in

Dispositivi elettronici

Le nostre piccole meraviglie tecnologiche non ci abbandonano mai! GPS, laptop, telefoni cellulari, tablet digitali, smartphone, MP3, console di gioco, televisione collegata a Internet, ecc. Sono diventati onnipresenti nelle nostre vite.

E soprattutto, sarebbero la soluzione che tutti stavamo aspettando per alleggerire finalmente la nostra impronta ecologica consentendo la dematerializzazione!

Obiettivo mancato?

La nostra società digitale consuma sempre meno materie prime? Non così sicuro.

Certo, oggi la posta elettronica sostituisce l’invio di lettere, la videoconferenza evita i viaggi. Ma non abbiamo mai consumato così tanta carta come dal boom dell’IT.

Inoltre, mentre la produzione di beni elettronici e informatici continua ad aumentare, la durata di questi stessi beni diminuisce, producendo così tonnellate di rifiuti particolarmente difficili da gestire.

In Europa vengono vendute ogni anno non meno di 9,3 milioni di tonnellate di dispositivi elettronici.

Secondo il consulente GfK, nel 2012 i belgi dovrebbero acquistare 800.000 tablet e 1,8 milioni di smartphone (in crescita del 50% rispetto al 2011).

Ci saremmo “persi” qualcosa con la rivoluzione informatica?

Le nostre esigenze elettroniche

Certamente, la tecnologia dell’informazione e le sue applicazioni in tutti i campi costituiscono un importante progresso per l’umanità. Ma attenzione agli eccessi! È necessario dare uno sguardo critico alla sostenibilità della nostra società dell’informazione.

La tecnologia dell’informazione (ICT) trasmette un’immagine “pulita”. Questo serve vantaggiosamente gli interessi dei produttori perché l’ecologia è diventata un punto di forza.

Esploriamo il lato nascosto dei nostri dispositivi elettrici ed elettronici.

La produzione

Per rispettare gli equilibri naturali, dovremmo limitare le nostre emissioni di CO 2 a 1800 kg per persona all’anno. Tuttavia, la produzione di due computer è sufficiente per emetterli.

Acqua nel mio computer?

La produzione dei nostri dispositivi elettrici ed elettronici ha una forte impronta ecologica. Un computer da 24 kg con uno schermo da 17 pollici richiede, secondo un rapporto del 2004: 1,8 tonnellate di materiali di cui 240 kg di combustibili fossili, 22 kg di prodotti chimici e 1500 litri di acqua.

Come scarpe, tessuti o giocattoli, quasi tutta la produzione di apparecchiature elettroniche e informatiche è esternalizzata (in particolare in Asia).

Minatori per estrarre il mio cellulare dalla terra?

Molti dei metalli necessari per realizzare un computer sono rari (rame, zinco, oro, tantalio o cobalto). Un telefono cellulare contiene, ad esempio, il 19% di rame e l’8% di ferro. Questi metalli provengono dai paesi del sud dove vengono estratti a bassi costi di manodopera. Pertanto, metà del fabbisogno mondiale di cobalto (batterie per telefoni cellulari) viene fornito solo da Zambia e Congo.

Le miniere contribuiscono a contaminare l’acqua e il suolo con residui metallici tossici.

Il danno alla salute dei lavoratori è enorme. Il piombo, ad esempio, può causare danni irreversibili al sistema nervoso.

Uso

Il consumo di dispositivi elettrici ed elettronici è diventato notevolmente più democratico. Tutti i circoli e tutte le classi sociali sono interessati.

L’azienda di telecomunicazioni

Nel 2009, a livello globale, secondo l’Agenzia internazionale dell’energia, i gadget elettronici rappresentavano il 15% della spesa elettrica domestica. Questo è il settore in cui il consumo cresce più rapidamente.

Lo sapevate ? In un anno, una console di gioco consuma più energia di una lavatrice e un computer più di un frigorifero. E il consumo di Internet box e decoder TV, sempre attivi, non viene tralasciato!

I costi energetici nascosti dei dispositivi di standby sono stimati a 4,8 miliardi di euro nell’UE. Ciò corrisponde a 180 milioni di tonnellate di CO 2 , ovvero la metà dell’obiettivo di riduzione dell’UE previsto dal protocollo di Kyoto.

Dati virtuali che pesano molto

Il consumo di elettricità dei centri server che immagazzinano i miliardi di dati che generiamo ogni anno è considerevole.

Nel 2011 abbiamo prodotto 1800 miliardi di gigabyte di dati, che equivalgono a oltre 400 miliardi di DVD! I social network non sono estranei a questa bulimia digitale, che ha anche un impatto ambientale (vedi la scheda Green IT su questo argomento).

Al ritmo attuale, sembra difficile immaginare una soluzione tecnica soddisfacente per soddisfare le esigenze sempre più distruttive dell’uomo digitale.

Rivalutazione e trattamento

La dematerializzazione non smaterializza i rifiuti

Un europeo produce in media 14 kg di rifiuti informatici all’anno. Questi rifiuti sono sempre più complessi e quindi più difficili da trattare.

Anche il computer più semplice è composto da 24 tipi di plastica, alcuni riciclabili e altri no: richiede un’attenta selezione!

Esportazione di beni usati

Secondo le stime del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP), quasi il 75% degli schermi di computer e televisori venduti in Europa finisce nei paesi del Sud.

Tuttavia, la Convenzione di Basilea vieta l’esportazione di rifiuti pericolosi dai paesi ricchi ai paesi poveri. Si tratta quindi di merci ufficialmente utilizzate che vengono inviate in Africa o in Asia in contenitori pieni e non rifiuti.

Poiché spesso in loco mancano canali di trattamento adeguati, migliaia di lavoratori li smantellano nei cantieri a scapito della loro salute e dell’ambiente. Va notato, ad esempio, che il cadmio contenuto in un singolo telefono cellulare è sufficiente a contaminare 600.000 litri di acqua.

Greenpeace stima che quasi la metà dei rifiuti elettrici ed elettronici esportati in Asia o in Africa sia illegale.

La nuova direttiva RAEE mira a ridurre questo traffico di rifiuti, sarà efficace?

E le soluzioni?

Renditi conto che questi oggetti non sono banali

Usiamo i nostri dispositivi mentre funzionano. Più lunga è la loro durata, minore è il loro impatto ecologico. Non moltiplichiamo la loro presenza nelle nostre vite.

Questi sono i primi passi da compiere.

Incoraggiare le prestazioni ambientali e sociali dei produttori

La ONG Greenpeace sbuccia regolarmente i nuovi giocattoli dell’industria elettronica e pubblica una classifica delle 15 maggiori aziende (vedi sotto). Le imprese vengono valutate sulla base dell’eliminazione di sostanze sospette dai loro prodotti, del riciclaggio di prodotti divenuti obsoleti e della riduzione delle conseguenze della loro attività sul clima.

Nell’ultima edizione (novembre 2012), solo un’azienda era chiaramente nel verde e ancora una volta, non è propriamente un produttore.

Restiamo lucidi sugli argomenti di marketing, che spesso riguardano l’accessorio.

Uno schermo, non troppo grande

Gli schermi LCD dei computer consumano meno energia dei CRT, ma più grande è lo schermo, più consuma! I risparmi sui consumi dovuti alle prestazioni delle attuali apparecchiature sono in parte compensati dalla molteplicità delle apparecchiature e dall’aumento delle dimensioni degli schermi.

Garantire un corretto ritrattamento

In Belgio, 4 milioni di telefoni cellulari non sarebbero più utilizzati e giaccerebbero dormienti nei nostri cassetti. Le aziende raccolgono e rielaborano questi dispositivi alla fine del loro ciclo di vita. Queste aziende ricondizionano il 90% dei telefoni raccolti e li rivendono nei paesi del Sud, dove vengono riutilizzati. Tuttavia, questa non è la soluzione definitiva: dopo essere stati inviati in Africa o in Asia, cosa ne sarà di questi dispositivi (e dei loro metalli) quando muoiono per la seconda volta (lontano da standard sociali e ambientali degni di questo nome)?

Infine, la famosa società dell’informazione che ci viene venduta come smaterializzata, risulta essere un’estensione dell’economia classica, con beni materiali basati su risorse naturali limitate.

Una strada da sfruttare: ridurre i nostri consumi e ritrovare il gusto per le forme di comunicazione umana.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Le mamme sono biocidi, altrimenti non ho capito niente

Come leggere un’etichetta energetica?