in

Attenzione al consumatore: tessuti

Il settore tessile dell’abbigliamento è regolarmente segnato da scandali ecologici e umani. Il 24 aprile 2013, il Rana Plaza, un edificio che ospita una fabbrica tessile, è crollato in Bangladesh. Migliaia di operai vi lavoravano giorno e notte per una miseria, 30 euro al mese. Risultati: 1.138 morti e 2.000 feriti.

Diventato il simbolo degli eccessi della globalizzazione e delle richieste del settore tessile a basso costo, il dramma del Rana Plaza mette in discussione le condizioni di lavoro della subfornitura occidentale nei paesi poveri per soddisfare i consumi oltraggiosi dei paesi ricchi. Per saperne di più e capire il funzionamento di questa macchina infernale, niente come il documentario “Les Damnés du low cost” di Anne Ginztburger e Franck Vrignon.

Sono passati due anni dalla tragedia del Rana Plaza. Il 29 aprile 2015, il Parlamento europeo ha votato una risoluzione relativa in particolare alla responsabilità dei marchi di abbigliamento e dei rivenditori per quanto riguarda la prevenzione degli incidenti e il risarcimento delle vittime del Rana Plaza. Non possiamo che accogliere con favore questo sviluppo positivo. Tuttavia, la strada da percorrere è ancora lunga e noi consumatori dovremo aiutare. 

In effetti, ancora troppo poco è cambiato: condizioni di lavoro deplorevoli vicine alla schiavitù nelle filature, tintorie e fabbriche di abbigliamento, colture tradizionali inquinanti, suicidi dei coltivatori di cotone, coloranti chimici che causano problemi di salute ai lavoratori. di fungicidi, insetticidi e altri conservanti per far fronte a lunghi stoccaggi in container, trasporti dalla fine del mondo ai negozi occidentali di magazzino.

Questioni umane e ambientali

Dalla produzione al fine vita, il settore tessile è fonte di forti impatti:

  • ambientale: uso intensivo di pesticidi nella produzione, consumo eccessivo di acqua dolce, inquinamento del suolo e dell’acqua, uso di coloranti, fissativi e altri prodotti inquinanti (antimicotici, insetticidi, ecc.), emissioni di gas serra durante i trasporti…;
  • salute: l’uso di pesticidi e coloranti o conservanti, nonché alcune tecniche di produzione (ad esempio la sabbiatura dei jeans) hanno effetti deleteri sulla salute dei lavoratori
  • sociale: nella maggior parte dei casi, abbigliamento in paesi a basso salario dove i diritti fondamentali dei lavoratori non sono controllati, rispettati o talvolta anche semplicemente garantiti dalla legge.

Il settore manca gravemente di normative specifiche che disciplinino una produzione ecologicamente accettabile e garantiscano condizioni di lavoro dignitose. Certo, ci sono carte e codici di condotta, ma la loro applicazione non vincolante rimane marginale. L’industria tessile è particolarmente lunga e complessa; Dalla produzione agricola (cotone, lino, ecc.) Al trasporto di indumenti confezionati, moltissimi operai di diversi settori, anche di paesi diversi, lavorano contemporaneamente al capo finito o ai suoi componenti a monte. A volte occorrono 100 lavoratori da 10 paesi diversi per un solo paio di jeans … Difficile in queste condizioni legiferare efficacemente.

Azione

Il consumatore ha molte possibilità per garantire un minimo di etica e rispetto ambientale durante l’acquisto di tessuti. Può anche  firmare la petizione “Living Wage Defect”  per modificare le condizioni di produzione e per pagare ai lavoratori un salario dignitoso.

Per tutto il mese di luglio facciamo il punto su: 

  • info utili :
    • dove iniziare ? Leggi il nostro foglio di consigli sull’abbigliamento ecologico  e sfoglia la guida Label Fringue , una coedizione di eco-consumatori e la Clean Clothes Campaign
    • verificare sul sito AchACT  l’impegno dei marchi per una produzione rispettosa dei diritti e della salute dei lavoratori
    • Una piccola storia sui mostri nel tuo armadio (Greenpeace 2013): come evitare ftalati, PFC, NPO / NP, antimonio e altre sostanze tossiche  negli indumenti dei bambini
  • le etichette da privilegiare per un consumo più sostenibile:
    • l’ Ecolabel europeo per i prodotti tessili: proibisce o limita le sostanze nocive, riduce le emissioni nell’aria e nell’acqua, impone misure di efficienza energetica e criteri di qualità. Si applica a abbigliamento, accessori (almeno l’80% in tessuto), tessuti per interni, fibre, filati, tessuti e maglieria, articoli non tessili come bottoni, cerniere o membrane, nonché articoli per la manutenzione o tessuti da cucina
    • l’etichetta Oekotex 100 : garantisce l’assenza di alcune sostanze nocive per il prodotto finito o il rispetto delle tariffe previste dalla normativa. Per abbigliamento, biancheria da letto, spugna, tessuti per interni, giocattoli in tessuto
    • l’etichetta GOTS  garantisce un minimo del 70% di fibre organiche certificate, una produzione a basso impatto ecologico e condizioni di lavoro dignitose. Può essere trovato su tutti i prodotti tessili in fibra naturale: fibre, fili, tessuti, abbigliamento, accessori, giocattoli, lenzuola, materassi, biancheria da letto e prodotti per l’igiene come cotone idrofilo o tamponi.
    • La marcatura del cotone Fairtrade  garantisce ai produttori un prezzo più equo e condizioni di lavoro dignitose. Un premio aggiuntivo consente alle comunità di svilupparsi. 
  • un confronto del prodotto: jeans
  • di consigli per comprare bene, mantenere e “buttare” la fine della vita
    • scegliere e prendersi cura dei propri jeans  ( suggerimento ) per evitare una vita su Planet jeans, planet blues  (file)
    • Scegliere il giusto abbigliamento sportivo e outdoor (dossier): tra tessuti innovativi ma inquinanti e vere alternative, l’appassionato di attività outdoor ha ora la scelta delle armi!
  • il riciclaggio del tessile:
    • come dare una seconda vita ai tessuti usati? leggi la nostra scheda consigli sul recupero di vecchi tessuti
  • trucchi e suggerimenti per consumare meno e meglio :
    • come scegliere vestiti ecologici ?
    • il Furoshiki , un’alternativa chic e riutilizzabile per la confezione regalo
  • il settore delle notizie :
    • Una produzione rapida ed economica in Asia è il segreto che trasforma l’industria tessile.
      La Cina è il più grande esportatore al mondo, con il 39% del mercato. Seguono Bangladesh (5%), India e Vietnam (4%).
      Tuttavia, il vantaggio della Cina è in calo a causa della concorrenza di paesi come  Sri Lanka e  Bangladesh, dove il salario minimo è ancora più basso: 58 euro in Sri Lanka, 60 euro in Bangladesh, contro 234 euro in Cina.

      Secondo Laurent Desbonnets, giornalista di France 2, “Per una maglietta venduta qui per 29 euro, la produzione in Bangladesh vale solo cinque euro tutto compreso, il trasporto poco più di due euro. Produrre lì permette quindi di massimizzare il soldi che rimangono per il marchio, e per il negozio, più di 18 euro “. Guarda il video

  • un po ‘di satira:
    •  la maglietta che prende gli studenti per pigri tartufi

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Domani, il film è oggi!

L’etichetta TCO per le apparecchiature informatiche