in

Il recupero di vecchi tessuti

Prima o poi i nostri vestiti diventano rifiuti: troppo piccoli, rovinati, fuori moda o non più di nostro gradimento, ci sono tanti motivi per fare spazio nel nostro guardaroba. Come devo smaltire gli indumenti usurati e danneggiati? Come dare una seconda vita ad abiti ancora utilizzabili?

Primo riflesso: prevenzione

È del tutto possibile conciliare stile e prevenzione dei rifiuti. Come evitare di dover buttare via troppi vestiti troppo in fretta?

  • In primo luogo, pensa prima di acquistare. Ah, difficile resistere alle cotte … ma ci sono tutte le possibilità che un guardaroba meno fornito ma ben congegnato ci soddisfi più a lungo di una pila di vestiti economici di cui ci stancheremo presto.
  • Acquistare meno vestiti ci lascerà più soldi per comprare vestiti di qualità. Chi dice “qualità” dice anche “durata di vita più lunga”. Un bel cappotto, pantaloni forti che non pilling avranno maggiori possibilità di essere indossati a lungo e di essere riutilizzati e riparati.
  • Acquistare di seconda mano significa meno vestiti nuovi e quindi meno inquinamento. È un piacere cacciare nei negozi di seconda mano e possiamo trovare abiti originali e di buona qualità, a volte appena indossati. Dopotutto, i vestiti non passano di moda: i designer continuano a trarre ispirazione da ciò che è stato creato prima!
  • Prendersi cura dei propri vestiti e di altri tessuti ne prolunga la durata. Maggiori informazioni nelle nostre schede di consulenza sui prodotti per la pulizia.

La lancetta dei secondi è fantastica

Il guardaroba è ordinato e hai vestiti che non indosserai più ma che sono ancora in buone condizioni. Puoi donarli alle associazioni. Ma dove vanno le borse dei vestiti che mettiamo nelle bolle tessili?

Il recupero di vecchi abiti è praticato da anni nel nostro paese. Pertanto, più di 25.000 tonnellate di tessuti (1) vengono raccolte ogni anno in Vallonia e Bruxelles dalle imprese dell’economia sociale. La maggior parte di questi sono membri di Ressources ( www.res-sources.be ), la federazione degli attori dell’economia sociale attivi nello smistamento e nel riciclaggio. Il sito Risorse ti mostra tutti i buoni indirizzi vicino a te per lasciare le tue donazioni.

Circa 600 posti di lavoro (equivalenti a tempo pieno) sono direttamente interessati da questo settore del recupero! Spesso queste posizioni sono occupate da persone indebolite sul mercato del lavoro. Le aziende aiutano anche a finanziare progetti sociali.

Anche i rivenditori privati ​​dell’usato raccolgono vestiti vecchi. I loro dettagli di contatto possono essere trovati nelle pagine d’oro ( www.pagesdor.be ) sotto il titolo “Abbigliamento di seconda mano”.

Per orientarti, sappi che un’etichetta garantisce che la tua donazione verrà utilizzata per sostenere un obiettivo sociale: è l’etichetta “Solid’R”. Tutto questo è verificato da un’organizzazione indipendente, Ethibel.

Cosa regalare e come?

Poiché i vestiti raccolti verranno riutilizzati, è imperativo che siano ancora in buone condizioni. Quindi niente più vestiti sporchi, strappati o incompleti: lavare o rattoppare comporterebbe troppo lavoro viste le quantità raccolte. Inutile dire che nessun altro oggetto o rifiuto non ha posto nelle bolle dei vestiti.

Le imprese dell’economia sociale sono quindi principalmente interessate all’abbigliamento che può essere venduto direttamente nei loro negozi di seconda mano. Questa si chiama “la crema”. Purtroppo questa crema rappresenta solo il 5% dei tessuti raccolti.

I tessuti che non possono essere rivenduti nei negozi di seconda mano in Belgio sono suddivisi in tre frazioni:

  • abiti in buone condizioni ma antiquati, destinati all’esportazione.
  • tessuti riciclabili, recuperati sotto forma di panno per asciugatura o sfilacciatura.
  • rifiuto.

Queste ultime due frazioni rappresentano un costo per gli operatori di raccolta.

Nel 2016, le imprese dell’economia sociale hanno raccolto 26.575 tonnellate di rifiuti tessili in Vallonia (22.421 tonnellate) ea Bruxelles (4.154 tonnellate) (1).

Il 65% dei tessuti raccolti viene riutilizzato, il 23% riciclato e il 12% smaltito.

E il riciclaggio?

Finora questi rifiuti non sono stati raccolti mediante raccolta differenziata e non vi è alcun obbligo di ritiro come per gli imballaggi in plastica o gli elettrodomestici. Il loro riciclaggio non è scontato: la miscelazione di fibre di diversi tipi costituisce una difficoltà tecnica. Ci sono ancora molti altri elementi coinvolti, come la concorrenza dei panni a base di cellulosa. Tuttavia, gli stracci per la pulizia erano proprio uno sbocco importante per le fibre riciclate.

Insomma, in assenza di raccolta, siamo costretti a gettare nella spazzatura i nostri tessuti eccessivamente usurati o danneggiati. Al massimo possiamo realizzare stracci fai da te, se il tessuto è adatto.

Ripara, recupera, crea

C’è sempre la possibilità di trasformazione (da un vecchio lenzuolo in asciugamani o fazzoletti) o di riparazione. Quando possibile, scegli di ripararlo o farlo riparare da un artigiano specializzato. I calzolai e i laboratori di ritocco ti aspettano per mostrare il loro know-how. Troveranno sicuramente la soluzione per riparare la suola delle tue scarpe consumate, la cerniera rotta dei tuoi cappotti … È importante promuovere questo settore perché questi mestieri stanno diventando sempre più rari e il loro know-how sta scomparendo.per mancanza di clienti . Inoltre, rivolgendoci a questi artigiani locali, incoraggiamo il commercio locale. Per trovare il riparatore specializzato più vicino a te, consulta le pagine d’oro tramite l’elenco telefonico o via Internet ( www.pagesdor.be ) alla voce: “Abbigliamento – riparazione e trasformazione” e “Calzolai”.

Hai un maglione o un altro indumento danneggiato, ma rammendare non è il tuo hobby preferito? Ecco una tecnica veloce che dà risultati più che piacevoli: Woolfiller. Il principio è semplice: le fibre di lana hanno piccole squame che vengono aperte pungendo i fili con un ago da infeltrimento. Le squame si attaccano l’una all’altra, grazie alle quali i fili si tengono insieme e voilà, il foro è fisso e la riparazione è resistente alla liscivia. Fai attenzione però, gli aghi da infeltrimento dovrebbero essere maneggiati con cura. www.woolfiller.com

Scambio, permuta, affitto …

Gli scambi di vestiti per bambini sono una cosa comune. Ma perché non organizzare una serata di baratto con amiche (o amici)? Tutti portano i vestiti da cui vogliono separarsi … e che renderanno felice qualcun altro.

I siti di baratto che sono emersi negli ultimi anni sono ancora una variante sul tema:

Informazioni su Freecycle e Troc

Un’idea germogliata in Svezia e che lentamente scende verso sud: prendere in prestito un abito da sera da uno stilista della… biblioteca. Esempi sono Le vestibule e L’Habibli in Francia.

Nel frattempo, noleggiare un vestito chic per un grande giorno è del tutto possibile con noi. Ancora una volta Internet e le Pagine d’Oro ci forniscono gli indirizzi, tutto quello che dovete fare è digitare “Noleggio abbigliamento”.

Fonti:

  1. Wallonia-Brussels Reuse Observatory 2017 (pdf)

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Posso evitare di inquinare l’aria di casa mia con sostanze chimiche pericolose!

Anche il prosciutto cotto ha il diritto di viaggiare