in

Feste per bambini, versione ecologica

Ah feste per bambini! Spuntini, risate, giochi: tanti bei ricordi! Per i genitori di oggi, senza dubbio, anche il desiderio di vedere brillare gli occhi dei propri figli durante questi bei momenti. E quando ci pensi, è strano come puoi facilmente dimenticare le buone abitudini prese altrimenti. In questo dossier, alcune idee per festeggiare con i nostri bambini senza celebrare il pianeta! Da adottare senza ritegno per i compleanni così come per tante altre occasioni come un mercoledì pomeriggio quando gli amici sono invitati a casa, una domenica con la famiglia o anche in prossimità del Carnevale.

“Ti invito al mio compleanno che avverrà il …”

Nessuna festa senza invito! Più di 7 famiglie belghe su 10 hanno Internet a casa: gli inviti elettronici sono quindi sempre più diffusi. Risparmiano molta carta. Schede già pronte o personalizzabili, immagini animate… Possiamo anche realizzare un piccolo video. Fai attenzione, tuttavia, a non menzionare i dettagli di contatto se sono condivisi pubblicamente sul web.

Se i nostri piccoli si preoccupano ancora della distribuzione degli inviti nel parco giochi, preferiamo il riciclaggio domestico, carta riciclata (etichettata Blue Angel o Nordic Swan) o, in mancanza, carta proveniente da foreste gestite in modo sostenibile (etichette FSC o PEFC).

In questo invito, incoraggiamo subito coloro che devono viaggiare a prendere i mezzi pubblici o al carpool.

“Cosa facciamo? Mi annoio… ”

Con uno sciame di bambini a casa, è meglio essere organizzati e pianificare alcune attività divertenti. Qualche idea…

Lunga vita ai travestimenti!

Il baule pieno di vestiti e accessori per vestirsi è quasi sempre una formula vincente. Per riempirlo, pensiamo al riciclaggio: vestiti inutilizzati, tessuti, accessori di seconda mano … Aggiungiamo a questa gamma alcune attrezzature “fai da te”: un porta badge per conferenza servirà come carta di polizia o detective privato, ali di farfalla, una roccia La chitarra stellare o lo scudo di un cavaliere possono essere tagliati da vecchi imballaggi di cartone, la lana appesa a un berretto farà una parrucca divertente, ecc. Fornisci una varietà di argomenti e l’immaginazione dei bambini farà il resto. Queste idee devono essere tenute presenti anche con l’avvicinarsi dei festeggiamenti del Carnevale!

Giochi diversi

Per cambiare i soliti giochi da tavolo, testiamo le nuove funzionalità tramite una libreria di giochi. Introduciamo i giochi cooperativi: i giocatori non sono in competizione ma vincono o perdono insieme (alcune idee in questo rapporto Ligueur. Un’altra opzione: giochi in legno di grande formato (botola, shuffleboard, mikado o jenga gigante) …) Da noleggiare così com’è o accompagnati da un animatore (alcuni indirizzi disponibili su richiesta da écoconso).

Un laboratorio

Se il gruppo non è troppo numeroso, facilitare un seminario da soli può essere un’ottima idea. Sì, ma un’officina di cosa? Niente panico, non è necessario essere un artista confermato! Ci sono molte risorse nelle biblioteche, nelle librerie o su Internet. Alcuni suggerimenti per guidare la ricerca:

  • Crea oggetti, statuette, ecc. in pasta di sale. La ricetta: 1 bicchiere di sale, 1 bicchiere di acqua tiepida e 2 bicchieri di farina. L’impasto deve essere morbido senza attaccarsi alle dita. Dopo l’essiccazione, può essere cotto e dipinto.
  • Realizza giocattoli o strumenti musicali con cartone o materiali riciclati. Un rotolo di carta assorbente infilato con chiodi, riempito di sabbia o riso, chiuso alle estremità e poi avvolto in una carta decorata dal bambino farà un superbo bastone da pioggia. Le lattine diventeranno maracas. Alcune idee per realizzare strumenti su questo blog.
     

    Da sinistra a destra e dall’alto in basso:

    1. Box per cereali. Bella Dia: http://belladia.typepad.com

    2. Veicolo in una bottiglia di riciclaggio – Martine Camillieri: www.martinecamillieri.com

    3. Razzo realizzato con un tubo di cartone – Martha Stewart (in inglese): www.marthastewart.com

    4 Villaggio in vasetti di yogurt – Julie ama la domenica: http://julieadoredimanche.blogspot.com
  • I giardinieri di erbe saranno deliziati da una sessione di semina. Fiori, semi germogliati, ortaggi, piante aromatiche … Un vasetto per bambino (o anche un vasetto di yogurt salvato dalla spazzatura), terriccio, semi e acqua, questo è tutto ciò che serve per riportare un bel ricordo da guardare crescere !
  • Un laboratorio di cucina delizierà i più golosi. Questa è l’occasione per sviluppare i gusti dei bambini. Potrebbero anche aiutare a preparare la torta di compleanno o cuocere i biscotti da tagliare in tutti i tipi di forme. Pensiamo alle possibili allergie e progettiamo una pasta base, che possa lavorare con le uova, il burro… o le loro alternative.

All’aperto

Se il tempo lo consente, pianifichiamo una caccia al tesoro o una caccia al tesoro. Cammina, enigmi, cerca, è una vera avventura!

Più originale, introduce i bambini alla “land art”. Si tratta di creare creazioni in natura usando foglie, fiori, ramoscelli, pietre, pigne, bacche, neve…. Li disponiamo, senza cercare di renderlo figurativo, su uno sfondo (il verde del muschio, il marrone di un ceppo di albero o della terra, il bianco della neve, il grigio della ghiaia, la trasparenza di una pozzanghera … ). Le istruzioni devono rimanere molto aperte ma potremmo, ad esempio, incoraggiarli a usare solo due colori o invitare i bambini a disporre i loro reperti secondo forme (a tutto tondo, a spirale, a quadrato, ecc.), Ripetizioni, pile e sovrapposizioni di materiali … Alla fine, lasciamo in loco queste opere effimere perché tornino alla natura. Pensiamo di scattare una foto di ogni creazione da soli e con l’artista in erba. Le foto possono essere inviate via e-mail come souvenir e grazie per la giornata.

Land art realizzata da un bambino nell’ambito di un progetto educativo scolastico.
www.c-paje.net

Arco di neve di land art.
http://landart-enfants.blogspot.com

Land art con pietre.
http://nature-art.blogspot.com

In estate e purché tu abbia un giardino, puoi immaginare un campo. Montiamo qualche tenda, accendiamo un braciere, ci raccontiamo storie spaventose sorseggiando cioccolata calda, guardiamo le stelle e individuiamo le costellazioni. I più grandi possono restare e dormire nelle tende.

Uno show

Chi apprezza gli spettacoli dal vivo potrà rivolgersi a performance che sensibilizzino i più giovani all’ambiente. È anche possibile coinvolgere un narratore chiedendogli di selezionare racconti che ci facciano pensare al rispetto della natura, alla condivisione, alla solidarietà …

Da bere e da mangiare

Se è un compleanno, la torta è d’obbligo. Prepariamolo a casa con ingredienti semplici e biologici. Oltre ad essere privi di pesticidi e fertilizzanti sintetici, generano dal 30% al 50% in meno di gas serra rispetto agli ingredienti dell’agricoltura “convenzionale”.

Proponiamo succhi di frutta locali o un’aranciata fatta in casa e non dimenticate di portare l’acqua. Evitiamo le bibite, che sono ricche di zuccheri e additivi. Se i bambini vogliono davvero le bollicine, preferiamo il succo di mela frizzante o l’acqua frizzante con un po ‘di sciroppo.

Per quanto riguarda le stoviglie, la soluzione lavabile resta la più rispettosa dell’ambiente. I materiali più sani sono la porcellana, la terracotta, la ceramica, il vetro e l’acciaio inossidabile. Ma solo l’ultimo non si rompe …

Rimane la possibilità di piatti e bicchieri di plastica riutilizzabili. È una soluzione pratica … ma che pone problemi di salute a causa dei componenti dannosi che possono migrare nel cibo. Preferiamo piatti e tazze in polipropilene (logo 5 o PP). Evitiamo il policarbonato (acronimo 7 o PC). Si tratta di una plastica dura e trasparente simile al vetro, abbastanza inquinante nella produzione e controversa per il suo contenuto di bisfenolo-A, i cui studi mostrano gli effetti sul sistema nervoso e ormonale, in particolare dei feti, dei neonati e dei bambini. Dovremmo anche evitare la melamina, costituita da un adiuvante sospettato di tossicità sulla funzionalità renale, e per di più vietato in alcuni paesi. Infine, scegliamo questo servizio abbastanza neutro in modo da poterlo togliere ogni anno senza stancarci. Giocheremo piuttosto sugli asciugamani e sulle animazioni per declinare un tema.

Se ci troviamo ancora ad usare usa e getta, preferiamo il cartone alla plastica e pensiamo di annotare i nomi sui bicchieri.

Vediamo sempre più apparire nel commercio di stoviglie compostabili. Se a prima vista questa soluzione sembra attraente, in realtà non è l’ideale. Da un lato, perché dal punto di vista educativo continuiamo a dimostrare che possiamo consumare e buttare via senza preoccupazioni. D’altra parte, anche se sono realizzati con materiali rinnovabili, l’eco-valutazione delle tazze compostabili non è brillante. Infine, questa opzione è interessante solo se effettivamente compostate i piatti invece di gettarli nella normale spazzatura. Si noti inoltre che “compostabile” non significa “biodegradabile in nessuna condizione”. A meno che non rechino l’etichetta “OK Compost Home”, questi prodotti, che sono più destinati al compost industriale, rischiano di impiegare molto tempo per degradarsi nel compost familiare. Soprattutto se butti via 20 piatti, bicchieri e posate contemporaneamente …

Regali o il regno dell’eccesso

Per i compleanni c’è un punto che spesso rimane difficile: i regali. Molti genitori scoprono che i loro figli hanno già abbastanza giocattoli. Inoltre, non tutti condividono le stesse preoccupazioni ambientali, i nostri figli rischiano di ricevere gadget o regali poco durevoli che avremmo preferito evitare. Tuttavia, è difficile “privare” i tuoi figli del piacere dei regali.

Tuttavia, questo non ci esime dall’avviare una discussione su questo argomento. Ad esempio, possiamo spiegare che la festa ruota più attorno a grandi momenti condivisi con gli amici piuttosto che attorno a regali. Catturato dal vortice del momento, il bambino sarà così impegnato a divertirsi che potrebbe non pensare nemmeno ai regali.

Bisogna anche convincere gli ospiti a non portare nulla e non è necessariamente più facile! Ecco alcune idee alternative, per facilitare la transizione:

  • chiedi agli ospiti di offrire un giocattolo o un libro di seconda mano … che viene da casa loro! Sceglieranno tra i loro giocattoli, libri, CD, qualcosa che vorrebbero regalare al loro amico. È anche un buon modo per imparare a condividere.
  • incoraggiamo la dematerializzazione, anche per i bambini: ad esempio un “buono per…” un film con un amico, una giornata al mare in primavera, un pomeriggio a cuocere insieme i biscotti, fare una capanna in giardino, uno spettacolo di marionette …
  • offrire un regalo collettivo. Invece di accumulare una miriade di ninnoli e gadget, gli ospiti partecipano a un regalo che può essere scelto più utile e più duraturo.

Non esitate a chiedere che i regali debbano essere preferibilmente avvolti in carta di giornale o riciclata, in un sacchetto riutilizzabile, in un panno … Possiamo anche motivare i fornitori annunciando che un premio premierà l’imballaggio e / o il più ecologico regalo. Quindi offriremo una pianta, una preparazione casalinga … Così sarà preservato il piacere di disimballare.

Qualunque opzione tu scelga, lascia che sia chiaramente nell’invito! Alcuni genitori saranno sorpresi e alcuni probabilmente porteranno ancora un regalo. Ma va bene perché alcuni giocheranno insieme … e forse vorranno anche adottare le stesse idee per le proprie feste!

Ultimi suggerimenti

Pianifichiamo e iniziamo a prepararci per le vacanze con largo anticipo e invitiamo i nostri figli a partecipare all’organizzazione. Evitiamo di spiegare le nostre idee con parole come “meno inquinante”, “meno rifiuti”, “meno di …”, “meno di …”. Presentiamola invece come una divertente sfida: “Che tipo di festa vorresti?” quale tema? come proteggeremo il pianeta? e se provassimo a non buttare via niente? Hai qualche idea ? guarderemo insieme… ”. Aiuteremo così i nostri bambini a sentirsi responsabili, a investire se stessi e ad essere orgogliosi dei loro risultati che rispettano il pianeta ei suoi abitanti. Questo divertendosi e facendo una bella festa!

 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Oli essenziali in cucina: goccia a goccia!

Nanotecnologie