in

Piccoli rifiuti chimici

Sebbene rappresentino solo meno dell’1% in peso dei rifiuti domestici, dei piccoli rifiuti chimici o dei rifiuti domestici speciali (RSU), pone più degli altri problemi all’uomo e all’ambiente. Nel 2013 in Vallonia sono state raccolte più di 10.000 tonnellate di DSM, ovvero quasi 3 kg / anno / abitante!

Nella casa ci sono molti piccoli rifiuti chimici. Quali sono?

In cucina

  • Residui di prodotti per la pulizia: detergenti, candeggina, ammoniaca, soda caustica, agenti disincrostanti, detergenti per forno, lucido da scarpe, aerosol, polveri abrasive, ecc. La maggior parte di queste sostanze richiede un trattamento fisico-chimico per neutralizzare gli elementi pericolosi.
  • Grassi per frittura e oli vegetali: purificati e lavorati, possono essere riutilizzati nell’industria chimica, nella cosmetica e nell’alimentazione animale.

In bagno / WC

  • Farmacia: farmaci, termometri.
  • Igiene e cosmetica: aerosol, creme avanzate e altri prodotti cosmetici, smalti per unghie, solventi, …
  • Imballaggi e prodotti per la pulizia avanzati: vedi cucina.

In garage o in cantina

Resti di dipinti:

  • Le vernici alchidiche contengono metalli pesanti e dal 40 al 50% di solventi.
  • Le vernici a base d’acqua contengono solo il 5-10% di solventi e molto meno metalli pesanti.
  • Le vernici naturali sono composte principalmente da elementi naturali, il che non significa che siano innocue per la salute.
  • resti di vernici, colle, resine, prodotti per la rimozione della ruggine, decapanti, diluenti, smacchiatori (trementina, acquaragia, diluente, …), prodotti per la protezione del legno, …
  • Olio esausto: non può essere incenerito senza essere pretrattato, né essere gettato in fogna o in natura. Riciclato da aziende autorizzate, può essere utilizzato come carburante. Antigelo, batterie, estintori, cera per auto, …

In giardino

Insetticidi e altri pesticidi, erbicidi, fertilizzanti chimici.

Varie

Energia / illuminazione: tutti i tipi di batterie, tubi al neon, lampade a risparmio energetico;
Foto: film, bagni e prodotti per la fotografia, radiografie; Ufficio: inchiostri, gomme liquide, prodotti per fotocopiatrici; Coloranti, coloranti; Rifiuti di laboratori “amatoriali”; eccetera.

Perché raccogliere selettivamente piccoli rifiuti chimici?

Gettati nella spazzatura, vengono mischiati a tutti gli altri rifiuti domestici e hanno un impatto negativo: sulla composizione dei gas di incenerimento; sulla qualità dell’acqua in uscita dalla discarica. Gettati nella fogna, interrompono il funzionamento degli impianti di trattamento delle acque reflue.

Contaminano i corsi d’acqua, le riserve di acqua potabile e le catene alimentari. Lasciati in luogo non idoneo, inquinano il suolo e l’acqua o emettono vapori tossici in caso di incendio. Alcuni sono realizzati con materie prime non rinnovabili che possono essere recuperate e riciclate.

Cosa farne?

In Vallonia , i rifiuti domestici speciali vengono assorbiti dai parchi container (recyparks). Per conoscere l’indirizzo del parco più vicino a te, vai sul sito COPIDEC: http://www.copidec.be/

A Bruxelles la Regione mette a disposizione dei cittadini dei punti di raccolta Proxy Chimik  : furgoni che parcheggiano ad orari prestabiliti nei comuni. Elenco dei proxy Chimik: 0800 / 981.81 (numero gratuito di Bruxelles-Propreté) o https://www.arp-gan.be/fr/tri/10-dchets-chimiques-mnagers.html. I DSM possono anche essere portati nei parchi container di Bruxelles.

Per le batterie, Bébat organizza collezioni in supermercati e altri negozi di alimentari, gioiellerie e negozi di orologi, negozi di foto, negozi di bricolage, giocattoli, apparecchiature elettriche, farmacie … http: //www.bebat .be

Vecchie radiografie vengono eseguite anche in molte farmacie o al parco container (recyparc).

Nel frattempo, come conservarli?

Tenere con noi un luogo asciutto e ventilato, chiuso, fuori dalla portata di bambini e animali. A tale scopo sono disponibili sul mercato contenitori di plastica riciclata. Conserviamo i nostri rifiuti chimici nella loro confezione originale o in una confezione sigillata ed etichettata (mai imballaggi alimentari), al fine di facilitarne l’identificazione e il trattamento. Non mescolare mai prodotti insieme, liquidi o solidi!

Cosa gli succede?

Un’azienda specializzata autorizzata dalla Regione assicura il trasporto di questi rifiuti, in tutta sicurezza, ai centri di trattamento. A seconda della natura dei rifiuti chimici, alcuni vengono riciclati (oli, solventi, tubi di illuminazione, batterie prive di acidi, ecc.). Altri vengono distrutti riducendo l’inquinamento ambientale dei vari canali esistenti: incenerimento in forni speciali (pitture, vernici, ecc.), Recupero energetico (pitture, solventi), trattamento fisico-chimico, (acidi, candeggina, …).

Consigli

È soprattutto necessario prevenire la formazione di rifiuti chimici limitando il più possibile l’utilizzo di questi prodotti. Non mancano soluzioni alternative: manutenzione ecologica e prodotti “fai da te”, imballaggi riciclabili e ricaricabili, batterie ricaricabili, lotta biologica in giardino, “le punte della nonna” contro macchie, odori, ecc …

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Perché incoraggiare il telelavoro?

Case connesse