in

Quali sono le cause del cambiamento climatico?

Normale, cambiamento climatico? “Sì” direbbero gli scettici del clima. Solo che le emissioni di gas serra delle attività umane amplificano questo processo naturale.

Sommario:

  • L’effetto serra fuori controllo
  • Dai la colpa alla CO 2 e ad altri gas serra (GHG)
  • Chi produce la maggior parte dei gas serra in Belgio?
  • Corresponsabilità di cittadini, imprese e autorità pubbliche
     

– – – – – – – – – – – – – – – – – –
 

L’effetto serra fuori controllo

Nell’atmosfera, i gas intrappolano il calore emesso dalla Terra. Questo è l’ effetto serra , un fenomeno naturale essenziale alla vita. Senza di essa, la temperatura media sulla Terra sarebbe di -18 ° C invece di 15 ° C.

Il problema: questo processo naturale è stato amplificato in modo anomalo sin dall’era industriale dalle emissioni di gas serra delle attività umane .

> Come puoi ridurre del 50% le tue emissioni di gas serra?

Possiamo confrontare l’effetto serra con le coperte che mettiamo sul nostro letto: 1 o 2 coperte danno comfort ma con 3 o 4 soffociamo. Tranne che la copertura in eccesso può essere facilmente rimossa. Ma questo non è il caso dei gas serra.
 

Dai la colpa alla CO 2 e ad altri gas serra

Il principale gas serra (GHG) è il vapore acqueo. Ma non è proprio un problema perché le attività umane hanno poca influenza sulla sua concentrazione e viene eliminato dalle precipitazioni in circa 10 giorni. [1]

Si parla principalmente di CO 2 perché è il gas le cui emissioni sono aumentate di più dall’inizio dell’industrializzazione, con un’accelerazione dopo la seconda guerra mondiale.

La concentrazione media di CO 2  nell’atmosfera ha superato la soglia di 400 ppm (parti per milione, in volume) per la prima volta in … 800.000 anni! Questo fa esplodere il tetto di 280 ppm raggiunto durante il picco di concentrazione di CO 2 prima della rivoluzione industriale.
Fonte: https://www.bloomberg.com/graphics/carbon-clock/

La CO 2 è responsabile del 73% del riscaldamento globale e, a differenza del vapore acqueo, rimane nell’atmosfera per circa 100 anni. Anche se domani mattina smettiamo di emettere gas serra nell’atmosfera, gli effetti non si faranno sentire fino a decenni dopo. Questo è il motivo per cui non possiamo aspettare che ci siano conseguenze più drammatiche.

> Guarda la nostra campagna sul clima: smettila di esagerare!

L’aumento delle emissioni di CO 2   è dovuto principalmente a:

  • la combustione di combustibili fossili non rinnovabili (carbone, petrolio e gas);
  • deforestazione perché ci sono meno alberi per immagazzinare CO 2 .

Altri gas contribuiscono al riscaldamento globale [2]  :

  • Il metano (CH 4 ). Risulta in particolare dalla digestione dei ruminanti, nonché dallo stoccaggio e dallo spargimento di fertilizzanti di origine animale (letame, liquame, ecc.).
  • Il protossido di azoto (N 2 O). Proviene da fertilizzanti azotati utilizzati in agricoltura e in alcuni processi chimici industriali.
  • I gas fluorurati (HFC, PFC, SF 6 , NF 3 ). Hanno un potere calorifico molto significativo (fino a diverse migliaia di volte superiore alla CO 2 ) ma vengono rilasciati in piccole quantità e gradualmente banditi. Sono utilizzati in particolare nella produzione di schiume, componenti elettronici o come propellenti.

Ogni gas a effetto serra ha un diverso potere di riscaldamento e durata nell’atmosfera.

Gas serra

Potere di riscaldamento globale (cumulativo in 100 anni)

Quota di responsabilità per il riscaldamento globale

Tempo medio di permanenza nell’atmosfera

CO 2 (anidride carbonica (

1

73%

100 anni

CH 4 (metano (

28-30

20%

12 anni

N 2 O (protossido di azoto (

265

5%

120 anni

HFC

Fino a 14.800

 

2%

 

Fino a 50.000 anni

PFC

Fino a 11.000

SF 6

23.500

NF 3

16.100

Fonte: cifre chiave sul clima per Francia, Europa e mondo (edizione 2019) dell’Istituto per l’economia del clima.

Il protocollo di Kyoto ha fissato obiettivi di riduzione per i sei principali gas serra (CO2, CH4, N2O e tre gruppi di gas fluorurati: HFC, PFC, SF6). [3]

Si prende come riferimento la CO 2 , si parla quindi di equivalenti di CO 2 (éqCO 2 ).
 

Chi produce la maggior parte dei gas serra in Belgio?

È la produzione di elettricità il primo emettitore di gas serra al mondo. È responsabile del 39% delle emissioni di CO 2 . In questione: una quota importante del carbone nel mix energetico delle centrali elettriche.

In Belgio , non utilizziamo il carbone per produrre elettricità ma nucleare, gas, rifiuti ed energie rinnovabili. In Francia, la quota dei vari settori delle emissioni di gas a effetto serra è distribuita come segue [4]  :

 

Tra il 1990 e il 2017 le emissioni di gas serra sono diminuite in quasi tutti i settori. Solo i trasporti e il settore terziario (uffici, piscine, scuole, ecc.) Hanno visto aumentare le proprie emissioni, del 24% e del 28%. Nel settore terziario, è dovuto all’aumento del numero di dipendenti.

 

Corresponsabilità di cittadini, imprese e autorità pubbliche

Come mostrano le cifre sopra, l’attuale modello di produzione e consumo, che ha portato a un aumento delle emissioni di gas serra e al riscaldamento globale, è il risultato di azioni:

  • il governo che ha stabilito il quadro e le regole;
  • delle aziende che producono;
  • dei cittadini che consumano.

Siamo tentati di incolpare le grandi industrie inquinanti. Tuttavia, le emissioni di CO 2 degli impianti industriali (cementifici, centrali elettriche, prodotti petrolchimici, ecc.) Sono controllate da un meccanismo di scambio di quote di CO 2 . Finora il sistema ha funzionato in modo insoddisfacente perché il prezzo della CO 2 era troppo basso. Ma negli ultimi anni questo prezzo è aumentato e le grandi aziende hanno maggiori probabilità di ridurre le proprie emissioni. [6]

Mobilità e trasporti, riscaldamento ed elettricità, agricoltura e cibo, produzione e consumo di beni e servizi… In ciascuna di queste aree, i tre attori hanno un ruolo da svolgere per limitare il cambiamento climatico.
 

 


[1] Fonte: http://www.climat-en-questions.fr

[2] Fonti: cambiamento climatico in 10 domande dell’ADEME e della Commissione europea.

[3] Fonte: climat.be, il sito federale belga per informazioni affidabili sui cambiamenti climatici

[4] Nel 2017. Fonte: climat.be

[5] Per il 2015. Fonte: Datadigest da FEBIAC.

[6] Novità: mercato europeo del carbonio: il prezzo per tonnellata è in aumento, la transizione energetica sta accelerando

 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Ecolabel europeo – pittura

1, 2, 3, vengo coinvolto in progetti civici!