in

Confronto del prodotto: jeans

I jeans sono uno dei capi più indossati al mondo. Disponibile a tutti i prezzi, per tutti i gusti, il suo impatto sull’ambiente è purtroppo commisurato a questa mania. Infatti, la coltivazione e la lavorazione del cotone sono tra le più inquinanti del pianeta e le deplorevoli condizioni di produzione vengono regolarmente denunciate. Alcuni benchmark per navigare.

Evita: jeans nuovi e poco costosi

È molto probabile che siano stati fabbricati con costi di produzione minimi, a scapito dell’ambiente e delle condizioni di lavoro. Sono spesso di scarsa qualità e durano poco. Se presentano un aspetto sbiadito o consumato, probabilmente sono stati trattati con la tecnica della sabbiatura, processo pericoloso, anche fatale, per i lavoratori.

Seconda scelta: jeans nuovi di buona qualità ed etichettati

Ne troviamo sempre di più, anche presso i grandi marchi. I prezzi possono essere più alti, ma sono vicini a quelli che di solito si trovano. L’etichetta biologica garantisce una produzione meno inquinante e un minor utilizzo di prodotti tossici. I jeans del commercio equo e solidale garantiscono ai lavoratori condizioni di lavoro e remunerazione dignitose. Ci sono anche jeans di canapa organici.

Da preferire: jeans di seconda mano

Sono molto comuni nei negozi di seconda mano. Puoi trovare tutti i marchi lì, generalmente per meno di 5 €. Dare la preferenza ai marchi con uno scopo sociale e recanti l’etichetta “Solid’R” (www.solid-r.be).

Infine, metà degli impatti negativi dei jeans dipendono dal loro utilizzo: frequenza di lavaggio, durata … Per limitarli, si consiglia di indossarli cinque volte prima di lavarli a freddo e dare loro una seconda vita, invece di buttarli via.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Informatica verde?

Come prenderti cura delle tue piante contro le malattie in giardino?