in

Case connesse

Oggi possiamo trovare quasi tutti gli oggetti in versione “intelligente”, cioè connessi a Internet. Dal vaso di fiori allo spazzolino da denti, dall’orologio ai (sotto) vestiti, compresi occhiali, ciuccio e scarpe, tutto diventa comunicante con uno smartphone o un tablet.

E la casa non viene tralasciata: gestione remota del riscaldamento, elettrodomestici, allarmi, ventilazione, multimedia … le applicazioni sono infinite e, ciliegina sulla torta, ci viene promesso risparmio di tempo, energia e denaro!

Cosa si intende per casa connessa?

Questa è l’illustrazione di Future Mag di una casa “intelligente” o connessa: un edificio pieno di sensori e connesso a Internet in modo che tutto possa essere monitorato e controllato tramite uno smartphone o un tablet.

Non esiste una definizione precisa di cosa sia una “casa connessa”, diciamo che dal momento in cui certe funzioni come riscaldamento, allarmi o elettrodomestici possono essere gestite da remoto, non ci interessa.

All’inizio c’era … la domotica

Interagire con la propria casa secondo scenari prestabiliti non è una novità: la domotica la propone già da circa trent’anni.
Ad esempio: chiudi tutte le tapparelle della casa, metti il ​​riscaldamento a riposo, spegni tutte le luci e attiva l’allarme con un solo comando.

Il cuore di un impianto domotico è un pannello centrale a cui conducono tutti i comandi. Quando si preme un interruttore, la corrente non viene interrotta meccanicamente nella posizione dell’interruttore, l’istruzione passa attraverso una scatola centrale. Ciò elimina la necessità di detto interruttore: il controllo può essere fatto da un altro punto della casa (es. Spegnendo la luce del garage dal tuo letto) o da un’altra interfaccia (tablet o sistema di puntamento specifico per una persona meno abile, ad esempio ).

Tuttavia la domotica non è mai stata davvero imposta, ci sarebbe solo il 10% di abitazioni attrezzate. Il costo di installazione, i cavi, i protocolli incompatibili, … possono in parte spiegare questo.

L’avvento dello smartphone e degli oggetti connessi

Con il successo dei dispositivi mobili e delle relative applicazioni, la domotica si sta spostando in un’altra dimensione consentendo il controllo remoto della casa tramite uno smartphone: che tu sia nel tuo soggiorno o in viaggio, hai sempre la tua casa a casa. intervenire immediatamente.

Oggi, anche senza un vero e proprio impianto domotico, puoi “connettere” la tua casa: i dispositivi possono essere collegati direttamente al wi-fi di casa ed essere controllati dall’esterno.

La fornitura di oggetti connessi si sta gonfiando. Il mercato degli elettrodomestici e dell’alta tecnologia è piuttosto cupo, in Francia il calo è del 2,5% nel 2014.

I produttori fanno quindi molto affidamento sulla casa connessa per aumentare le vendite.
Offrono nuovi servizi (forse superflui) e spingono i consumatori ad acquistare nuovi dispositivi con argomenti di economia, facilità e modernità.

E quando giganti come Google (termostato Nest), Apple (HomeKit) o ​​Samsung investono in questa nicchia, l’intero settore viene potenziato.

Alcuni operatori come Cisco o Ericsson prevedono che ci saranno da 50 a 80 miliardi di oggetti connessi entro il 2020. Per la sola Francia, GfK stima che nel 2020 ogni famiglia avrà una media di 30 oggetti connessi!

Si moltiplicano i siti dedicati solo agli oggetti connessi, danno una panoramica dei gadget più disparati: aspirapolvere, rasaerba, spazzolino da denti, bilancia pesapersone, lampadina …

Questi oggetti, visti i loro prezzi, possono interessare i ricchi smanettoni, in ogni caso la loro efficacia non è provata.

Dispositivi gadget … o no

Ti piace il caffè? Sarai felice perché ora ci sono macchine da caffè collegate. Hai dimenticato di spegnere la tua caffettiera a casa? Nessun problema, puoi spegnerlo dal tuo smartphone! Hai voglia di un caffè in ufficio? Invia un messaggio alla macchina che eroga il tuo caffè, “stampa” la tua estensione nella crema e mantiene calda la tua birra (nel caso ti perdi nei corridoi). Puoi anche aggiungere un piccolo sensore alla tua caffettiera per ottenere ottime statistiche “indispensabili” come l’ora in cui hai preso il caffè.

Se sei davvero molto distratto e non hai centinaia di dollari per una caffettiera intelligente, puoi usare un semplice timer (costo: pochi dollari) e un thermos.

Dopo questo occhiolino, diamo un’occhiata a tre sistemi che possono farci risparmiare energia. (questa è spesso una risorsa proposta quando si parla di case connesse): il termostato del riscaldamento, la lavatrice e le prese intelligenti.

Termostato collegato


Nido

Netatmo

Termostato intelligente

La maggior parte dei fornitori di energia offre termostati controllabili a distanza con un potenziale risparmio del 25%.
Oltre al loro design pulito, questi nuovi termostati sono facili da usare imparando da soli le tue abitudini, che è un vero valore aggiunto rispetto ai termostati convenzionali con una programmazione piuttosto complessa. Un altro vantaggio: ti danno una cronologia dei tuoi consumi, che ti consente di sperimentare nuove impostazioni e correggere le derive.

Altri sistemi come il belga Snugr vanno oltre offrendo il controllo della valvola termostatica (risparmio potenziale: 40%).

Interessante per te? Sì, se non hai ancora un cronotermostato, se ti dimentichi spesso che il riscaldamento è acceso e se ami usare il tuo smartphone. Il termostato collegato non è più costoso di un termostato tradizionale, può essere una soluzione motivante per gestire al meglio il tuo riscaldamento.

Se invece hai già un termostato che conosci bene, il termostato intelligente non ti farà risparmiare il 25%, come denunciava Test-Achats.

Ti innamori di un bel termostato? Perché no, ma tieni a mente le tue basi: 1 ° C in più rappresenta un aumento del 7% sulla bolletta! Quindi, anche se hai un termostato collegato, evita di impostarlo a 21 ° C, altrimenti il ​​contenuto del tuo portafoglio si scioglierà.

Lavatrice collegata

Cosa ha una lavatrice connessa più di un’altra, a parte il suo prezzo sproporzionato? La possibilità di controllarlo da remoto. Fa risparmiare energia? No: ciò che è determinante è la temperatura di lavaggio, la velocità di centrifuga, la durata dei programmi, la velocità di riempimento della macchina, la quantità di acqua e detersivo … Il telecomando permette al massimo di avviare la lavatrice quando c’è l’elettricità più economico ma facile su macchine “semplici” con pulsante “inizio o fine ritardato”, o anche con programmatore se l’apparecchiatura non ha questa funzione.

Quello che può davvero portare un plus, e che non è specifico delle lavatrici collegate, è il rilevamento della quantità e del grado di sporco della biancheria che permette di adattare la quantità di acqua e detersivo utilizzati.

Oggi l’offerta è davvero limitata, uno dei pochi modelli disponibili è controllabile tramite smartphone ma distante solo pochi cm: dove sono i progressi?

Insomma, come detto cosa scegliere lavatrici connesse non convince ancora.

Prese collegate

Come trasformare un classico dispositivo elettrico in un dispositivo connesso? Con prese speciali!


Smart Energy Box

Neo

Smappee

Spesso forniti con una o più prese (è possibile acquistare prese aggiuntive) questi sistemi consentono, ad esempio, di accendere o spegnere da remoto la lavatrice, l’impianto TV-multimediale, la caldaia, ecc. E ottenere statistiche sui consumi.

Quanto efficacemente? Sulla base di uno studio americano sulla visualizzazione dei consumi, l’azienda belga Smappe suggerisce un risparmio del 12%. Ma questo ovviamente dipende dalle tue abitudini all’inizio. E questi giochini non sono gratuiti (conta da 40 a 200 € a seconda del modello): controlla sulla tua bolletta annuale quanto consumi attualmente prima di precipitarti in un negozio.

L’altro lato della medaglia

Se vuoi affidare tutto al tuo smartphone (chiavi di casa, chiavi dell’auto, mezzi di pagamento, controllo dell’intera casa, ecc.) Ne sei totalmente dipendente. Cosa succede il giorno in cui ti viene rubato il telefono?

E cosa succede in caso di interruzione di corrente?

Un’altra paura che potremmo avere: la pirateria. Sappiamo che la sicurezza degli smartphone, non più di quella dei computer, non è ottimale. Un malintenzionato potrebbe aprire la tua casa senza il minimo cacciavite: basterebbe craccare il tuo sistema per entrare senza difficoltà e disattivare i vari sistemi. Questa non è una finzione: sta già accadendo con le auto!

Una questione che viene discussa raramente è quella dell’obsolescenza degli oggetti. Oggi ci vengono vendute soluzioni “rivoluzionarie” che domani saranno superate.
Possiamo già vederlo ora: i dispositivi elettronici hanno una vita breve. Non necessariamente perché non funzionano più, ma semplicemente perché “antiquate” o meglio fuori moda. A volte è un cambiamento tecnologico che mette fuori gioco i dispositivi esistenti, questo sarà il caso dei televisori nel 2016.

In termini di oggetti connessi, GfK segnala che gli utenti stanno già cedendo il 30% dopo soli sei mesi.

Moltiplicando il numero di oggetti collegati (e quindi stipati di elettronica), faremo letteralmente esplodere la massa di “scarto elettronico” da processare.

Casa connessa, contatori e reti intelligenti

Anche se non sei una delle persone che si precipitano in nuovi gadget, probabilmente avrai uno smartmeter a casa tua nel prossimo futuro.

Con il moltiplicarsi delle unità di produzione decentralizzate (in particolare pannelli fotovoltaici), la gestione dell’equilibrio tra domanda e offerta di energia elettrica è diventata molto complessa.

Lo sviluppo di reti intelligenti, con contatori intelligenti a casa degli utenti (smartmeters) fa parte del “terzo pacchetto energia” della Commissione europea.

Prevede che, salvo un’analisi costi-benefici sfavorevole, ogni Stato si organizzerà in modo che, entro il 2020, l’80% delle famiglie sarà dotato di uno smartmeter, sia per il gas che per l’elettricità. Questo sostituirà il contatore tradizionale e consentirà di comunicare le informazioni al gestore della rete e al cliente. Per gli operatori di reti di distribuzione (DSO), il vantaggio è evidente perché saranno in grado  di leggere aprire / chiudere i  contatori da remoto. Per i consumatori, i vantaggi non sono ancora chiari perché, in quanto tali, gli smartmeters non forniscono informazioni utili per risparmiare energia, devono essere accoppiati ad altre applicazioni per offrire questa possibilità.
Rispetto ai paesi vicini, il Belgio è in ritardo (questo aspetto è gestito a livello delle tre Regioni) perché il costo di un’installazione massiccia è troppo alto. Ma prima o poi questa soluzione verrà adottata.

Un’altra sfida è anche quella di poter utilizzare la “cancellazione diffusa”, ad esempio ritardando l’avvio di un gran numero di dispositivi potenti quando c’è troppo poca elettricità disponibile (e viceversa per avviare i dispositivi in ​​un punto). alto). In pratica: caricherai la tua lavatrice come al solito (non c’è ancora un’app che lo faccia per te? Ma non la avvii subito: potrà essere avviata da remoto dalla rete del gestore e avrai una tariffa vantaggiosa per essa Rimani libero di utilizzare i tuoi dispositivi ogni volta che vuoi, ma sarai incoraggiato finanziariamente a offrire flessibilità (un po ‘il principio dell’attuale doppio programma ma più elaborato).

Per fare ciò, i clienti necessitano sia di contatori intelligenti che di dispositivi intelligenti. Sono in corso ricerche approfondite su questo argomento, ad esempio il progetto Linear in Belgio che si è recentemente concluso o il dimostratore Greenlys in Francia.

Attenzione: l’abuso della tecnologia nuoce gravemente alla salute del pianeta

Lo avrete capito leggendo questo file: la vera intelligenza si trova nell’Uomo e, se la tecnica può davvero portare miglioramenti per determinati usi, non va abusata pena di rovinarsi cercando di seguire la galoppante fornitura di nuovi prodotti ma anche per esaurire rapidamente poche o nessuna risorsa rinnovabile.

Forse è utile ricordare che mentre sogniamo case intelligenti che si azionano con la punta di un dito, 1,2 miliardi di persone non hanno accesso all’elettricità?

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Piccoli rifiuti chimici

Cosmetici