in

Azione per il clima: mangiare biologico, locale e di stagione

Un quarto della nostra impronta di carbonio è dovuta al cibo. [1] Per risparmiare l’equivalente di circa 80 kg di CO 2 per persona all’anno, adottiamo questo riflesso: avere un orto e / o acquistare cibo biologico, locale e di stagione.

L’agricoltura emette CO 2 ma anche altri gas serra:

Gas serra

Fonti di emissione

CO 2

  • Deforestazione per creare terreni agricoli
  • Macchinari agricoli
  • Riscaldamento degli edifici
  • Trasporti (produzione, lavorazione, consumo)
  • Refrigerazione / congelamento
  • Cucina (consumatore)

CH 4

  • Digestione dei ruminanti (fermentazione enterica)
  • Effluenti zootecnici (letame, liquami)

N 2 O

  • Produzione e utilizzo di fertilizzanti azotati

Gas refrigeranti (HFC)

  • Frigoriferi, congelatori, camion refrigerati (perdite nei circuiti)

Siamo abituati a trovare molto cibo a prezzi imbattibili al supermercato. Ma quando guardiamo alla nostra salute e all’ambiente, ci rendiamo conto che il “basso costo” nasconde costi sproporzionati per la società.

  • L’agricoltura convenzionale utilizza fertilizzanti sintetici e pesticidi , che si trovano negli alimenti e contaminano anche l’aria, l’acqua e il suolo. Tuttavia, i pesticidi agiscono come interferenti endocrini. Ciò significa che influenzano il sistema ormonale e possono causare vari problemi come infertilità, sviluppo anormale del feto, diabete, cancro …

La maggior parte dell’impronta di carbonio proviene dalla produzione agricola. Dobbiamo agire in modo prioritario sul modo di produzione.

  • La biodiversità soffre anche dell’uso di pesticidi, la scomparsa delle api è una delle conseguenze più eclatanti.
  • Trasportare cibo da lontano consuma petrolio . Il trasporto di merci è responsabile del 14% delle emissioni di gas serra dagli alimenti. Ad esempio: 1 kg di pomodori biologici e locali produce l’equivalente di 0,202 kg di éqCO 2 . Se i pomodori sono prodotti in Spagna e arrivano su camion, ammonta a 0,36 kg éqCO 2 (0,202 + 0,154 per la produzione per il trasporto su camion).
  • Coltivare fuori stagione comporta l’uso di serre , che potrebbero dover essere riscaldate utilizzando combustibili fossili.
    I pomodori prodotti “fortemente fuori stagione” (cioè tra dicembre e maggio) emetteranno 0,202 + 2,449 =  2,65 kg eq CO 2 / kg di pomodoro.

 

 

Locale, stagionale

Importato dalla Spagna

Leggermente fuori stagione

Fortemente fuori stagione

Refrigerato

Congelato

Carota

0.0728

 

+ 0.154

 

+ 0.616

 

+ 2.449

 

+0.282

 

+0,832

Carota biologica

0.0604

Pomodoro

0.168

Pomodoro biologico

0.202

Mela

0.0675

Mela biologica

0.11

Kg CO2 eq per kg di prodotto, secondo il calcolatore “Buono per il clima”

Cosa può fare il consumatore?

Coltiva un orto. Questo è il modo migliore per misurare il lavoro svolto nella produzione alimentare e per insegnare ai bambini che le verdure non crescono nei negozi. Preferiamo i semi biologici e ovviamente eviteremo tutti i fertilizzanti sintetici e i pesticidi.

Puoi anche acquistare la tua frutta e verdura direttamente da un giardiniere del mercato, il che riduce gli intermediari, il trasporto, lo stoccaggio, questi sono i cortocircuiti !

Al supermercato guardiamo le etichette, la provenienza è sempre indicata.

L’ideale è acquistare:

  • Locale.
    Ciò evita il trasporto e l’uso di serre riscaldate. Evitiamo prodotti che provengono dalla fine del mondo, anche se biologici, e soprattutto se prodotti anche in Belgio (cipolle dall’Argentina, mele dalla Nuova Zelanda, ecc.).
  • e stagionale.
    Apprendiamo le stagioni perché le verdure “precoci” a volte sono verdure vendute così presto che dovevano necessariamente crescere in una serra riscaldata. Evitiamo anche prodotti fortemente fuori stagione. Ad esempio, fragole, zucchine e pomodori in inverno. Spesso sono più costosi, hanno un impatto maggiore sul clima e sicuramente meno gusto.
  • e biologico.
    Ciò riduce la produzione e l’uso di fertilizzanti sintetici. I prodotti biologici devono recare l’etichetta europea (la piccola foglia stellata in basso). Può essere apposta anche un’etichetta più nazionale: Biogarantie, AB, EKO …

Biogarantie offre un’etichetta “Made in Belgium”. Indica che l’ingrediente principale (quello che rappresenta almeno il 50% del prodotto) è prodotto in Belgio.

Per i prodotti esotici (caffè, tè, cacao, cocco, ecc.), Che inevitabilmente arrivano da molto lontano, prediligiamo i prodotti del commercio equo e solidale.

Puoi variare i canali di distribuzione per trovare la soluzione migliore, non è solo il supermercato!
 

Un rapporto più stretto tra produttori e consumatori

Affinché produttori e consumatori possano costruire insieme altre reti di distribuzione, conoscersi meglio e promuovere metodi di coltivazione più sostenibili, sono state sviluppate varie iniziative.

  • I GAC (gruppi di acquisto congiunto) acquistano frutta e verdura direttamente dai produttori. Evitando gli intermediari, possono ottenere prezzi interessanti. E i prodotti sono sempre locali e di stagione, non c’è bisogno di cercare l’etichetta! Un elenco dei GAC è disponibile sul sito web della Rete dei consumatori responsabili.
  • Esistono anche GASAP (gruppi di sostegno per l’agricoltura contadina) e AMAP (associazione per il mantenimento dell’agricoltura contadina) . Vedere la rete GASAP su www.gasap.be
  • Le cooperative di produttori possono anche offrire soluzioni in cortocircuito per connettere produttori e consumatori.
     

Il ruolo delle autorità pubbliche

Le autorità pubbliche stanno sviluppando strategie alimentari sostenibili in Vallonia e Bruxelles. Gli appalti pubblici sono una leva importante per l’azione. Troppo spesso il prezzo è il criterio principale, impedendo agli operatori di offrire prodotti che possono costare di più senza raggiungere prezzi sproporzionati. Anche qui il cibo deve avere il giusto posto nella spesa e uscire dalla logica del meno caro a tutti i costi.
 

 


[1] Le cifre citate in questo articolo provengono da studi francesi perché non esistono studi così precisi a livello belga. In particolare “The energy and carbon footprint of food in France”, BARBIER et Al., Gennaio 2019.

 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Come compostare bene in silos o tralicci?

Quali forniture scolastiche e per ufficio sono ricaricabili?