in

Come scegliere un capospalla eco-responsabile?

Passeggiate nella natura, escursioni in montagna, trail running, sport all’aria aperta, ciclismo, sci … Le attività all’aria aperta ti avvicinano alla natura. I marchi di tessuti per esterni lo hanno capito bene e trasmettono valori vicini alla natura, alla salute e alla solidarietà attraverso il loro marketing. E funziona. [1]

Tuttavia, gli abiti adatti alle attività all’aperto non sono sempre eco-responsabili ed equi.

Ma come trovare adatto abbigliamento outdoor o sportivo che sia anche ecologico, resistente, traspirante, prodotto in buone condizioni e senza prodotti tossici? Ecco i nostri suggerimenti e consigli .

Sommario:

  • Scegliere il materiale giusto per i tuoi vestiti
    • Tessuti naturali
    • Materiali riciclati
  • Scegli un abbigliamento adatto all’attività
    • Adattato al tempo
    • Rinforzato nelle zone di attrito
    • Che allontana il sudore
  • Preferisci un abbigliamento che rispetti criteri ecologici e sociali
    • Prodotto in Europa
    • Garantito senza PFC
    • Porta etichette
  • Riflessi di eco-consumo di base
    • Chiediti: ne ho bisogno?
    • Scoprilo da altri utenti
    • Adotta il sistema a 3 strati
    • Resisti alle sirene della moda e dei prezzi bassi
    • Lavare prima del primo utilizzo
  • Buoni affari verdi con un budget basso
    • Prestito
    • Acquista di seconda mano
    • Affittare
  • Manutenzione, garanzia e riparazione

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – –
 

Scegliere il materiale giusto per i tuoi vestiti

I materiali naturali, riciclati o ibridi (cotone-poliestere) hanno la loro carta delle prestazioni da giocare. Come Deterra Hood Anorak di Tierra, resistente all’acqua e tuttavia progettato senza prodotti petroliferi, dalle fibre ai bottoni. Ha vinto diversi premi per l ‘”innovazione sostenibile”.

Tessuti naturali

Cotone organico

Il cotone è confortevole, mantiene una certa freschezza sulla pelle ma si asciuga abbastanza lentamente, rendendolo ideale per il clima caldo e secco . È anche facile da mantenere e può bollire. Nella versione biologica evitiamo pesticidi, OGM, alcuni trattamenti …

Lana, principalmente merino

La lana limita naturalmente i cattivi odori , ti tiene al caldo anche quando è bagnata e assorbe il sudore più velocemente del cotone. La lana merino è così fine che non prude. È leggero, si lava a 30 ° C, asciuga abbastanza rapidamente (ma più lentamente del sintetico) ed è ignifugo. Nonostante il suo prezzo elevato, questo lo rende un diretto concorrente dei tessuti tecnici. Quando acquisti vestiti di lana, assicurati di scegliere un produttore che non pratichi il mulesing [2] controllando con il marchio.

Molti marchi offrono abbigliamento outdoor in lana merino, accoppiato o meno a materiali sintetici, come Icebreaker, Devol, Woolpower, Bergans of Norway, Henjl, Forclaz, Patagonia, Mons Royale … Alcune produzioni sono anche europee, come quella del marchio Henjl.

Giù

Compatto, il piumino ha un ottimo rapporto calore / peso . D’altra parte perde le sue proprietà isolanti se è bagnato , asciuga lentamente, è più costoso e meno di facile manutenzione. Senza contare che proviene da oche (spesso prese durante la muta) o anatre (raccolte durante la macellazione). Se optiamo per questo materiale, scegliamo marchi impegnati in una piuma tracciabile al 100% (vedere l’etichetta RDS di seguito).

Altri materiali

  • Ci sono anche vestiti fatti di pasta di legno . Usano materiali come Tencel (a base di eucalipto) o Veocel (di faggio). È il caso, ad esempio, del marchio Natural Peak, che utilizza come materia prima fibre di legno naturali provenienti principalmente dalle foreste europee.
  • Bambù, canapa, cocco, fondi di caffè … possono essere utilizzati anche nella composizione di indumenti outdoor. [3]

Materiali riciclati

È difficile rinunciare ai materiali sintetici nell’abbigliamento sportivo outdoor. Ma esistono alternative più sostenibili, ad esempio fibre riciclate, come il poliestere. È anche possibile utilizzare materiali naturali riciclati, come lana o piumino.

Cosa si trova più facilmente (ma attenzione a controllare che si tratti di fibre riciclate):

  • Fibre sintetiche come il poliestere . Sono idrofobici e leggeri. Isolano bene, anche se bagnati, ma favoriscono gli odori di sudore. Sono anche meno comodi del cotone, meno caldi del piumino o della lana e sensibili al fuoco. In generale, le prestazioni degli indumenti sintetici diminuiscono nel tempo, ma sono molto economici e di facile manutenzione.
  • Il polare . È versatile, caldo, leggero, molto traspirante, economico, ma ingombrante e sensibile al fuoco. Isola meno della lana o della piuma ma asciuga rapidamente e ti tiene al caldo anche quando è umido. È anche facile da mantenere.

Molti marchi stanno implementando questo tipo di produzione riciclata, come Fjällräven, Gayaskin, Jack Wolfskin, Quechua, Nau, Roxy, Ternua, Boija o addirittura Bleed.

Esistono anche standard di riciclaggio, come il GRS (Global Recycle Standard) che certifica il contenuto riciclato dei tessuti, con controllo indipendente. È il caso, ad esempio, della piuma riciclata utilizzata dal marchio Vaude. Questo settore è particolarmente identificato sul sito web del marchio.
 

Scegli un abbigliamento adatto all’attività

Oltre ai materiali eco-responsabili, stiamo attenti a scegliere abbigliamento adeguato ed efficiente.

Adattato al tempo

Idrorepellente  ? Impermeabile  ? Qual è la differenza ?

L’idrorepellenza è la proprietà di un tessuto che lascia scivolare l’acqua. Ma un capo idrorepellente non può resistere a una pioggia lunga o intensa!

Al contrario, un tessuto impermeabile può assorbire un po ‘d’acqua, ma mantiene l’utilizzatore asciutto all’interno. La sua unità è lo Schmerber (o mm): maggiore è il numero di mm, più resiste a forti piogge.

Rinforzato nelle zone di attrito

Per abiti che durano nel tempo, controlla se le cuciture sono rinforzate nelle aree chiave, specialmente nelle aree di attrito.

A seconda della sua attività all’aperto, a volte vengono utilizzati accessori che possono logorare particolarmente alcune aree dell’abbigliamento. Ad esempio, quando si viaggia, si trasporta sempre sulla schiena una borsa del peso di diversi chili. Ci assicuriamo quindi di scegliere una giacca da trekking che sia più resistente alle zone di attrito con gli spallacci dello zaino. Oppure se ti doti di pantaloni antipioggia per i tuoi viaggi in bici, controlliamo la buona resistenza delle cuciture al cavallo.

Che allontana il sudore

Scegliamo un tessuto molto traspirante . La traspirabilità viene misurata tramite RET (Thermal Evaporative Resistance) [4] : più basso è il RET, più il capo evacua il vapore acqueo e meno saremo bagnati dal sudore.

Puoi anche scegliere un modello con pochi dettagli ben studiati per favorire la traspirazione. Ad esempio una maglietta con una diversa struttura in fibra sulle braccia o una giacca con tasche di ventilazione sotto le ascelle che possono essere aperte o chiuse con una cerniera …
 

Preferisci vestiti che soddisfano criteri ecologici e sociali

Prodotto in Europa

Preferiamo vestiti fatti in Europa. Le normative sono piuttosto rigide (trattamenti autorizzati, condizioni di lavoro, ecc.) E il percorso di consegna è più breve.

Se la produzione è estera, controlliamo che il marchio incorpori criteri etici.

> Maggiori informazioni sulle etichette per abbigliamento outdoor.

Garantito senza PFC

I PFC [5] sono una grande preoccupazione nel settore dell’abbigliamento outdoor. Negli ultimi anni c’è stata molta preoccupazione per l’impatto di questi composti chimici fluorurati che contaminano l’ambiente.

Sotto la pressione delle ONG e dei consumatori, molti marchi si sono impegnati ad eliminare queste sostanze dalla loro gamma o stanno offrendo modelli garantiti senza PFC. Perché sono possibili alternative prive di fluoro.

Nell’ambito della sua campagna Detox outdoor, Greenpeace offre ai marchi di impegnarsi a eliminare i PFC e stabilisce una classifica dei migliori studenti. Vaude, Páramo e Rotauf sono in cima alla lista.

Porta etichette

Dal controllo ambientale al rispetto dei diritti dei lavoratori, diverse etichette si trovano sulle etichette dei tessuti per esterni. Vero patrimonio nella giungla del mercato dell’abbigliamento outdoor, molti marchi si impegnano a consentire ai consumatori di fare scelte consapevoli.

Etichette

Criteri
ambientali

Criteri sociali

Limitazione delle
sostanze nocive

Rispetto degli animali

Alcuni esempi di marchi che offrono capispalla etichettati

Bluesign

 

Lafuma, Eider, Bergans of Norway, Patagonia, Bleed Clothing, Haglöfs, Henjl, Mammut, Vaude …

GOTS

 

Picture Organic Clothing, Mandala, OGNX, Bleed, Bergans of Norway, Wrad living, Patagonia, Nau, Greenflake, Vaude, Ternua …

Oeko-tex 100

 

 

 

Gayaskin, OGNX, Greenflake, Picture Organic Clothing …

RDS

 

 

 

Norrona, Eider, Millet, Black Crows, Columbia, The North Face …

Fondazione Fair Wear

 

 

 

Dynafit, Häglofs, Jack Wolfskin, Odlo, Ronhill, Pyua, Vaude, Moutain Force, Salewa, Jack Wolfskin …

> Per maggiori informazioni, consulta le etichette per scegliere il giusto capospalla.

Alcuni marchi sono impegnati con organizzazioni per la conservazione della natura. È il caso, ad esempio, del marchio “Picture Organic Clothing” che sostiene il programma Arctic del WWF. Per l’occasione, viene offerta in vendita una collezione di abbigliamento e accessori outdoor progettati con materiali riciclati o cotone organico. Non ci aspettiamo più che questo tipo di iniziativa venga perpetuato a lungo termine.
 

Riflessi di eco-consumo di base

Chiediti: ne ho bisogno?

Per andare a fare una passeggiata, non è necessario acquistare il perfetto completo da escursionista. Anche l’abbigliamento tecnico è molto popolare nella vita di tutti i giorni. Ma hai bisogno di una giacca impermeabile, resistente agli odori e ai raggi UV per prendere l’autobus?

Allo stesso modo, ci poniamo la domanda prima di sostituire uno dei suoi indumenti tecnici. Dato il loro impatto ambientale, il miglior consiglio è quello di acquistarli il meno possibile e di utilizzarli a lungo. Si ritiene che, in media, un capo di abbigliamento outdoor debba essere utilizzato per almeno 5 anni per attutirne l’impatto . [6]

Scoprilo da altri utenti

L’abbigliamento outdoor ha un costo. Meglio sceglierli per essere sicuri di investire nel tessuto giusto, soprattutto se si vuole utilizzarlo in modo intensivo. Prima di acquistare, controlliamo con altri consumatori: tramite siti di recensioni e test online, ad esempio. Digitiamo “nome del modello che ci interessa” + “test” (o “review” se leggi l’inglese) in un motore di ricerca per ottenere informazioni interessanti.

Senza affrontare l’aspetto ambientale, possiamo trovare test di qualità e prestazioni, ad esempio su questi siti:

  • (en) i-trekkings.net
  • (it) trailspace.com
  • (en) outdoorgearlab.com
  • (it) bikeradar.com (ciclisti speciali)

Il sistema a 3 strati

Con il sistema a 3 strati acquisti meno vestiti ma li moduli per essere sempre ben equipaggiati in base alla tua attività e alle condizioni meteorologiche. Uniamo:

  • uno strato di base , a contatto con la pelle, che deve disperdere il sudore per mantenere la pelle asciutta ed evitare la sensazione di freddo. Una maglietta in lana merino o sintetica si presta bene a questo utilizzo.
  • uno strato intermedio , che trattiene il calore intrappolando l’aria intorno al corpo. Spesso è un maglione caldo ma leggero in pile , anche in piuma.
  • uno strato esterno , che protegge dal vento, dalla pioggia e allontana il sudore. Generalmente è una giacca in un materiale chiamato “impermeabile-traspirante” [7] , come ad esempio Gore-tex. Lo scegliamo piuttosto leggero e non ingombrante. È il 2 ° strato che dovrebbe fornire il calore, non la giacca.

A seconda delle condizioni e dello sforzo, viene aggiunto o rimosso l’uno o l’altro livello . In questo modo, sarai sicuro di allontanare il sudore, di essere caldo e di essere protetto dalle intemperie, anche quando svolgi un’intensa attività all’aperto.

Per scegliere bene ogni strato, si conoscono le caratteristiche tecniche degli abiti, spesso citate nei negozi o sul sito web del brand.

Resisti alle sirene della moda e dei prezzi bassi

Vale la pena investire in attrezzature di buona qualità che conserviamo a lungo. Da un lato, c’è comfort quando si praticano attività all’aperto. D’altra parte, è più economico che ricomprare vestiti più spesso poco costosi che non sono durati più di una stagione o che sono troppo rapidamente fuori moda.

Ad esempio, in termini di colori , optiamo per valori sicuri: beige, nero, grigio, blu navy, marrone… Possono essere combinati facilmente e non sono troppo disordinati. Ci riserviamo i tocchi coloratissimi per i dettagli : strisce, cuciture, fodere, bottoni, cerniere …

Allo stesso modo, puoi sciare per diversi anni con la stessa combinazione e investire in un abbigliamento di buona qualità per non essere freddo o bagnato. È un buon piano per l’ambiente e il portafoglio!

Fonte: eco-guida attrezzatura da montagna, Mountain Riders.

Lavare prima del primo utilizzo

È uno slogan ben noto, ma rimuove sostanze chimiche come NP e NPEO dai vestiti. [8] Questi composti, spesso presenti negli articoli provenienti dall’Asia, sono irritanti, rendono la pelle sensibile e possono compromettere la fertilità. [9]
 

Buoni affari verdi con un budget basso

Se vuoi la qualità, il prezzo dell’abbigliamento outdoor può salire rapidamente. Tuttavia, può essere difficile mettere la mano nel portafoglio, soprattutto quando si inizia uno sport all’aria aperta o quando si intende fare un uso occasionale di questi indumenti (escursionista domenicale, escursionista in montagna o sciatore solo 1 settimana all’anno, in vacanza … ). Ma essere poco attrezzati può rovinare il piacere dell’attività , ad esempio se finiamo inzuppati quando abbiamo troppo caldo o quando un acquazzone ci sorprende. Ecco alcune idee per attrezzarti bene senza spendere una fortuna .

Prestito

Per un uso occasionale e soprattutto per i bambini che non vestiranno lo stesso vestito il prossimo anno, l’ideale è prendere in prestito un vestito da amici o familiari . Anche per riacquistare da loro a un prezzo ragionevole.

Acquista di seconda mano

Se tra i tuoi cari non trovi quello che cerchi, puoi trovare anche ottime occasioni di seconda mano. Possiamo rivolgerci a:

  • siti classici (2ememain.be, j’annonce, gruppi Facebook, ecc.);
  • borsette e vestiti vuoti;
  • siti specializzati, come Sports2Life.

Oltre a ridurre il suo impatto sull’ambiente (diamo ai vestiti una seconda vita), possiamo fare grandi risparmi .

Alcuni marchi offrono anche articoli riparati dal proprio marchio di abbigliamento . Possiamo citare Renewed e Worn Wear, che riparano rispettivamente gli indumenti di The North Face e Patagonia. Ma questi articoli di seconda vita hanno un prezzo poco allettante rispetto a quelli nuovi e non sono ancora realmente disponibili in Belgio.

Affittare

Il noleggio è in aumento. Puoi noleggiare tra privati, nei negozi o tramite siti specializzati .

Ad esempio, in alcune località di montagna è possibile noleggiare tute da sci nei negozi di articoli sportivi durante il soggiorno. Lo scopriamo in anticipo. Esistono anche siti specializzati che, a seconda della formula, noleggiano abiti nei negozi partner o consegnano direttamente nella location desiderata: Oxygene, Ski-chic, Zilok, ecc. 

> Consulta i nostri buoni indirizzi per il noleggio dell’attrezzatura per evitare di spendere soldi e di essere sovraffollati

 

Manutenzione, garanzia e riparazione

 

Indossati in condizioni a volte difficili, gli indumenti da esterno possono essere danneggiati: un buco, una cucitura strappata, una chiusura difettosa, un rivestimento sfaldato …

Innanzitutto controlliamo che il marchio offra una garanzia sul capo acquistato. Idealmente, questo copre i difetti di fabbricazione o l’usura anomala del prodotto.

Ovviamente seguiamo le istruzioni di lavaggio . È molto importante mantenere le proprietà tecniche di alcuni tessuti. Tutto è richiamato sulla piccola etichetta che si trova sempre negli indumenti (temperatura di lavaggio, non utilizzare ammorbidenti, consigli di asciugatura, ecc.). In caso di dubbio, consultare il sito web del marchio, che spesso fornisce consigli di manutenzione su misura per i suoi prodotti.

Ci assicuriamo anche di ventilare o lavare i nostri vestiti dopo l’uso, se ad esempio abbiamo sudato molto. Lasciare una maglietta fradicia di sudore in una palla nella borsa è una pessima abitudine, che può ridurne notevolmente la durata.

Sempre più marchi sono coinvolti anche nella riparazione dei loro indumenti outdoor. Alcuni offrono kit di riparazione o tutorial per prendere le cose in mano, come la guida alla riparazione di Patagonia o Vaude. A volte è abbastanza semplice. Ad esempio, se una giacca con una base impermeabile inizia a far passare la pioggia, puoi provare a reimpermeabilizzarla. Ci sono prodotti impermeabilizzanti tessili sul mercato. Ci assicuriamo di sceglierli a base d’acqua e privi di PFC.

È anche possibile restituire il prodotto in modo che il marchio possa occuparsi della riparazione stessa: sostituire le cerniere, cucire gli strappi, riparare le fibbie di uno zaino … Questo è il caso di Patagonia, Bergans of Norway, Houdini , Arc’teryx, Gore-tex …

Alcuni marchi offrono anche riparazioni gratuite , vale la pena dare un’occhiata.

Infine, l’azienda Green Wolf è specializzata nella riparazione di abbigliamento e accessori outdoor.

Puoi anche tentare la fortuna in un Repair Café. Potrebbe esserci un esperto.

Buoni viaggi!
 

Fonti

  • Greenpeace Detox Outdoor campagna 
  • Orme sulla neve, Greenpeace, 2015
  • Leaving Traces, The hidden dangerous chemicals in outdoor gear, Greenpeace, 2016
  • Come scegliere la giacca da trekking giusta, UFC-Que-Choose
  • Sito web AchACT
  • Valutazione degli effetti sensibilizzanti o irritanti sulla pelle di sostanze chimiche presenti nei tessuti per calzature e abbigliamento, ANSES, 2018.
  • Eco-design di prodotti tessili-abbigliamento, WWF, 2011.
  • Guida al design per la longevità – abbigliamento sportivo, programma d’azione per i rifiuti e le risorse.
  • L’eco-guida dell’attrezzatura da montagna, 4a edizione, Mountain riders.
 


[1] Il 71% dei consumatori ritiene che i marchi sportivi debbano svolgere un ruolo nella protezione dell’ambiente (sondaggio Repucom, sport & cittadinanza | sport, salute e ambiente, 2014).

[2] Museling, praticato in Australia, consiste nel tagliare enormi pezzi di pelle dai quarti posteriori degli agnelli in un maldestro tentativo di controllare i vermi (miasi) nelle pecore.

[3] Queste innovazioni, ancora poco utilizzate, sono offerte dai marchi Fjällraven, Patagonia, Eider, The North Face, Timberland, ecc.

[4] La traspirabilità può essere misurata anche in MVTR (Moisture Vapor Transmission Rate): maggiore è il numero, più il capo respira.

[5] Composti perfluorurati.

[6] Fonte: Guida all’abbigliamento sostenibile 2017

[7] Impermeabile: che combina impermeabilità e traspirabilità

[8] Nonilfenoli (NP) e nonilfenoli etossilati (NPEO)

[9] Valutazione degli effetti sensibilizzanti o irritanti sulla pelle di sostanze chimiche presenti nei tessuti per calzature e abbigliamento, ANSES, 2018

 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Confronto del prodotto: parquet

Eco-co-koteur: l’eco-atteggiamento tra gli studenti!