in

1, 2, 3, giardino ecologico!

Perché iniziare?

Acqua, sole, buon terreno … questo dovrebbe essere sufficiente per creare splendidi giardini. Tuttavia, abbondanti annaffiature con acqua di rete, una scelta di piante inadatte al suolo o al clima e la caccia di animali e piante indesiderate incoraggiano l’uso di prodotti e tecniche con pesanti conseguenze per l’ambiente e la salute.

Così, supposti per garantire produzioni generose di frutta e verdura vigorosa, senza insetti o malattie, magnifici fiori in giardini privi di “erbacce”, prati verdissimi senza muschio o denti di leone, i prodotti fitosanitari dell’industria petrolchimica sono innocui per l’ambiente o per gli esseri umani. Da un lato, i danni ambientali sono numerosi: inquinamento del suolo e dell’acqua, danni collaterali a uccelli e api, squilibrio e distruzione degli ambienti ecologici, ecc.

D’altra parte, i pesticidi sono dannosi a breve termine al momento dell’uso, per contatto o per respirazione, e sono dannosi anche a lungo termine per accumulo nell’organismo. Il consumo di frutta e verdura trattata con fertilizzanti e / o pesticidi, giochi per bambini e sonnellini in giardino diventano attività ad alto rischio. I residui tossici si accumulano così nel tempo nel corpo. Mutazioni genetiche, ridotta fertilità, malattie metaboliche, tumori, ecc. sono quindi imputabili al contatto diretto o indiretto con prodotti fitosanitari.

Come fare ?

La diversità in giardino è la chiave del successo. Accogliere e rispettare la biodiversità promuovendo flora e fauna autoctone, specie rare o dimenticate, consentirà la comparsa di preziosi ausiliari (uccelli, ricci, coccinelle, api solitarie, coleotteri, ecc.). Allo stesso tempo, il giardiniere raccoglierà l’acqua piovana, la gestirà con parsimonia e si dedicherà al pacciame e al compost per arricchire il terreno, coltivando così la sua terra senza fertilizzanti sintetici o pesticidi.

Passo 1

Conosco il mio terreno, lo nutro naturalmente e lo innaffio moderatamente

  • Analizzo la natura del terreno  : sabbioso, argilloso, calcareo, avrà pH diverso e ospiterà piante diverse. Migliora la sua ricchezza in azoto, fosforo, potassio e oligoelementi mediante emendamenti naturali: corno e farina di sangue, sangue essiccato, fosfato di roccia, polvere di ossa, cenere di legno, alghe e farina di pesce, ecc. Lavoro delicatamente il terreno, aerandolo senza capovolgerlo per non disturbare l’ordine dei diversi strati e la vita dei microrganismi.
  • Compost due tipi di rifiuti organici, in cumuli o in un bidone della composta, per ottenere un emendamento che arricchisca il giardino: rifiuti domestici (bucce, fondi di caffè, bustine di tè, gusci d’uovo, ecc.) E rifiuti del giardino (erba tagliata, morta foglie, potatura di siepi (frantumate), scarti di orto, legna e cenere di barbecue (ricca di elementi minerali), paglia, segatura …
  • Raccolgo l’acqua piovana  deviando le grondaie verso una cisterna o botti e la risparmio: se una zappatura vale 2 annaffiature, una pacciamatura ne vale 10, e un’annaffiatura al mattino al fresco e alla sera ne aumenta la quantità.

2 ° passaggio

Scelgo piante adatte al suolo e alle condizioni climatiche

La natura del suolo, il clima e l’esposizione del terreno determinano la scelta delle piante da installare in giardino. “La pianta giusta al posto giusto” evita l’uso prematuro di fertilizzanti, promuove piante sane e resistenti senza ricorrere eccessivamente a costosi trattamenti che devono essere ripetuti più e più volte.

  • Seleziono semi e piante di origine biologica, autoprodotti o da scambi con altri giardinieri e promuovo il ritorno di antiche varietà dimenticate. Le piante non resistenti e molto sensibili sono da evitare, a meno che non tolleri i loro inconvenienti: un po ‘di crosta, ruggine, oidio o qualche attacco di insetti non sarà mai drammatico in un giardino equilibrato. Associo “piante amiche” che traggono risorse diverse dal suolo o si proteggono a vicenda respingendo i predatori.
  • Scelgo un prato adatto al terreno, all’esposizione e all’uso: un prato vario e fiorito consentirà una manutenzione regolare senza pesticidi. Un prato “lungo”, tra gli 8 ei 10 cm, offre una maggiore resistenza alla siccità.
  • Io tollero le erbacce , queste erbacce dichiarate cattive perché crescono dove non le vuoi. Importanti per la biodiversità (raccoglitrici, uccelli, ecc.), Hanno spesso interessi farmaceutici, culinari ed estetici. Per limitarne la proliferazione, semino il trifoglio nano nel prato o piante tappezzanti e lo mantengo regolarmente: le erbacce vengono tagliate prima che i semi vengano disseminati o tirati su a mano.
  • I pacciamare il piede di alberi e piante, in aiuole, orto: pacciame da prati falciatura, legno rameal frammentato dalla potatura siepe, lino e canapa fiocchi, baccelli di cacao, etc. La pacciamatura aiuta a distanziare le annaffiature, rallenta la crescita delle “erbacce” e mantiene più pulite le verdure dell’orto.

Passaggio 3

In un giardino naturalmente diversificato e curato non c’è quasi bisogno di intervenire con i prodotti. Uccelli, insetti e “erbacce” aiutano a riequilibrare il giardino.

  • Accolgo la fauna ausiliaria del giardino (cataste di legna, vecchie pietre, vecchi ceppi, zona di terreno nudo o sabbioso, nidi per insetti e uccelli) e controllo ogni giorno le mie piantagioni per intervenire tempestivamente con predatori e mezzi naturali .
  • Evito i prodotti fitosanitari sintetici e opto per prodotti di linee ecologiche o alternative come il sapone nero.
  • Faccio i miei trattamenti erboristici  contro insetti parassiti e malattie: ortica, dente di leone, consolida maggiore, felce, tanaceto, menta, equiseto, aglio, ecc.
  • Limito le applicazioni alla necessità , solo sugli organismi da trattare; Tratto la sera, per risparmiare insetti in cerca di cibo, e con tempo calmo, evitando superfici di ruscellamento, stagni, cisterne, ruscelli.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

13 incredibili benefici per la salute dell’indivia per il corpo e la salute

Riduci l’impatto della tecnologia digitale sul clima