in

Organizza un evento eco-responsabile

Il ritorno della bella stagione è spesso sinonimo di varie celebrazioni: matrimonio, comunione, fiera scolastica, compleanno, ballo di fine anno, festa di quartiere, ecc. Facciamo festa, ci divertiamo, dimentichiamo tutto … Affinché il giorno dopo non significhi una montagna di rifiuti e un’impronta ecologica più pesante, è possibile eco-progettare il tuo evento. Viaggi, cibo, impressioni …: gli eventi hanno anche un impatto sull’ambiente. Tuttavia, con un po ‘di anticipazione e senza giocare allo spoilsport, possiamo organizzare piccoli e grandi eventi unendo divertimento e rispetto per l’ambiente! Ecco alcune idee per ispirarti …

Nella zona piuttosto che Outsiplou

Con la scelta di una data, la scelta di un luogo è di solito una priorità assoluta per qualsiasi organizzatore. E con essa la questione del trasporto dei partecipanti. Questa dovrebbe essere una delle principali preoccupazioni nella scelta di un luogo, poiché i trasporti sono responsabili del 25% del consumo energetico delle famiglie valloni. E questo è il settore le cui emissioni di CO2 stanno aumentando maggiormente a livello belga (+ 36% dal 1990!). Preferiamo quindi un posto vicino agli ospiti. Per un matrimonio, ad esempio, giochiamo la carta di prossimità in modo che gli sposi, la famiglia e gli invitati possano formare un bel corteo a piedi dal paese alla chiesa (se ci andiamo) poi alla festa. Meno tempo in viaggio significa più tempo per divertirsi!

Scegliamo invece un luogo facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici. Per favorire l’utilizzo di queste ultime, si pensi alle tariffe gruppi, disponibili presso SNCB (gruppi di almeno 15 persone possono beneficiare di riduzioni dal 50% al 70%) e presso TEC e De Lijn. Un’ottima soluzione per un weekend al mare con gli amici o un campo scout! TEC può anche offrire un servizio speciale per un evento. Soprattutto, non dimentichiamo di informare i partecipanti delle possibilità messe in atto. Più è facile per loro, più facile e fattibile sarà l’idea di rinunciare alla propria auto.

È anche possibile noleggiare un pullman privato: l’atmosfera è generalmente così piacevole che la festa inizia non appena si entra!

Altrimenti, incoraggiamo il car pooling. Un’idea è fornire un forum su Internet per consentire ai fornitori di seggiolini auto e ai richiedenti di mettersi in contatto. Se la progettazione di un forum sembra troppo complicata, possiamo rivolgerci a siti specializzati, come 123 by car, che possono fare riferimento gratuitamente all’evento, e persino creare una pagina appositamente per l’occasione, a condizione di apporre il proprio logo sui documenti di comunicazione .

Tutte queste soluzioni aiuteranno a risparmiare chilometri e molta CO2 riducendo le preoccupazioni per il parcheggio.

Per andare ancora oltre, optiamo per un luogo che sia impegnato in un processo di buona gestione ambientale: attrezzature per il risparmio di acqua ed energia, elettricità verde, fornitura di sistemi di raccolta differenziata, ecc.

Ascolta, ascolta, eco-consumatori felici!

Che si tratti di inviti di nozze, poster di concerti o volantini per fiere, l’organizzazione di un evento spesso richiede l’uso della carta. L’ideale è smaterializzare questo aspetto favorendo inviti via e-mail, siti di socializzazione (Facebook per non parlare…). L’informatica offre funzionalità interessanti: schede già pronte o personalizzabili, immagini animate, video, suoni … Qualcosa per distinguersi e dare il tono alla festa!

Per le impressioni che sarebbero essenziali, stimiamo il più accuratamente possibile il numero necessario. A casa, in tipografia o presso il centro fotocopie locale, optiamo per carta riciclata o carta proveniente da foreste gestite in modo sostenibile. Esistono diverse etichette in quest’area: European Ecolabel, Blue Angel e Nordic Swan per la carta riciclata, FSC e PEFC per la gestione sostenibile delle foreste, ecc.

Sui tavoli e nei bicchieri …

La cordialità va molto condividendo un buon drink e qualcosa da sgranocchiare! Tieni presente, tuttavia, che cibo e bevande, proprio come i partecipanti, devono accedere all’evento.

Per le bevande preferiamo i succhi di frutta e le birre prodotte in Belgio. Optiamo per vini biologici o biodinamici. Maggiori informazioni sulla scelta del vino nel dossier de “L’arte di eco… consumare” n ° 54. Tè e caffè, poco prodotti alle nostre latitudini, proverranno piuttosto dal commercio equo e solidale. Infine, non dimenticare di fornire anche qualche brocca d’acqua… dal rubinetto!

Per ridurre l’impatto ambientale del bar e del pasto prediligiamo i prodotti locali e di stagione. Ad esempio, coltivare un chilo di pomodori in inverno (serra riscaldata) richiede sei volte più energia che in estate. Quindi salviamoli per i buffet estivi! Per le vacanze in campagna scopriamo quando individuiamo i luoghi: sono tanti i piccoli produttori che saranno molto felici di far degustare i loro gustosi prodotti.

Prediligiamo anche alimenti da agricoltura biologica. La loro produzione, oltre ad essere priva di pesticidi e fertilizzanti sintetici, genera dal 30% al 50% in meno di gas serra rispetto all’agricoltura “convenzionale”. E se il menu contiene ingredienti del Sud, prediligiamo quelli del commercio equo e solidale.

Infine, non pianificare troppa carne nel menu. Cerchiamo di essere originali e innovativi: piuttosto che proporre un buffet spesso troppo ricco di pesce e salumi, privilegiamo insalate e preparazioni a base di legumi. Come antipasto o per un “buffet ambulante”, una spalmata di verdure a base di barbabietola rossa e rafano su un pane tostato sarà una scoperta deliziosa da gustare e bella da vedere! Anche il barbecue tradizionale si arricchisce oggi di spiedini di verdure grigliate.

Infine, spesso forniamo troppo cibo per paura di rimanere senza. Resistiamo a questa tentazione che rende i pasti festivi un enorme spreco alimentare. Stimiamo il numero approssimativo di ospiti e pianifichiamo quantità ragionevoli. Gestendo le quantità in modo più preciso, possiamo anche optare per il biologico senza aumentare il budget!

Con più ospiti, sarà necessario l’uso di un catering. Esprimiamo fin dall’inizio il nostro desiderio di cibo sostenibile e selezioniamo un fornitore che sia sulla nostra stessa lunghezza d’onda. I produttori di birra offrono facilmente imballaggi a rendere e generalmente ritirano le bottiglie inutilizzate.

Tempo di festa, meno sprechi

Le stoviglie in plastica usa e getta, in particolare i bicchieri, sono una delle principali fonti di spreco durante le feste. Abbandonati in natura, impiegano centinaia di anni per decomporsi. Per non parlare dello spreco di risorse associato all’uso una tantum! Evitiamo questo inquinamento optando per stoviglie riutilizzabili: porcellana, vetro o plastica dura. Per quantità maggiori, considerare il noleggio. Le pagine gialle ci informeranno dei fornitori.

Se la paura della rottura vince, forniamo un pennarello in modo che tutti possano scrivere il proprio nome sulla tazza usa e getta e riutilizzarla. Per eventi più grandi, ricorriamo a bicchieri di plastica riutilizzabili. Possono essere acquistati (e persino stampati con il logo dell’evento) o noleggiati. Per consentire una facile restituzione di queste coppe, garantiamole. Ad esempio, puoi chiedere un euro in più per il primo drink e contare i successivi al prezzo normale, a condizione che torni con il bicchiere. Ovviamente il deposito può essere recuperato.

Puoi anche trovare piatti compostabili. Questa soluzione non è l’ideale perché anche se sono realizzati con materiali rinnovabili, l’eco-rating delle tazze compostabili non è brillante. Inoltre, da un punto di vista educativo, il fatto di utilizzare questo servizio da tavola una sola volta mantiene il pubblico nell’idea che possa essere mangiato e scartato senza preoccupazioni. Tuttavia, “compostabile” non significa “biodegradabile in nessuna condizione”. La cernita va organizzata e anche se ben fatta, visto che questo tipo di prodotto è ancora poco diffuso, sarà difficile trovare un’organizzazione che accetti di riprenderli per compostarli industrialmente.

Pensiamo anche ad altri rifiuti predisponendo cassonetti che consentano la cernita selettiva. Per fare questo, accompagniamo l’iniziativa con una buona segnaletica che indichi l’ubicazione dei cassonetti e cosa ciascuno può ospitare. Facilitare lo smistamento significa anche garantire che sia di migliore qualità.

Anche all’interno del team!

L’organizzatore deve dare l’esempio! Che si tratti di un comitato di partito, un gruppo di amici, un team di volontari o un’azienda, adottiamo comportamenti ecologici ed etici. Cerchiamo di tenere il team informato sulle migliori pratiche da avere: limitare le impressioni, favorire gli scambi via e-mail, andare a riunioni preparatorie con i mezzi pubblici o in car sharing … Se sono previste magliette speciali per il D-Day, scegli – il cotone biologico e del commercio equo e solidale.

È possibile valutare gli impatti di un evento su www.evenementresponsable.org. Il sito offre un report abbastanza completo (concediti un po ‘di tempo per completarlo) e include consigli su sei temi (cibo, trasporti, alloggio, sensibilizzazione, ecc.). Puoi persino registrare il tuo evento, che consente, se è ricorrente, di vedere i progressi nelle buone pratiche di anno in anno.

Infine, perché non compensare le emissioni di CO2 causate dall’evento? Si tratta di finanziare progetti che risparmiano una quantità di CO2 equivalente alla CO2 emessa. Questi progetti consentono sia di catturare CO2 (principalmente piantumazione di alberi, una soluzione da evitare) sia di ridurre le emissioni di CO2 alla fonte (migliore efficienza energetica, utilizzo di energie rinnovabili al posto dei combustibili fossili). Ad esempio tramite www.co2logic.com.

Per essere aiutati, dal supporto in alcune procedure all’organizzazione “chiavi in ​​mano”, compreso il noleggio di alcune attrezzature (WC a secco, tazze riutilizzabili, ecc.), È possibile rivolgersi a professionisti dell’evento sostenibile. Ad esempio Squid (che organizza in particolare il festival LaSemo) o l’Espositore D che presto lancerà “Huged”, un portale di eventi sostenibili.

E ora, facciamo festa!

Organizzare un evento può essere una grande opportunità per mettersi in gioco in modo eco-responsabile e per educare altre persone. Ma non succede da solo. Non esitiamo a far conoscere il nostro approccio e ad includere tutti gli stakeholder: fornitori, partecipanti … Infine, facci sapere che non è necessariamente più costoso poiché organizzandoci in modo ottimale ed evitando tutta una serie di sprechi ( energia, acqua, materiali di consumo …), possiamo anche risparmiare denaro. Quindi buon divertimento … e verde!

Questo dossier è una versione aggiornata e completa di un articolo scritto da écoconso per Symbioses nel 2007.

 

Commenta questo articolo!

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Come scegliere in quale cooperativa investire?

Natureplus