in

Quale deodorante scegliere: naturale, biologico, classico?

Il deodorante classico è controverso: è collegato al cancro al seno? In questione: i sali di alluminio presenti nella composizione, tra gli altri … In caso di dubbio è meglio scegliere un deodorante naturale o organico che rispetti la salute, oltre che l’ambiente, e che sia efficace anche contro i cattivi odori da sudore .

Sommario:

  • Preferisci un deodorante naturale ed etichettato
    • Un deodorante piuttosto che un antitraspirante
    • Una composizione sana
    • Identifica le etichette
    • Confezione ridotta
    • Fatti in casa
  • Evita i deodoranti e gli antitraspiranti convenzionali
    • Sali di alluminio e cancro al seno?
    • Altri ingredienti controversi
  • E la pietra di allume?
  • Regole di base

– – – – – – – – – – – – –
 

Preferisci un deodorante naturale ed etichettato

Un deodorante piuttosto che un antitraspirante

Il termine deodorante comprende diversi prodotti, da soli o in combinazione.

Distinguiamo:

  • deodoranti, che prevengono gli odori senza prevenire la sudorazione. Combattono i batteri della pelle, responsabili degli odori sgradevoli quando interagiscono con il sudore.
  • antitraspiranti, che impediscono al sudore di raggiungere la superficie della pelle. Contengono sali di alluminio che ostruiscono le ghiandole sudoripare (quelle che secernono il sudore). Poiché i batteri sulla pelle non vengono più a contatto con il sudore, l’odore è minore.

Si preferisce utilizzare solo un deodorante . La sudorazione è un fenomeno naturale, il cui principale svantaggio è l’odore. Gli antitraspiranti sono evitati.

Una composizione sana

Scegliamo un deodorante naturale senza sali di alluminio e altri componenti dannosi per la salute e l’ambiente.

Molti ingredienti naturali combattono la traspirazione. Per identificare in etichetta, i seguenti ingredienti:

  • gli idrosoli vegetali (nome latino della pianta + “estratto”) come amamelide, salvia …;
  • le piante di oli e burri (nome latino della pianta + “olio” o “burro”) come burro di karité, olio di cocco …;
  • gli oli essenziali (nome latino della pianta + “foglia” o “fiore” o “buccia” o … + “olio”) come palmarosa, tea tree, alloro …;
  • l’ alcol (“alcool”) per sostenere le ascelle;
  • polveri come bicarbonato di sodio (“bicarbonato di sodio”), argilla (“caolino”);

Gli ingredienti da preferire e da evitare sono identificati in questa tabella.

I deos naturali non hanno sempre una buona stampa. A torto. Le formule si stanno evolvendo e molte sono molto efficaci. Per scoprire alcune buone marche, contatta il nostro servizio di consulenza gratuito.

Identifica le etichette

La migliore garanzia per un cosmetico ecologico è una delle seguenti etichette o menzioni:

Nature & Progrès, Natrue, Cosmos, Cosmebio, Ecocert, Slow Cosmétique …

 

Le etichette attestano che il prodotto soddisfa specifiche precise. Optiamo quindi per un deodorante il cui impatto ecologico è ridotto (composizione, confezione, ecc.).

Un deodorante (quasi) zero sprechi

La parte migliore è il deodorante solido , acquistato all’ingrosso se possibile. Può avere una semplice confezione di carta o cartone.

Esistono anche bottiglie di vetro riciclabili. Se condividi il tuo deodorante, l’ideale è il vaporizzatore. Poiché viene utilizzato lontano dalla pelle, previene il deposito di batteri sul contenitore. Vuoti, vengono posti in una bolla di vetro, dopo aver rimosso le parti in plastica.

Evitiamo i bastoncini di plastica (che non sono riciclabili), così come gli aerosol (riciclabili ma che producono particelle fini che preferiamo evitare per i polmoni).

Fatti in casa

Gli appassionati di fai da te possono creare il proprio deodorante . Solido, gel, liquido, ce n’è per tutti i gusti.

Prediligiamo ingredienti biologici ed etichettati, per un deodorante ancora più ecologico.

Rispettiamo le regole di igiene, i dosaggi, controlliamo di poter utilizzare tutti gli ingredienti senza controindicazioni … [1]  L’ideale: consultare un buon libro di consultazione. Puoi anche trovare ricette fantastiche e affidabili su Internet. Riferimenti a libri e idee per ricette alla fine dell’articolo.
 

Evita i deodoranti e gli antitraspiranti convenzionali

Si evitano deodoranti e antitraspiranti convenzionali. Alcuni ingredienti nella loro composizione sono controversi: sali di alluminio, BHT, ecc.

Sali di alluminio e cancro al seno?

Circa 8 deodoranti su 10 contengono sali di alluminio. Riconosciuti per il loro potere antitraspirante, limitano la traspirazione a lungo. A volte fino a 72 ore … il che non è necessario se ti lavi tutti i giorni 😉  

I sali di alluminio sono spesso controversi nei prodotti contro il sudore: si sospetta che provochino il cancro al seno. Ma i dati non possono stabilire il collegamento tra i sali di alluminio e il cancro al seno, dicono gli esperti. [2] Alcuni ricercatori classificano persino deodoranti e antitraspiranti nell’elenco dei prodotti a rischio non dimostrato. [3] Anche se a volte arrivano altri studi a ravvivare il dibattito. [4]

Per il cancro al seno, i medici incolpano invece:

  • fattori genetici e ormonali;
  • consumo eccessivo di alcol e grassi;
  • mancanza di attività fisica;

Inoffensivo quindi?

I livelli di sali di alluminio sono una preoccupazione in alcuni deodoranti antitraspiranti, secondo 60 milioni di consumatori. Hanno effetti nocivi sulla salute  : neurotossicità, danni alle ossa, ecc. In caso di somministrazione ripetuta. Tuttavia, la pelle delle ascelle assorbe i sali di alluminio. [5] E il loro uso in deodoranti / antitraspiranti può anche causare infiammazioni ed eczemi.

Su questa base, l’afssaps [6] limita l’alluminio allo 0,6% nei prodotti cosmetici utilizzati sulla pelle sana. Si sconsiglia inoltre il loro utilizzo dopo la rasatura o in caso di danni alla pelle. Il Consiglio Superiore della Salute (CSS) dichiara di “non poter commentare la natura“ sicura per la salute umana ”di questi prodotti”. [7]

CSS consiglia inoltre:

  • evitare o limitare l’uso di antitraspiranti da parte delle donne in gravidanza;
  • limitare ad uso terapeutico gli antitraspiranti ad alto contenuto di sali di alluminio.

Come evitare i sali di alluminio?

Nota: i sali di alluminio si trovano anche in altri cosmetici: prodotti per la rasatura, creme, trucco, maschere, prodotti solari, ecc. Dove l’alluminio si trova in più di 25 composti. Ci sono molti modi in cui entri in contatto con questi ingredienti, il che aumenta le dosi.

Per evitare i prodotti che lo contengono, sono elencati nell’elenco degli ingredienti sotto il termine “Alluminio” seguito da:

  • “Cloruro”;
  • “Cloridrato”;
  • “Clorohydrex”;
  • “Sesquicloridrato”;
  • “Zirconio”;
  • “Capryloyl glycine”.

Altri ingredienti controversi

Evitiamo anche altri ingredienti sospetti per la salute o l’ambiente:

  • Controversi BHA e BHT per la salute;
  • EDTA che inquina;
  • i siliconi , il cui impatto sull’ambiente è discutibile;
  • PPG a causa dei suoi processi di produzione;

E la pietra di allume?

Inodore e incolore, la pietra di allume viene utilizzata come deodorante. Lo bagniamo poi lo passiamo sotto le ascelle. Soddisfa molti utenti: è efficace contro gli odori, il sudore e non lascia macchie sui vestiti. 

Esistono 2 tipi:

  • La pietra di allume naturale , composta da “allume di potassio”. È traslucido con crepe.
  • L’ allume sintetico di pietra , fatto di “allume di ammonio”. Ha un aspetto opaco.

A sinistra: una pietra sintetica di allume. A destra: una pietra di allume naturale. fonte

La pietra di allume contiene alluminio sotto forma di sali. [8] Ma i solfati di alluminio e potassio della pietra naturale non sono quelli dei deodoranti e antitraspiranti convenzionali. Apparentemente non sono penetrati nel corpo, a differenza dei sali delle pietre sintetiche che è meglio evitare. [9]

Dovremmo diffidare dell’allume naturale?

Da un lato, etichette come COSMOS Cosmébio o Ecocert lo consentono. Alcuni produttori [10] indicano anche che le caratteristiche dell’allume naturale (carica ionica negativa, struttura molecolare) impediscono alla pelle di assorbirlo.

Senza risolvere veramente la questione, il Consiglio Superiore della Sanità indica che la pietra di allume naturale contiene anche molto alluminio. Test-Achat consiglia di limitarne l’uso e di alternarlo con un deodorante. Per alcuni scienziati, i sali di alluminio delle pietre naturali o sintetiche presentano potenzialmente gli stessi rischi di tossicità di tutti i sali di alluminio. [11]

Pertanto ci mancano informazioni chiare sulla pietra di allume. Nessuno studio decide sulla sua sicurezza o sulla sua tossicità. In caso di dubbio, preferiamo applicare il principio di precauzione  : ne limitiamo l’uso o lo alterniamo con un altro prodotto.
 

Alcune regole d’oro

Per evitare l’odore del corpo, un deodorante da solo non è sufficiente. Rispettiamo anche alcuni consigli di base:

  • Abbi una buona igiene . Lavarsi le ascelle ogni giorno riduce il rischio di cattivi odori e la necessità di profumo.
  • Evitare di lasciare un prodotto per più di 24 ore sotto le ascelle.
  • Cambia il deodorante di tanto in tanto . Con il tempo il corpo si abitua al prodotto e perde la sua efficacia.
  • Prediligi i tessuti naturali (cotone, lino, lana, ecc.). Causano o trattengono meno odori di sudore rispetto agli indumenti sintetici.
  • Attendi qualche ora dopo la ceretta o la rasatura prima di usare il deodorante.
  • Dimentica i deodoranti per bambini. Gli odori compaiono solo con gli ormoni nell’adolescenza.
     

Ricette deodoranti fatte in casa:

  • Una ricetta spiegata in una colonna per il programma Vis Ta Mine
  • Due ricette sulla Terra vivente
– – – – – – – – – – – –

[1] Alcuni composti non sono raccomandati nel contesto del cancro ormono-dipendente, durante la gravidanza, l’allattamento … Meglio informarsi con uno specialista.

[2] Come il Consiglio Superiore della Salute (CSS) e l’Agenzia francese per la sicurezza sanitaria dei prodotti sanitari (afssaps)

[3] Secondo l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC).

[4] Come Mandriota S., Tenan M., Ferrari P. & Sappino A., 2016. Il cloruro di alluminio promuove la tumorigenesi e le metastasi nelle cellule epiteliali della ghiandola mammaria murina normale in International Journal of Cancer, Vol 139, Issue 12, pp. 2781-2790.

[5] Il tasso di assorbimento cutaneo è dello 0,5% per la pelle sana sottoposta all’esposizione quotidiana a antitraspiranti contenenti il ​​20% di cloridrato di alluminio, secondo il rapporto AFSSAPS.

[6] Agenzia francese per la sicurezza dei prodotti sanitari

[7] (p.3 della pubblicazione del Consiglio Superiore di Sanità n ° 8866).

[8] Fino al 5% ma, secondo i produttori, questa percentuale scende sotto lo 0,6% non appena la pietra viene bagnata con 2 gocce d’acqua durante l’uso.

[9] La piccola guida alla salute e alla bellezza.

[10] The Alum Stone, la falsa buona idea.

[11] Secondo il professor Roger Deloncle, ricercatore presso la Facoltà di Farmacia di Tours, e il dottor Olivier Guillard, ricercatore presso la Facoltà di Medicina di Poitiers, in bioaddict “Salute: dovremmo diffidare dell’alluminio contenuto nella pietra di allume? Di febbraio 2012.

 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Come ridurre le emissioni di gas serra del 50%?

Le noci di sapone sono ecologiche ed efficienti?