in

Riduci l’impatto della tecnologia digitale sul clima

Evitiamo di stampare la carta ma non sempre pensiamo all’inquinamento digitale. Tuttavia, l’utilizzo di Internet, questa abitudine diventata comune, ha un grande impatto sull’ambiente. Soprattutto perché abbiamo (quasi) tutti uno smartphone con una connessione quasi permanente. Questo consuma molta energia e quindi pesa sul riscaldamento globale. Ma è possibile ridurre l’impronta digitale per risparmiare 350 kg di CO 2 all’anno e per persona .

Sommario:

  • IT: un peso massimo per il clima
     
  • Come possiamo agire?

1. Riduci il consumo di dati
2. Conserva i tuoi dispositivi più a lungo
3. Evita acquisti non necessari
4.
Spegni i dispositivi 5. Preferisci la rete cablata al 4G

  • Cosa stanno facendo le aziende?
     
  • E dalla parte delle autorità pubbliche?

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –
 

IT: un peso massimo per il clima

Se il settore IT fosse un paese, sarebbe il terzo più grande consumatore di elettricità al mondo! [1]

E il problema è che il carbone resta di gran lunga la prima fonte di energia a produrre elettricità (quasi il 40%) al mondo, davanti al gas (23%). Se aggiungiamo petrolio (3,7%), due terzi dell’elettricità mondiale viene prodotta con combustibili fossili. Ciò porta a emissioni di CO 2 significative : il 39% delle emissioni globali di CO 2 dovute alla combustione di energia, ovvero circa 12,5 miliardi di tonnellate di CO 2 . [2]

Secondo lo Shift Project [3] , questo enorme consumo è dovuto:

  • per il 55% all’utilizzo di data center, reti e terminali . Tutto su Internet deve essere ospitato da qualche parte. I data center sono grandi stanze contenenti computer per memorizzare i dati. Questi computer generano calore, quindi le stanze devono essere raffreddate, il che consuma molta energia.
  • 45% per la produzione di terminali (computer, tablet, smartphone, TV e qualsiasi oggetto connesso a Internet).

 

Come possiamo agire?

Ecco 3 modi concreti per ridurre la tua impronta digitale.

> Vedi anche altre idee con le nostre 16 azioni “Clima: smetti di fare troppo!” “

1. Riduci il consumo di dati

L’80% dei dati su Internet viene utilizzato per … guardare video . Il 60% sono video online che emettono 305 milioni di tonnellate di CO 2 all’anno. Questo è l’equivalente delle emissioni annuali della Spagna o tre volte le emissioni di tutto il Belgio!

Tra i “video online” si distinguono VoD – Video on Demand (servizi come Netflix o Amazon Prime),
pornografia, Tubes (come Youtube, Vimeo, Dailymotion) e altri video ospitati dai social network (Facebook, Twitter…).

 

Per ridurlo, possiamo:

  • guarda meno video online . Ad esempio, puoi bloccare l’avvio automatico di un video dopo l’altro (su piattaforme come Youtube, Dailymotion o Vimeo) e la riproduzione automatica dei video sui social network. E resisti a guardare video di piccoli gatti per occuparsi di trasporti o sale d’attesa …
  • regola la qualità del video per ridurne il peso durante la riproduzione.

Esempio di impostazione di qualità e riproduzione automatica su Youtube

Esempio di relazione tra la definizione di un video (come consigliato da Youtube [4] ) e la dimensione del file corrispondente.

  • pulisci la tua casella di posta . Eliminiamo i messaggi di grandi dimensioni (più di 1 MB), quelli risalenti a diversi anni, le newsletter mai lette.
  • installa un blocco degli annunci . Gli annunci possono moltiplicare il peso di una pagina per due o tre! I blocchi degli annunci sono estensioni che aggiungi al tuo browser che filtrano gli annunci pubblicitari indesiderati, anche in formato video. Uno dei più noti è Adblock.

2. Conserva i tuoi dispositivi più a lungo

Se consideriamo solo l’energia necessaria ai dispositivi (escluse quindi le reti), è la manifattura ad avere il maggior impatto sul clima. Esso genera fino a dieci volte più gas serra rispetto al consumo di energia elettrica per impianti energetici (smartphone, computer, televisione, ecc). Ci preoccupiamo quindi di allungare il più possibile la vita dei nostri dispositivi e di non sostituirli troppo velocemente con quelli nuovi.

Emissioni di gas serra durante la produzione e l’uso di dispositivi elettronici e durante il loro utilizzo, per tutta la loro vita. Secondo ADEME.

> Vedi anche: 3 consigli per mantenere il tuo smartphone più a lungo.

3. Evita acquisti non necessari

Si può essere tentati di moltiplicare i dispositivi (avere uno smartphone, un tablet, un computer fisso e un laptop), ognuno con i suoi vantaggi e svantaggi. Oltre all’ostacolo di bilancio (tutta questa attrezzatura è costosa!), Il consumo di risorse (minerali, acqua, energia, ecc.) Deve essere al centro delle preoccupazioni.

Scegliamo quindi un unico dispositivo che soddisfi bene le nostre esigenze ma che resti flessibile , proprio per poterlo conservare a lungo e farne vari utilizzi.

> Vedi anche: Computer desktop, laptop, tablet … Come scegliere il compagno digitale giusto?

4. Spegnere i dispositivi

Spesso ci dimentichiamo di spegnere il decoder e il modem quando non vengono utilizzati. Ciascuno può consumare 75 kWh / anno per niente.

L’ideale è quindi collegare il tutto ad un interruttore multipresa e spegnerlo quando si è fuori casa e di notte .

Inoltre, riduce anche le onde grazie al wifi. Tutti i benefici per la salute!

5. Preferisci la rete cablata al 4G

ARCEP, l’ente francese di regolamentazione delle telecomunicazioni, ha diffuso un documento che confronta i consumi energetici in base al tipo di connessione utilizzata. Per un utilizzo di 6,7 GB / mese, il consumo annuo di elettricità è:

  • circa 5 kWh per la fibra ottica , che consuma meno energia.
  • 16 kWh per ADSL: tre volte più consumi
  • 50 kWh per 4G: consumi decuplicati rispetto alla fibra ottica

È quindi meglio guardare i video con una rete cablata che con il 4G!

Cosa stanno facendo le aziende?

I data center sono riusciti a stabilizzare il proprio consumo di elettricità negli ultimi anni, secondo l’Agenzia internazionale per l’energia. [5] E questo mentre il consumo di dati è triplicato. È una grande impresa.

Alcuni giganti del web come Apple, Google o Facebook stanno sempre più fornendo ai propri data center fonti di energia rinnovabile . Greenpeace assegna un “Clean Energy Index” che consente di verificare quali applicazioni e aziende sono più responsabili in termini di politica energetica.

Una soluzione complementare è quella di utilizzare il free cooling  : anziché utilizzare l’aria condizionata per raffreddare i data center, vengono installati in aree più fresche dove possono essere raffreddati con l’aria esterna.
 

E dalla parte delle autorità pubbliche?

Parliamo molto di 5G e città intelligenti .

Il 5G promette velocità molto più elevate: il download di un video da 1 GB richiede più di 5 minuti con 4G ma meno di un minuto con 5G. Consente inoltre un massiccio sviluppo dell’Internet of Things con sensori onnipresenti. Un cestino collegato, ad esempio, invia informazioni quando è pieno e deve essere svuotato.

Ma questa implementazione deve essere considerata dalle autorità pubbliche perché non tutte le applicazioni sono utili e il consumo di energia e risorse è molto reale.

In questa fase la “smart” non ridurrà la crisi climatica ed energetica, anzi . “Nessuno studio dimostra che la valutazione complessiva sia fatta a favore della tecnologia digitale. [6] Piuttosto, aggraverebbe ulteriormente i problemi che afferma di risolvere [7] , nonostante la retorica tecno- risoluzionista . ” [8]
 

 


[1] Secondo l’Agenzia internazionale dell’energia

[2] Nel 2016

[3] Report “Lean ICT: for digital sobriety” – The Shift Project, ottobre 2018

[4] Su https://support.google.com/youtube/answer/1722171?hl=fr

[5] Vedi https://www.iea.org/tcep/buildings/datacentres/

[6] Deloitte Développement Durable, EcoInfo, Futuribles e CRÉDOC, Potenziale di contributo della tecnologia digitale alla riduzione degli impatti ambientali: inventario e sfide per la previsione, studio ADEME 2016.

[7] Oggi, il settore digitale sta aumentando le proprie emissioni di CO2 dell’8% all’anno (mentre dovrebbe ridurle del 5% all’anno per rimanere al di sotto dell’aumento di 1,5 ° C delle temperature planetarie) e potrebbe emetterne tante quante le settore nel 2025. Fonte: Lean ICT, Report, The shift project.

[8] Cécile Diguet e Fanny Lopez, L’impatto spaziale ed energetico dei data center sui territori, Rapporto Ademe, 2019.

 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

1, 2, 3, giardino ecologico!

Etichette senza problemi: dispositivi elettrici ed elettronici