in

Cosa sostituire assorbenti interni e assorbenti?

I tamponi e gli assorbenti igienici sono molto inquinanti. Generano molti rifiuti e sono fatti di plastica o contengono sostanze chimiche, profumo, cloro o candeggina …

Poiché a volte contengono sostanze tossiche [1] , le protezioni igieniche fanno male anche alla salute e alla flora vaginale.

Quindi, esci dai tamponi e dai tovaglioli convenzionali. Preferiamo alternative ecologiche facili da usare. Alcuni sono lavabili, altri sono sorprendenti.
 

La coppetta mestruale

La “coppetta” o coppetta mestruale è una piccola … coppetta terminata da un’asta. Flessibile e alto pochi centimetri, viene utilizzato dai 3 ai 10 anni, il che riduce notevolmente la quantità di rifiuti. Un altro vantaggio, il suo prezzo varia dai 15 ai 35 € . O l’equivalente di un solo anno di francobolli (circa 36 euro [2] ).

La coppetta mestruale viene posizionata all’interno del corpo come un tampone. La differenza è che la coppa non assorbe il sangue, lo raccoglie. Molto comoda, questa alternativa richiede spesso un po ‘di tempo di adattamento.

Le coppette mestruali si trovano facilmente nei negozi biologici (online o meno), nei cosmetici o persino nei negozi di puericultura e in alcuni supermercati.

Scegli taglia e materiale

La tazza è spesso disponibile in 2 taglie. Lo scegliamo in base all’abbondanza dei periodi, alla sua età, se abbiamo già partorito …

Tra i tagli di qualità, puoi scegliere tra diversi materiali:

  • il lattice . È un materiale naturale che conferisce alla tazza una durata di circa 10 anni. Il lattice, tuttavia, può causare allergie nelle persone sensibili.
  • il silicone . È scelto di grado medico senza ftalati o BPA. Spesso puoi trovare queste informazioni sulla confezione o sul sito web del marchio. Una tazza in silicone viene utilizzata per 3-5 anni. Tuttavia, la FDA [3] (amministrazione statunitense) consiglia di sostituire una coppa in silicone dopo 3 anni.
  • il TPE (elastomero termoplastico). È una miscela di materiali. Anche qui è fondamentale cercare un prodotto medicale certificato.

Le coppette mestruali sono disponibili in una versione colorata. La “tazza” è quindi più divertente da usare per alcuni. Soprattutto perché il silicone incolore può ingiallire dopo un po ‘. Detto questo, incorporare un pigmento significa ancora aggiungere una sostanza la cui innocuità deve essere dimostrata a lungo termine. E le informazioni fornite sui siti dei produttori sono piuttosto imprecise. Per precauzione, preferiamo un taglio non colorato . Dopotutto, non si vede.

Come usarlo ?

Usare la coppetta mestruale è semplice ma spesso ci vogliono alcuni tentativi per abituarsi. Leggiamo le istruzioni per l’uso per sapere come procedere. Di solito, inizi lavando le mani e la tazza. Quindi pieghiamo la nostra tazza. Esistono diverse tecniche di piegatura. Da scoprire su questo sito. Ci rilassiamo e poi lo inseriamo. Alcune informazioni per aiutarti su questo sito.

La tazza può essere lasciata in posizione per diverse ore, con un massimo di 8-12 ore. Anche se preferiamo limitarci a 4-6 ore . Per rimuoverla è sufficiente pizzicare la base della tazza (per evitare l’effetto ventosa), rimuoverla, svuotarla, sciacquarla con acqua pulita e poi riutilizzarla. Il taglio è perfettamente comodo se ben posizionato . Puoi indossarlo anche quando fai sport o in piscina.

Prima del primo utilizzo e tra ogni ciclo mestruale, la coppetta deve essere sterilizzata. Alcuni specialisti consigliano addirittura di sterilizzare la tazza tra un utilizzo e l’altro. È semplicissimo: lo immergiamo in acqua bollente per qualche minuto. Viene quindi conservato fino al successivo utilizzo. Consultiamo le istruzioni per l’uso della sua tazza per maggiori informazioni.
 

Asciugamani lavabili

Assorbenti igienici lavabili.

Lungi dagli asciugamani della nonna, i moderni asciugamani lavabili hanno molti vantaggi. Sottili, morbidi, colorati, comodi, sono facili da usare. Costano
tra i 3 ei 30 € e, se ti prendi cura di loro, puoi usarli fino a 5 anni.

Puoi acquistare assorbenti igienici pronti all’uso (in negozi biologici, ecologici, online, ecc.) O cucirli con tessuti riciclati. Qui troviamo un fai da te ben spiegato.

Prediligiamo materiali naturali come il cotone biologico o la canapa. E preferiamo gli asciugamani con un’etichetta GOTS o Oekotex 100 per evitare sostanze chimiche controverse.

Come indossarli e mantenerli?

Facile da usare, un asciugamano è attaccato alla biancheria intima con bottoni a pressione o un piccolo graffio. Il tessuto rimane impermeabile grazie a uno strato di nylon sintetico o poliestere traspirante.

In base al suo flusso, scegliamo un modello adatto. Ce ne sono alcuni dal semplice salvaslip all’asciugamano da notte per un assorbimento ottimale. Lontano da casa, usiamo una custodia impermeabile per trasportare il nostro asciugamano sporco. Quindi lava tutto.

Per mantenerlo, immergi prima l’asciugamano in acqua fredda per sciogliere le tracce di sangue. L’acqua calda farebbe coagulare le macchie e incrostarsi. Quindi si lava a 60 ° e si lascia asciugare all’aria. Molto sottili, queste protezioni occupano poco spazio in lavatrice e quindi consumano poca acqua.
 

Mutandine d’epoca

Le mutandine del periodo, o mutandine del periodo, sono le alternative più recenti e popolari alle protezioni usa e getta.

La mutandina mestruale si presenta sotto forma di una classica mutandina ma con un nucleo assorbente che trattiene il flusso sanguigno. È composto da 3 strati:

  • l’esterno, che può essere cotone, bambù, poliammide, elastan, modal … 
  • la fodera, in cotone, elastan … 
  • lo strato assorbente, composto da viscosa, poliestere, PUL, lycra, tencel, lana …

Ovviamente preferiamo materiali naturali. La mutandina ha anche uno strato impermeabile per evitare perdite.

Il suo prezzo varia tra i 10 ei 40 € , anche se alcuni slip più lavorati con pizzo possono visualizzare prezzi fino a 60 €. La sua durata è di circa 5 anni . L’acquisto di mutandine è quindi redditizio abbastanza rapidamente rispetto agli assorbenti interni. Evitiamo anche molti sprechi rispetto alle protezioni usa e getta.

Le mutandine sono disponibili in diverse dimensioni, diversi modelli e per diversi flussi . Esistono anche modelli per ragazze adolescenti che hanno il primo ciclo. Cosa li rassicura vista la somiglianza delle mutandine mestruali con un classico slip, senza inserzione interna.

Quando si tratta di usarlo, non potrebbe essere più semplice: basta indossare le mutandine quando sei in regola. I segni indicano che possono essere indossati fino alle 12. Alcuni sono più attenti e consigliano di cambiarli dopo 6 ore. Dovremmo essere meno soggetti al rischio di SCT poiché questa protezione esterna non ostruisce il flusso. Ma come sempre, è meglio leggere attentamente le istruzioni.

Altri vantaggi, le mutandine mestruali possono essere dimenticate quando le indossi: sono sottili e danno poca sensazione di umidità. Scivola più velocemente di un asciugamano che a volte deve essere riposizionato.

Il rovescio della medaglia, non è facile cambiare le mutandine in movimento. E se il suo flusso è molto abbondante, l’assorbanza potrebbe essere insufficiente.

Per pulirlo, sciacquiamo o immergiamo le mutandine in acqua fredda per rimuovere quanto più sangue possibile. Viene quindi lavato in lavatrice, spesso a 30 ° C, senza ammorbidente. Se utilizzi solo questo tipo di protezione, devi acquistarne diversi.

Per la sua salute e l’ambiente, preferiamo le mutandine:

  • di fabbricazione europea che rispetta gli standard in vigore, come il belga La Renarde o il francese Elia, LilY Basic, Petites Culottées, Pourprées, Rejeanne …
  • con l’etichetta Oeko-tex 100 (Fempo, La Renarde, Rejeanne …). Alcuni marchi vanno oltre e aggiungono certificazioni GOTS (Elia, LilY Basic, Pourprées, Petites Culottées, ecc.).

Ma attenzione, 60 milioni di consumatori mettono in guardia contro alcune marche di mutandine d’epoca che sono inefficaci. L’articolo è disponibile qui. L’Huffingtonpost ha anche effettuato un confronto dei marchi.

È anche possibile realizzare da soli le mutandine del ciclo. Ci sono molti tutorial sul web, come qui, qui o là.

 

Spugne mestruali

Spugna mestruale.

Le spugne di mare possono anche sostituire le protezioni igieniche convenzionali. Utilizzate originariamente dalle donne del bacino del Mediterraneo, queste alternative stanno tornando di moda.

Dal lato del prezzo, ci vogliono tra i 5 ei 15 € per un set di 3 spugne mestruali . Puoi usare una spugna per una decina di cicli. Si posiziona come un tampone e raccoglie il sangue bagnandosi.

Manutenzione e igiene

Prima del primo utilizzo, la spugna viene pulita con acqua e sapone e quindi disinfettata seguendo le istruzioni. Durante le mestruazioni, la spugna viene rimossa con la stessa frequenza di un tampone. Viene risciacquato con acqua fredda e poi lavato accuratamente con acqua e sapone prima di rimetterlo a posto. Viene disinfettato e lasciato asciugare all’aria tra ogni ciclo mestruale.

Sul versante igienico, alcuni studi rimangono scettici . [4] Secondo loro, le spugne restano organismi marini che filtrano l’acqua di mare. Possono contenere residui come sabbia, pezzi di alghe, piccole particelle … Vengono menzionati alcuni rischi: pezzi di spugna potrebbero staccarsi durante l’uso, potrebbero crescere batteri … Ma sarebbero necessari studi più recenti. La spugna è inoltre sconsigliata alle donne che indossano uno IUD.

Ecologico, le spugne?

Le spugne sono naturali, rinnovabili e generano pochi rifiuti. Ma la riflessione deve andare oltre: che dire dell’impatto sulla biodiversità delle spugne prelevate dal loro ambiente naturale? Molti fornitori affermano di pescare rispettando l’ecosistema: la spugna verrebbe così tagliata e non strappata, per poter ricrescere. Ma nessuna etichetta garantisce che questo impegno verrà mantenuto.
 

Il libero flusso istintivo

Recentemente, la pratica del flusso istintivo libero sta guadagnando sempre più seguaci. Il principio ? “Ascolta il tuo corpo” e quindi fai a meno della protezione igienica . I clienti abituali sentono quando devono avere il ciclo, contraggono il perineo per trattenere il flusso e poi vanno in bagno per eliminarlo.

Questa pratica è sicuramente ecologica, economica e naturale. Ma richiede apprendimento. Ci sono anche dei vincoli: bisogna poter andare ai servizi igienici al momento giusto (difficile conciliare con determinate attività) e che i servizi igienici siano vicini (ma l’applicazione gratuita “WC ASAPP” permette di geolocalizzare i servizi igienici più frequenti. parenti).

I ginecologi sembrano non trovare rischi con questo metodo. Sottolineano la difficoltà di implementarlo, soprattutto per i grandi flussi o le donne che hanno avuto un parto vaginale. [5] I seguaci spiegano infatti che è necessario un tempo di adattamento. I medici dicono che la contrazione dovrebbe provenire dal pavimento pelvico, non dall’utero, e non dovrebbe essere troppo lunga. [6] Questo metodo non è adatto a tutte le donne ma sarebbe una possibilità per alcune. [7]
 

In attesa di fare il grande passo 

Se preferisci le protezioni usa e getta, puoi scegliere una versione più ecologica.

Che si tratti di tamponi o tovaglioli, prediligiamo:

  • cotone organico;
  • cellulosa non sbiancata con cloro;
  • prodotti senza componenti petrolchimici e plastici tranne i sacchetti di bioplastica eventualmente compostabili;
  • prodotti senza profumi, coloranti, additivi.

Le etichette possono guidare la scelta. Oltre alle etichette GOTS e Oekotex 100, cerchiamo queste etichette sugli imballaggi: Soil Association, Nordic Swan, ICEA, USDA Certified Biobased Product.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Un doppio contaore?

Quale barbecue comprare?