in

Insetticidi utilizzati in casa: attenzione al pericolo

I prodotti sono molto facili da usare per sbarazzarsi degli insetti che entrano nelle nostre case. Questo vale anche per i parassiti di cani e gatti.

Questi insetticidi devono controllare gli insetti nocivi ed essere innocui per l’uomo. Ma in realtà, queste esigenze sono conciliabili? Purtroppo non lo sono. L’uso di insetticidi in casa si è dimostrato particolarmente pericoloso e può provocare gravi malattie. Inoltre, all’interno, questi insetticidi si degradano molto lentamente e permeano pavimenti, tappeti, mobili, tende, polvere … prolungando la nostra esposizione a queste sostanze tossiche.

L’utilizzo di insetticidi all’interno è ulteriormente facilitato dal fatto che molti produttori attribuiscono loro slogan come “perfettamente innocui”, “naturali” o “rispettosi dell’ambiente”. Ma quali sono le sostanze contenute in questi nuovi insetticidi? Si limitano ad attaccare i parassiti e sono davvero innocui per noi?

Nuova moda

Fino a pochi anni fa gli insetticidi contenevano sostanze indubbiamente pericolose per l’uomo (ad esempio: Dichlorvos, Chlorpyrifos, Propoxur, Lindane). Oggi sono per lo più a base di piretro, un prodotto di origine vegetale e piretroidi sintetici della stessa famiglia. Queste sostanze sono sensibilmente meno pericolose, ma non prive di rischi come vedremo di seguito.

Già gli antichi persiani e cinesi sapevano, almeno indirettamente, che il piretro agisce contro gli insetti: schiacciavano i petali di una certa specie di crisantemo contenente piretro per produrre una polvere anti pulci. Oggi si ottiene il piretro estraendolo dai fiori. Questo piretro naturale si degrada molto rapidamente, il suo effetto anti-insetti non dura molto a lungo. È per compensare questa caratteristica che l’industria chimica ha creato sostanze analoghe, piretroidi sintetici di varia tossicità. I piretroidi, come il piretro, agiscono sul sistema nervoso.

Di origine naturale ma non innocua!

Sebbene la maggior parte degli insetticidi “indoor” oggi in commercio siano basati su sostanze meno tossiche, il miglioramento non è quindi sufficiente. I rischi per la salute e l’ambiente persistono. I bambini spesso ne pagano il prezzo, così come gli asmatici e le allergie. Oltre a ciò, l’avvelenamento è spesso dovuto a un uso improprio (non dimenticare di leggere le istruzioni!).

Gli estratti di piretro possono contenere impurità della pianta, compresi i pollini, che possono scatenare allergie. Inoltre, gli insetticidi a base di piretro naturale contengono spesso coadiuvanti per migliorarne l’efficacia, coadiuvanti che si rivelano pericolosi per la salute.

Infatti, per prolungare la vita dei piretro naturali (degradati rapidamente dalla luce) e di alcuni piretroidi sintetici, viene aggiunta una sostanza chiamata Piperonil Butossido (PBO). Il problema è che inibisce la disintossicazione che avviene nel nostro corpo quando vengono assorbiti i pesticidi, che è tossico dal punto di vista tossicologico. Il suo assorbimento potrebbe quindi aumentare la tossicità di altri pesticidi a cui l’uomo è esposto.

Per quanto riguarda i piretroidi sintetici, possono causare gravi problemi di salute in caso di esposizione prolungata: disturbi cerebrali e della locomozione, diminuzione dell’immunità dopo intossicazione acuta; alcuni sono classificati come possibili cancerogeni per l’uomo secondo l’Environmental Protection Agency (EPA) degli Stati Uniti e / o interrompono il sistema ormonale negli animali da laboratorio e nella fauna selvatica …

Inoltre possono provocare formicolio intenso in caso di contatto diretto e prolungato con il corpo. I prodotti insetticidi che li contengono (diffusori, zanzariere impregnate, ecc.) Possono inoltre causare irritazioni alla pelle e agli occhi, a causa dei solventi organici utilizzati per sciogliere le sostanze attive.

Facilità di utilizzo ed efficienza, a quale costo?

Si trova generalmente che l’efficacia e la facilità d’uso nel controllo degli insetti sono associate a una maggiore tossicità per l’uomo.

Ad esempio, gli evaporatori elettrici contengono piretroidi volatili che evaporano nell’aria ambiente fintanto che l’apparecchio è collegato alla presa di corrente. L’esposizione a queste sostanze è quindi continua!

Allo stesso modo, la confezione in spray (bomboletta aerosol) è obsoleta! Da un punto di vista ecologico, è irragionevole poiché si utilizza un grande imballaggio per poco contenuto. A differenza dei vaporizzatori, gli spray non possono essere ricaricati. Come insetticidi sono più tossici, perché producono una nebbia finissima che raggiunge i polmoni e, inoltre, presentano un rischio di esplosione dovuto al gas propellente (butano o propano).

Se devi ancora usare insetticidi spray, considera alcune istruzioni di sicurezza:

  • Utilizzare uno spray solo in stanze prive di occupanti e successivamente ventilare.
  • Un’applicazione precisa significa che devi spruzzare dove si nascondono gli insetti (crepe, dietro gli armadietti …) e non in eccesso!
  • Spolverare le parti prima di spruzzare il prodotto. Le sostanze attive si depositano nella polvere che può poi essere inalata.
  • Va notato che queste sostanze sono altamente tossiche per i pesci; ricordarsi di proteggere l’acquario quando si spruzzano prodotti che lo contengono.

Il primo riflesso: prevenzione

Gli insetti sono sicuramente molto fastidiosi, anche dannosi se si insediano nelle nostre riserve alimentari. Ma questo non significa che devi ricorrere immediatamente ai biocidi. Alcune alternative:

1. Gli alimenti secchi (cereali, legumi, zucchero, ecc.) Devono essere adeguatamente conservati in un luogo non troppo freddo né troppo umido e in contenitori ermetici.

2. Esistono modi per impedire alle zanzare di entrare in casa:

  • Le ragnatele sui telai delle finestre costituiscono un’eccellente zanzariera naturale. Quando ci sono troppe zanzare, posizionare un’adeguata zanzariera nella finestra è l’arma preventiva più efficace (valida anche per le mosche).
  • Metti vasi con piante di pomodoro sul davanzale della finestra. Alle zanzare non piace affatto l’odore delle foglie. Inoltre non amano: citronella, lavanda (mettere l’essenza di lavanda in una tazza), eucalipto (olio e foglie), bucce di cipolla, aceto.
  • Le trappole ultraviolette non usano la chimica, ma non sono consigliate. Attirano molti altri insetti (utili, comunque dal punto di vista umano) che vengono anch’essi eliminati.

3. Le formiche segnano il loro cammino con tracce di odori, non possono più orientarsi se mancano. Possono essere rimossi con una buona pulizia (utilizzando un detergente universale). Ma possiamo disturbarli anche mettendo sul loro cammino foglie di felce o di pomodoro, qualche goccia di lavanda o olio di limone.

Abbiamo paura della natura?

Il nostro bisogno di natura assume un’aria grottesca quando attacchiamo questa stessa natura con importanti mezzi chimici non appena ci tocca troppo da vicino. Pensiamo sempre ai metodi di prevenzione. Certo, ci vuole un po ‘più di tempo o risorse per cambiare il nostro modo di vivere, ma ne vale la pena. La salute non ha prezzo!

Articolo scritto da Edurne Gil sulla base dei seguenti articoli:

  • Dossier “Antiparassiti, insetticidi: veleni per la nostra salute? », 60 Millions de Consommateurs n ° 396 luglio-agosto 2005
  • “Insetticidi”, Unione dei consumatori lussemburghese n ° 10 1996

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

8 consigli per risparmiare il riscaldamento quest’inverno

Cani e gatti: dietro le quinte della ciotola