in

1, 2, 3, scelgo cosmetici e prodotti per l’igiene ecologica

Perché agire?

I prodotti per l’igiene ei cosmetici sono prodotti di formulazione complessa: da 25 a 40 ingredienti diversi per uno shampoo, ad esempio! Alcuni ingredienti possono rappresentare un rischio per la salute o l’ambiente, sia durante la fabbricazione dei prodotti, sia durante il loro utilizzo o il loro fine vita come rifiuti.

Solitamente derivati ​​da prodotti petrolchimici, e quindi da risorse non rinnovabili, attraverso processi produttivi spesso molto inquinanti, sono difficili da biodegradare e accumularsi negli organismi viventi e nell’ambiente. Allo stesso modo, il confezionamento dei prodotti per l’igiene e, soprattutto, dei cosmetici e dei profumi, è spesso complesso e non può essere riciclato. I rifiuti di imballaggio, che spesso contengono ancora prodotto, rappresentano quindi una parte significativa dell’impatto di questi prodotti sull’ambiente.

Dal lato della salute, sono spesso aggressivi per l’equilibrio della pelle e dei capelli e possono causare irritazioni, eczemi o allergie. Usati quotidianamente, alcuni ingredienti si accumulano nell’organismo e possono rivelarsi, da soli o in sinergia con altri inquinanti ambientali, tossici per la riproduzione o cancerogeni.

La pubblicità ei media incoraggiano il consumo eccessivo di questi prodotti, spesso inefficaci, anzi inutili, promettendoci bellezza e giovinezza eterne. Un sogno che può costare caro ai nostri portafogli, alla nostra pelle, alla nostra salute e al nostro ambiente.

Come farlo ?

Il modo migliore per limitare questi rischi per la salute e l’ambiente è ricordare il buon senso dell’ecoconsumo “consumare meno e meglio”. Questo va bene: l’igiene personale quotidiana si accontenta di poco! Indipendentemente da ciò che dicono gli annunci, per mantenere l’integrità di pelle e capelli non sono necessari tutti questi prodotti complessi. In effetti, meno fai, migliore è la tua pelle. Uno stile di vita sano, un’alimentazione sana, dormire e bere a sufficienza garantiscono l’80% della buona salute e dell’aspetto della pelle. Per il resto bastano pochi prodotti di qualità, semplici e ben scelti.

Passo 1

Per limitare i rischi e il mio impatto sull’ambiente senza cambiare troppo velocemente le mie abitudini e le mie marche preferite:

  • Scelgo pochi semplici prodotti adatti alle esigenze della mia pelle e dei miei capelli. Ad esempio: sapone per il corpo, shampoo, crema idratante per viso e corpo, ecc. ;
  • per limitare gli sprechi resisto alla tentazione di testare contemporaneamente più prodotti con la stessa funzione;
  • Mi assicuro di chiudere bene i flaconi dopo ogni utilizzo e di tenerli al riparo dalla luce e dalle variazioni di temperatura.

Io preferisco:

  • prodotti concentrati che utilizzo al giusto dosaggio (ad esempio diluendoli con acqua in un flacone dosatore di recupero tipo flacone);
  • imballaggi riciclabili, ricaricabili e di grandi dimensioni per prodotti che si conservano bene come saponi liquidi e shampoo;
  • saponetta piuttosto che gel doccia;
  • dentifrici in fiale di polvere o gel, che sono più economici e generano meno rifiuti dei tubi;
  • deodoranti in crema o roll-on piuttosto che uno spray;
  • i tubetti di crema ed i sistemi airless che conservano meglio dei vasetti.

Evito il più possibile:

  • involucri e contenitori di materiali diversi (plastica e metallo, ad esempio);
  • aerosol;
  • coloranti chimici e creme depilatorie che sono prodotti molto aggressivi e inquinanti;
  • prodotti usa e getta come salviette, dischetti di cotone o rasoi, prediligendo alternative sostenibili come la salvietta, il rasoio con lama intercambiabile e il pennello da barba.

2 ° passaggio

Dopo aver selezionato i miei elementi essenziali e ridotto gli sprechi:

  • Sto imparando a decifrare le etichette ea riconoscere false affermazioni sulla salute o sull’ambiente: se i principi attivi naturali indicati sulla confezione non sono nei primi quattro ingredienti della lista dei componenti, se ne trovano in piccolissime quantità. La menzione “senza” non dice nulla sui componenti presenti.
  • Prediligo cosmetici naturali e biologici certificati che imparo a riconoscere grazie a etichette e loghi.
  • Scelgo i prodotti più naturali con il minor numero possibile di ingredienti diversi.

Passaggio 3

Uso ingredienti di base e realizzo i miei prodotti secondo necessità.

  • Per liberare quotidianamente pelle e capelli dalle loro impurità, sono sufficienti sapone di Marsiglia o di Aleppo o una base di sapone liquido neutra certificata, personalizzabile e adatta a corpo e capelli (composta da tensioattivi delicati a base vegetale, disponibili nei negozi bio).
  • Per la cura del viso, del corpo e dei capelli, uno o due oli vegetali di qualità (ad esempio olio di nocciola o olio di nocciolo di albicocca per le pelli più sensibili, ma anche l’olio di girasole o di oliva della cucina andranno bene) e alcuni prodotti acquosi (acqua , idrolati, gel di aloe vera …) forniscono gli elementi necessari per la loro protezione e idratazione.

    Per usarli: emulsionare al momento dell’uso una o due gocce di olio vegetale con almeno una quantità equivalente di acqua, idrosol o gel di aloe vera mescolandoli nel palmo della mano e il gioco è fatto. Una crema idratante minuto di qualità molto migliore di molte creme commerciali! L’olio applicato semplicemente sulla pelle umida fa lo stesso.

    Sembra troppo semplice? Con pochi ingredienti in più, disponibili in cucina o in giardino, preparo cosmetici casalinghi più elaborati, facendo attenzione al rischio di allergie (soprattutto con gli oli essenziali, spesso utilizzati per la cosmetica casalinga, che sono oli essenziali. Prodotti altamente attivi e quindi potenzialmente pericoloso) e il problema della conservazione.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Pubblicità su auto e greenwashing: novità

Quanto guadagneranno Maïté e Damien con il consumo ecologico?