in

Moda organica ed equa

I nostri vestiti hanno fatto molta strada prima di arrivare nei nostri guardaroba. E hanno un impatto ambientale e sociale: inquinamento, avvelenamento, salari di povertà, lavoro minorile e altre cupe realtà sono nascoste dietro i nostri jeans alla moda. Come puoi ridurre l’impatto catastrofico dei tessuti che acquisti, mentre ti prendi cura del tuo look?

Abbiamo filato un cattivo cotone

Oggi non è divertente essere un piccolo coltivatore di cotone: il prezzo delle attrezzature agricole è in costante aumento mentre il prezzo del cotone diminuisce ogni anno. In questione: i sussidi ricevuti dai grandi coltivatori americani, cinesi ed europei che invadono il mercato a prezzi bassi. Allo stesso tempo, la produzione – e quindi l’offerta – continua ad aumentare, spingendo ulteriormente verso il basso i prezzi. Seconda tessera: la fine delle quote di esportazione che proteggevano i produttori più piccoli. Le grandi multinazionali dell’abbigliamento possono ora fare acquisti con i grandi produttori che offrono i prezzi più bassi.
E come se tutto ciò non bastasse, le condizioni di lavoro nel settore tessile sono deplorevoli: lavoro minorile, lavoro a basso salario, mancanza di diritti fondamentali e altri abusi sono già stati più volte criticati dalla campagna “Vestiti puliti”.

Ambiente inquinato, contadini intossicati

L’impatto ecologico del cotone prodotto industrialmente è estremamente pesante:

  • Le colture di cotone convenzionali da sole utilizzano rispettivamente il 10% e il 22,5% dei pesticidi e degli insetticidi chimici utilizzati in agricoltura! I campi vengono trattati fino a 30 volte per ciclo produttivo: sono diffusi pesticidi, fertilizzanti, diserbanti e defolianti altamente tossici. Tra i prodotti utilizzati ci sono gli organoclorurati vietati in Europa come il DDT o il lindano. Si stima che questi prodotti contaminino milioni di persone e siano fatali per migliaia di loro (22.000 morti all’anno, secondo l’OMS).
  • Il cotone è il terzo maggior consumatore di acqua per l’irrigazione del pianeta. Acqua che non può essere utilizzata per i bisogni degli abitanti (soprattutto per le colture alimentari).
  • Il cotone transgenico sta guadagnando terreno: con 7,2 milioni di ettari, rappresenta già il 21% della superficie totale del cotone mondiale.
  • Per la loro trasformazione in abbigliamento o biancheria per la casa, le fibre subiscono diversi trattamenti: sbiancamento, tintura, applicazione di finiture … Ogni passaggio porta la sua quota di inquinanti come cloro, formaldeide e / o metalli pesanti. Inoltre, più trattamenti aumentano il rischio di allergie e irritazioni. Durante una recente campagna, Greenpeace ha rivelato la presenza di molteplici sostanze pericolose per la salute nei … pigiami per bambini del marchio Disney.

La natura ritorna al galoppo

E le altre fibre naturali? Due di loro stanno rapidamente riguadagnando popolarità: lino e canapa. Per la coltivazione convenzionale del lino vengono utilizzati relativamente pochi fertilizzanti e pesticidi; anche i trattamenti con le fibre (sbiancamento, tintura, ecc.) sono meno numerosi che per il cotone. Un altro vantaggio del lino: può essere coltivato alle nostre latitudini, il che limita il trasporto.

La canapa è una pianta poco impegnativa, che si adatta ovunque e prospera senza pesticidi o fertilizzanti. Grazie al progresso tecnico, la canapa è diventata molto comoda da indossare. Purtroppo, a causa di riluttanza ingiustificata (le varietà trasformate in tessuto non contengono livelli sufficienti di sostanze psicotrope per avere un effetto su di noi), la sua coltivazione rimane marginale nel nostro paese mentre è in forte espansione in molti paesi. Altri paesi come la Germania.

Abbigliamento e biancheria bio ed etici: arriva …

Se vuoi essere sicuro di indossare un capo che rispetti le persone e l’ambiente, dai un’occhiata al tessile etichettato:

Etichette con garanzia biologica. Eko, KbA : si tratta di etichette con criteri rigorosi, che offrono la garanzia della coltivazione biologica, ma anche il rispetto dell’ambiente durante la lavorazione o il confezionamento. Allo stesso modo, per l’assegnazione del marchio sono necessarie diverse condizioni sociali. Demeter : questa etichetta si trova sui tessuti (lana, cotone) da agricoltura biodinamica.

Etichette senza garanzia biologica . Etichetta ecologica europea : incorpora criteri di “qualità” del prodotto, legati o meno all’ambiente (anche se l’aspetto ambientale è particolarmente sviluppato). L’etichetta non è restrittiva per quanto riguarda i materiali utilizzati: una camicia sintetica al 100% può benissimo ricevere l’etichetta ecologica, il che ovviamente non è il caso di un tessuto biologico. Ökotex (“Confidence textiles”): marchio del distributore dell’industria tessile. Tra le altre cose, garantisce l’assenza di determinate sostanze (coloranti cancerogeni, biocidi, cloro, ecc.) O il rispetto delle tariffe specificate dalla legislazione per altre sostanze indesiderabili.

Commercio equo / etichette sociali. Etichetta sociale : esiste in Belgio dall’aprile 2003. Questa etichetta può essere apposta su qualsiasi prodotto che rispetti un minimo di standard sociali. Purtroppo non esistono ancora prodotti tessili certificati.
Max Havelaar : il noto marchio del commercio equo e solidale. Offre agli agricoltori un prezzo minimo garantito che consente loro di avere condizioni di vita dignitose. Grazie a una borsa di sviluppo, le loro organizzazioni possono finanziare progetti. La protezione dell’ambiente è migliorata e sono garantite condizioni di lavoro sane. Questa etichetta garantisce quindi i diritti dei produttori contadini, ma non (ancora) il rispetto per i lavoratori durante la lavorazione (filatura, tessitura) e la confezione dei vestiti.

Scegli sostenibile, mantienilo come un professionista e riutilizzalo!

I vestiti etichettati non sono ancora onnipresenti … Ma scegliendo il tuo guardaroba, puoi sempre investire in scarpe e vestiti di qualità e riparabili come priorità.
E non dimenticare: nonostante tutto l’inquinamento emesso durante la produzione o lo smaltimento dei tessuti, la fase più inquinante rimane l’utilizzo, con il suo consumo di energia, acqua e detergenti. Quindi pensate ai detersivi concentrati (per ridurre la quantità di imballaggi) e ai detersivi più ecologici. Evitare il lavaggio a secco che richiede l’uso di prodotti nocivi.

Ultimo consiglio: per evitare che i vostri vestiti finiscano nella discarica o nell’inceneritore prima di essere consumati, utilizzate il riflesso “usato”.

  • Dona vestiti in buone condizioni ad aziende dell’economia sociale come Terre, Les Petits Riens, Oxfam-Solidarité ecc. L’etichetta “Solid’R” garantisce che la tua donazione verrà utilizzata per sostenere un obiettivo sociale.
  • Ricorda che i vestiti che metti nella borsa o nel corpo di guardia devono essere indossati da qualcun altro. Appena il 10% dei vestiti raccolti può effettivamente essere rivenduto così com’è, gli altri sono in pessime condizioni.

Dove trovare tessuti ecologici e / o etici?

  • Greenpeace offre una buona selezione di abbigliamento e biancheria in cotone biologico; parte della gamma è anche certificata Max Havelaar.
  • Oxfam-Magasins du monde vende anche diversi vestiti in cotone biologico e del commercio equo e solidale.
  • Altri prodotti etichettati Max Havelaar sono tra gli altri disponibili presso Delhaize, Cora, La Redoute, Cassis, Celio …
  • È in fase di elaborazione un elenco di marchi e punti vendita di tessuti biologici e / o del commercio equo e solidale, che sarà presto disponibile presso la nostra hotline.
  • È già possibile ottenere un elenco delle associazioni e delle imprese dell’economia sociale attive nel recupero e nella vendita di abiti usati.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Etichetta Nordic Swan per carta

Ricetta: l’inconfondibile maionese fatta in casa