alimentare una nave è arrivato più tardi. Alcune delle prime testimonianze della tecnologia della vela provengono dalla cultura Cucuteni-Tryptillian nell’Europa orientale, le cui ceramiche raffigurano barche a vela intorno al VI millennio a.C. Nel 3.000 a.C., i proto-austronesiani navigavano attraverso le isole del Pacifico meridionale. Prove mesopotamiche da un po ‘più tardi forniscono anche prove di barche a vela, e in seguito, intorno al 3200 aEV, le vele furono sviluppate in Egitto.

Una gamma di culture del mondo diverse hanno fatto uso di questa tecnologia, dalle culture polinesiane, alla Cina imperiale, all’Europa durante l ‘”Era della vela”.

Mulini a vento: un nuovo modo per sfruttare il vento

L’esplorazione marittima non era l’unico uso storico del vento come fonte di energia.

I mulini a vento furono usati per la prima volta nella Grecia ellenistica. Heron of Alexandria (c. 10-70 d.C.), un ingegnere greco e matematico esperto, inventò un organo alimentato da una ruota del vento, che azionava un pistone che spingeva l’aria attraverso le canne dell’organo.

La tecnologia dei mulini a vento decollò nella Persia centrale nel IX secolo dC, sotto forma di “mulini a vento panemone” con vele che ruotavano su un piano orizzontale. Usando da sei a dodici vele ricoperte di canne, i primi mulini a vento venivano usati per macinare il grano o per attingere l’acqua.

Gli storici non sono sicuri se questi primi mulini a vento del Vicino Oriente abbiano ispirato direttamente il successivo sviluppo dei mulini a vento europei, utilizzati per la prima volta in Francia e in Belgio alla fine del XII secolo. I mulini a vento europei, utilizzati per macinare i chicchi di cereali in farina, hanno subito numerosi sviluppi e miglioramenti durante il tardo Medioevo e l’inizio del periodo moderno. Fino ad oggi, i mulini a vento rimangono un simbolo iconico di molte località del Nord Europa, in particolare l’Olanda.

Energia eolica moderna: utilizzare il vento per generare elettricità

Già nel 1877, un mulino a vento fu utilizzato per la prima volta come mezzo per generare elettricità.

Progettata dal professor James Blyth dell’Anderson’s College in Scozia, questa turbina alta 10 metri è stata utilizzata con successo per caricare accumulatori per alimentare la sua casa per le vacanze nel Kincardinshire.

Chi ha inventato le turbine eoliche?

Mentre l’energia eolica ha visto un ulteriore sviluppo tra l’inizio e la metà del XX secolo, la vera spinta per il suo sviluppo è iniziata all’inizio degli anni ’70. Fu in questo momento che le preoccupazioni sull’uso dei combustibili fossili vennero al culmine. Dal 1974 fino alla metà degli anni ’80, i finanziamenti della National Science Foundation e del Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti hanno permesso alla NASA di sviluppare le prime turbine eoliche su scala industriale degli Stati Uniti. Sono stati sviluppati quattro diversi modelli di turbine, pioniere della tecnologia che ha portato ai parchi eolici efficienti di oggi. È stato anche in questo periodo che la NASA ha sviluppato il metodo Viterna, un modello che tiene conto degli effetti tridimensionali e del comportamento di stallo delle turbine per prevederne meglio le prestazioni.

Alla fine degli anni ’80 e all’inizio degli anni ’90, c’è stato un temporaneo calo dell’interesse e dei finanziamenti per la ricerca eolica. Ciò è stato determinato in parte dai prezzi del petrolio molto bassi all’epoca, che hanno reso l’energia eolica antieconomica in confronto. Dopo la fine del 21 ° secolo, le crisi globali e i prezzi del petrolio elevati, combinati con le preoccupazioni per il riscaldamento globale e l’esaurimento dei combustibili fossili, hanno riportato il potenziale dell’energia eolica nella coscienza pubblica.

Oggi, i continui progressi nella tecnologia eolica hanno contribuito a rendere il vento più affidabile ed efficiente che mai come fonte di energia pulita. Alla fine del 2015 c’erano oltre 314.000 turbine in tutto il mondo 2 , che generavano circa il 3,7% dell’elettricità mondiale. Mentre le turbine eoliche continuano a essere raffinate e migliorate, l’energia eolica si pone come una delle più importanti fonti di energia alternativa per il 21 ° secolo e oltre.

Quali paesi utilizzano oggi più energia eolica?

Nel 2020, i tre paesi che producono e utilizzano la maggior parte dell’energia eolica sono Cina, Stati Uniti e Germania.

Nel 2015, la Cina ha installato più turbine eoliche di tutti i paesi dell’Unione europea messi insieme e attualmente rappresenta il 33,6% dell’energia eolica mondiale.
Gli Stati Uniti rappresentano leggermente meno della quota globale di energia eolica, ma hanno stati come Iowa e Texas, dove un’enorme percentuale di energia proviene dal vento. Sorprendentemente, il Texas rappresenta una grande parte dell’energia eolica americana, producendo energia sufficiente per fornire 5,3 milioni di case.

La Germania ha una capacità eolica installata cumulativa di 44.947 megawatt, il che è impressionante per un paese che è significativamente più piccolo degli altri due paesi principali.

Come sfruttare l’energia eolica per la tua casa o azienda

È possibile costruire e installare la propria turbina eolica, ma per la maggior parte semplicemente non sarà pratico o conveniente farlo. (Puoi saperne di più su come utilizzare l’energia eolica a casa qui.)

Un’opzione più semplice è passare con noi all’energia rinnovabile, in modo da poter ottenere tutti i vantaggi dell’utilizzo dell’energia eolica, senza l’impraticabilità della propria turbina eolica.

In Inspire Energy, ci impegniamo a essere una società di energia rinnovabile al 100% che ti fornisce una fonte di energia pulita, sostenibile e prevedibile. La nostra missione è fornire un’esperienza energetica a vantaggio del nostro pianeta e dei nostri clienti.

Scegliendo una fonte di energia pulita, farai la tua parte per aumentare la domanda di fonti energetiche più rispettose dell’ambiente, il che ci consente di acquistare più energia. Siamo orgogliosi di dire che da quando abbiamo iniziato il nostro viaggio nel 2014, abbiamo impedito che quasi due milioni di tonnellate di emissioni di CO2 venissero bruciate nell’atmosfera.

Per saperne di più su come effettuare il passaggio e per farlo in soli 5 minuti, fai clic qui.

Stai pensando di alimentare la tua casa o la tua azienda con l’energia eolica? Leggi le ultime recensioni di Inspire Energy per vedere come abbiamo aiutato i clienti a fare il passaggio.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

L’impatto di Net Zero Homes

Da dove viene l’energia eolica?