in

Quali cosmetici sani ed ecologici acquistare?

Prenditi cura di te, vestiti, lavati, tutto questo preservando la tua salute e l’ambiente, questa è la promessa della cosmesi naturale.

Dal punto di vista ambientale , evitiamo ingredienti che si degradano male e sono molto inquinanti.

Dal lato della salute prediligiamo componenti sicuri, per limitare il rischio di allergie e irritazioni, che colpiscono sempre più persone. [1] [2] Si evitano anche gli ingredienti sospettati di disturbare il sistema ormonale.

Ma come si riconoscono i buoni cosmetici e prodotti per l’igiene?

Sommario:

  • Alcuni riflessi prima di andare in negozio
  • Da preferire: cosmetici ecologici etichettati
  • Scegli in alternativa: cosmetici con una buona composizione
  • Evita i cosmetici convenzionali
  • E i cosmetici fatti in casa?

– – – – – – – – – – – – – – –
 

Alcuni riflessi prima di andare in negozio

  • Meno prodotti vengono utilizzati, meglio è. Scegli alcune basi che si adattano bene alla tua pelle ed evita di accumulare un mucchio di bottiglie inutili negli armadi. Anche se sono etichettati come biologici.
  • Certi prodotti semplici sostituiscono benissimo le formule complesse: un’acqua floreale come tonico per il viso, un olio vegetale per struccare… E spesso sono più economici! Ad esempio, sostituendo la crema idratante per il corpo con olio di mandorle dolci (da applicare subito fuori dalla doccia) si risparmiano 18 € all’anno. [3]
  • I cosmetici non fanno miracoli, senza offesa per la pubblicità. La salute della pelle dipende soprattutto da una buona igiene di vita : un’alimentazione sana, una sufficiente idratazione, un sonno ristoratore …

Da preferire: cosmetici ecologici etichettati

Le etichette sono una garanzia di qualità ambientale. I produttori evitano la maggior parte degli ingredienti e dei processi controversi per la salute e l’ambiente. Per la maggior parte, un ente di certificazione indipendente attesta il rispetto dei criteri.

        

 

Ogni etichetta ha i propri criteri . Nature & Progrès è il più esigente, ma lo si può trovare solo nei negozi biologici o specializzati. Al contrario, l’Ecolabel europeo è meno ampio ma la gamma di prodotti etichettati è ampia e facilmente reperibile nei supermercati.

Consulta la nostra scheda sulle etichette cosmetiche per scoprire le specificità di ciascuna.

Tuttavia, tutti i marchi di qualità ecologica hanno in comune:

  • prediligere materie prime ecologiche , rispettose della natura. Questi provengono principalmente da risorse rinnovabili (piante, fiori, ecc.). Possono essere organici e degradarsi facilmente. Anche la nostra pelle ne trae beneficio. In base alle loro proprietà, gli ingredienti naturali idratano, nutrono, purificano, leniscono … meravigliosamente.

    Tra i migliori componenti troviamo in particolare:

    • ingredienti vegetali come oli, burri, estratti, acque floreali …
    • cere naturali come cera d’api, cera carnauba …
    • materiali animali come latte, miele …
    • coloranti e pigmenti naturali.
       
  • utilizzare processi di produzione rispettosi dell’ambiente. I produttori prediligono processi fisici che trasformano gli ingredienti in modo delicato. Esistono anche alcuni processi chimici semplici, meno inquinanti, pericolosi o ad alta intensità energetica rispetto ai loro equivalenti nei cosmetici convenzionali. Le etichette vietano la maggior parte dei processi aggressivi.
     
  • portare alcuni altri valori aggiunti : imballaggi semplici e riciclabili, equità sociale, ecc.

Naturalmente, non tutti i cosmetici e i prodotti per l’igiene etichettati sono perfetti. A seconda dell’etichetta, ci sono materiali più o meno naturali, a volte una piccola parte di ingredienti sintetici …

Attenzione, anche i cosmetici naturali possono provocare allergie . Le persone sensibili dovrebbero fare attenzione agli ingredienti allergenici (geraniolo, cumarine, ecc.) O irritanti (acidi della frutta in grandi quantità).

Il loro prezzo non è necessariamente alto . Tutto dipende dalla loro composizione. Ad esempio, l’olio di argan è costoso mentre l’olio di mandorle dolci è più democratico.

In termini di disponibilità , ci sono cosmetici etichettati nei negozi ecologici. Inoltre sono sempre più venduti nei supermercati. E ora ci sono anche molti marchi artigianali, che producono in Blegique, a volte da alcuni ingredienti belgi.

> Vedi i nostri buoni indirizzi per i cosmetici Made in Belgium.
 

Scegli in alternativa: cosmetici con una buona composizione

Un cosmetico senza etichetta non è necessariamente un male. I cosmetici molto buoni non ce l’hanno. Ci potrebbero essere diversi motivi per questo:

  • il costo della certificazione è troppo alto per il produttore. Quindi, un prodotto artigianale può benissimo essere ecologico ma non etichettato.
  • alcuni marchi non vogliono o non sono in grado di soddisfare tutti i criteri dell’etichetta.

Decifriamo quindi la confezione del prodotto e diffidiamo del greenwashing . Alcuni cosmetici mostrano una falsa immagine ecologica: affermazioni come “con estratti vegetali” o immagini di fiori non garantiscono nulla.

Per giudicare un prodotto si fa riferimento alla sua lista di ingredienti , denominata “INCI”. Può essere trovato sulla confezione del prodotto o in negozio. Questo elenco include tutti gli ingredienti. Sono classificati in ordine decrescente: siamo particolarmente interessati ai primi 4-8 ingredienti della lista , costituiscono la maggior parte del prodotto. Quelli la cui concentrazione è inferiore all’1% possono essere in ordine inverso.

L’elenco è in latino e in inglese. I buoni ingredienti possono avere nomi complicati. È il caso delle piante, la calendula si chiama Calendula officinalis, la vera lavanda è Lavandula angustifolia …

PREFERITO

EVITARE

acido acetico

Aloe barbadensis

silicato di alluminio (naturale)

argilla

acqua

cera d’api

bentonite

acido benzoico

… Burro (come Butyrospermum Parkii Butter)

acido citrico (basso dosaggio)

cocoglucoside

acido deidroacetico

… Estratto (come l’estratto di Chamomilla Recutita)

estratto di semi di pompelmo

glicerina (così naturale)

stearato di glicerile

lanolina

lecitina (se pianta non transgenica)

… Olio (come l’olio di nocciolo di Prunus Armeniaca)

pantenolo

profumo naturale

stearato di potassio

acido propionico

provitamina B5

palmitato di retinile

cacao di sodio

stearato di sodio

acido sorbico

idrossido di sodio

saccarosio … -ato (come distearato di saccarosio)

tocoferolo

vitamina C ed E (naturale)

… Cera (come Euphorbia Cerifera Wax)

gomma xantana

acrilammide

alcol denaturato. (alcool denaturato)

cloruro di alluminio   

cloridrato di alluminio

laureth solfato di ammonio

lauril solfato di ammonio

BHA

BHT   

Cera microcrystallina

ceteareth

cetrimonium chloride

ciclomethicone

dimeticone

ciclo … silossano

EDTA

acido etidronico

formaldeide

metilcloroisotiazolinone 

metilisotiazolinone   

-parabene (butile, etile, metile, propile)

paraffina

paraffina liquida

profumo

PEG-

petrolato

fenossietanolo

PPG

quat- (composti di ammonio quaternari)

sodio laureth solfato

sodio lauril solfato

steareth-

triclosan

trietanolammina

  

Le persone sensibili dovrebbero anche evitare sostanze profumate allergeniche che devono essere dichiarate. Attenzione, il potenziale allergenico varia a seconda del profumo. Inoltre, alcuni studi concludono che una molecola sintetica è più allergenica del suo equivalente naturale. [4]

Evita i cosmetici convenzionali

Tutti i cosmetici seguono il regolamento europeo sui cosmetici. Ogni prodotto viene sottoposto a una valutazione per garantirne la sicurezza. Potremmo quindi crederli irreprensibili. Una rapida conclusione per gli appassionati di prodotti ecologici.

Sostanze controverse

Diversi componenti autorizzati comportano rischi o sono discussi per motivi di salute o ambientali. Per esempio :

  • L’industria utilizza molti ingredienti derivati dal petrolio (Petrolatum, Paraffinum liquidum, ecc.). Stabile ed economico, è tutt’altro che sostenibile. Ci sono anche molti componenti sintetici. Ad esempio, siliconi o microsfere di plastica che inquinano l’ambiente (fino a 360.000 in un vasetto di crema per il viso [5]).
  • Molti ingredienti convenzionali si degradano con grande difficoltà . Questo è il caso dell’EDTA, che si trova in molti prodotti. Fissa i metalli pesanti e poi finisce nei fiumi e nei laghi.
  • Alcuni processi di produzione inquinano o sono pericolosi . Ad esempio, PEG e PPG sono ottenuti mediante processi altamente esplosivi.
  • Ci sono sospetti su alcuni ingredienti che possono essere dannosi per la salute:
    • Alcuni tensioattivi, come Sodium Laureth Sulfate nei saponi, sono molto irritanti.
    • Il BHT viene utilizzato per prevenire l’irrancidimento delle materie prime oleose. Gli studi sui ratti mostrano che altera il loro sistema immunitario.
    • Gli ftalati possono avere un effetto oronale e compromettere la fertilità.

L’effetto cocktail è poco studiato

La legge vieta alcune sostanze, limitandone altre. Ma i test vengono eseguiti su ogni cosmetico in modo indipendente. E cosa succede quando mescoli più prodotti? Non lo sappiamo perché raramente viene testato.

Eppure solo al mattino, esponiamo la nostra pelle a circa 300 sostanze chimiche . Una crema per il viso contiene già tra i 30 ei 40 ingredienti, a cui si aggiungono sapone, shampoo, deodorante, dentifricio, crema, trucco… Combiniamo quindi basse dosi. È possibile anche un “effetto cocktail”: come reagisce la nostra pelle a questa miscela di ingredienti?

Gli standard cambiano nel tempo

Un ingrediente autorizzato ieri potrebbe essere bandito domani per motivi di sicurezza. Questo è il caso del metilisotiazolinone. Ha causato molte allergie prima che venisse vietato nei cosmetici senza risciacquo nel febbraio 2017. Ma è ancora consentito nei prodotti da risciacquare.

Cosa fare in caso di dubbio?

In caso di dubbio, applichiamo il principio di precauzione  : evitiamo sostanze controverse.

E i cosmetici fatti in casa?

Invece di acquistare prodotti, puoi creare i tuoi cosmetici. Scegliamo ingredienti semplici, ecologici e adatti alla nostra pelle. Con un po ‘di attrezzatura e know-how, componiamo alcune facili ricette.

Rispettiamo alcune regole importanti per garantire una qualità ineccepibile dei prodotti:

  • igiene durante la preparazione;
  • disinfezione delle attrezzature;
  • l’uso di mezzi di conservazione adeguati;
  • dosaggio degli ingredienti;
  • test di tolleranza;

Senza fare il piccolo chimico, consultiamo un buon libro di consultazione per scoprire questo mondo del fai da te.
 

Per imparare a realizzare i tuoi cosmetici:

  • Il libro “Crea i tuoi cosmetici biologici” di Sylvie Hampikian, 2009, ed. Terra vivente.
  • Il libro “Adopt Slow Cosmetic” (2012, ed. Leduc.s) e “Bien-être au naturel” (2016, ed. Solar) di Julien Kaibeck.
  • Il libro “The Living Earth Guide to Natural Beauty” di Baudet, Chevallier, Hampikian e Perrogon, 2015, ed. Terra vivente.
  • Il libro “Dentifrici, shampoo, unguenti e cosmetici” di Pascaline Pavard e Moutsie, 2015, ed. edisud.
– – – – – – – –

[1] Zaragoza-Ninet V. et al., 2015. Dermatite allergica da contatto dovuta a cosmetici: uno studio clinico ed epidemiologico in un ospedale terziario. Actas Dermosifiliogr

[2] Raccomandazioni per il corretto utilizzo dei prodotti cosmetici per i consumatori, ADEME

[3] Calcolo effettuato sulla base di un utilizzo al giorno con prodotti di marca acquistati nei supermercati.

[4] http://laveritesurlescosmetiques.com/anciens-articles/themen_045_fr.php

[5] Da L’Oréal a Revlon, chi sarà il campione dell’inquinamento?, Di Greenpeace Belgio.
 

 


Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Articolo inutile del mese: The Trivial for Ad Sons and Girls

San Nicola può fare a meno dei giocattoli di plastica?