in

Cosa fare con il mio albero dopo Natale?

La decorazione natalizia è in ordine? Ora devi sbarazzarti del tuo albero. 

Abete naturale

Raccolta del comune

Ogni anno i comuni organizzano la raccolta specifica degli alberi. Questa è l’opzione migliore. La data di raccolta, che varia a seconda della circoscrizione, è indicata nel calendario di raccolta inviato dall’azienda intercomunale. Sarà quindi compostato e potrà continuare il suo ciclo come fertilizzante naturale.

Troppo tardi

Hai dimenticato la data o hai riposto le decorazioni troppo tardi? Dovrai poi portarlo tu stesso al parco container o al centro di raccolta differenziata, nella sezione “rifiuti verdi”. Se hai del compost, puoi anche metterlo lì, dopo averlo schiacciato.

In giardino ?

Se avessimo optato per un albero con una zolla e abbiamo un giardino, possiamo provare a ripiantarlo. Ma le possibilità di ripresa sono piuttosto scarse dopo una prolungata permanenza negli interni surriscaldati delle case.

Brucialo?

In tutti i casi, evitiamo di bruciarlo nel suo giardino. L’incenerimento dei rifiuti verdi è consentito solo a una distanza minima di 100 metri dalle abitazioni, per motivi di sicurezza. Quindi devi avere un grande giardino!

Per quanto riguarda la combustione all’aperto, oltre al “legno fatto” (albero tagliato di recente), provoca l’emissione di fumi nocivi (diossine e polveri sottili in particolare). Inquinamento di cui possiamo fare a meno tanto più facilmente poiché i problemi di qualità dell’aria sono ricorrenti in Belgio. Inoltre l’incenerimento dell’abete non porta alcun beneficio, a differenza del compost.

Albero artificiale

Se abbiamo optato per un albero artificiale o recuperato, lo smontiamo e lo mettiamo via, in modo da poterlo riutilizzare l’anno prossimo.

Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Loading…

0

1, 2, 3, costruisco o ristrutturo ecologico!

Campagna “Etichette”: il focus del mese sui consumatori