in

8 consigli per risparmiare il riscaldamento quest’inverno

L’inverno è tornato. Con questo freddo, riaccendiamo il riscaldamento. Ora è il momento di seguire alcuni semplici e facili consigli per risparmiare energia rimanendo a proprio agio. Tanto più che i buoni gesti permettono anche di mettere in sicurezza la casa e di ridurre direttamente la bolletta energetica. E su piccoli impianti il ​​costo può essere ammortizzato dal primo inverno o in poche stagioni.
 

Sommario:

1. Far riparare la caldaia

2. Installare un termostato ambiente

3. Gestisci bene il riscaldamento

  • Regola il termostato
  • Regolare le valvole termostatiche
  • Per una stufa efficiente

4. Manutenzione dei radiatori

  • Spurgare i radiatori
  • Pulisci e spolvera i radiatori
  • Posiziona pannelli riflettenti

5. Evita le correnti d’aria

  • Isola i punti deboli
  • Usa un tallone della porta
  • Calafatare le finestre
  • Installa le tende

6. Eseguire dei piccoli lavori di isolamento

  • Isolare i tubi del riscaldamento
  • Isolare il solaio e il soffitto della cantina

7. Aria fuori ogni giorno

8. Altri buoni affari

– – – – – – – – – – – –

Risparmia sul riscaldamento: 8 consigli per prepararti all’inverno – Infografica: écoconso [CC-BY-NC-ND]
(clicca per ingrandire)

 

1. Far riparare la caldaia

Cosa potrebbe esserci di più spiacevole di una stufa rotta in pieno inverno? Per limitare i rischi, fai in modo che la tua caldaia sia adeguatamente manutenuta. Questo è anche un obbligo legale per le caldaie con una potenza superiore a 20 kW:

  • ogni anno per le caldaie a petrolio e a legna  ;
  • ogni 2 anni per le caldaie a gas nelle Fiandre e nella Regione di Bruxelles (ogni 3 anni in Vallonia).

Una manutenzione regolare riduce anche il consumo di carburante del 5% e aumenta la sicurezza.

> Maggiori informazioni sulla manutenzione della caldaia

Se riscaldiamo con il gas , potremmo essere preoccupati dal cambiamento del tipo di gas per una parte del Belgio. Approfittiamo quindi della manutenzione della caldaia per verificare che i vari dispositivi alimentati a gas (boiler, boiler, termoconvettore, fornello, fornello, ecc.) Siano opportunamente regolati per l’utilizzo di gas ricco.
 

2. Installare un termostato ambiente

Niente più regolazioni delle valvole del radiatore quando hai freddo o quando parti! Il termostato permette di regolare direttamente la temperatura. Garantisce una temperatura gradevole con un minimo di consumo e maneggevolezza, purché utilizzato correttamente (vedi consigli sotto).

Se hai la tua caldaia ma non il termostato, è nel tuo interesse installarne uno!

Manuale, programmabile, wireless o intelligente, esistono diversi modelli di termostato. Viene scelto in base ai vincoli dello spazio da riscaldare, alle sue esigenze e al suo budget.

> Leggi: quale termostato scegliere?
 

3. Gestisci bene il riscaldamento

Anche se funziona solo da cinque a sei mesi all’anno, il riscaldamento consuma in media dal 65 al 70% dell’energia di una casa. Questo è più di tutti gli altri usi combinati (acqua calda, cucina, elettrodomestici e illuminazione).

Se si dispone di un termostato e di valvole termostatiche, è possibile regolare la temperatura ambiente in modo abbastanza preciso e programmare gli orari di accensione e spegnimento del riscaldamento. È ancora necessario capire come funziona per un riscaldamento efficiente questo inverno. Dai, rivediamolo e programmiamolo correttamente.

Regola il termostato

Il termostato è il conduttore dell’impianto di riscaldamento. Si basa sulla temperatura della stanza in cui è installato (spesso il soggiorno) per controllare la caldaia. Se la temperatura ambiente è inferiore alla temperatura desiderata (temperatura di setpoint), il termostato comanda l’accensione della caldaia. Una volta raggiunta la temperatura, la caldaia interrompe il riscaldamento.

Dal lato della temperatura, invece, riscaldiamo:

  • a 19 o 20 ° C quando sei a casa  ;
  • a 15 o 16 ° C durante il sonno o fuori casa .

La regolazione della temperatura in questo modo consente di risparmiare facilmente dal 10 al 25% di riscaldamento. Con una fattura media di 1000 € / anno, il guadagno è di 100-250 € all’anno!

Grazie al termostato, puoi facilmente scegliere queste temperature “impostate”. Con tutti i termostati (tranne il manuale) è possibile programmare anche i tempi per riscaldare a quale temperatura. Ma l’operazione varia a seconda del modello.

> Leggi Come regolare il termostato?

Regolare le valvole termostatiche

Le valvole termostatiche consentono di limitare la temperatura di ogni stanza.

I loro numeri che corrispondono alle temperature massime, alle quali l’acqua calda non entra più nel radiatore:

  • 0: valvola chiusa
  • *: antigelo (7 ° C)
  • 1: 12-14 ° C
  • 2: 16-17 ° C
  • 3:20 ° C
  • 4: 23-24 ° C
  • 5: nessun limite

In breve :

  •  Non ha senso aprire tutte le valvole sul 5 nella speranza che la stanza si scaldi più velocemente! Se tutti i radiatori hanno la valvola aperta su 5, si riscaldano completamente fino a raggiungere la temperatura impostata nella stanza in cui si trova il termostato.
  • Se trascorri la giornata in soggiorno e in sala da pranzo, non è necessario che anche la camera da letto, il bagno e l’ingresso siano costantemente riscaldati a 19 ° C. In queste stanze non occupate, 16 ° C o meno sono sufficienti. Regoleremo quindi la temperatura utilizzando le valvole termostatiche. E risparmia un sacco di soldi evitando il riscaldamento inutile!

> Leggi Come utilizzare correttamente le valvole dei radiatori?

Cosa succede se le valvole termostatiche non funzionano correttamente?

Il radiatore si riscalda indipendentemente dalla posizione della valvola? O, al contrario, non scalda più tutto? Controlliamo che l’ago non sia bloccato: togliamo la testa della valvola e spostiamo l’ago avanti e indietro con una pinza o lo colpiamo con un martello.

Per una stufa a legna efficiente

Un buon fuoco di legna può essere utilizzato come riscaldamento principale o aggiuntivo. Perché sia ​​efficiente, ecologico e salutare, è necessario utilizzare un dispositivo la cui efficienza sia superiore all’80%. Dimentichiamo il fuoco aperto: è carino ma estremamente inquinante, soprattutto con una notevole produzione di polveri sottili nocive all’interno dell’abitazione.

Viene bruciata solo legna molto secca (almeno due anni in aria al coperto). In caso contrario, le prestazioni saranno meno buone e il fuoco emetterà sostanze inquinanti (materiali incombusti, furani (diossine), fuliggine, ecc.). Ci assicuriamo quindi che ci sia un posto dove riporre la legna. Idealmente, predisponiamo anche un piccolo angolo vicino al fuoco dove posizionare i prossimi ceppi da bruciare. Ciò consente loro di terminare l’asciugatura al chiuso.

> Leggi tutti i nostri consigli per costruire un fuoco efficiente nella tua stufa a legna.
 

4. Manutenzione dei radiatori

Affinché i radiatori distribuiscano correttamente il calore, devono essere spurgati, non ostruiti e privi di polvere. Prima dell’inverno, quindi, viene offerta loro una buona pulizia. Cogliamo l’occasione per installare pannelli riflettenti per un’efficienza ancora maggiore.

Spurgare i radiatori

L’aria che è entrata nel circuito di riscaldamento viene rilasciata ed eventualmente impedisce all’acqua di circolare bene nei radiatori.

  1. Utilizzare un cacciavite piatto o una chiave per radiatori e uno straccio.
  2. Inizia con il radiatore più lontano dalla caldaia o, se si tratta di riscaldamento collettivo, il radiatore più lontano dal punto di ingresso del riscaldamento nell’abitazione. Usando la chiave o il cacciavite, ruotare la vite e far fuoriuscire l’aria finché non appare una goccia. Chiudere rapidamente e asciugare se necessario.
  3. Una volta spurgati tutti i termosifoni, verificare la pressione della caldaia (a meno che non si tratti di una caldaia comune all’edificio): deve essere compresa tra 1,5 e 2,5 bar. Aggiungere acqua al circuito se la pressione è insufficiente.

Pulisci e spolvera i radiatori

Per distribuire correttamente il calore, i radiatori devono essere puliti. Evita di posizionare i mobili davanti o di asciugare il bucato. Piuttosto, il bucato viene asciugato proprio accanto al radiatore o una corda per il bucato è appesa sopra. I vestiti si asciugheranno altrettanto velocemente ma senza sprecare energia.

Casualmente, la polvere riduce un po ‘la diffusione del calore dai radiatori. Pertanto aspiriamo accuratamente i radiatori durante la pulizia. E di tanto in tanto si passa allo “spolverino” dietro il radiatore e tra le celle dei vecchi modelli.

Posiziona pannelli riflettenti

Quando un riscaldatore viene posizionato contro un muro non isolato, parte del calore passerà attraverso quel muro. Ovviamente l’ideale è isolare bene l’alloggio. Ma se sei un inquilino o non hai il budget, puoi ridurre lo spreco di energia posizionando un pannello riflettente dietro il radiatore. È composto da uno strato di alluminio e da un sottile strato isolante. Riporta parte del calore nella stanza, migliorando il comfort. Il costo del riflettore (5 € / m²) viene ammortizzato in un inverno.

5. Evita le correnti d’aria

La minima corrente d’aria dà una spiacevole sensazione di freddo, anche quando la stanza è ben riscaldata. Per compensare, si tende ad aumentare la temperatura di riscaldamento. Per migliorare il comfort senza consumare di più, rintracciamo le correnti d’aria. Il guadagno è da € 10 a € 45 per apertura bloccata, secondo Homegrade.

Isola i punti deboli

Alcuni luoghi favoriscono le correnti d’aria. Ci occupiamo di isolare:

  • cassetta della posta (se è sulla porta d’ingresso) installando una spazzola appositamente progettata per questo uso.

  • la porta che accede alla cantina o al garage. Ad esempio viene posizionato un fondo portaspazzole (una linguetta provvista di setole, che viene incollata o avvitata sul fondo della porta e impedisce il passaggio dell’aria sotto). E sul perimetro del telaio della porta è posizionato un sigillo isolante.
  • lo scarico della cappa . Se l’aria fredda entra attraverso la cappa, una valvola di non ritorno è installata all’uscita del tubo di scarico, sulla parte anteriore. La serranda si apre a cappa accesa e si chiude a cappa spenta, impedendo l’ingresso di aria fredda.

Usa un tallone della porta

Se l’aria fredda passa sotto la porta, viene posizionato un tallone della porta. Puoi farlo da solo o acquistarne uno già pronto.

Il rotolo più efficace è il “doppio tallone”. Ha il vantaggio di avere una parte che scivola sotto la porta e la segue. Non dovrai più spingere indietro la salsiccia ogni volta che viene chiusa.

Calafatare le finestre

Le guarnizioni autoadesive possono essere facilmente posizionate sul telaio della finestra. Si bloccano quando la finestra è chiusa e tagliano le correnti d’aria. Fai attenzione, devi sempre essere in grado di aprire le finestre per arieggiare la casa.

Installa le tende

La sera, tende spesse tagliano il freddo che arriva dalle finestre, anche quelle efficienti. Aggiungono anche una sensazione di calore.

Fai attenzione, se un termosifone è posizionato sotto la finestra, non lasciamo mai che le tende siano appese davanti ad essa. Incanalerebbero tutto il calore verso la finestra invece di lasciarlo diffondere nella stanza. Ci assicuriamo che le tende siano della lunghezza corretta. Altrimenti, li facciamo scorrere dietro il radiatore.
 

6. Eseguire dei piccoli lavori di isolamento

Ovviamente l’ideale è rinforzare l’isolamento dell’abitazione nel suo complesso. Ma questo rappresenta un budget consistente e delle scelte che devono essere attentamente valutate. D’altra parte possiamo effettuare degli interventi facili ed economici prima dell’inverno.

Isolare i tubi del riscaldamento

I tubi dell’acqua calda che attraversano le stanze non riscaldate agiscono come piccoli riscaldatori, perdendo calore. Per un tubo da un pollice con acqua a 70 ° C, la perdita è equivalente a una lampadina da 60W ogni metro! Per 5 m di tubi ciò rappresenta una perdita di 50 € / anno.

Il problema può essere facilmente risolto: basta avvolgere i tubi con un manicotto di schiuma. Sono disponibili diversi diametri e diversi spessori. La schiuma deve circondare il tubo il più strettamente possibile e deve essere scelto uno spessore almeno equivalente al diametro del tubo.

Isolare il solaio e il soffitto della cantina

Il soffitto della cantina e il solaio (se non attrezzato) sono superfici fredde che si ottengono isolando:

  • Dal 25 al 30% del calore passa attraverso il tetto. L’isolamento del solaio riduce le perdite.
  • Se isoliamo il soffitto della cantina, sarà subito più piacevole camminare al piano superiore!

Perdita di calore da una casa pre-1974 non isolata.
Fonte: Guida “Isolare la tua casa”, ADEME

 

Fortunatamente, è facile isolare questi luoghi in quanto non è necessaria una finitura e sono accessibili (non è necessario smontare nulla).

  • Isolare il pavimento sopra gli spazi non riscaldati: vedere la guida pratica pubblicata dalla Vallonia
  • Isolare il pavimento della soffitta: vedere la guida pratica pubblicata dalla Vallonia
     

7. Aria fuori ogni giorno

In inverno calafatiamo tutto e temiamo le correnti d’aria. Risultato: la casa è piena di umidità (rischio di muffe, proliferazione di acari della polvere), cattivi odori e inquinanti interni che respiriamo.

Adottiamo quindi il riflesso di spalancare le finestre, due volte al giorno, per 10 minuti, creando uno spiffero. Ciò consente di rinnovare l’aria ed evacuare gran parte degli inquinanti interni.

L’aerazione porterà aria più secca dell’aria interna. Tuttavia, l’aria secca richiede meno energia per essere riscaldata. Doppio vantaggio!

Idealmente, le finestre vengono aperte prima del riscaldamento, al mattino e alla sera. Ma non esitiamo a ventilare anche se la casa è già calda. In 10 minuti, le pareti non hanno il tempo di raffreddarsi. Stiamo solo pensando di spegnere il riscaldamento.

8. Altri buoni affari

Se riceviamo buoni ecologici, possiamo usarli per risparmiare energia! Servono per pagare termostato ambiente, valvole termostatiche, manutenzione caldaia, coibentazione, pannelli riflettenti …

Evitiamo di aspettare che il serbatoio dell’olio o le riserve di legna (tronchi o pellet) siano vuote. Prendendolo in anticipo, puoi ottenere grandi risparmi, ad esempio partecipando a un acquisto di gruppo. Wikipower, Test-Purchases, Groupasol… organizzano acquisti di gruppo di olio combustibile e legno, ma anche gas ed elettricità nel caso di Wikipower.

Non esitiamo a rafforzare il lato “cocooning” della nostra casa. La sensazione di calore è costituita anche da piccole cose a volte soggettive: il colore delle pareti, la luminosità della stanza, la presenza di tende, un tappeto sotto i piedi piuttosto che piastrellatura …

Inoltre, se passi la serata sul divano a guardare un film, è molto più comodo infilarsi sotto una coperta che accendere il riscaldamento e aspettare mezz’ora che l’aria si riscaldi. Ed è anche molto più economico! 
 

Vedi anche

  • Risparmiare il riscaldamento per ridurre la CO 2 , una delle 16 azioni della nostra checklist per il clima. Smettila di farne tonnellate!

 

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Vuoi convertire la tua bici in una cyclette?

Insetticidi utilizzati in casa: attenzione al pericolo