in

Quale sapone scegliere per lavare naturalmente?

Sommario:

  • Va tutto bene nel sapone?
     
  • Da preferire: un sapone saponificato freddo surgras
     
  • Scegli in alternativa: un sapone o un gel doccia morbido, naturale ed etichettato
     
  • Evitare: saponi e gel doccia convenzionali
     
  • Quali ingredienti dovrei evitare?
     
  • Domande e risposte sui saponi
    • Questi ingredienti sono buoni o cattivi?
    • La schiuma è necessaria?
    • Il sapone solido è un terreno fertile per i batteri?
    • Bambini e donne in gravidanza: quale sapone usare?
    • Puoi fare il sapone da solo?

– – – – – – – – – – – – – – –
 

Va tutto bene nel sapone?

Saponi, gel doccia, schiume detergenti… Per svolgere il loro ruolo di detergente , questi prodotti contengono agenti lavanti: tensioattivi. Ci sono naturali, sintetici, morbidi ma anche schiumosi, irritanti …

Il vero sapone è un certo tipo di tensioattivo. È sempre il risultato di una reazione chimica tra una sostanza grassa e una alcalina (saponificazione).

La presa? Altri ingredienti completano la ricetta base. I gel doccia contengono grandi quantità di acqua. I saponi, qualunque sia la loro forma, possono contenere additivi come conservanti, profumi, coloranti, ecc., In forma sintetica o naturale. Questi componenti possono essere dannosi per la salute (irritazioni, allergie) e avere gravi conseguenze ambientali (inquinamento dell’acqua, sovraimballaggio, ecc.).
 

Privilégier: un sapone saponificato freddo surgras

I saponi della migliore qualità provengono dalla saponificazione a freddo. Il fatto di non riscaldare gli oli mantiene i benefici degli oli e dei burri vegetali che andranno a comporre il sapone: vitamine, acidi grassi e altri antiossidanti. Si ottengono anche saponi “Surgras” che contengono ancora tutta la glicerina naturalmente ottenuta dalla produzione. Il sapone può essere ulteriormente arricchito aggiungendo oli.

Saponi saponificati freddi Surgras: tutti i benefici per l’idratazione della pelle!

Glicerina e oli aiutano a ripristinare lo strato protettivo naturale della pelle che i saponi possono alterare. Depongono sulla pelle una pellicola che impedisce l’evaporazione dell’acqua. La pelle rimane quindi idratata più a lungo.

Ogni olio vegetale ha i suoi principi attivi:

  • Il burro di karitè ammorbidisce, idrata e nutre la pelle sensibile.
  • L’olio di colza ha proprietà rivitalizzanti, nutrienti ed emollienti.
  • L’olio di mandorle dolci idrata e lenisce.

È quindi possibile scegliere un sapone adatto al proprio tipo di pelle (grassa, secca, ecc.).

Saponi duri, saponificati a freddo, sono sopra il cesto quando si tratta di protezione ambientale:

  • Il metodo artigianale di saponificazione a freddo consuma poca energia e rifiuta poca acqua di scarico in natura. 1

  • I saponi solidi hanno un basso impatto ecologico: generano il 25% in meno di CO2 rispetto ai saponi liquidi dalla loro fabbricazione fino alla loro fine vita 2 .

  • Si lavano più a lungo: per lavarsi le mani bastano solo 0,35 grammi di sapone solido contro 2,3 grammi di sapone liquido. Anche sotto la doccia, usiamo una quantità minore di sapone solido rispetto al bagnoschiuma. Ciò rappresenta un risparmio medio di 45 € all’anno e per persona. 3

  • Necessitano di poco imballo: di solito sono confezionati in una scatola di cartone o sfusi. Esce la bottiglia di plastica che, nella migliore delle ipotesi, verrà riciclata o, nel peggiore dei casi, verrà gettata in mare.
     

Come riconoscere un vero sapone saponificato freddo?

  1. Cerca un sapone solido, spesso tagliato in una forma rettangolare

I veri saponi si trovano più facilmente nei negozi ecologici o biologici. La confezione ha spesso indicazioni come “saponificato a freddo” o “metodo a freddo”.

  1. Individua i loghi sulla confezione (attenzione, non sono sempre presenti)

Il logo SAF (Cold Saponification) implica che il saponificio fa parte dell’Association Des New Savonniers (ADNS), che opera nell’ambito della cosmesi ragionata 4

Il logo ASSAF dell’Associazione dei saponifici per saponificazione a freddo che rispetta una carta ufficiale 5

A questi loghi possono essere aggiunti altri marchi di qualità ecologica, che forniscono ulteriori garanzie in termini di rispetto dell’ambiente e / o della salute: Nature & Progrès, BDIH, Natrue, Ecocert, Organic Cosmetics, Eco Cosmetics. Tuttavia, non sono specifici per i saponi saponificati freddi.

  1. Leggi l’elenco degli ingredienti

La lista “INCI” comprende tutti gli ingredienti di un prodotto cosmetico. I componenti sono elencati in latino o in inglese. Per un sapone saponificato freddo, questo elenco menziona sistematicamente:

  • oli e / o burri vegetali saponificati. La prima parola del nome è “Sodio” mentre l’ultima parola termina in “-ate”. Ad esempio: “Olivato di sodio” per olio d’oliva saponificato, “Branato di riso sodico” per olio di crusca di riso saponificato, “Cocoato di sodio” per olio di cocco saponificato …
  • di glicerina: “Glycerin”.

Tuttavia, alcuni ingredienti dovrebbero essere evitati (vedi sotto).

Ecco un esempio di lista INCI per un sapone saponificato freddo contenente buoni ingredienti:

 

Scegli in alternativa: un sapone o un gel doccia morbido, naturale ed etichettato

Non è possibile o no il tempo di trovare un sapone saponificato freddo? Saponi duri , come il sapone di Marsiglia o il sapone di Aleppo, usano la saponificazione a caldo. Riscaldati lentamente, questi saponi rispettano gli oli che li compongono. Tuttavia, hanno meno glicerina rispetto ai saponi saponificati freddi surgras. Non sono quindi sempre adatti a pelli sensibili e fragili. Soprattutto perché molti prodotti contraffatti si discostano dalle ricette originali.

  • Il vero sapone di Marsiglia è fatto con olio d’oliva e soda (“olivato di sodio”). Questo è ciò che gli conferisce il suo colore verde naturale. Oggi, i produttori di sapone usano anche cocco o olio di palma. Il vero sapone di Marsiglia deve contenere almeno il 72% di olio vegetale ed essere cotto in un calderone. Non può contenere profumi, coloranti o additivi chimici. È biodegradabile, delicato 6 , nutriente e anche idratante. 7
  • Il sapone di Aleppo è composto da olio d’oliva (“Sodio olivato”), olio di alloro (“Sodio laurelato”), acqua e soda naturale. Non contiene oli animali o additivi. Si riconosce per il suo colore giallastro all’esterno e verde all’interno. Di solito è stampato con un sigillo in arabo. L’oliva gli conferisce le sue proprietà idratanti e la foglia di alloro le sue funzioni antisettiche.

Saponi liquidi o gel doccia: il giusto compromesso?

Non vuoi (ancora) passare al sapone duro? Alcuni saponi liquidi sono a base di oli o burri vegetali come saponi saponificati freddi. Contengono :

  • oli saponificati (“Potassio” + nome dell’olio / burro + “-ate”)
  • glicerina (“glicerina”).

I gel doccia non sono veri e propri saponi. I loro detergenti non provengono da una reazione di saponificazione. Ma alcuni sono di origine naturale (non derivati ​​dal petrolio), anche biologici , e sono delicati sulla pelle. Rimangono la migliore opzione di gel doccia, soprattutto per la pelle irritata o malata (eczema, psoriasi, fuoco di Sant’Antonio …).

Esistono anche saponi senza sapone . Chiamato anche “syndet” o “barretta dermatologica”, il sapone senza sapone è povero di additivi. I suoi tensioattivi sintetici 8 sono studiati per rispettare la naturale acidità della pelle (il pH). Questo è il motivo per cui a volte è consigliato a persone con pelle intollerante o atopica.

Questi tensioattivi sono sempre menzionati all’inizio della lista degli ingredienti (lista INCI) di un bagnoschiuma o di un sindacato. Favoriamo:

  • tensioattivi derivati ​​dallo zucchero identificati dalla parola “Glucoside”: “Coco Glucoside”, “Decyl Glucoside”, “Lauryl Glucoside”, ecc .;
  • tensioattivi derivati ​​dall’amminoacido glutammato riconoscibile dalla parola “Glutammato”: “Sodio Cocoil Glutammato”, “Disodio Cocoil Glutammato”, e così via.
  • tensioattivi delicati e poco inquinanti come “Coco-Betaine”.

Per identificare un sapone o un bagnoschiuma meno dannoso si può anche fare riferimento alle etichette apposte sull’etichetta:

L’etichetta Nature & Progrès impone in particolare processi fisici e tradizionali, e autorizza solo oli e grassi vegetali da agricoltura biologica . I prodotti con questa etichetta sono generalmente disponibili nei negozi verdi, non nei supermercati.

Alcuni saponi soddisfano i criteri di altre etichette, meno rigorose di Nature & Progrès. Si trovano più facilmente nei supermercati:

Leggi le loro caratteristiche qui.

La menzione “Slow Cosmétique” è attribuita ai marchi che producono cosmetici ecologici e onesti (composizione e marketing) dall’Associazione Slow Cosmétique 9 .
 

Evitare: saponi e gel doccia convenzionali

Che si tratti di saponi, gel doccia, barrette dermatologiche o schiume detergenti, alcuni prodotti sono controindicati.

I saponi convenzionali sono prodotti industrialmente . Rimuoviamo la glicerina naturale per rivenderla e sostituirla con un po ‘di glicerina naturale o sintetica. Il sapone viene quindi tagliato in “tagliatelle”, tipi di scaglie di sapone, che verranno assemblate e impreziosite con coloranti, profumi, ecc.

I tensioattivi nei saponi convenzionali (gel doccia, schiume detergenti, ecc.) Sono spesso economici e di scarsa qualità. Alcuni sono irritanti e provocano reazioni allergiche.

Gli agenti di lavaggio nei saponi convenzionali hanno anche un’impronta ecologica più pesante. Molti tensioattivi sono ottenuti da prodotti petrolchimici (di origine petrolifera) come “Sodium Laureth Sulfate”, “Sodium Lauryl Sulfate”, “Amonium Laureth Sulfate”, ecc. Possono provenire da processi produttivi che rilasciano composti classificati come “potenzialmente cancerogeni”. Oltre a questi difetti di composizione, c’è l’inquinamento dell’acqua, il sovraimballaggio, ecc.

Molti prodotti hanno anche additivi discutibili. Conservanti, profumi, coloranti sintetici possono aggredire la pelle ed essere dannosi per l’ambiente. Il marketing sviluppa continuamente nuovi prodotti. Ad esempio, gel doccia esfolianti arricchiti con microsfere di plastica, che cancellano la pelle morta inquinando permanentemente gli oceani e la vita acquatica. Nell’ambito della campagna “Beat the microbeat”, la Plastic Soup Foundation ha creato un’applicazione per identificare i cosmetici contenenti microsfere di plastica. Un elenco è disponibile anche qui.
 

Quali ingredienti dovrei evitare?

Altri ingredienti, che possono essere utilizzati nella composizione di saponi e gel doccia, non sono consigliati per motivi ambientali e sanitari:

  • oli controversi, come il grasso animale (“sodio tallowate”) che ostruisce i pori della pelle,
  • oli di palma e / o palmisti saponificati (“Sodio palmato”, “Sodio palmato”) che non sono durevoli,
  • additivi controversi come “EDTA”, “BHT”, “PEG”, ecc.
     

Domande e risposte sui saponi

Questi ingredienti sono buoni o cattivi?

Che un sapone sia saponificato freddo, caldo, liquido o senza sapone, può contenere altri ingredienti innocui per l’ambiente e la salute. Alcuni possono persino apportare proprietà benefiche ai prodotti:

  • oli o burri vegetali non trasformati in sapone: nome latino della pianta + “Olio”, “Estratto” o “Burro”
  • additivi come argilla, spezie, fiori, miele, latte, ecc.
  • profumo (“profumo”) se seguito da un asterisco che indica che è naturale .

La brochure “Etichette senza complicazioni” ti aiuta a orientarti.

La schiuma è necessaria?

I saponi naturali spesso schiumano meno delle loro controparti industriali. La schiuma rende piacevole l’utilizzo del prodotto, perché in TV è associato al benessere o al lusso. Ma non è la schiuma che lava!

Il sapone solido è un terreno fertile per i batteri?

Spesso sentiamo dire che il sapone aggressivo è un vantaggio per i batteri. È vero che le saponette possono essere invase da microrganismi, proprio come qualsiasi superficie. Ma solo le persone con un sistema immunitario indebolito dovrebbero fare attenzione. Per mantenere il sapone sano, si consiglia di conservarlo fuori dall’acqua (non sul bordo della vasca, mentre è bagnato) e assicurarsi che si asciughi tra un utilizzo e l’altro. Puoi anche sciacquare il sapone sotto l’acqua corrente prima di usarlo 10 . Una famiglia non è a rischio condividendo lo stesso sapone poiché tutti i suoi membri generalmente portano gli stessi microrganismi.

Bambini e donne in gravidanza: quale sapone usare?

Le donne incinte o che allattano, così come i bambini piccoli, dovrebbero evitare l’uso di oli essenziali. Tuttavia, alcuni saponi ecologici, solidi o liquidi, contengono profumi, a volte derivati ​​da oli essenziali. Sempre più produttori di sapone stanno prestando attenzione a questo e stanno sviluppando saponi adatti, con o senza profumo.

Puoi fare il sapone da solo?

È possibile preparare i propri saponi.

Per realizzare un semplice bagnoschiuma , nei negozi ecologici sono disponibili basi lavaggio neutre. Composti da tensioattivi delicati, non contengono profumi. Per ottenere un prodotto personalizzato, possiamo aggiungere oli vegetali, macerati oleosi, idrolati … Attenzione però all’aggiunta di oli essenziali o altri ingredienti che possono essere pericolosi per neonati, donne incinte, persone con allergie …

Fare dei veri saponi richiede più esperienza, preparazione e soprattutto cautela.

  • Ingredienti. La soda o la potassa, necessarie per fare il sapone, sono prodotti caustici che possono attaccare la pelle, gli occhi e gli indumenti. È quindi necessario indossare dispositivi di protezione (guanti e occhiali) e rispettare le norme di sicurezza richieste.
  • Ricetta. Ogni olio o burro vegetale ha il proprio indice di saponificazione. Indica la quantità di soda o cloruro di potassio necessaria per la sua trasformazione totale in sapone. Calcoli accurati sono essenziali per evitare di ottenere un sapone caustico che provocherebbe gravi irritazioni. È inoltre necessario conoscere e padroneggiare altri concetti, come la velocità di ingrassaggio, la presenza della traccia, ecc.

Quindi non dovresti andare alla cieca in questo tipo di preparazione! In caso di dubbio su un ingrediente o una ricetta, il servizio di consulenza ecoconso risponde a qualsiasi domanda gratuitamente e in modo personalizzato!

 

– – – – – – – –

1 Annette Koehler e Caroline Wildbolz, 2009 – Confronto delle impronte ambientali dei prodotti per la cura della casa e per l’igiene personale: la rilevanza delle diverse fasi del ciclo di vita, nell’ambiente. Sci. Technol., 43 (22), pagg. 8643-8651

2 Ibid.

3 Questo dato rappresenta il risparmio medio tra l’uso di gel doccia (di marca e sconto) e saponi solidi (di Marsiglia e saponificati a freddo). Se confrontiamo solo i prezzi tra un bagnoschiuma di marca acquistato nei supermercati e il sapone, il risparmio arriva fino a 70 € all’anno e per persona!

4 http://www.saponification.org/

5 Osservatorio dei cosmetici

6 https://dermatologuemedecineesthetique.com/2012/12/17/le-savon-de-marseille/

7 Studio dermatologico SVHO / 99, Facoltà di Medicina di Montpellier, Dipartimento di Dermatologia

8 Gall Y. Syndets, surgras, senza sapone … e igiene: che dire della loro tolleranza? Dermatologia pratica. 2012; 359: 15, citato in Dermatology andestetics.

9 cosmetici lenti

10 Huffingtonpost

 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

1, 2, 3, io eco-consumo!

Un letto ecologico … Il sogno?