in

Olio di palma: una panoramica

Onnipresente nella maggior parte dei nostri prodotti di consumo quotidiano, sebbene difficile da individuare sulle etichette, l’olio di palma, denigrato da alcuni nutrizionisti e da ONG ambientaliste, contadini o popolazioni indigene, è ora alla ricerca di rispettabilità nei paesi occidentali. A seguito della pressione dei media da parte delle associazioni, si moltiplicano le dichiarazioni dei produttori che promettono di utilizzare solo olio di palma sostenibile o biologico, o addirittura di farne a meno. Gli attori belgi dell’industria alimentare hanno appena firmato la Carta dell’Alleanza belga per l’olio di palma sostenibile (www.sustainabelpalm.be/) affinché, entro la fine del 2015, l’olio di palma contenuto nei prodotti destinati al mercato belga sia sostenibile!

Una breve panoramica di un olio controverso che illustra perfettamente la complessità dello “sviluppo sostenibile” …

La palma da olio ( Elaeis guineensis ), originaria dell’Africa, fornisce due tipi di olio: olio di palma rosso dalla polpa dei frutti e olio di palmisto, bianco e di migliore qualità, estratto dai semi dei frutti. L’olio di palma, naturale, raffinato o trasformato, è presente in quasi il 50% dei prodotti alimentari venduti nei supermercati e in un gran numero di prodotti cosmetici e per la pulizia. Anche i prodotti biologici non fanno eccezione. Viene anche utilizzato per produrre biodiesel, combustibili incoraggiati dall’Unione Europea per ridurre la quota di combustibili fossili dedicata ai trasporti.

Oro rosso

Con un costo di produzione estremamente contenuto e una resa per ettaro molto elevata rispetto ad altri oli commestibili, l’olio di palma è diventato in circa trent’anni l’olio più economico e più prodotto al mondo. Quindici milioni di ettari sono ora dedicati ad essa in Africa, Sud America e, soprattutto, Asia meridionale. L’Indonesia e la Malesia da sole rappresentano oltre l’80% della produzione mondiale.

I coltivatori familiari, il più delle volte lavoratori cittadini con qualche risparmio da investire, rappresentano il 60% del settore delle piantagioni a livello globale. Il resto dei palmeti e delle società di lavorazione dell’olio di palma sono gestiti principalmente da gruppi regionali internazionali come il malese Sime Darby, numero uno del settore o, l’indonesiano Sinar Mas, entrambi sotto il controllo del capitale cinese. Le multinazionali agroalimentari occidentali, come Unilever (il più grande consumatore mondiale di olio di palma fino al 2010), Procter & Gamble, Nestlé o Cargill non sono più parti interessate nella produzione di olio di palma e utilizzano questi fornitori.

La maggior parte della produzione di olio di palma viene esportata, principalmente in Cina, India e Unione europea. Il consumo medio di un europeo è di circa 12 l / anno di olio di palma, ovvero 25 m² di piantagione. Come risultato della crescita della popolazione e dello sviluppo degli agrocarburanti nel mondo, si prevede che la domanda di petrolio aumenterà del 30% entro il 2020. Pertanto, all’inizio di gennaio l’Associazione indonesiana dei produttori di olio di palma ha annunciato che la produzione e le esportazioni aumenteranno in modo significativo nel 2012, trainato principalmente dalle crescenti esigenze di Cina e India. Il governo indonesiano sta investendo 5,6 miliardi di dollari per creare il più grande palmeto del mondo con una superficie di un milione di ettari.

Controverso

Questo vero successo della globalizzazione non nasconde il costo reale della corsa all’oro rosso: distruzione dell’ambiente, emissioni di gas serra e problemi etici su larga scala.

I palmeti sono infatti monocolture coltivate su terreni generalmente disboscati dal fuoco e sfruttando manodopera a basso costo. Sfruttano eccessivamente le riserve d’acqua e utilizzano fertilizzanti e pesticidi. Sotto le palme non cresce nulla e, dopo vent’anni di attività, cedono il passo al suolo degradato.

In Indonesia, l’area della foresta primaria si è dimezzata negli ultimi 50 anni, sostituita da piantagioni (comprese le palme da olio) e continua a perdere circa due milioni di ettari all’anno. Il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) stima che al tasso attuale, il 98% di esse sarà distrutto entro il 2020. Eppure queste foreste sono il rifugio di una rara biodiversità (si ritiene che l’Indonesia sia la dimora del 10-15% di piante, mammiferi e uccelli conosciuti nel mondo). Alcune specie animali, tra cui gli iconici oranghi, elefanti e tigri di Sumatra, sono direttamente minacciate di estinzione a breve termine. Non è raro ora vederli vagare nei palmeti del deserto in cerca di cibo o acqua. Tant’è che sono considerati dannosi per i raccolti e talvolta uccisi dagli agricoltori in barba alle norme internazionali per la protezione delle specie (www.capitalfm.co.ke).

A livello climatico, anche questo è un disastro. Gli incendi rilasciano grandi quantità di CO2 nell’atmosfera. Inoltre, queste foreste hanno accumulato per migliaia di anni torba, la cui distruzione sarebbe all’origine del 4% dei gas serra, che spinge l’Indonesia al rango di emettitore del terzo mondo.

Infine, le foreste distrutte privano le popolazioni locali della loro principale risorsa e del loro stile di vita. Molto spesso, non hanno altra scelta che cedere il loro territorio ancestrale a investitori stranieri che si insediano con l’aiuto dei poteri politici, o anche dell’esercito se necessario. Rapporti dal World Rainforest Movement e da associazioni come Survival International riportano minacce, intimidazioni, violenze, violazioni dei diritti umani e distruzione di proprietà. (www.survivalfrance.org/actu/peuples/penan). Gli abitanti espropriati delle loro terre ingrossano le fila dei precari nei palmeti e nelle fabbriche di lavorazione dell’olio di palma e sono regolarmente vittime di incidenti o malattie legate all’uso di prodotti tossici. Questo tipo di produzione è fatto a scapito dell’agricoltura di sussistenza e chiaramente non garantisce migliori condizioni di vita per le popolazioni locali o un futuro sostenibile [immagine: www.geo.fr].

Tutti questi motivi spiegano perché alcune ONG, come Greenpeace, WWF, Friends of the Earth o Survival International, hanno lanciato una guerra mediatica contro i principali attori dell’olio di palma. Queste includono le campagne contro Dove (Unilever) e Kit and Kat (Nestlé) nel 2008 e nel 2009, che hanno creato scalpore su Internet. Scopo della manovra: raggiungere le autorità indonesiane e malesi e i produttori di olio di palma per costringerli a produrre un olio “etico”.

Olio di palma sostenibile: una truffa?

Dal 2004, infatti, gli attori del settore e le ONG si sono riuniti all’interno di una Tavola Rotonda sull’Olio di Palma Sostenibile (RSPO – www.rspo.org) per definire i criteri per la sostenibilità della produzione dell’olio di palma.

Se questo è un primo passo per regolamentare questo mercato internazionale, è tuttavia necessario segnalare i grandi assenti senza i quali il progresso rimarrà minimo: aziende agroalimentari cinesi e governi in genere. Secondo alcune associazioni, la RSPO è simile al greenwashing. Greenpeace in particolare ha pubblicato nel 2009 un rapporto dal titolo “Il volto nascosto di Sinar Mas”, denunciando le pratiche illegali dell’azienda in termini di deforestazione (assenza di permessi di deforestazione, nessuna valutazione degli impatti ambientali, distruzione delle torbiere), anche se altre due delle sue filiali (inclusa Smart, presa di mira dalla ONG) partecipano alla RSPO.

Da parte sua, BTC, un’agenzia di sviluppo belga, ha concluso il suo rapporto 2011 sull’olio di palma nel commercio mondiale come segue: “  Oggi l’olio di palma sostenibile certificato rappresenta solo il 7,5% del mercato, ma il suo futuro è luminoso. La domanda sarà sapere quale sarà la qualità di questa certificazione. L’olio “segregato” [tutto il petrolio è certificato e tracciato dall’inizio alla fine della filiera], l’unico veramente qualificabile come sostenibile, è solo una piccola parte di questo 7,5% e fatica a trovare un acquirente. Per quanto riguarda l’olio di palma biologico, si tratta di un mercato molto ristretto (0,2%), anch’esso soggetto a forti turbolenze dall’affare Las Pavas in Colombia ( www.cath.ch/ detail / a-community% C3% A9-peasant -expropri% C3% A9e ). Infine, l’olio di palma del commercio equo è ancora molto lontano dall’inondare il mercato. In un comunicato stampa datato 18 marzo 2010, FLO, che riunisce molte organizzazioni di etichettatura “giuste” tra cui Max Havelaar, spiega che non esiste uno standard di commercio equo per l’olio di palma riconosciuto a livello internazionale. Tuttavia, ciò non impedisce che i prodotti alimentari riconosciuti come giusti per altri elementi della loro composizione li contengano . “

Friends of the Earth, nel loro rapporto “Sustainable palm oil scam ” (2011) indica che “ Oggi è chiaro che le importazioni europee di olio di palma hanno continuato ad aumentare nonostante gli annunci di alcune aziende agroalimentari e di distribuzione di massa di smetterla con la commercializzazione. […] Il principale motore delle importazioni di olio di palma in Europa è infatti lo sviluppo degli agrocombustibili ”. Secondo questa associazione, “la  maggior parte della produzione europea di colza e girasole è stata deviata agli agrocombustibili e, in sostituzione, l’industria alimentare e altri settori hanno aumentato le importazioni di olio di palma  “. Per quanto riguarda l’olio di palma sostenibile e la RSPO, ”  I criteri sono troppo deboli […] e questa certificazione viene utilizzata per non mettere in discussione il problema fondamentale del consumo eccessivo nei paesi ricchi  “. La soluzione sarebbe quella di ricorrere a oli più locali e soprattutto di ridurre il nostro consumo eccessivo di petrolio (per i paesi occidentali) piuttosto che nello sviluppo illusorio di una monocoltura di esportazione sostenibile che sia palma o palma Soia OGM.

Sotto il fuoco delle critiche, i paesi produttori cercano di avere un bell’aspetto, l’Indonesia ad esempio ha lanciato nel 2011 una moratoria sui permessi di deforestazione per due anni ma che, ovviamente, è ancora a vantaggio dei produttori. Le questioni (geo) strategiche sono tali che ovviamente non è domani che fermeremo la deforestazione per l’olio di palma.

Olio di palma e salute

Dal punto di vista della salute cosa possiamo dire dell’olio di palma?

A condizione che non siano raffinati e preferibilmente di qualità biologica, i grassi ci forniscono preziosi nutrienti. Il nostro corpo ne ha bisogno come materia prima per la produzione di ormoni, per il corretto funzionamento del nostro sistema nervoso, per costruire le cellule … La fobia dei grassi non è quindi una buona idea. Tuttavia, è importante non abusarne e soprattutto assicurarsi di consumare una varietà di alimenti che ci forniscano diversi tipi di acidi grassi in modo equilibrato, con particolare attenzione agli acidi grassi omega-3 che si trovano tra altri in semi e olio di canapa e lino (oli da utilizzare crudi e prima spremuti a freddo), sarde e altri pesci grassi, verdure verdi come la portulaca …

Detto questo, che dire dell’olio di palma? È vero che contiene molti acidi grassi saturi. Tuttavia, derivati ​​da un olio di buona qualità usato con moderazione, questi acidi grassi ci forniscono anche sostanze nutritive e protettive. L’olio di palma rosso è anche ricco di carotenoidi, che sono potenti antiossidanti. Se evitiamo l’olio di palma, è principalmente per motivi ambientali. Per preservare la nostra salute, evitiamo soprattutto i grassi idrogenati o parzialmente idrogenati! 

Per l’olio di palma il problema è piuttosto nella scarsa qualità utilizzata per i prodotti industriali e, ancor di più, nella sua onnipresenza: è difficile oggi trovare un biscotto che non lo contenga. Idem per piatti pronti, pizze, snack, muesli croccanti, cioccolato e creme spalmabili: l’etichetta rivela molto spesso la presenza dell’olio di palma. I negozi biologici non fanno eccezione all’ondata di olio di palma e, anche qui, dobbiamo essere vigili.

Alternative e guide all’acquisto

Non riesci a vedere “olio di palma” sull’etichetta? Guarda di nuovo! L’olio di palma è spesso nascosto dietro l ‘”olio vegetale”. Quando si tratta di un altro olio, il produttore ha tutto l’interesse a specificarlo. Può anche essere menzionato sotto i nomi “olio di palmisti”, “stearina di palma” … Un elenco più completo può essere trovato sul blog “Vivere senza olio di palma”:
http://vivresanshuiledepalme.blogspot.com/p/ palm-oil-hides-under-these-names.html

La soluzione ? La più ovvia è evitare il più possibile tutti questi piatti industriali che, ovviamente, lusingano le nostre papille gustative con il loro grasso-dolce o grasso-salato, ma non ci forniscono vitamine, minerali, acidi grassi essenziali e altri preziosi. nutrienti di cui le nostre cellule hanno così tanto bisogno.

Cercate quindi con assiduità il contadino, il droghiere o il panificatore onesto che vi possa offrire prodotti di base di buona qualità: frutta, verdura, cereali e legumi, impreziositi, per chi vuole, formaggi, panna, yogurt, uova e carne prodotta da animali nutriti in modo sano. Optare il più possibile per prodotti locali, biologici o, in mancanza, agricoltori. Evita i prodotti con una lista di ingredienti troppo lunga o troppo complessa. Cucinate con prodotti semplici e privilegiate, quando possibile, piatti fatti in casa. Per sapere cosa mangiare, niente come fatto in casa. Un esempio ? Qui a pagina 7: www.taty.be/Doc/cuisnat4.pdf

Per orientarti nel negozio, ci sono anche diversi elenchi e guide di buoni e cattivi di olio di palma:

  • Marchi e negozi classificati dal WWF in base al loro utilizzo di olio di palma

    http://wwf.panda.org/
  • La piccola guida antipalmititica del blog Vivere senza olio di palma http://vivresanshuiledepalme.blogspot.com/p/le-petit-guide-vert.html
  • Altre iniziative dei cittadini come http://roseandcook.canalblog.com/archives/2011/03/12/20611534.html
  • La Guida per i membri RSPO http://cmzoo.org/docs/palmOilShoppingGuide.pdf

Per agire, oltre ad evitare il più possibile l’olio di palma, è bene informare chi gli è vicino e sostenere le iniziative delle associazioni, come le petizioni del WWF – www.protegelaforet.com – o l’acquisto di foreste attraverso donazioni da www.kalaweit.org.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Il noleggio di attrezzature per evitare spese e ingombri

Cosmebio Eco