in

Riciclaggio, creatività a tutti i livelli

Ogni belga produce circa 500 kg di rifiuti all’anno. Una parte è costituita da rifiuti “veri”, ma una parte è costituita da beni che potrebbero ancora essere utilizzati ma che vengono gettati perché il loro proprietario non li trova più a disposizione. Decisamente inutili questi oggetti? Non così sicuro … Scopri di più in questo file dedicato al riciclaggio. Creativo o unito, è un buon passo verso meno consumi e risorse preservate!

Consuma di più e più velocemente

Le evoluzioni della società dei consumi ci spingono a consumare sempre più velocemente, a sostituire velocemente i nostri beni con prodotti più efficienti, più “alla moda” … Stiamo rinnovando il nostro business sempre più velocemente, riducendo così la durata degli Oggetti. Tuttavia, a monte dei prodotti si nascondono molte materie prime ed energie necessarie alla loro produzione. Ad esempio, un orologio richiede 20 kg di materiali per essere prodotto. Per un tavolo in truciolare e gambe in acciaio, l’energia utilizzata è di 22 kWh / kg. La produzione di un singolo jeans richiede 32 kg di materiale e 8000 litri di acqua. Dietro un computer ci sono 240 kg di combustibili fossili, 22 kg di prodotti chimici e 1.500 litri di acqua. Figure significative, che fanno riflettere e danno pieno significato al processo di riuso e riuso.

Riciclaggio: una priorità!

Per ridurre gli sprechi esistono diverse strade, elencate in ordine di priorità. Questo è il concetto delle 4R: ridurre , recuperare , riutilizzare , riciclare .

In primo luogo, ridurre la quantità di rifiuti che produciamo. Per fare questo, impariamo a porci delle domande. Di cosa ho bisogno? Cosa voglio veramente? Per cosa voglio utilizzare i miei soldi? E il mio tempo? Non ho già un oggetto che esegue questa funzione o che assomiglia? L’importante è prendersi il tempo per pensarci prima di correre alla prima tentazione di promozione in un volantino pubblicitario. Con questa abitudine, le nostre case sono meno ingombre e il nostro portafoglio più risparmiato!

Quindi recuperare (o riutilizzare) o riutilizzare. Grazie a questi due metodi diamo una seconda vita alle merci. Spesso, quando un oggetto non serve più, si considera bene buttarlo via. Eppure potrebbe essere utile ad altri. Estendendo così il ciclo di vita dei prodotti, permettiamo loro di avere un migliore equilibrio ambientale.
In effetti, questi oggetti richiedevano materie prime ed energia per essere prodotti e trasportati. Pertanto, la produzione di un singolo telefono cellulare avrà richiesto più di 30 kg di materie prime. In queste circostanze, che spreco cambiarlo ogni 6 mesi! Il recupero (o il riutilizzo) consiste nel recuperare o riparare un prodotto o materiale per l’uso senza modificarne la forma o la funzione.
Ad esempio: riparazione di elettrodomestici, utensili, mobili o giocattoli, ricostruzione di pneumatici, alterazione di vestiti, utilizzo di imballaggi di plastica solida come scatole di immagazzinaggio, ecc.

Con il riutilizzo , la vita di un materiale o oggetto recuperato viene prolungata trovando un uso diverso per esso dal suo primo utilizzo. Nuovi oggetti possono essere realizzati da parti o funzioni recuperate: giocattoli, strumenti, artigianato, materiali da costruzione, ecc. Dai vecchi tessuti è possibile comporre una coperta patchwork o delle marionette. Infine

, il riciclaggio trasforma materiali come carta, vetro, plastica, metallo, ecc. in nuovi prodotti. Ad esempio, bottiglie e fiasche di plastica PET (polietilene) possono essere riciclate per la produzione di tessuti per tappezzeria, maglioni, pile, lattine di alluminio possono essere trasformate in biciclette. È davvero una questione di gestione collettiva e trattamento industriale.

Recuperare o riutilizzare a casa: creatività al potere!

I nostri interni riflettono chi siamo, è un piacevole bozzolo dove è bello entrare. Da qui l’importanza che ci corrispondono e ci somigliano. Tuttavia, oggi, andiamo tutti negli stessi negozi di kit di mobili, consultiamo gli stessi cataloghi … e troviamo gli stessi mobili o accessori nei vicini. La ricerca di oggetti d’antiquariato, il riutilizzo di oggetti, la trasformazione di vecchi mobili ci permettono di risparmiare denaro dando ai nostri interni un tocco personale!

Anche gli hobby creativi sono un vero fenomeno sociale. Il proliferare di fiere, riviste e siti Internet a loro dedicati testimonia il loro successo. C’è un piacere “fai da te” ma anche vantaggi economici. Questi hobby spesso lasciano molto spazio ai materiali riciclati. Allora perché non provarci?
 

Alcune idee sciolte …

  • perforare il fondo di un wok inutilizzato per fare un paralume
  • carteggiare e ridipingere un mobile in legno e applicare un motivo a stencil per abbinarlo al nostro interno
  • usa una vecchia piastrella di ceramica come sottopentola
  • raccogli con cura frammenti di vetro, porcellana, specchio da oggetti rotti in una scatola e usali per realizzare mosaici
  • trasformare un pallet di legno in un tavolino da caffè aggiungendo cassetti e ruote
  • utilizzare cartone riciclato per realizzare mobili (prima di iniziare però è meglio consultare un libro specializzato o seguire un corso!)
  • dipingere bottiglie di vino e / o decorarle con perline per realizzare vasi
  • trasformare una sedia di seconda mano in un’altalena
  • coprire un vasetto di yogurt di vetro con carta da lucido e infilare una candela per creare un portacandele colorato

Hai altre idee? Pratichi spesso il riciclo creativo? Vieni a condividere le tue esperienze sul nostro forum

Il recupero “chiavi in ​​mano”

Non sei creativo per un centesimo? Fashionista a caccia di abiti vintage? Studente distrutto alla ricerca di mobili per il suo primo studio? Green alla ricerca di alternative alla società dei consumi? Appassionato di decorazione alla ricerca di mobili antichi o rinnovati da un artista? Non c’è un solo profilo tra gli appassionati di seconda mano, ognuno può trovare quello che sta cercando! E questo senza dover fare il fai da te. Esistono diverse strade.

Possiamo semplicemente scambiare, barattare, prestare. Vestiti per neonati, giocattoli, attrezzature sportive, DVD, attrezzi da giardino … Abbiamo sempre prestato e scambiato molte cose con amici e familiari. Così, invece di moltiplicare gli asset, li condividiamo e permettiamo loro di avere un utilizzo più lungo e / o efficiente.
Artigiani e riparatori, anche se sempre più rari, sono attori importanti. Laboratori di alterazione, calzolai, riconfezionatori di sedie, riparatori di elettrodomestici … aspettano solo il ritorno dei clienti!
Esistono anche iniziative commerciali o private, come depositi in conto deposito, negozi di seconda mano, siti di aste su Internet o anche mercatini delle pulci, annunci economici …

Per l’acquisto e la donazione di seconda mano, la nostra preferenza andrà comunque alle imprese dell’economia sociale. Il funzionamento di questi negozi offre un lavoro gratificante a persone con poca formazione e consente il reinserimento nel mondo del lavoro di persone in difficoltà. È un settore dinamico in piena evoluzione. Questi negozi integrano pienamente i tre pilastri dello sviluppo sostenibile, vale a dire l’ambiente, il sociale e l’economia. Per scoprirli basta navigare nel sito delle risorse (www.res-sources.be). Questa associazione riunisce gli attori dell’economia sociale delle regioni Vallonia e Bruxelles attivi nel recupero, riparazione, riciclaggio e rivendita di prodotti a fine vita. Il settore conta una sessantina di operatori e impiega più di 4.000 persone.

Resources ha recentemente creato “Rec’Up” www.rec-up.be, un marchio di qualità adottato da 14 associazioni e aziende dell’economia sociale. Hanno intrapreso un approccio professionale volto a fornire ai consumatori servizi e prodotti impeccabili: vestiti puliti in buone condizioni, mobili solidi, dispositivi informatici ed elettrodomestici revisionati da specialisti, giocattoli e libri impeccabili.

Il resto è nelle tue mani!

Anche se la lancetta dei secondi soffre ancora troppo spesso di un’immagine di “carità”, offre una vera alternativa al consumo frenetico e all’uso irrazionale di materie prime ed energia. Grazie alla crescente professionalità del settore, ad un certo effetto moda che sta restituendo la nobiltà al “vintage” oltre che al crescente successo degli hobby creativi, il riciclo si sta sviluppando più rapidamente oggi. Aggiungete a ciò il prezzo generalmente molto interessante degli articoli di seconda mano, nonché i vantaggi ambientali del processo, e non c’è più motivo per non fare il grande passo.

È il tuo turno !

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

Prodotti per l’igiene: un profumo di pericolo

Negozi alla rinfusa e zero rifiuti in Vallonia e Bruxelles