in

La mia città è un eco-consumatore?

I comuni consumano beni e servizi. Si va dalla carta utilizzata dalle amministrazioni ai materiali per la costruzione degli edifici, compresi i pasti scolastici e i prodotti per la pulizia dei locali.

Il dato complessivo degli appalti pubblici nell’Unione Europea oscilla tra il 16 e il 20% del PIL dei 25 Stati membri, ovvero un budget di circa 1.500 miliardi di euro. Più della metà di questo importo è destinato alle spese degli enti locali e regionali.

Eco-consumo nei comuni

Attraverso il loro consumo, i comuni sono responsabili, con il semplice atto del consumo, di un impatto, più o meno importante, sull’ambiente. I consumi delle amministrazioni locali possono essere misurati anche utilizzando il concetto di impronta ecologica (L’arte dell’eco … consumare n ° 11). Quindi, le autorità locali hanno la possibilità di ridurre la loro?

Ebbene, la risposta è sì. Possono e dovrebbero farlo. Da un lato, le autorità locali, il livello di potere più vicino ai cittadini, mostrano l’esempio di un comportamento eco-responsabile. Non è invece trascurabile l’influenza che tali consumi possono avere sull’offerta, sia dal lato della concorrenza che dell’incentivo all’innovazione in termini di tecnologie pulite. Possiamo così sperare in una riduzione dei prezzi dei prodotti ecologici e una migliore disponibilità di prodotti per gli eco-consumatori.

Il volume degli acquisti dei comuni è sufficientemente significativo per l’introduzione di criteri ambientali durante gli appalti pubblici per ridurre l’impatto negativo sull’ambiente e quindi partecipare a uno sviluppo più sostenibile.

Come acquistano le amministrazioni comunali?

A differenza del settore privato, gli appalti pubblici avvengono secondo procedure molto rigorose. Infatti, l’utilizzo del denaro dei contribuenti richiede da parte degli agenti delle amministrazioni l’applicazione rigorosa di alcune regole. Da un lato, il mercato deve essere trasparente e non discriminatorio, secondo i principi fondamentali del mercato unico e, dall’altro, la scelta del mercato deve rispondere al miglior prezzo o al miglior rapporto qualità / prezzo in per ottimizzare il denaro pubblico.

Ciò non è in contraddizione con il fatto che il Comune possa esprimere un certo numero di richieste. È quindi possibile specificare nel capitolato, un documento che dettaglia le condizioni di acquisto pubblico, il colore dell’arredo urbano ma anche richiedere un processo produttivo che richieda il minimo utilizzo di risorse e l’utilizzo di materiali durevoli.

È dal 2004, quando sono state approvate le direttive dell’Unione Europea, che la legislazione europea ha aperto la possibilità di introdurre clausole ambientali e sociali nelle specifiche.

Gli ostacoli all’acquisto pubblico ecologico

In pratica, gli appalti pubblici “verdi” non sono la norma. Molti ostacoli persistono e sono più spesso umani che tecnici. Lo studio del 2005 “Green Public Procurement in Europe” sullo stato di avanzamento in Europa della presa in considerazione dei criteri ambientali durante gli appalti pubblici elenca 10 ostacoli che ostacolerebbero gli appalti verdi:

1. Mancanza di supporto alla gestione (budget, tempo);
2. Mancanza di sostegno politico generale;
3. Mancanza di interesse da parte dell’ufficio acquisti;
4. Mancanza di formazione per i funzionari responsabili degli appalti pubblici;
5. Mancanza di conoscenza dell’ambiente e di come sviluppare criteri ambientali;
6. L’idea che i prodotti ecologici siano più costosi;
7. Mancanza di strumenti e informazioni pratiche (ad esempio manuali, strumenti Internet);
8. L’idea che i prodotti ecologici siano inaccessibili;
9. La percezione che le direttive europee non siano chiare riguardo all’inclusione di criteri ambientali;
10. Dubbi sulla legalità degli appalti pubblici verdi.

La campagna “attraversa la mia città”

In occasione delle elezioni comunali di quest’anno, diverse associazioni si sono riunite per lanciare la campagna “Passa per il mio comune”.

L’obiettivo è sensibilizzare e promuovere impegni concreti da parte delle autorità pubbliche locali a favore di uno sviluppo sostenibile ed equo.

Fin dall’inizio, l’Eco-Consumption Network è stata un partner attivo in questa campagna. Vogliamo partecipare in modo molto concreto e pratico fornendo ad amministrazioni, comunità e agenti locali strumenti adeguati per contribuire, dal più piccolo gesto al gesto più ambizioso, allo sviluppo sostenibile.
Sappiamo bene che i suddetti freni sono difficili da superare, anche per persone molto motivate. Ecco perché presto metteremo in linea un nuovo sito Internet destinato alle comunità. L’idea non è sottovalutare le difficoltà incontrate dai comuni, ma piuttosto trovare linee di azione per superarle con successo.

Questo sito conterrà informazioni sulle forniture per ufficio e sui prodotti per la pulizia. In particolare, su:

  • Criteri ecologici e come integrarli nelle specifiche;
  • La scelta giusta, il giusto utilizzo, le giuste azioni;
  • Gli indirizzi dei fornitori più vicini (regioni Vallonia e Bruxelles).

Inizieremo con “tutto quello che volevi sapere” sulla carta, il prodotto più consumato in un’amministrazione.
Tuttavia, l’esperienza spesso ci mostra che utilizzare forniture più rispettose dell’ambiente non è sufficiente. In effetti, il caso della carta riciclata è un buon esempio. L’evoluzione del suo consumo negli ultimi anni non ha smesso di crescere. Questo è il motivo per cui consigliamo di sviluppare contemporaneamente campagne di sensibilizzazione e moduli di formazione all’interno delle comunità, sia per i futuri nuovi funzionari eletti che per i funzionari municipali.

Alcuni esempi di buone pratiche

>> Acquistare ecologici può anche significare comprare di meno: è possibile montare nuovi computer recuperando i tanti elementi che non devono essere sostituiti. Il risultato sono minori sprechi informatici e risparmi sostanziali (da poche decine a poche centinaia di euro);
>> Servizio di pulizia “verde”: i prodotti per la pulizia ecologici sono stati testati da personale di diversi comuni. Sebbene un po ‘più costosi, si ripagano rapidamente con un dosaggio migliore. L’efficacia è paragonabile ai prodotti tradizionali e, inoltre, sono meno irritanti per la pelle e le vie respiratorie;
>> Manutenzione meno inquinante degli spazi verdi: le lance termiche sostituiscono l’utilizzo di diserbanti, sostanze chimiche molto nocive che contaminano le falde acquifere;
>> Dematerializzazione: è possibile “dematerializzare” utilizzando un software gestionale che organizza e trasferisce dati e documenti. L’obiettivo è limitare gli spostamenti tra gli edifici del comune per il follow-up delle pratiche e ottenere una completa smaterializzazione della parola scritta. Tuttavia, alcune applicazioni sono rese difficili, come la ridotta leggibilità di alcuni documenti in grande formato, piante urbane, manifesti, ecc. Guadagno? Alcuni comuni riescono a rimuovere una o più auto. Migliaia di euro!
>> Installazione di fontanelle per acqua potabile nelle scuole e aree gioco pubbliche: il libero accesso all’acqua consente di limitare gli sprechi di imballaggi delle bevande e promuovere un’alimentazione sana;
>> Apparecchiature che consumano meno energia: la scelta di nuove apparecchiature informatiche può essere basata sul risparmio energetico e sulla possibilità di utilizzare funzioni più economiche nei materiali di consumo e nella carta. In termini di energia, abbiamo recentemente appreso che il comune di Schaerbeek ha ridotto la bolletta energetica dei suoi edifici comunali di 75.000 euro grazie a investimenti in isolamento e elettrodomestici ad alte prestazioni.

E noi, come ci riguarda?

L’iniziativa può arrivare da diversi orizzonti. In alcuni casi è un agente comunale, già sensibilizzato, che crea intorno a sé una dinamica in questa direzione. Altre volte sono i politici locali, convinti dello sviluppo sostenibile, ad applicarlo all’interno della propria amministrazione. È anche possibile che tu, come cittadino, interroghi i candidati per le prossime elezioni nel tuo comune. Forse si diranno “in fondo è una buona idea, dovevi solo pensarci …”. Quindi mettiti in contatto con le associazioni del tuo comune. Forse ci sono altri cittadini che hanno la tua stessa preoccupazione.

 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Oggetti inutili del mese: frutta sbucciata che avvolgiamo (ci chiediamo ancora perché)

Ricetta del detergente per vetri fatto in casa